©

Il Viandante

in rete dal 1996


Se ti siamo stati utili effettua una

Nuova Ricerca

ANNO 1893

STORIA e POLITICA RELIGIONE e FILOSOFIA ARTE

Bancarella Libri usati

Cosa Nostra
SCIENZE ECONOMIA LETTERE e TEATRO CINEMA

Leone XIII
(1878-1903)

- segretario di Stato: cardinale M. Rampolla del Tindaro;
- segretario degli affari ecclesiastici straordinari: mons. F. Segna;

"Seconda Internazionale"

«segue da 1892»
1893 
Agosto
5-12
, Zurigo, al Congresso internazionale socialista gli anarchici vengono espulsi.
«segue 1894»

 

FRANCIA

1893, 9 dicembre, Auguste Vaillant lancia una bomba nell'aula della Camera dei Deputati, causando molti feriti.
Il presidente Carnot respinge la grazia e Vaillant sarà ghigliottinato il 5 febbraio 1894.

2° Congresso femminista

1893, Chicago, al 2° congresso femminista internazionale partecipano le delegate di più di trenta nazioni; tornate in patria VI fondano delle leghe nazionali poi affiliate all'Associazione internazionale;
«segue 1899»

alleanza dei tre imperatori

«segue da 1887»
1893, la minaccia di un riavvicina mento franco-russo, tanto temuta da O. von Bismarck , sta diventando una realtà.

 






1893
Impero d'Austria
 
Francesco Giuseppe I
Albero genealogico
(Vienna 1830-1916)
figlio dell'arciduca Francesco Carlo d'Absburgo-Lorena e di Sofia di Baviera;
1848-1916, imperatore d'Austria;
1867-1916, re d'Ungheria;
nel 1889 suo figlio Rodolfo si suicida a Mayerling con la giovane amante Maria Vetsera;

 
Ministro degli Affari Esteri
conte E. von Taaffe
(1879 - 1893)
Kasimir Felix Badeni
[1846-1909]
(1893 - 1897)
Ministro delle Finanze
-
-

1893
dal 1879 l'Austria-Ungheria si è accostata al Reich tedesco (duplice alleanza);
il tentativo del primo ministro di iniziare una svolta riformista per mezzo dell'introduzione del suffragio universale in Austria provoca la decisa ostilità delle destre: è costretto a dimettersi;

Alldeutsche Vereinigung
(Unione pangermanica)

1886-1907, opera questa associazione politica austriaca, antislava e antisemitica, contro la politica di conciliazione e di equilibrio fra le varie nazionalità condotta da E. von Taaffe e Kasimir Felix Badeni.


AUSTRIA
Cancelliere
-
Ministro della Difesa
-
Ministro degli Interni
-
 
Istria
1893
-
Dalmazia
1893
-

[Joze Pirjevec, Serbi, Croati, Sloveni - Storia di tre nazioni, Universale Paperbacks, Il Mulino, Bologna 1995]
Cattaro
1893
-
UNGHERIA
Cancelliere
-
Ministro della Difesa
-
Ministro degli Interni
-
1893
esce «Magyarország» (Ungheria) (1893-1944), quotidiano politico di tendenza conservatrice;

Croazia-Slavonia
[Da marzo 1849, la nuova costituzione riconosce il regno di Croazia indipendente dall'Ungheria, una disposizione tuttavia di valore meramente simbolico.]
Bano
conte Károly Khuen-Héderváry
(1883 - 1903)
1893
Zagabria, il bano pensa di celebrare la «pacificazione» della Croazia ormai «rinsavita», organizzando una vistia di Francesco Giuseppe; ma affinché il sacro piede del re non tocchi il suolo croato, fa portare dal campo di Rakoczi a Budapest – luogo d'incoronazione dei sovrani ungheresi – alcune tonnellate di terra per ricoprire con essa le banchine e i dintorni della stazione ferroviaria. A quest'offesa la gioventà studentesca risponde bruciando sulla piazza di Jelacic la bandiera ungherese.
La reazione delle autorità è, come è ovvio, adeguatamente severa: i principali organizzatori della manifestazione sono gettati in prigione, espulsi dall'università e costretti a continuare i loro studi nelle grandi città mitteleuropee: a Vienna, a Praga e a Monaco.
Questo esodo provvidenziale darà nuovo slancio alla cultura croata.

[Joze Pirjevec, Serbi, Croati, Sloveni - Storia di tre nazioni, Universale Paperbacks, Il Mulino, Bologna 1995]
Fiume [detta "il Corpus separatum" - esclusa dalla Croazia-Slavonia]
1893
-
 

 

***


"Giovani cechi": T.G. Masaryk, leader del movimento costituitosi nel 1863 e staccatosi dai "Vecchi Cechi" nel 1879, è deputato (1891-1893) al parlamento di Vienna;
[dal 1883 l'università di Praga è divisa in due sezioni, una ceca e una tedesca.]







1893
Deutsches Reich
Guglielmo II
Albero genealogico

(Potsdam 1859-Doorn, Utrecht 1941)
primogenito dell'imperatore Federico III e della principessa inglese Victoria, e affetto da una paralisi parziale al braccio sinistro;
1888-1918, imperatore di Germania e re di Prussia;

 
Presidente
del Bundesrat

(consiglio federale)
L. von Caprivi
(1890 20 mar - 26 ott 1894)
Presidente
del Reichstag
 
 
Cancelliere del Reich
[Reichskanzler]
L. von Caprivi
(1890 20 mar - 26 ott 1894)
   
   
   
   
   
1893
dal 1882 "Triplice alleanza" tra Germania, Austria-Ungheria e Italia, in funzione anti Russia (dal 1890 in intesa con la Francia).
Dal 1890 opera l'SPD (Partito socialdemocratico tedesco) e si sono ricostituiti i sindacati socialisti.



??OOO??
Regni
Regno di Baviera

Otto I (München 1848 - Schloß Fürstenried 1916)
figlio del re Massimiliano II Joseph e della p.ssa Marie di Prussia;
1886-1913, re di Baviera;
1893
poiché colpito da squilibrio mentale, governa lo zio, principe reggente Luitpold di Wittelsbach;

 
Regno di Sassonia

Albert I (Dresden 1828 - Castello di Sibyllenort 1902)
figlio di Johann I e di Amalie di Baviera;
1873-1902, re di Sassonia;
1893
-

Albero genealogico
 
Regno di Württemberg

Wilhelm II (Stuttgart 1848 - Schloss Bebenhausen 1921)
figlio di Friedrich Karl August e della p.ssa Katharine von Württemberg;
1891-1918, re di Württemberg;
1893
-

Albero genealogico
 
Granducati
Granducato di
 
 
Granducato di
 
 
 
   
 
Ducati
Ducato di Sassonia-Coburgo-Gotha

Ernst II (Coburgo 1818-castello di Reinhardsbrunn 1893)
figlio di Ernst I e della p.ssa Luise di Saxe-Gotha; Luise di Saxe-Gotha;
1844-93, duca di Sassonia-Coburgo-Gotha;
1893
gli succede il nipote Alfredo duca di Edimburgo, figlio della regina Vittoria di Gran Bretagna (moglie di suo fratello Alberto).

Albero genealogico
 

Alfred (Windsor Castle 1844 - Schloß Rosenau 1900)
figlio della regina Vittoria di Gran Bretagna e del principe consorte Alberto)
principe di Great Britain e Ireland,
1866-1900, duca di Edinburgh, ecc.;
1893-1900, duca di Sassonia-Coburgo-Gotha;
[dal 22 agosto]
1893
-

Albero genealogico
 
Ducato di Sassonia-Meiningen

Georg II (Meiningen 1826 - Wildungen 1914)
figlio del duca Bernhard II e della p.ssa Marie di Hesse-Kassel;
1866-1914, duca di Sassonia-Meiningen;
1893
-

Albero genealogico
 
 
   
 
Principati
 
 


1893
REGNO di POLONIA
(Regno del Congresso)
[capitale Varsavia]
- dal 1864 il governo russo ha abolito il polacco come lingua ufficiale, soppresso ogni forma di governo locale e promulgata una riforma agraria molto più radicale di quella russa del 1861, per danneggiare la turbolenta nobiltà;
anche la chiesa cattolica viene perseguitata;
- dal 1892 opera il Partito socialista polacco, capeggiato poi da J. Pilsudski, dal quale si è staccata subito un'ala di sinistra, minoritaria, guidata da R. Luxemburg e J. Marchlewski;
 
1893
-





1893
Milan Obrenovic  
Albero genealogico

(Marasesti, Moldavia 1845 - Vienna 1901)
pronipote del principe Miloš I;
1868-82, principe di Serbia;
dal 1878 la Serbia è un paese completamente indipendente;
1882-89, re di Serbia;
da marzo 1889 ha abdicato in favore del figlio Alessandro;
1893
dopo che dal 1889 ha abdicato in favore del figlio Alessandro e dal 1892 si è stabilito in Francia (rinunciando addirittura alla cittadinanza serba), torna ora trionfalmente in patria per continuare, con alterne vicende, la sua lotta con la moglie Natalia;

Alessandro I Obrenovic
Albero genealogico
(Belgrado 1876 - 1903)
figlio di Milan I e di Natalia Kescho, figlia di un ufficiale russo;
1889-1903, re di Serbia;
in seguito all'abdicazione del padre, ma sotto un consiglio di reggenza presieduto dal ministro Ristic; il periodo della reggenza è disturbato dalle continue e poco edificanti liti fra l'ex re e sua moglie;
1893
Aprile
13
, proclamatosi maggiorenne, scioglie il parlamento, destituisce e fa arrestare i reggenti e i ministri con un colpo di stato ed inizia così a governare in modo autoritario ma poco efficiente, durante un decennio di profonda crisi politica e di caos finanziario;

Primo ministro
Nikola Pašic
(1892 - 1893)
[fondatore del Partito radicale serbo (1881)]
-
1893
l'ex primo ministro Nikola Pašic, fondatore del Partito radicale serbo, è ora ambasciatore a Pietroburgo;


Principato del Montenegro
Nicola I Petrovich Njegosh  
Albero genealogico

(Njegoš, Principato del Montenegro 1841 - Antibes, Francia 1921)
1860-1918, principe del Montenegro;

1910-18, re del Montenegro (Nicola I);

1893
dal 1878 al congresso di Berlino ha ottenuto il riconoscimento della completa indipendenza del suo stato il cui territorio è stato notevolmente accresciuto e dotato di uno sbocco sull'Adriatico: Antivari;
1910-18, re del Montenegro (Nicola I);






1893
Regno degli Elleni
Giorgio I
Albero genealogico

(Copenaghen 1845-Salonicco 1913)
figlio di Cristiano IX re di Danimarca e di Luisa di Assia-Kassel nonché cognato di Edward VII re d'Inghilterra;
1863-1913, re degli Elleni;
- dal 1864 ha accordato al paese una costituzione democratica (non di immediata applicazione) e sostiene con alterna fortuna le aspirazioni all'indipendenza dell'isola di Creta;
- dal 1881 ha ottenuto la Tessaglia e parte dell'Epiro;


Primo Ministro
Trikoupes
(? - † 1896)
1893
i dazi protettori imposti dai vari stati esteri riducono in misura impressionante l'esportazione dell'uva di Corinto, sempre uno dei principali articoli del commercio greco; il governo è quindi costretto a ridurre del 70% le somme dovute ai suoi creditori e il primo ministro Trikoupes cerca di far fronte alla situazione mediante una riforma tributaria;



1893
IMPERO OTTOMANO
[dal 1879 è sotto l'influenza della Germania]
Abdülhamit II o Abdülhamid
o 'Abd al-Hamid
Albero genealogico
(Istanbul, 21 set 1842 – Istanbul, 10 feb 1918)
figlio di 'Abd-ul-Mejid I e della sua sposa armena Tirimüjgan;
1876-1909, XXXIV sultano; "il sultano rosso"


TURCHIA
1893
"Giovani turchi": nel 1891 è stato istituito a Ginevra l'organo esecutivo del movimento, il famoso C.U.P. o "Comitato di Unione e Progresso" (Ittihad ve Taraqqi);

BOSNIA-Erzegovina
[dal 1878, dopo il congresso di Berlino, è amministrata dall'Austria-Ungheria]

1893
-

Novibazar [sangiacato]

1893
Il sangiacato di Novibazar, che separa la Serbia dal Principato del Montenegro, è abitato in gran parte da serbi, metà dei quali musulmani, e resta alla Turchia, anche se sotto un regime speciale.

ALBANIA

1893
Il sentimento nazionale, promosso dalla cessione di Plava e Gusinje al Montenegro decretata dal congresso di Berlino, si rafforza sempre di più, facendo capo alla Lega albanese di resistenza.

MACEDONIA [ceduta dalla Bulgaria alla Turchia nel 1878]

1893
il regime ottomano si va facendo sempre più intollerabile e quando risulta evidente che ogni speranza di riforme per parte della Porta è svanita iniziano sporadiche ribellioni in varie parti della regione (fino al 1913).
Si comincia anche a parlare di una Macedonia autonoma o indipendente ma la grande maggioranza dell'elemento bulgaro aspira ancora all'unione con la Bulgaria.



CRETA

1893
-

CIPRO
1893
in seguito all'occupazione britannica dell'Egitto, l'isola perde gran parte della sua importanza e perciò il governo di Londra si disinteressa dell'isola trascurandola completamente.










1893
RUSSIA
 
Alessandro III Romanov
Albero genealogico

(Pietroburgo 1845 - Livadija, Crimea 1894)
secondogenito di Alessandro II e di Maria di Assia-Darmstadt;
1881-94, zar di Russia;
-

 
Ministro delle comunicazioni
S.J. VItte
(1892 feb - 1903)
Ministro delle finanze, commercio e industria
S.J. VItte
(1892 ago - 1903)
capo della polizia
V.K. von Pleve
(1881 - ?)
1893
-





1893
-

 
Granducato di Finlandia
[relativamente autonomo]
- dal 1809, in seguito alla pace di Tilsit e al trattato di Fredrikshamn;
- dal 1863 la dieta viene convocata ufficialmente ogni cinque anni e
la lingua ufficiale è diventata il finlandese; la religione è luterana già dal XVI sec.;
- dal 1869 lo zar ha concesso la costituzione;
1893
-



1893
REGNO di ROMANIA
Carlo I

Albero genealogico

(Sigmaringen, Prussia 1839 - Sinaia, Valacchia 1914)
figlio di Carlo Antonio († 1885) principe di Hohenzollern-Sigmaringen (1848-49, abd.) e di Giuseppina di Baden;
1866-81, principe di Romania;
1869, sposa la principessa Elisabetta di Wied (o Carmen Sylva);
1877, alleato della Russia nella guerra contro la Turchia, comanda personalmente le truppe romene distinguendosi nell'assedio di Plevna;
nel 1878 l'annessione della Bessarabia alla Russia in cambio della non desiderata Dobrugia ceduta alla Romania crea un aspro dissenso fra Romania e il neo principato di Bulgaria;
1881-1914, re di Romania;
1893
dal 1883 è legato alla Triplice alleanza;

1893
Nasce il Partito socialdemocratico operaio di Romania.
 

a



1893
Principato di BULGARIA

Ferdinando

Albero genealogico

(Vienna 1861 - Coburgo 1948)
figlio di Augusto di Sassonia-Coburgo-Koháry († 1881) e di Clementina d'Orléans;
1887-1908, principe di Bulgaria;
[eletto dal Sobranje (Assemblea nazionale), è succeduto ad Alessandro di Battenberg (1879-86) che ha abdicato]
1893
sposa la p.ssa Maria Luisa di Borbone-Parma (a condizione che i figli siano battezzati cattolici);
muore l'ex principe Alessandro di Battenberg ed egli si trova così a non avere più rivali da temere;


1908-18, zar dei bulgari;

Primo Ministro

Stambuloff
(1887 ago - mag 1894)

1893
-
 

a



 
1893
FRANCIA
III REPUBBLICA
Presidente della Repubblica
S. Carnot
(1887 3 dic - 25 giu 1894)
Presidente del Senato
Philippe Le Royer
(1882 2 feb - 24 feb 1893)
Jules Ferry
(24 feb - 17 mar)
Paul-Armand Challemel-Lacour
(27 mar - 16 gen 1896)
Presidente della Camera
-
-
Presidente dell'Assemblea nazionale
(Senato+Camera)
-
-
 
Presidente del Consiglio
A. Ribot
I
(1892 6 dic-10 gen 1893)
A. Ribot
II
(11 gen-30 mar)
Charles Dupuy
I
(4 apr-23 nov)
J. Casimir-Périer
(3 dic-22 mag 1894)
Interni
É. Loubet
(1892 27 feb - 11 gen 1893)
Alexandre Ribot
(11 gen - 4 apr)
Charles Dupuy
(4 apr - 3 dic)
David Raynal
(3 dic - 30 mag 1894)
Affari Esteri
A.-F.-J. Ribot
(1890 17 mar - 11 gen 1893)
Jules Develle
(11 gen - 3 dic)
Jean Casimir-Perrier
(3 dic - 30 mag 1894)
Colonie
-
-
Guerra
Finanze
Pierre Tirard
(13 dic - 4 apr 1893)
Paul Peytral
(4 apr - 3 dic)
Auguste Burdeau
(3 dic - 30 mag 1894)
Lavori pubblici
-
-
Lavoro
-
Giustizia
Léon Bourgeois
( 6 dic - 12 mar 1893)
Jules Develle
(12-13 mar)
Léon Bourgeois
(13 mar - 4 apr)
Eugène Guérin
(4 apr - 3 dic)
Antonin Dubost
(3 dic - 30 mag 1894)
Istruzione Pubblica
-
 
 
 
1893
-

1893
REGNO dei PAESI BASSI

Guglielmina

Albero genealogico

(l'Aia 1880 - castello di Het Loo, presso Apeldoorn 1962)
figlia di Guglielmo III re d'Olanda e della sua seconda moglie Emma di Waldeck-Pyrmont;
1890-1948, regina dei Paesi Bassi;
[sotto la reggenza della madre]

Primo ministro

-
1893
-

a



1893
REGNO del BELGIO

Leopoldo II

Albero genealogico

(1835 - 1909)
figlio di Leopoldo I e di Carolina Carlotta Augusta d'Inghilterra;
1865-1909, re dei belgi;
1885-1908, sovrano dello Stato Indipendente del Congo [in realtà un suo possedimento personale]



 
1893
i socialisti belgi, guidati da leader di statura europea come Émile Vandervelde, hanno dato un VIgoroso impulso alla lotta per il suffragio universale che viene ora concesso, anche se con alcuni seri limiti (voto plurimo agli uomini sposati in possesso di un determinato censo, ai proprietari e ai diplomati);

a



1893
Granducato di Lussemburgo

Adolfo di Nassau-Weilburg

Albero genealogico

(† 1905)
figlio di Guglielmo duca di Nassau e di Carlotta Federica Luisa di Sassonia Altenburg;
1839-66, duca di Nassau;
1890-1905, granduca di Lussemburgo;
[alla morte di Guglielmo III, re dei Paesi Bassi e granduca di Lussemburgo, in seguito ad una precedente convenzione.]


 

1893
-

a

 




1893
Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda
Vittoria
Albero genealogico

(Londra 1819-Osborne, isola di Wight 1901)
figlia di Edoardo duca di Kent e di Vittoria Maria Luisa di Sassonia-Coburgo-Gotha;
1820, alla morte del padre è posta sotto la tutela dello zio materno Leopoldo di Sassonia-Coburgo-Saalfeld (futuro Leopoldo I del Belgio);
1837-1901, regina del Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda;
succeduta alla morte dello zio Guglielmo IV morto senza eredi legittimi;
dal febbraio 1840 è sposata con l'amatissimo cugino Alberto di Sassonia-Coburgo-Gotha;
dal 14 febbraio 1861 è vedova;
1877-1901, imperatrice delle Indie;

Primo lord
del Tesoro
[First Lord
of the Treasury
]
W.E. Gladstone liberale
IV
(1892 15 ago - 5 mar 1894)
Cancelliere dello Scacchiere
[Chancellor
of the Exchequer
]
sir William Vernon Harcourt
(1892 18 ago - 21 giu 1895)
Segretari di Stato
 
Affari Esteri e Commonwealth
A.Ph. Primrose
5° conte di Rosebery
(1892 ago- mar 1894)
Guerra
-
-
Affari Interni
-
-
Giustizia
-
-
Colonie
-
-
Commercio
-
-
1893
Nasce l'Independent labour party.
1893
-



1893
REGNO di DANIMARCA
Cristiano IX
Albero genealogico

(Gottorp, Schleswig-Holstein 1818 - Copenaghen 1906)
figlio di Federico Guglielmo e di Luisa di Assia-Kassel;
1863-1906, re di Danimarca;

1893
-

ISLANDA

1893
-


1893
REGNO di SVEZIA e NORVEGIA
Oscar II
Albero genealogico

(Stoccolma 1829 - 1907)
figlio di Oscar I e di Giuseppina di Leuchtenberg, e fratello di Carlo XV;
1872-1907, re di Svezia;
1872-1905, re di Norvegia;



SVEZIA
1893
-
NORVEGIA
1893
-







1893
REGNO di PORTOGALLO
Carlo I
Albero genealogico
(Lisbona 1863 - 1908)
figlio primogenito di re Luigi di Sassonia-Coburgo-Gotha-Koháry e di Maria Pia di Savoia-Carignano;
1886, sposa la princ.ssa Amélie de Orléans (1865-1951);
1889-1908, re di Portogallo;

Ministro degli Interni

-
João Franco
(1893 - 1906)

1893
favorisce le tendenze autoritarie del ministro degli interni João Franco , appena eletto;


a


1893
REGNO di SPAGNA
Alfonso XIII di Borbone
Albero genealogico

(Madrid 1886 - Roma 1941)
figlio postumo di Alfonso XII e di Maria Cristina d'Absburgo-Lorena;
1886-1931, re di Spagna;

 
Primo Ministro
1893
governa appoggiandosi alle "giunte" militari, all'alto clero e ai grandi proprietari fondiari e incoraggiando, spesso, una politica repressiva;











1893
REGNO D'ITALIA
Umberto I
Albero genealogico

(Torino 1844-Monza 1900)
figlio di Vittorio Emanuele II e di Maria Adelaide d'Absburgo-Lorena;
1849-78, principe di Piemonte;
1878-1900, re d'Italia;

 

PARLAMENTO
XVIII Legislatura
(1892 23 nov - 8 mag 1895)
Presidente del Senato D. Farini
romagnolo
(1892 23 nov - 13 gen 1895)
Presidente della Camera G. Zanardelli
lombardo
(1892 23 nov - 20 feb 1894)
 
Presidente
del Consiglio
G. Giolitti I
piemontese
(1892 15 mag - 15 dic 1893)
F. Crispi
III
siciliano
(1893 15 dic - 14 giu 1894)
Interno
Sottosegretario P. Rosano
campano
(1892 15 mag - 15 dic 1893)

R. Galli
veneto
(1893 15 dic - 10 mar 1896)

Affari Esteri
B. Brin
piemontese
(1892 15 mag - 15 dic 1893)
A. de Blanc
savoiardo
(1893 15 dic - 10 mar 1896)
Sottosegretario L. Ferrari
romagnolo
(1892 15 mag - 15 dic 1893)
P. Antonelli
laziale
(1893 15 dic - 20 giu 1894)
Guerra
L.G. Pelloux
savoiardo
(1891 6 feb - 15 dic 1893)
S. Mocenni
toscano
(1893 15 dic - 10 mar 1896)
Sottosegretario F. Carenzi
piemontese
(1891 2 lug - 15 dic 1893)
G. Bogliolo
piemontese
(1893 15 dic - 10 mar 1896)
Marina
 C.A. Racchia
piemontese
(1892 8 dic - 15 dic 1893)
E.C. Morin
ligure
(1893 15 dic –
10 mar 1896)
Sottosegretario   G. Palumbo
campano
(1893 18 gen - 28 nov 1893)
  L. Serra
pugliese
(1893 15 dic - 10 mar 1896)
Tesoro
 B. Grimaldi
calabrese
(1892 15 mag - 15 dic 1893)
S.C. Sonnino
toscano
(1893 15 dic - 14 giu 1894)
[ad interim]
Sottosegretario A. Fagioli
veneto
(1892 15 mag - 15 dic 1893)
A. Salandra
pugliese
(1893 15 dic - 10 mar 1896)
Finanze
B. Grimaldi
calabrese
(1892 7 lug - 24 mag 1893)
[ad interim]
L. Gagliardo
ligure
(24 mag - 15 dic)
S.C. Sonnino
toscano
(1893 15 dic - 14 giu 1894)
Sottosegretario G. Lanzara
campano
(1892 15 mag - 15 dic 1893)
A. Salandra
pugliese
(1893 15 dic - 20 giu 1894)
Agricoltura, Industria e Commercio
P. Lacava
lucano
(1892 15 mag - 15 dic 1893)
P. Boselli 
ligure
(1893 15 dic –
14 giu 1894)
Sottosegretario A. Paternò-Castello
marchese di San Giuliano
siciliano
(1892 15 mag - 15 dic 1893)
G. Adamoli
lombardo
(1893 15 dic - 1° dic 1894)
Lavori Pubblici
F. Genala
lombardo
(1892 15 mag - 12 set 1893)
G. Giolitti
(12 set - 15 dic)
[ad interim]
G. Saracco
piemontese
(1893 15 dic - 10 mar 1896)
Sottosegretario G. Sani
veneto
(1892 15 mag - 15 dic 1893)
L. Romanin Jacur
veneto
(1893 15 dic - 10 mar 1896)
Grazia e Giustizia, e Culti
T. Bonacci
marchigiano
(1892 15 mag - 24 mag 1893)
L. Eula
piemontese
(24 mag - † 5 lug)
G. Armò
siciliano
(8 lug - 27 set)
F. Santamaria-Nicolini
campano
(27 set - 15 dic)
V. Calenda di Tavani
campano
(1893 15 dic - 10 mar 1896)
Sottosegretario P. Nocito
siciliano
(1892 15 mag - 14 mag 1893)
E. Gianturco
lucano
(15 mag - 22 ott)
  E. Daneo
piemontese
(1893 15 dic - 10 mar 1896)
Istruzione Pubblica
F. Martini
toscano
(1892 15 mag - 15 dic 1893)
G. Baccelli
laziale
(1893 15 dic –
10 mar 1896)
Sottosegretario S. Ronchetti
lombardo
(1892 15 mag - 15 dic 1893)
S. Costantini
abruzzese
(1893 15 dic - 10 mar 1896)
Poste e Telegrafi
C. Finocchiaro Aprile
siciliano
(1892 15 mag - 15 dic 1893)
M. Ferraris
piemontese
(1893 15 dic - 10 mar 1896)
Sottosegretario U. Papa
lombardo
(1892 15 mag - 15 dic 1893)

L. Rava
romagnolo
(1893 15 dic - 10 mar 1896)

 

1893

Gennaio 
Scandalo Banca Romana;
In Sicilia a Caltavuturo la polizia uccide 11 manifestanti appartenenti ai Fasci dei lavoratori. 

Febbraio
il negus Menelik denuncia il "trattato di Uccialli". 

Marzo

Aprile

Maggio

Giugno
 
Luglio

Agosto
19
, Francia, Aigues-Mortes, in violenti scontri un gruppo di operai italiani che lavorano alle saline vengono uccisi dai lavoratori francesi.
27
, nel congresso socialista romagnolo viene deliberata l'adesione al Partito dei lavoratori italiani.

Settembre
8
-11
, Reggio Emilia, si svolge il II Congresso socialista romagnolo a cui partecipa anche A. Costa.
Dopo tre giorni, alla chiusura del congresso, al partito viene dato il nome di Partito Socialista dei Lavoratori Italiani.
L'Inno dei lavoratori conclude il congresso.

Genova, al congresso, il Psi (Partito Socialista Italiano), assunta la qualifica di "socialista", definisce la sua natura di partito politico del proletariato, dividendosi, su tale base, dagli anarchici e dagli operaisti e dandosi una piattaforma programmatica di ispirazione marxista; inizia subito un intenso lavoro di organizzazione.

Ottobre

Novembre
il comitato parlamentare sugli scandali bancari accusa G. Giolitti di aver conosciuto in anticipo la situazione della Banca Romana, ma di aver nominato ugualmente senatore a vita il governatore Bernardo Tanlongo;

Dicembre
F. Crispi, succeduto a G. Giolitti (che non ha adottato misure particolari nei confronti dei fasci) alla presidenza del consiglio, sceglie la via della repressione generalizzata.
Ancora scontri violenti quindi contro i dimostranti a Palermo. Si contano decine di morti tra il popolo che protesta contro le tasse comunali. 
G. Giolitti ottiene l'autorizzazione a proclamare, se necessario, lo stato di assedio in Sicilia.
Agordat, Eritrea, 10.000 dervisci sono sconfitti dai soldati italiani. 





 

DOMINION OF CANADA
[Aggiunta alle altre province britanniche nel 1763, include la regione sulle due rive del fiume San Lorenzo grossolanamente delimitate da Anticosti a est e il Lago Nipissing a ovest.
Dal 7 nov 1763 la provincia (ex Canada francese) è stata divisa formalmente in tre distretti: Québec, Trois-Rivières, Montréal.
Nel 1791 la provincia è stata separata in due parti:
Basso Canada (francofoni) e Alto Canada (lealisti).
Nel 1841, con l'Act of Union sono stati nominati due primi ministri ma Canada Est e Canada Ovest continuano ad andare ognuna per la sua strada. Il sistema dura ben 25 anni (1842-67).
Nel 1867, 1° luglio, nasce ufficialmente la confederazione: Dominion of Canada.]
Governatore generale
Frederick A. Stanley
barone Stanley of Preston,
conte di Derby
(1888 - 1893)
John C. Hamilton-Gordon
marchese di Aberdeen e Temair
(1893 - 1898)
Primo ministro
John S.D. Thompson
(1892 - 1894)
[conservatore]

1893
-

 

 

 

 

 


QUÉBEC
Vescovo di Montréal
-

1893
-

 

 

 

ONTARIO
-
-

1893
-


NEW BRUNSWICK
-
-

1893
-

NOVA SCOTIA
-
-

1893
-

MANITOBA [dal 1870]
-
-

1893
-


NORTHWEST (territori) [dal 1870]
-
-

1893
dal 1892 si sta trascinando il problema di stabilire l'esatto confine con l'Alaska, ceduta dalla Russia agli Stati Uniti nel 1867;


BRITISH COLUMBIA [dal 1858]
[nel 1866 ha incorporato l'Isola di Vancouver e dal 1871 fa parte della confederazione.]
Governatore della provincia
-

1893
-

 

ISOLA DEL PRINCIPE EDOARDO
[Dal 1873 fa parte della confederazione.]
Governatore della provincia
-

1893
-

 

 

TERRANOVA
Primo Ministro
William V. Whiteway
(1889 - 1894)

1893
-

 


 

UNIONE degli STATI UNITI d'AMERICA
Presidente degli Stati Uniti
B. Harrison [23°]
(1889 4 mar - 4 mar 1893)
[Pr]
S.G. Cleveland II, [24°]
(1893 4 mar - 4 mar 1897)
[Pd]
Vicepresidente
-
Segretario di Stato
[Ministro degli Esteri]
-
Ministro del Tesoro
-
Ministro della Guerra
-
Presidente della Corte Suprema
M.W. Fuller
(1888 8 ott - 4 lug 1910)

1893
Gennaio
Isole Hawaii:
con l'appoggio dei marines dell'incrociatore Boston, alla fonda nel porto di Honolulu, i residenti americani organizzano una rivolta, depongono la regina Liliuokalani, insediano un governo provvisorio e inviano subito un appello a Washington per chiedere l'annessione.
Il senato approva un trattato che incorpora le Hawaii come territorio degli Stati Uniti.

Marzo
5
, il neopresidente S.G. Cleveland si è appena insediato alla Casa Bianca che il panico fa vacillare l'economia, spingendo il paese verso la depressione più dura e più lunga che abbia mai conosciuto;
migliaia di aziende fanno bancarotta, centinaia di banche chiudono i battenti e una compagnia ferroviaria su sei (incluse anche le più importanti) cade sotto curatela fallimentare.

Il neo presidente denuncia il trattato che incorpora le Hawaiii condannando il ruolo americano nella rivoluzione hawaiana come moralmente sbagliato.

Ottobre
nell'inverno 1893-94 si registrano più di due milioni e mezzo di disoccupati, mentre i prezzi dei prodotti agricoli precipitano sempre più in basso.

Come la maggior parte dei sostenitori della moneta metallica, S.G. Cleveland è convinto che la causa principale della depressione sia lo Sherman Silver Purchase Act che, a suo giudizio, avrebbe minato la fiducia del grande capitale permettendo a chiunque detenesse certificati di credito sull'argento di trasformarli in oro sonante, prosciugando così le riserve auree del Tesoro.
Il presidente ne chiede dunque l'abrogazione riuscendo, lo stesso mese, pure ad ottenerla. Ma solo con l'appoggio dei repubblicani e facendo ricorso in modo spregiudicato al clientelismo per far accettare le sue direttive ai democratici recalcitranti.
La gran maggioranza dei democratici del Sud e del West vota tuttavia contro il presidente; fra costoro si trova William Jennings Bryan, un giovane deputato del NEBRASKA il cui eloquente attacco al sistema monetario con base aurea segnala l'emergere di un personaggio destinato a giocare un ruolo predominante nel Partito democratico per i successivi vent'anni.

Nel tentativo di rimpinguare le riserve auree, il presidente ordina al Tesoro di acquistare oro pagandolo con titoli di stato. Quando l'espediente fallisce, S.G. Cleveland si rivolge disperato a un gruppo di banchieri di New York, capeggiati da J.P. Morgan e August Belmont, che accordano un prestito di 62 Mni di dollari a condizioni estremamente vantaggiose per loro.
[La mossa salva la situazione abbastanza a lungo da permettere al governo di emettere un prestito pubblico che porrà termine alla crisi monetaria all'inizio del 1896.]
Ma la strenua difesa della base aurea da parte di S.G. Cleveland irrita i populisti e i bimetallisti che lo accusano di essere lo strumento di Wall Street.

A parte il mantenimento della solvibilità nazionale, S.G. Cleveland pensa di poter fare ben poco per promuovere la ripresa economica, né ritiene che tale compito rientri nelle responsabilità del governo.
Questo è in effetti il punto di vista generale, ma in molte città i disoccupati cominciano a chiedere un programma di lavori pubblici che dia loro un impiego.

recessione (1893-97): conseguente alla crisi agricola del 1886 e ai crack finanziari delle holdings.

Lo stesso anno Jane Addams della Hull House fonda a Chicago il primo terreno pubblico di gioco per i bambini.
[In seguito si unirà a Jacob Riis e ad altri educatori in una campagna nazionale per la creazione di terreni di gioco e piccoli parchi pubblici che, entro il 1915, verranno istituiti in oltre 400 città.]

Si sviluppa anche un atteggiamento più comprensivo nei confronti della delinquenza minorile: uno degli esponenti di spicco di questo movimento d'opinione è Julia C. Lathrop, sempre della Hull House, anche se più famoso diventerà il "giudice dei bambini" Ben B. Lindsey di Denver (COLORADO) il cui tribunale minorile tratta i ragazzi non come criminali ma come il prodotto di un cattivo ambiente sociale, esseri cioè che hanno bisogno di una guida sicura.
Entro il 1910 un tribunale minorile modellato su quello di Ben B. Lindsey funzionerà in tutte le principali città.

 

 


 


 

 

[Maldwyn A. Jones, Storia degli Stati Uniti, Bompiani 1984.]

 




[01] DELAWARE [dal 7 dicembre 1787] - cap. Dover
[Primo stato a ratificare la Costituzione degli Stati Uniti d'America.
Non esistono collegamenti fra chiesa e stato e una grande libertà religiosa si è affermata sin dall'inizio.]
Governatore
-

1893
-

 

[02] PENNSYLVANIA [dal 12 dicembre 1787] - cap. Harrisburg
[Non esistono collegamenti fra chiesa e stato e una grande libertà religiosa si è affermata sin dall'inizio.]
Governatore
-

1893
-

 

[03] NEW JERSEY [dal 18 dicembre 1787] - cap. Trenton
[Non esistono collegamenti fra chiesa e stato e una grande libertà religiosa si è affermata sin dall'inizio.]
Governatore
-

1893
-

 

[04] - [04] GEORGIA [dal 2 gennaio 1788] - cap. Atlanta
[Già ammesso nell'Unione nel 1780 ma ratificato solo il 2 gennaio 1788.
Riammesso al Congresso il 30 marzo 1870.]
Governatore
-
-

1893
-




[05] CONNECTICUT [dal 4 gennaio 1788] - cap. Hartford
Governatore
-

1893
-

[06] MASSACHUSETTS [dal 6 febbraio 1788] - cap. Boston
Governatore
-

1893
-



[07] MARYLAND [dal 28 aprile 1788] - cap. Annapolis
Governatore
-

1893
-

 



 






[08] - [01] SOUTH CAROLINA [dal 23 maggio 1788] - cap. Columbia
Governatore
-
-

1893
-


[09] NEW HAMPSHIRE [dal 21 giugno 1788] - cap. Concord
Governatore
-

1893
-

 





[10] - [08] VIRGINIA [dal 26 giugno 1788] - cap. Richmond
[Riammesso al Congresso il 30 marzo 1870]
Governatore
-
-

1893
-

 





[11] NEW YORK [dal 26 luglio 1788] - cap. Albany
[L'anglicanesimo è la religione di stato in quattro contee.]
Governatore
-

1893
-

 

[12] - [09] NORTH CAROLINA [dal 29 maggio 1789] - cap. Raleigh
[Tratto di terre immediatamente a sud della Virginia, attorno allo stretto di Albemarle.]
Governatore
-
-

1893
-

[13] RHODE ISLAND [dal 29 maggio 1790] - cap. Providence
Governatore
-

1893
-


[14] VERMONT [dal 4 marzo 1791] - cap. Montpelier
Governatore
-

1893
-


[15] KENTUCKY [dal 1° giugno 1792] - cap. Frankfort
Governatore
-
-

1893
-



[16] - [10] TENNESSEE [dal 1° giugno 1796] - cap. Nashville
[Riammesso all'Unione dall'aprile 1866.]
Governatore
-
-

1893
-




[17] OHIO [dal 1° marzo 1803] - cap. Columbus
Governatore
-
-

1893
-

[18] - [05] LOUISIANA [dal 30 aprile 1812] - cap. Baton Rouge
- 1819, Trattato Adams-Onís: stabilisce il confine con il MESSICO spagnolo: va dal fiume Sabine, nel TEXAS orientale, fino al 42° parallelo (futuro confine settentrionale della CALIFORNIA) e da quel punto, verso ovest, fino al Pacifico.
Governatore
-
-

1893
-

 


[19] INDIANA [dal 11 dicembre 1816] - cap. Indianapolis
Governatore
-
-

1893
-

[20] - [06] MISSISSIPPI [dal 10 dicembre 1817] cap. Jackson
[Riammesso al Congresso il 30 marzo 1870]
Governatore
-
-

1893
-


[21] ILLINOIS [dal 3 dicembre 1818] - cap. Springfield
-
Governatore
-
-

1893
-



[22] ALABAMA [dal 14 dicembre 1819] - cap. Montgomery
[Dal 18 ottobre 1867 sotto la sovranità degli Stati Uniti.]
Governatore
-

1868
-

 

 




[23] MAINE [dal 15 marzo 1820] - cap. Augusta
-
Governatore
-
-

1893
-

[24] MISSOURI [dal 10 agosto 1821] - cap. Jefferson City
Governatore
-
-

1893
-

 


[25] - [11] ARKANSAS [dal 15 giugno 1836] - cap. Little Rock
Governatore
-
-

1893
-

 


[26] MICHIGAN [dal 26 gennaio 1837] - cap. Lansing
Governatore
-
-

1889
-


[27] - [03] FLORIDA [dal 3 marzo 1845] - cap. Tallahassee
Tra il 1810 al 1813 gli Stati Uniti hanno inglobato la maggior parte della Florida occidentale, la scia costiera che corre da New Orleans a Mobile, ma una buona parte della colonia, unitamente a tutta la Florida orientale, cioè la penisola, resta ancora sotto il dominio spagnolo.
Nel 1819, con il Trattato Adams-Onís è stata completamente ceduta agli Stati Uniti dalla Spagna.
Nel 1868 è rientrata a far parte dell'Unione.]
Governatore
-
-

1893
-


[28] - [07] TEXAS [dal 29 dicembre 1845] - cap. Austin
Governatore
-
-

1893
-

 


[-] Territorio del NEW MEXICO [dal 1846]
Governatore
-
-

1893
-

 


[29] IOWA [dal 28 dicembre 1846] - cap. Des Moines
Governatore
-
-

1893
-

 


[30] WISCONSIN [dal 29 maggio 1848] - cap. Madison
Governatore
-
-

1893
-

 


[-] Territorio dell'UTAH [dal 1850]
[Dal 2 marzo 1861 si è staccato il Territorio del NEVADA.]
Governatore
-

1893
-

 


[31] CALIFORNIA [dal 9 settembre 1850] - cap. Sacramento
Governatore
-

1893
-

 


[32] MINNESOTA [dall'11 maggio 1858] cap. Saint Paul
Governatore
-
-

1893
Gennaio
-

 

 


[33] OREGON [dal 14 febbraio 1859] - cap. Salem
- 1845, alla fine dell'anno i 5000 coloni americani dell'Oregon organizzano un governo provvisorio e chiedono la fine del regime di occupazione comune e l'esclusiva giurisdizione americana.
- 1848, diventa territorio autonomo.
Governatore
-
-

1893
-

 


[34] KANSAS [dal 28 gennaio 1861] - cap. Topeka
Governatore
-
-

1893
Gennaio
-

 

 


[35] WEST VIRGINIA [dal 19 giugno 1863] - cap. Charleston
Governatore
-
-

1893
Gennaio
-

 

 


[36] NEVADA [dal 31 ottobre 1864] - cap. Carson City
[Il 2 marzo 1861 il suo territorio era stato separato da quello dell'UTAH.]
Governatore
-

1893
-

 


[37] NEBRASKA [dal 1° marzo 1867] - cap. Lincoln
Governatore
-
-

1893
-

 


[38] COLORADO [dal 1° agosto 1876] - cap. Denver
[Territorio autonomo dal 28 febbraio 1861.]
Governatore
-

1893
-

 


[39] NORTH DAKOTA [dal 2 novembre 1889] - cap. Bismarck
Governatore
-
-

1893
-

 


[40] SOUTH DAKOTA [dal 2 novembre 1889] - cap. Pierre
Governatore
-
-

1893
-

 


[41] MONTANA [dall'8 novembre 1889] - cap. Helena
[cap.li: fino al 1865 Bannack, fino al 1875 Virginia City.]
Governatore
-
-

1893
-

 


[42] WASHINGTON [dall'11 novembre 1889] - cap. Olympia
Governatore
-
-

1893
-

 


[-] Territorio dell'OKLAHOMA [dal 2 maggio 1890]
Governatore
-
-

1893
-


[43] IDAHO [dal 3 luglio 1890] - cap. Boise
[Territorio autonomo dal 24 marzo 1863 con cap. Boise.
Inizialmente, fino al 7 dicembre 1864, la capitale era Lexinton.]
Governatore
-
-

1893
-

 


[44] WYOMING [dal 10 luglio 1890] - cap. Cheyenne
Governatore
-
-

1893
-

 


a





1893
GRANDI ANTILLE
- Presidente della repubblica
?
(?-?)
guerra grande (1868-78): prima guerra d'indipendenza cubana;
guerra pequeña (1879-80);
1884
mentre i maggiori esponenti del movimento patriottico in esilio (A. Maceco, C. García, M. Gómez) hanno formato nel Messico, sotto la guida del nuovo leader indipendentista J. Martí, il Partido de la revolución cubana, il governo di Madrid è sempre riluttante a concedere all'isola una sia pur temperata autonomia;
Haiti
-
?
(?-?)
1893
-
- Presidente della repubblica
?
(?-?)
1893
-
- Governatore
?
(?-?)
[colonia britannica dal 1866]
1893
-


1893
STATI UNITI del MESSICO
(repubblica federale)
- Presidente della repubblica federale
José Porfirio Diaz
(1884 - 1911) II
[autoritarismo paternalistico]
1893
protagonista della guerra della reforma, ma al tempo stesso consapevole dell'impossibilità di rinunciare all'appoggio delle gerarchie terriere ed ecclesiastiche, tende ad imporre un regime stabile che restituisca al Messico una facciata di credibilità tale da attirare gli investimenti esteri;



1893
GUATEMALA
[formalmente indipendente dal 1847]
- Capo del governo
-
1893
-


1893
HONDURAS
-
?
(?-?)
1893
cresce la dipendenza dagli Stati Uniti, interessati a mantenere sotto proprio controllo le ricche piantagioni di banane, unica risorsa economica del paese;

1893
- Presidente
?
(? - ?)
1893
-


1893
NICARAGUA
[protettorato della Gran Bretagna sulla Costa de Mosquitos: (1848-60)]
- Dittatore
-
1893
lotte tra liberali e conservatori (clericali) agitano la vita interna del paese per tutto il secolo XIX;
gli interessi nordamericani sono rafforzati dal progetto di costruire un canale interoceanico attraverso il Nicaragua;



1893
COSTA RICA
[il paese è indipendente dal 1821]
- Presidente
T. Guardia
(1870 - ?)
1893
l'economia è basata in netta prevalenza sulla coltura del caffè e nel corso del secolo XIX, mentre si assiste ad una sistematica penetrazione di capitali inglesi e nordamericani, si forma pure una ristretta élite, socialmente e politicamente dominante, legata all'esportazione di questo prodotto;




1893
- Presidente
L. Núñez
(1880 - 1894)
1893
la forte espansione verso gli Stati Uniti e l'Inghilterra fa aumentare il potere economico dei gruppi oligarchici e contribuisce sotto le tre presidenze di L. Núñez all'instaurazione di un regime politico fortemente accentrato, in grado di salvaguardare gli interessi economici e di ristabilire l'influenza delle gerarchie ecclesiastiche;


1893
- Presidente della repubblica
A. Guzmán Blanco
(1870 - 1888)
[dispotismo illuminato]
1893
-

1893
República del Ecuador
Presidente della repubblica
-
 
1893
si alternano dittature conservatrici (J.J. Flores, G. García Moreno) e di dittature liberali (V. Rocafuerte, E. Alfaro) e da crescenti ingerenze dell'esercito, formato all'origine da elementi venezuelani;



1893
BOLIVIA
Presidente della repubblica
?
(1825-?)
 
1893
l'evoluzione storica della regione è caratterizzata dall'instabilità politica, sociale ed economica, conseguenza della lotta tra le contrapposte oligarchie dell'altopiano minerario e del Chaco agricolo e delle tensioni sociali che percorrono il paese (agitazioni contadine e scioperi dei minatori);


1893
PERU'
[Repubblica indipendente dal 1827]
- Presidente della repubblica
?
(?-?)
1893
con il trattato di Ancon il Perù ha perso nel 1883 le province ricche di salnitro di Tarapacá e Tacna (sarà restituita al Perù fra 50 anni);
l'economia peruviana segue un modello di sviluppo di stampo neocoloniale, incentrato sul rilancio dell'economica mineraria e di piantagione a scapito dell'allargamento del mercato interno;


1893
CILE
-
-
 
1893
fine della repubblica presidenziale e restaurazione del predomino oligarchico (1891-1925)


1893
GUYANE
[dal 1816 divise nelle tre colonie]
 dal 1816 divise nelle tre colonie:
Guyana Britannica (inglese)
1893
-
Suriname (olandese)
1893
-
Guyane Française (francese)
1893
già sede di una colonia penitenziaria e poi, dal 1852, di un bagno penale (fino al 1945);


1893
- Presidente provvisorio della repubblica
F. Peixoto
(1892 nov - 1894)
1893
il Rio Grande do Sul torna a minacciare la secessione;


1893
Presidente della repubblica
?
(1874 - 1904)
[partito dei colorados]
 
1893
mentre cresce la dipendenza del paese dalle aree commerciali più solide (Argentina e Brasile) sorgono pure aspri conflitti fra il partito dei colorados laico e liberale, salito ora al potere, e quello degli azules, conservatore;



1893
- Presidente della repubblica
J.A. Roca
(1880 - 1886)
 
1893
Buenos Aires, nel 1891 è sorta l'Unión Civica radical come espressione della piccola borghesia urbana e rurale di recente formazione;






1893
Presidente della repubblica
?
(? - ?)
[partito colorado]
 
1893
Montevideo,

 





1893
CINA
Tz'u-Hsi [Tz'u-Hsi]

(Dinastia Manciù)

ex concubina Jehonala;
1861-1908, imperatrice della Cina;

1893
Pechino,

 




a

 




1893
(periodo Mejji: 1868-1912)
Giappone

Mutsuhito

(? - ?)
1868-1912, imperatore del Giappone;

- Primo ministro
Ito Hirobumi
(1885 -?)
- Ministro degli esteri
Okuma Shigenobu
(1887 - ?)

1893
dopo le prime elezioni del 1890, nelle quali il Partito liberale ha guadagnato il maggior numero di seggi nella camera dei deputati (oltre alla quale esiste anche la camera dei pari), il governo è ancora formato dai vecchi leader della "restaurazione Meiji" i quali per lo più provengono dai quattro han più potenti;

a

 




1893
Villa Cisneros
[protettorato spagnolo dal 1884.]
-
-
1893
-


1893
Marocco
-
-
1893
-


1893
Algeria
[dal 1848 parte integrante del territorio nazionale francese, organizzata in tre dipartimenti d'oltremare.]
-
?
(?-?)
1893
-


1893
Tunisia
[con il trattato del Bardo del 1881, perfezionato nel 1883 con il trattato della Marsa, la Francia è riuscita a imporvi il suo protettorato.
Il bey conserva formalmente le sue prerogative.]
- Bey  
1893
Convenzione franco-italiana sulla Tunisia (cui seguirà un accordo segreto nel 1900) per includere il Maroccco e la Tripolitania nelle rispettive zone di influenza.



1893
EGITTO
[parte dell'Impero Ottomano]
[dal 1882 il paese è stato privato dagli inglesi di ogni autonomia di fatto, ma senza modifica del suo statuto giuridico, se non per la cessazione automatica del tributo alla Porta;
nel 1884 si è dotato di una costituzione col gradimento inglese.]
'Abbas Hilmi II
(Alessandria 1874 - Ginevra 1944)
figlio di Muhammad Tawfiq pascià;
1892-1914, khedivè d'Egitto;
salito al trono alla morte del padre mantiene un atteggiamento ostile agli inglesi che nel 1882 hanno occupato l'Egitto;
- Alto Commissario
E. Baring
(1883 - 1907)
1893
Incapaci di ridurre le tasse come vorrebbero, E. Baring e i suoi consiglieri si sono proposti di migliorare il livello di vita dei fellahin sostituendo la corvèe con il lavoro salariato, ed evitando l'uso del kurbag. Tale risultato viene ora raggiunto, nel primo decennio del governo britannico.


1893
Sudan
[capitale Khartum]
Il chedivè d'Egitto Muhammad Alì e suo figlio Ismail, tra il 1820 e il 1822, conquistano l'Alta Nubia, il Kordofan e il Sennar, realizzando la prima unificazione politica del paese.
Nel 1840 la dominazione egiziana viene consolidata a est con l'annessione di Kassala e nel 1846 con l'annessione di Suakin sul mar Rosso.]
   

1893
-

 



1893
Senegal
[dal 1817 è sotto controllo francese;
dal 1865, sottomesso e pacificato, è diventato la testa di ponte per la conquista dell'entroterra sudanese.]
- Governatore
?
(? - ?)

1893
-



1893
Mauritania
[protettorato francese su su Trarza dal 1858.]
-
-
1893
-


1893
Sudan francese
[colonia francese dal 1892, creata su gran parte del territorio dell'antico impero africano del Mali.]
[possedimento francese creato nel 1882 su gran parte del territorio dell'antico impero africano del Mali;
colonia dal 1892.]
   
1893
1893-96, la popolazione di Timbuctu impegna Archinard in una lunga guerra;
1893-98, i Tuareg di Timbuctu oppongono resistenza al dominio francese;




1893
Niger
Rabah
(? - ?)
1870-1900, re;
[regno costituito nel Bahirmi, nel Kanem-Bornu e in parte del Ciad – capitale Dikoa]
forma nella capitale un fiorente mercato di schiavi;


1893
la lotta ingaggiata contro il re apre la via alla colonizzazione francese ora preparata da un accordo franco-britannico relativo all'area nigeriana (linea Say-Maroua)
[si concluderà nel 1920].

Cade il sultano di Toucouleur. I francesi, al comando di Destenaves, si impadroniscono della città di Bandiagara.
Lo sceicco Amadou fugge a Sokoto.



1893
[protettorato francese dal 1889 e colonia francese dal 1891.]
- Governatore
-
 
1893
-


1893
[colonia inglese dal 1808.]
- Governatore
?
(?-?)
1893
-


1893
[ex Monrovia, è una repubblica indipendente dal 1847, con una costituzione modellata su quella statunitense ma con il predominio dell'elemento nero-americano su quello autoctono;
nel 1857 al paese si è unita l'ex colonia formatasi a capo delle Palme nel 1833.]
-
-
1893
1891-98, John Payne Jackson, cittadino della Liberia, lancia, sulle pagine del periodico «Lagos Weekly Record», lo slogan «L'Africa agli Africani».


1893
- Governatore
-
 

1893
dopo aver completato la colonizzazione del litorale tra il 1842 e il 1884, i francesi costituiscono la colonia omonima mentre la conquista dell'interno è ostacolata dalla resistenza antifrancese guidata (1870-98) dal capo musulmano Samory Turé.

In seguito alle conquiste di Binger, la Francia occupa la Costa d'Avorio che diventa colonia.

 



1893
Costa d'Oro
[Ghana]
[dal 1874 colonia della Corona inglese con gli Ashanti come popolo "indipendente" (finché non saranno piegati).]
-
-
1893
-


1893
Lagos
[dal 1861 colonia della Corona britannica.]
-
-
1893
-

1893
Togo
[protettorato tedesco dal 1884, confermato dalla conferenza di Berlino nel 1885.]
1893
-

1893
Dahomey
[protettorato francese dal 1883.]
-
-
1893
la Francia che nel 1890 ha occupato il regno con una prima campagna militare, ne compie ora una seconda (1892-93);
la popolazione, sotto la guida di Behanzin (1844-1900), re del Dahomey, si ribella alla dominazione francese.
I resistenti si impadroniscono di armi a Doulala e occupano il palazzo fortificato tedesco. Le "amazzoni" guerriere del Dahomey, che oppongono resistenza agli invasori, vengono frustate dai tedeschi agli ordini del cancelliere Leist.
La Germania si vale di forze africane reclutate da Morgan nel Sudan; i soldati indigeni costituiscono il nucleo delle Schutztruppen destinate alla conquista del Camerun.
I mercenari sono sbarcati nella zona detta "Iena"; la popolazione del Camerun è sconfitta, le donne condannate al lavoro coatto e i capi della resistenza impiccati pubblicamente.
La Francia si impadronisce della città di Abomey; re Behenzin, dopo aver opposto una strenua resistenza a capo di un esercito di "amazzoni" disposte a difesa della corte, si arrende e viene esiliato dai francesi alla Martinica e in seguito ad Algeri,


1893
Nigeria
-
-

1893
dal 1888 il governo britannico ha delimitato le sfere di interesse con la Francia (linea Say-Maroua) nella regione degli Oil Rivers (riconosciuti protettorato inglese dall'assemblea di Berlino del 1865) trasferendo i diritti della RNCO (Royal Niger Company) alla corona.




1893
[regione in parte colonizzata dai francesi nel 1889 con la fondazione del centro di Bangui.]
- -
1893
-



1893
Camerun
Njoya
-
(? - ?)
1883-1933, re dei bantu;


1893
la popolazione resiste alla penetrazione militare tedesca;
i tedeschi hanno l'aiuto di Mebenga m'Ebono (poi battezzato con il nome di Paul Martin Samba) che fa da guida alle Schutztruppen al comando di Dominik, un nazista ante litteram.

 




1893
[colonia di Ntamo, nucleo della futura BrazzaVille ;
nel 1888 ha assorbito il Gabon.]
Commissario generale
1893
valendosi di "trattati" illegali dal punto di vista tribale, stipulati con i capitribù, il conte Pietro Savorgnan di Brazzàestende il territorio francese;


1893
[il territorio dello Zaire, già sede (ancor prima dell'arrivo dei portoghesi) di importanti regni autoctoni quali quello del Congo, di Kuba, Luba, Lunda, nel 1880 è stato posto sotto il controllo dell'Associazione internazionale per il Congo, promossa da Leopoldo II re del Belgio; la conferenza internazionale di Berlino (1884-85) per la spartizione delle sfere d'influenza europee in Africa ha convalidato il fatto compiuto e istituito questo nuovo stato affidandone la sovranità allo stesso re Leopoldo II che da quel momento la esercita a titolo personale.]

Leopoldo II

Albero genealogico

1885-1908, sovrano dello Stato Indipendente del Congo;
[sovranità esercitata a titolo personale.]
1893
mediante lo sfruttamento estremo della manodopera locale, nel possedimento sono costruite infrastrutture di base, create le prime piantagioni ed iniziata la prospezione dei giacimenti minerari;

Una spedizione commerciale belga viene massacrata dagli arabi a nord-ovest di Kindu e l'orribile dramma rafforza la decisione dei belgi di eliminare i capi schiavisti con la forza.

Marzo
4
, le truppe dello stato indipendente occupano Nyangwe, l'antica roccaforte araba del Maniema;

Maggio
18
, cadono le Falls;
Katanga [regione sudorientale, annessa militarmente dai belgi nel 1891 sotto l'egida della Compagnie du Katanga istituita da re Leopoldo II.]
1893
-





1893
Eritrea
[colonia italiana dal 1° gennaio 1890, con il fiume Mareb come confine con l'Etiopia.]
-
-
1893
-


1893
Impero di Etiopia
Menelik II
(Ancober, Scioà 1844 - Addis Abeba 1913)
figlio del re dello Scioà Hayla Malakot;
1855-68, è praticamente prigioniero nel forte di Magdala, da cui fugge solo alla morte dell'imperatore Teodoro II;
proclamatosi re dello Scioà, contende la successione imperiale a Giovanni IV, re del Tigré, riuscendo a farsi riconoscere una specie di influenza prioritaria nella parte meridionale dell'impero e il diritto di successione al trono imperiale alla morte di Giovanni IV;
1889-1913, imperatore di Etiopia;

1893
denuncia il trattato di Uccialli con l'Italia, riuscendo ad arginare la conseguente offensiva militare italiana (prima delle guerre italo-etiopiche);




1893
SOMALIA
Costa francese dei Somali
protettorato francese dal 1884, vi è stato costruito nel 1888 il porto di Gibuti;
[situato in territorio dancalo e non propriamente somalo]
1893
-
Somalia Britannica
protettorato inglese dal 1884 con l'occupazione di Zeila, Berbera e Bulhar (in pratica la costa settentrionale del territorio, possesso egiziano 1840-84) a opera della Compagnia inglese delle Indie orientali;
1893
-
Somalia italiana
1893
attraverso i trattati di protettorato con i sultanati di Obbia e di Migiurtinia (Somalia settentrionale) dal 1889 è iniziata la penetrazione italiana estesasi dal 1892 con l'acquisto in affitto dal sultano di Zanzibar dei porti del Benadir (Brava, Merca, Mogadiscio e Uarsceik);
Luglio
dopo complesse trattative con inglesi e tedeschi, l'Italia lascia agli inglesi Chisimaio e l'Oltregiuba, concedendo il resto in amministrazione alla società privata V. Filonardi; che è alla ricerca di guadagni immediati utilizzando spregiudicatamente la schiavitù su larga scala;

1893
 
- Governatore
cap. Lugard
(1890 - ?)

1893
Nel 1891 Portogallo e Gran Bretagna hanno raggiunto l'accordo sulle "sfere di influenza" in Africa orientale.

Mwanga si converte al cattolicesimo e Lugard usa le mitragliatrici Maxim per armare i Baganda "protestanti" contro i Baganda "cattolici".
Lugard
concede rifugio ai missionari bianchi. Mwanga fugge su un'isola del Lago Vittoria, dove viene arrestato da una spedizione combinata di missionari cattolici e anglicani.
Alla guerra fa seguito la spartizione del territorio fra cattolici e protestanti.

 



1893
Kenya
(nome ufficiale solo dal 1920)
-
-

1893
-





1893
Africa Orientale Tedesca
(Deutsch-Ost-Afrika)
Ruanda-Urundi [protettorato tedesco dal 1890]
-
-
1893
le incessanti lotte dei baHutu, contro il predominio della minoranza tutsi (watutsi o vatussi) (la stirpe dei sovrani mwami) favoriscono l'instaurazione del dominio coloniale tedesco sul Burundi, che con il contiguo regno del Ruanda viene costituito in territorio del Ruanda-Urundi.
Tanganica [protettorato tedesco e, formalmente, colonia tedesca dal 1890, dal 1891 il territorio è passato sotto la diretta sovranità della Germania]
-
-
1893
la Germania "organizza" il territorio con 163 tedeschi alla testa di 1800 coscritti indigeni in ossequio alla tattica del "divide et impera". Chi si ribella viene giustiziato e deportato.


1893
[dal 1890 l'isola (assieme all'isola di Pemba) è diventata protettorato della Gran Bretagna che vi induce l'afflusso di indo-pakistani.]
-
-
1893
-


1893
Africa del Sud-Ovest
[protettorato tedesco dal 1884.]
-

1893
nuove truppe tedesche sbarcano nell'Africa sudoccidentale e sconfiggono Witbooi che tenta inutilmente di stringere un'alleanza con Samuel Maharero.
Witbooi è costretto ad arrendersi a Leutwen.
I tedeschi cominciano a riversarsi nei territori nama ed herero.



1893
Botswana
[la regione a nord del fiume Malopo è protettorato inglese dal 1885 mentre la parte meridionale (British Bechuanaland) è colonia.]
-
1893
-


1893
Lobenguela
-
(1833 ca-1894)
figlio di
1868 - ?, re dei maTabele di Zimbabwe;
[clan guerriero nguni (zulu)]

1893
dal 1890 la British South Africa Chartered Co., società fondata da Cecil J. Rhodes, ha ottenuto da re LoBenguella la concessione esclusiva di sfruttamento venticinquennale del territorio del protettorato sui maTabele;
gli inizi della colonizzazione, condotta in modo sistematico con un massiccio popolamento bianco, urtano contro la resistenza indigena che viene stroncata sul nascere dall'efficiente corpo di polizia privata della Compagnia.

Il liberale Rose-Innes appoggia il "Decreto sul Voto" proposto da Cecil J. Rhodes, che nega il diritto di voto agli africani.

Ottobre
23
, Cecil J. Rhodes, che dispone di un potente esercito, sconfigge Lobenguela a Shangani e si impadronisce della capitale Buluwayo, dopo che i Matabele hanno fatto saltare in aria la città;





1893
Malawi
[protettorato britannico dal 1891]
-
-
1893
assume il nome ufficiale di British Central Africa;

1893
Mozambico
-
-

1893
il Portogallo ha completato nel 1891 la conquista delle regioni interne senza tuttavia riuscire a pacificarle;



1893
Regno del Madagascar
(Imérina)
Ranavalona III
-
(† ?)
1883-96, regina del Madagascar;
1893
la Francia ha occupato militarmente dal 1883 il protettorato sakalava e il nord-est dell'isola fino a Tamatave;


1893
Repubblica del Transvaal
[dal 1856]
[territorio dal Vaal al Limpopo - capitale: Pretoria]
Presidente
S.J.P. Kruger [Oom Paul]
(1883 - 1900)
1893
[nel 1884 è stato istituito il protettorato della Beciuania.]
Pretoria, il presidente si allea con lo Stato Libero d'Orange, conquista le simpatie della Germania ed ottiene il controllo dello Swaziland;

1893
Natal
[dominio inglese dal 1844]
[nel 1838 la regione è stata conquistata e colonizzata da coloni olandesi (boeri) e nel 1840 trasformata in repubblica indipendente;
1842-44, gli inglesi vi affermano nuovamente il loro dominio, dopo aver costretto i boeri a trasferirsi nell'interno, nello stato libero dell'Orange.]
Governatore
?
(? - ?)

1893
viene ora trasformata in colonia autonoma.
Il leader indiano Gandhi, consulente legale, arriva ora nel Natal.



1893
Stato Libero d'Orange
[territorio dall'Orange al Vaal - capitale: Bloemfontein]
[stato indipendente creato nel 1836 da coloni olandesi provenienti da Città del Capo;
dal 1848 è occupato dalle truppe britanniche che hanno spostato il centro amministrativo a Bloemfontein;
nel 1854, vista l'impossibilità di controllare militarmente l'immenso territorio, gli inglesi si sono ritirati.]
Presidente
-

1893
-

 


1893
[L'insediamento degli inglesi, divenuto definitivo dal 1814, ha formato un'oligarchia amministrativo-commerciale anglosassone nel Sud;
1834-39, grande trek (spostamento di massa dei coloni boeri verso le regioni dell'interno: Orange e Transvaal.]
Governatore
?
(? - ?)

1893
-



 
1893
Sudafrica
[L'insediamento degli inglesi, divenuto definitivo dal 1814, ha formato un'oligarchia amministrativo-commerciale anglosassone nel Sud; 1834-39, grande trek (spostamento di massa dei coloni boeri verso le regioni dell'interno: Orange e Transvaal.]

1893
1890-1910, triplica la popolazione urbana del Sudafrica.


Capo

1893
-

 





















































 

 





1893
Persia
Nasir al-Din Scià
(1831-1896)
figlio di Muhammad Scià, della dinastia Qagiar;
1848-96, scià di Persia;


1893
-



 



Acheson, Dean Gooderham (Middletown, Connecticut 11 aprile 1893-Sandy Spring, Maryland 12 ottobre 1971) politico statunitense;
[Figlio di un vescovo della Chiesa episcopale.]
educato a Yale ed a Harvard, incomincia in seguito la sua carriera di avvocato;
partecipa al New Deal come molti intellettuali della sua generazione;
1933, è nominato sottosegretario al Tesoro, da F.D. Roosevelt;
1941, favorevole alla guerra contro la Germania, entra nel Dipartimento di Stato come segretario aggiunto per gli affari economici;
1944, è incaricato di organizzare le conferenze internazionali da cui dovrà nascere il nuovo assetto del mondo dopo la vittoria;
1945-47, sottosegretario di Stato;
1949-52, segretario di Stato del presidente H.S. Truman, si sviluppa sul doppio binario dell'alleanza atlantica e del containment, cioè l'impegno di fermare dovunque nel mondo l'espansione del comunismo;
[In Europa, dopo aver tenuto a battesimo la NATO, sostiene caldamente i fautori del MEC (Mercato Europeo Comune).
In Asia, è contrario a un intervento militare americano nella guerra fra i comunisti ed i nazionalisti cinesi nel continente, ma decisamente favorevole a quello in Corea, anche se in un primo tempo questa regione era stata esclusa dalle frontiere strategiche americane che egli stesso aveva tracciato.]

Modello di responsabilità (1952)
1954, dopo il suo ritiro, la politica estera americana continua sostanzialmente a seguire le linee da lui tracciate per molti anni;
Potere e diplomazia (1958)
1971, 12 ottobre, muore.

Bradley, Omar Nelson (Clark, Missouri 1893) militare statunitense;
1943, comandante del II corpo d'armata in Tunisia e in Sicilia;
1944, comandante delle forze di terra in Europa, guida le truppe statunitensi nello sbarco in Normandia;
1944-45, comandante del XII gruppo d'armata in Francia e in Germania;
1948, capo di stato maggiore dell'esercito e rappresentante degli USA nel comando della NATO;
Storia di un soldato (1951)
1953, lascia il servizio.

Calvo, Sotelo, José (Túy, Galizia 1893-Madrid 1936) politico spagnolo;
1919, segretario di A. Maura, è deputato dell'estrema destra;
1921, governatore civile di Valencia;
1925, ministro delle finanze nel governo di M. Primo de Rivera;
1930, dimessosi, diventa uno dei leader dell'«Unión monárquica nacional»;
1931, aprile, dopo la proclamazione della repubblica, abbandona il paese;
1934, tornato in patria diventa il capo del gruppo di estrema destra «Renovación española»;
1936, febbraio, nel clima di violenza seguito alla Vittoria delle sinistre, viene ucciso da alcune guardias de asalto che intendono così vendicare l'uccisione di un loro ufficiale; uno degli episodi che alimenta la tensione che porterà alla Guerra civile spagnola.

Castellano, Giuseppe [a.f.: Aldo] (Prato, 12 settembre 1893 – Porretta Terme, 31 luglio 1977) militare italiano, generale.
[Nato da famiglia di origine siciliana.]

Cao, Giovanni (Cagliari 28 luglio 1893 – Roma 27 febbraio 1981) politico italiano.

Dulles, Allen Welsh (Watertown presso New York, 7 aprile 1893 – Washington, 29 gennaio 1969) agente segreto statunitense, influente direttore della Central Intelligence Agency (CIA) dal 1953 al 1961 e membro della Commissione Warren.
[Fratello minore di John Foster (segretario di Stato) e nipote di J.W. Foster.
Lui e il fratello erano soci dello studio legale Sullivan & Cromwell.]


Frachon, Benoît (Le Chambon-Feugerolles, Loira 1893-Les Bordes, Loiret 1975) sindacalista e politico francese;
1926, operaio metallurgico, diventa membro del comitato centrale del Partito comunista;
1936-39, segretario generale della CGT;
1945, torna alla direzione di questo sindacato dopo aver trascorso il periodo della guerra come uno dei maggiori responsabili del "Partito comunista clandestino" durante l'occupazione tedesca;
1967, presidente della CGT.

Freisler, Roland (Kassel 1914-Berlino 1945, sotto un bombardamento aereo) giudice tedesco.

Gassol y Rovira, Bonaventura o Ventura Gassol (Tarragona 1893-1980) scrittore e politico catalano; nazionalista catalano di sinistra dovette affrontare la prigione e l'esilio
Il prezzo del sangue (1923, racconto)
L'ombra del diavolo (1926, racconto)
L'addolorata (1928, teatro)
Mirra (1931)
1932, ministro degli interni e della pubblica istruzione durante la seconda repubblica
Poemi (1934)
La morte dell'orso (1935, teatro)
1936, al termine della guerra civile spagnola, riprende la via dell'esilio e si stabilisce in Francia
Fiori (1943)
Miraggi (1950)
La ballata della culla (Barcellona, 1977).

Göring, Hermann (Rosenheim 1893-Norimberga 1946, suicida) politico tedesco.

Huber, Kurt (Chur, Svizzera 1893–Monaco di Baviera 1943, ghigliottinato) politico esponente della "Weisse Rose" (Rosa Bianca).

Jacomoni di San Savino, Francesco (Reggio Calabria 31 agosto 1893 – Roma 17 febbraio 1973) diplomatico italiano;
1936, 9 settembre, diviene ministro consigliere a Tirana fino all'invasione italiana dell'Albania nell'aprile 1939;
1939, 17 aprile, viene nominato ambasciatore;
22 aprile, diviene Luogotenente Generale del Regno d'Albania;
[Nonostante la dura repressione, non riesce ad impedire la crescita del movimento di resistenza albanese.]
1943, 18 marzo, viene sostituito dal gen. Alberto Pariani;
1945, dopo la fine della seconda guerra mondiale viene processato assieme ad altri alti funzionari del regime fascista;
12 marzo, viene condannato a 24 anni di carcere;
1946, giugno, grazie all'amnistia varata dal governo viene liberato;
1948, marzo, la sua condanna viene definitivamente commutata.

KagaNovic, Lazar' Moiseevic (Kabany, Kijev 1893-1991) politico sovietico;
1911, sindacalista, entra nel Partito bolscevico e nel corso della guerra civile organizza i reparti dell'Armata rossa che difendono l'Ucraina dalle truppe controrivoluzionarie di A.I. Denikin;
1920-35, è a capo del partito nel Turkmenistan, in Ucraina e a Mosca, dove dirige i lavori per la costruzione della grande metropolitana e ricopre vari incarichi di governo;
1930, membro dell'ufficio politico del PCUS è tra i pochi rivoluzionari di origine ebraica a schierarsi dalla parte di Stalin;
1938, vicepresidente del consiglio;
1953, dopo la morte di Stalin continua a far parte del gruppo dirigente sovietico; 
1957, accusato da N.S. Chrušcëv di far parte del cosiddetto "gruppo antipartito", legato all'eredità staliniana, viene privato di tutte le sue cariche;
1964, è espulso dal PCUS.
La notizia della sua morte diffusa da fonti giornalistiche occidentali non ha trovato conferma in comunicazioni ufficiali.

Karagjeorgjevic, Pavel (Pietroburgo 1893-Neuilly, Parigi 1976) principe iugoslavo, nipote del re Pietro I;
1923, sposa la principessa Olga di Grecia;
1934, ottobre, dopo l'assassinio di Alessandro I governa come primo reggente il paese per conto del minorenne Pietro II;
1937, marzo, una politica di avvicina mento alla Germania e all'Italia porta al patto di "pacificazione adriatica"; per comporre i gravi contrasti interni tra croati e serbi costituisce la provincia unita di Croazia (comprendente una parte della Bosnia-Erzegovina e Ragusa) autonoma amministrativamente;
1941, 25 marzo, non riuscendo a mantenere la neutralità, sotto la pressione tedesca fa aderire la Iugoslavia all'Asse; 26-27 marzo, la conseguente indignazione popolare provoca un colpo di stato militare che lo costringe a lasciare il paese; immediatamente le truppe tedesche occupano la Iugoslavia.

Kenyatta, Kaman wa Ngengi Johnstone detto Jomo (Ichaweri, presso Nairobi 1893 o 1895- 1978) politico keniota, di origine kikuyu;
1928-29, dopo aver partecipato ai primi movimenti autonomisti bantu, dirige la Kikuyu Central Association;
1938, si diploma in antropologia a Londra;
Di fronte al monte Kenya (1938, fondamentale lavoro sulla società kikuyu)
1945, è tra gli organizzatori assieme a W.E.B. Du Bois e K. Nkrumah, del V congresso panafricano che getta le basi della lotta anticoloniale nel continente nero;
1947, di ritorno in patria prende la direzione del partito nazionalista "Unione africana del Kenya", 
1952, all'inizio della rivolta dei Mau-Mau, il partito è posto fuori legge ed egli viene arrestato e confinato in una riserva con l'accusa pretestuosa di aver fomentato la rivolta, da lui più volte sconfessata;
1961, scarcerato per iniziativa del nuovo partito nazionalista "Unione nazionale africana del Kenya" ne diviene presidente;
1963, negozia con Londra l'indipendenza del Kenya, diventandone primo ministro;
1964, eletto presidente dello stato viene riconfermato nel 1969 e nel 1974.

Mao Tse-tung o Mao Zedong (Shaoshan, Hunan 1893-Pechino 1976) politico cinese, nato da famiglia di contadini piccoli proprietari.

Mascherpa, Luigi (Genova 1893-Parma 1944) militare italiano, ufficiale di marina, partecipò alla prima guerra mondiale come aviatore
1941, capitano di vascello
1942, febbraio, è nominato comandante dell'isola di Lero nell'Egeo
1943, 8 settembre, dopo l'armistizio rimane fedele al governo Badoglio e difende per 50 giorni l'isola dai VIolenti attacchi tedeschi; 16 novembre, fatto prigioniero, viene trasferito in Germania; condotto poi a Verona viene processato e condannato a morte da un tribunale speciale fascista; 1944, 24 maggio, è fucilato a Parma e dopo la liberazione gli viene conferita la medaglia d'oro al valore militare.

Migliori, Giovanni Battista (Milano, 28 agosto 1893 – Saronno, 19 giugno 1978) politico italiano, militante nella Democrazia cristiana;
[Figlio di Giuseppe Migliori, originario di Cesena, e di Elvira Lombardi di Milano.
Si sposa con Giuseppina [Nella] Rossi.]

1913-18, presidente della FUCI, la Federazione universitari cattolici;
1914, si laurea in giurisprudenza all’Università di Pavia;
[Eserciterà fino al 1968 come avvocato patrocinante della Cassazione e nei tribunali ecclesiastici.
Come avvocato, giurista e politico collabora ai seguenti giornali e riviste: «L'Osservatore Romano», «L’Italia», «La scuola cattolica», «Vita e Pensiero», «L’Idea», «Monitore dei tribunali», «Rivista del Diritto matrimoniale».
]
Le organizzazioni professionali cattoliche in Italia (1915, Milano)
1915-18, durante la I guerra mondiale è ufficiale presso la 3ª Divisione Cavalleria;
consigliere nazionale e membro della direzione e della segreteria politica del Partito Popolare Italiano di don Luigi Sturzo fino allo scioglimento del partito da parte del Governo fascista;
1942, iscritto e dirigente comunale a Milano e centrale viene richiamato alle armi e inviato al VI Corpo in Croazia;
1943, 25 luglio, come co-redattore del programma politico “Per una Italia Democratica e Cristiana“ apparso a Milano,
è tra i promotori clandestini della nascita della Dc di A. De Gasperi;
20 settembre-maggio 1945, si rifugia in Svizzera;
1945, al suo rientro il CLNAI lo nomina Commissario Straordinario degli "Istituti Ospitalieri" di Milano;
1946-48, viene eletto presidente della Provincia di Milano;
1946-61, è consigliere comunale di Milano;
[Primo degli eletti nel 1951 e 1956.]
1948, deputato al Parlamento (I Legislatura);
1951-53, "Alto Commissario per la Igiene e Sanità pubblica (ACIS)";
Benedetto XV (1955, Editrice Daverio, Milano)
Codice concordatario (1959, Edizioni Tramontana, Milano).
1958, deputato al Parlamento (III Legislatura);
1963, deputato al Parlamento (IV Legislatura);
[Altre responsabilità:
- giudice dell’Alta Corte per la Regione Siciliana;
- consigliere nazionale forense,
- presidente dell’Istituto Sieroterapico Milanese “Belfanti” di Milano (per circa 100 anni prestigioso ente morale-azienda farmaceutica).]

1978, 19 giugno, muore a Saronno.

Mihajlovic, Draqcljub detto Draza (Ivanjica, Serbia 1893-Belgrado 1946) militare jugoslavo;
1939, colonnello;
1941, aprile, reagisce alla disfatta dell'esercito jugoslavo sotto i colpi delle armate italo-tedesche, raccogliendo bande partigiane (cetnici) sulle montagne della Serbia, da dove inizia la guerriglia contro gli invasori;
1942, gennaio, fedele alla monarchia, ottiene l'appoggio del governo jugoslavo in esilio a Londra che lo promuove generale e lo nomina ministro della guerra; aiutato inizialmente dagli alleati, entra ben presto in grave e cruento contrasto con le forze comuniste di Tito;
1943, estate, gli alleati gli fanno mancare l'appoggio; novembre-dicembre, alla conferenza di Teheran l'URSS ottiene dagli Stati Uniti e dall'Inghilterra la sconfessione dei cetnici e l'appoggio totale a Tito; abbandonato anche dal governo in esilio, egli si avvicina sempre più ai tedeschi;
1946, marzo, arrestato, viene sottoposto a processo sotto l'accusa di collaborazionismo e crimini di guerra; riconosciuto colpevole, viene fucilato.

Pieri, Piero (Sondrio 1893-Precetto Torinese 1979) storico italiano,
La Restaurazione in Toscana: 1814-1821 (1922)
Intorno alla storia dell'arte della seta a Firenze (1927)
Il regno di Napoli dal luglio 1799 al marzo 1800 (1928)
La crisi militare italiana nel Rinascimento (1934; 1952)
1935, docente di storia presso le università di Messina
1939, …e di Torino
Guerra e politica negli scrittori italiani (1955)
Storia militare del Risorgimento (1962)
L'Italia nella prima guerra mondiale, 1915-18 (1965).

Ribbentrop, Joachim von (Wesel, Renania Settentrionale-Vestfalia 1893-Norimberga 1946, impiccato) politico e diplomatico tedesco.

Rosboch, Ettore Bernardo (Torino 19 aprile 1893 – Roma 18 agosto 1944) politico italiano.

Rosenberg, Alfred (Reval, odierna Tallinn 1893-Norimberga 1946) politico tedesco, di famiglia tedesca dei paesi baltici;
[Il massimo propagandista e teorico nazista dell'antisemitismo e dell'anticomunismo.]


Sánchez-Albornoz, Claudio (Madrid 1893-ÁVIla 1984) storico e politico spagnolo, insegnante alle università di Barcellona, Madrid e Valladolid e a quella di Buenos Aires ove andò in esilio dopo la guerra civile, fu attivo nell'esperienza repubblicana, divenendo presidente della repubblica in esilio prima di rientrare in patria;
Intorno alle origini del feudalesimo (1943, in 3 voll.)
La Spagna e l'Islam (1943)
Origini di Castiglia (1943)
Da Carlo Magno a Roosevelt (1943)
La Spagna mussulmana (1949-50, in 2 voll.)
Spagna, un enigma storico (1956, in 2 voll.)
Il regno d'Austria: origine della nazione spagnola (1972-75)
Le mie testimonianze storico-politiche (1975)
La Spagna cristiana dal secolo VIII all'XI (1980).

Sandino, Augusto César (n. 1893-Managua 1934) politico nicaraguense, figlio di un piantatore di caffè;
1926, partecipa alla guerra civile contro il regime conservatore sostenuto dagli Stati Uniti;
1927, maggio, rifiutatosi di deporre le armi dopo l'accordo di Tipitapa fra le varie fazioni in lotta, guida una tenace guerriglia contro l'intervento statunitense in Nicaragua; nonostante gli sforzi dei marines americani, riesce sempre a sottrarsi alla cattura, suscitando l'ammirazione di gran parte della popolazione dell'America latina;
1933, gli Stati Uniti ritirano il loro contingente militare e i guerriglieri sandinisti escono dalla clandestinità;
1934, febbraio, dopo un incontro col presidente J. Sacasa per appianare le violente tensioni fra i propri seguaci e la guardia nazionale controllata da S. Somoza, viene catturato da elementi della guardia nazionale e assassinato; diviene così uno dei simboli della ribellione contro le interferenze degli Stati Uniti in America latina; per 45 anni le forze guerrigliere si opporranno alla dittatura della famiglia Somoza;
1979, le forze guerrigliere prendono il potere e si proclamano "Fronte sandinista di liberazione nazionale".

Sükhe Bator, Damdingiin (n. 1893-Urga 1923) politico mongolo, il fondatore della moderna Mongolia; lavorò come postiglione, poi come tipografo a Urga (l'attuale Ulan Bator), prima di arruolarsi nell'esercito della Repubblica Autonoma della Mongolia formatasi nel 1911 ma ricondotta sotto la sovranità cinese nel 1915;
1919, aderisce ai gruppi rivoluzionari sorti in questo periodo sotto l'influenza della rivoluzione sovietica;
1921, marzo, partecipa alla creazione del Partito rivoluzionario del popolo mongolo; mentre entrano in Mongolia le truppe "bianche" del barone R.N. von Ungern-Sternberg e quelle dei signori della guerra della Cina settentrionale, entra a far parte di un governo provvisorio rivoluzionario; abile capo militare, sconfigge i cinesi nella battaglia di Kyakhta Maimachen e stipula un'alleanza con la Russia sovietica per combattere le truppe di Ungern-Sternberg; luglio, l'armata rossa sovietica e le truppe popolari mongole entrano a Urga dove viene formato un governo riconosciuto da Mosca nel novembre nel corso di trattative guidate da lui stesso;
1923, viene assassinato da un lama.

Togliatti, Palmiro [Ercoli] (Genova 1893-Jalta 1964) politico italiano.

Tuchacevskij, Michajl Nikolaevic (Penza 1893-Mosca 1937) militare sovietico, di famiglia nobile.

Ulbricht, Walter (Lipsia 1893-Berlino 1973) politico tedesco, simbolo con K. Adenauer dello scontro tra le due Germanie durante la guerra fredda;
1912, aderisce al partito socialdemocratico e durante la prima guerra mondiale sconta una piccola detenzione per propaganda antimilitarista;
1919, si iscrive al KPD (Partito comunista di Germania) divenendone poi funzionario;
1923,viene eletto nel comitato centrale;
1928-33, deputato al Reichstag;
1933, in seguito alla Vittoria dei nazisti, si stabilisce nell'Unione sovietica;
1945, aprile, guida il ritorno in Germania del primo gruppo di esuli del KPD rifondando il partito nella zona d'influenza sovietica e dirigendo la campagna per la riunificazione dei socialdemocratici e dei comunisti nel Partito socialista unificato di Germania (SED);
1950-71, primo segretario della SED;
1960, presidente del consiglio di stato della Repubblica Democratica tedesca (tipo presidente della repubblica); 
1961, la guerra fredda culmina nella costruzione del muro di Berlino.

Velasco Ibarra, José Maria (Quito 1893-1979) politico ecuadoriano, avvocato;
1934, presidente della repubblica, viene deposto prima della scadenza;
1944, presidente della repubblica, viene deposto prima della scadenza;
1952-56, presidente della repubblica
1960, presidente della repubblica, viene deposto prima della scadenza;
1968, presidente della repubblica, viene deposto prima della scadenza;
1970, assume poteri dittatoriali;
1972, viene deposto definitivamente a opera di una giunta militare comandata dal generale G. Rodríguez Lara.

Torna su

I guerra italo-etiopica

«segue da 1889»
1893
poiché il negus Menelik II denuncia il trattato di Uccialli, il governo italiano appoggia il rivale ras Mangascià;
da questa politica l'Italia finisce con l'inimicarsi entrambi i capi etiopici;
«segue 1894»

Nuova Ricerca