©

Il Viandante

in rete dal 1996


Se ti siamo stati utili effettua una

Nuova Ricerca

Papa Pio VII
(1800-23)

cardinali:
Guidobbono Cavalchini Francesco [nipote di Gian Carlo] (1755-1828) (dal 1818).

«Amicizia cattolica»

«segue da 1817»
1819, Torino, nata con lo scopo principale di diffondere gratuitamente "buoni libri", si propaga a Rovereto con Rosmini.
«segue da 1820»

«Revue encyclopédique»

1819, Parigi, Julien de Paris fonda questa rivista letteraria e scientifica di orientamento liberale; il periodico, tra i più prestigiosi dell'età della restaurazione, si avvale dell'opera di collaboratori francesi e stranieri fra i quali si ricordano:
- J.-Ch.-L. S. de Sismondi,
- E. Geoffroy Saint-Hilaire,
- Ph. Chasles, J.-F. Boissonade;
«segue 1831»

Burschenschaften

«segue da 1815»
1819, dopo l'assassinio del drammaturgo A. von Kotzebue, sospetta spia dei russi, da parte di uno studente della Burschenshaft, per decisione dei governi dellaDeutscher Bund
(Confederazione Germanica), riunitasi in convegno a Karlsbad, l'associazione viene sciolta;
«segue 1827»

«Hermes»
(1819-31)

1820, l'editore F.A. Brochhaus lancia questo settimanale.
«segue 1831»

ANNO 1819






1819
Deutscher Bund*
(Confederazione Germanica)
1815 8 giugno - 23 agosto 1866
[Unione, con vincoli assai blandi,
di trentacinque stati sovrani.]
 
Impero d'Austria (escluse le regioni polacche o ungheresi)
Francesco I (Firenze 1768-Vienna 1835)
figlio di Leopoldo II e di Maria Luisa di Borbone infanta di Spagna;
1792-1806, imperatore del Sacro Romano Impero (Francesco II);
1804-35, imperatore d'Austria;
- Cancelliere:
- Ministro degli Esteri: principe di Metternich-Winneburg (1809-48);
1814-15, congresso di Vienna: la perdita dei Paesi Bassi viene compensata dalla creazione del Regno del Lombardo Veneto e dall'acquisto del Salisburghese e del Tirolo;
1819
-

Albero genealogico
 
Regno di Prussia (escluse le terre polacche)
Federico Guglielmo III (Potsdam 1770-Berlino 1840)
figlio di Federico Guglielmo II e di Federica Luisa di Assia-Darmstadt;
1797-1840, re di Prussia;
1814-15, congresso di Vienna: ottiene cospicui ingrandimenti territoriali nelle regioni renane;
1819
-
Albero genealogico
 
Regno di Baviera
Maximilian I Joseph (Schwetzingen, Mannheim 1756 - Schloss Nymphenburg, München 1825)
figlio del principe palatino Friedrich Michael e di Maria Franziska von Sulzbach, sua cugina;
1795-1799, duca di Pfalz-Zweibrücken,
1799-1805, conte palatino di Zweibrücken-Birkenfeld-Bischweiler,
principe elettore di Baviera [Maximilian IV Joseph]
1805-1825, conte palatino del Reno, duca di Baviera, re di Baviera [Maximilian I Joseph]
1814-15, congresso di Vienna: riesce a salvare buona parte di ciò che ha ottenuto da Napoleone I. Rimane re di Baviera e continua a dominare la Franconia e la Svevia. Deve invece restituire il Tirolo all'imperatore d'Austria.
1819
accontentando l'opposizione, guidata dal principe ereditario Ludwig, nel 1818 ha concesso (molto tempo prima delle altre regioni tedesche) la costituzione.
Albero genealogico
 
Regno di Hannover
vedi Gran Bretagna IRLANDA e Hannover  
 
Regno di Sassonia
Federico Augusto I (Dresda 1750-1827)
figlio di Federico Cristiano e di Antonietta di Baviera;
1763-1806, principe elettore di Sassonia (Federico Augusto III il Giusto)
1806-13, re di Sassonia;
1807-13, duca di Varsavia;
1815-27, re di Sassonia;
1814-15, congresso di Vienna:è costretto a cedere alla Prussia un terzo dei territori tedeschi e alla Russia il ducato di Varsavia;
1819
-
Albero genealogico
 
Regno di Württemberg 
Wilhelm I (Lübben 1781 - Schloß Rosenstein 1864)
figlio del re Friedrich I e della duchessa Auguste von Braunschweig-Wolfenbüttel;
1803-1805, principe elettore di Württemberg;
1816-1864, re di Württemberg;
1819
-
Albero genealogico
 
In tutto 35 stati sovrani compresi i seguenti:
Elettorato
Elettorato di Assia-Kassel
Wilhelm I (Kassel 1743 - Kassel 1821)
figlio del langravio Friedrich II e della p.ssa Mary di Great Britain, Ireland e Hannover;
1803-06 + 1813-21, principe elettore di Hessen;
1819
-
Albero genealogico
 
Granducati
Granducato di Assia
Ludwig I (Prenzlau 1753 - Darmstadt 1830)
figlio del langravio Ludwig IX e della pfgfn Karoline von Zweibrücken-Birkenfeld;
1790-1806, langravio di Hesse-Darmstadt;
1806-16, granduca di Hesse [Ludwig X];
1816-30, granduca di Hessen und bei Rhein;
1819
-
Albero genealogico
 
Granducato di Baden
Ludwig I (Karlsruhe 1763 - Karlsruhe 1830)
figlio del granduca Karl Friedrich e della ldgvne Karoline di Hesse-Darmstadt;
1818-30, granduca di Baden;
1819
-
Albero genealogico
 
Granducato di Lussemburgo
Willelm I (The Hague 1772 - Berlin 1843)
figlio del principe Willelm v di Nassau-Dietz e della p.ssa Wilhelmine di Prussia;
1815-40, re dei Paesi Bassi e granduca di Lussemburgo;
1819
-
Albero genealogico
 
Granducato di Meclemburgo-Schwerin
Friedrich Franz I (Schwerin 1756 - Ludwigslust 1837)
figlio di Ludwig di Grabow e della p.ssa Charlotte di Saxe-Coburg-Saalfeld;
1785-1815, duca di Mecklenburg-Schering;
1815-37, granduca di Mecklenburg-Schwerin
1819
-
Albero genealogico
 
Granducato di Meclemburgo-Strelitz
Georg (Hannover 1779 - Schweizerhaus, vicino Neustrelitz 1860)
figlio del granduca Karl II e della langravina Friederike von Hessen-Darmstadt;
1816-60, granduca di Mecklenburg-Strelitz;
1819
-
Albero genealogico
 
Granducato di Sassonia-Weimar-Eisenach

Karl August (Weimar 1757 - Graditz 1828)
figlio del duca Ernst August II e della d.ssa Anna Amalie von Braunschweig-Wolfenbüttel;
1758-1815, duca di Sassonia-Weimar-Eisenach; 1815-28, granduca di Sassonia-Weimar-Eisenach (creato il 21.4.1815);
1819
-

Albero genealogico
 
Ducati
Ducato di Braunschweig

Karl III (Braunschweig 1804 - Ginevra 1873)
figlio del duca Friedrich Wilhelm e della p.ssa Marie von Baden;
1815-30, duca di Braunschweig;
1819
-

Albero genealogico
 
Ducato di Holstein-Sonderburg-Beck
Wilhelm (Lindenau, vicino Königsberg 1785 - Gottorp 1831)
figlio del duca Friedrich e della c.ssa Friederike von Schlieben;
1816-25, duca di Holstein-Sonderburg-Beck;
1819
-
Albero genealogico
 
Ducato di Lauenburg
Ducato di Limburgo
Ducato di Nassau
Wilhelm (Kirchheimbolanden 1792 - Kissingen 1839)
figlio del duca Friedrich Wilhelm von Nassau-Usingen e della c.ssa Luise/Isabelle zu Sayn-Hachenburg;
1816-39, duca di Nassau;
1819
-
Albero genealogico
 
Ducato di Oldenburg
Wilhelm (Eutin 1754 - castello di Plön 1823)
figlio del duca Friedrich August di Holstein-Gottorp e della langravina Ulrika Friederike Wilhelmine di Hesse-Kassel;
1785-1810, duca di Oldenburg;
[disabile mentale dal 1785, il ducato è amministrato dal cugino Pietro]
1814-23, duca di Oldenburg;
1819
-
Albero genealogico
 
Ducato di Sassonia-Coburgo-Saalfeld
Ernst I (Coburg 1784 - Gotha 1844)
figlio del duca Franz e della c.ssa Auguste Reuss zu Ebersdorf;
1806-26, duca di Sassonia-Coburgo-Saalfeld;
1819
-
Albero genealogico
 
Ducato di Sassonia-Gotha-Altenburg
Friedrich IV (Gotha 1774 - Gotha 1825)
figlio del duca Ernst II e della p.ssa Luise Charlotte von Sachsen-Meiningen;
1804-25, duca di Sassonia-Altenburg;
1819
-
Albero genealogico
 
Ducato di Sassonia-Hildburghausen
Friedrich (Hildburghausen 1763 - Jagdhaus Hummelshain vicino Altenburg 1834)
figlio del duca Ernst Friedrich III e della p.ssa Ernestine von Sachsen-Weimar-Eisenach;
1780-1826, duca di Sassonia-Hildburghausen;
1819
-
Albero genealogico
 
Ducato di Sassonia-Meiningen
Bernhard II (Meiningen 1800 - Meiningen 1882)
figlio del duca Georg I e della p.ssa Luise Eleonore zu Hohenlohe-Langenburg;
1803-66, duca di Sassonia-Meiningen;
1819
-
Albero genealogico
 
Principati
Principato di Assia-Homburg
Friedrich V (Homburg 1748 - Homburg 1820)
figlio del principe Friedrich IV e della c.ssa Ulrike Luise zu Solms-Braunfels;
1751-1820, principe di Assia-Homburg;
1819
-
Albero genealogico
 
Principato di Hohenzollern-Hechingen

Friedrich (Namur 1776 - Schloß Lindich 1838)
figlio del Reichsfürst Hermann e della p.ssa Maximiliane de Gavre;
1810-38, principe di Hohenzollern-Hechingen;
1819
-


Albero genealogico
 
Principato di Hohenzollern-Sigmaringen
Anton Alois (Sigmaringen 1762 - Sigmaringen 1831)
figlio del principe Karl Friedrich e della c.ssa Johanna von Hohenzollern-Berg;
1785-1831, principe di Hohenzollern-Sigmaringen;
1819
-
Albero genealogico
 
Principato di Liechtenstein
Johann I (Wien 1760 - Wien 1836)
figlio del principe Franz Joseph I e della c.ssa Marie Leopoldine von Sternberg;
1805-36, principe von und zu Liechtenstein;
1819
-
Albero genealogico
 
Principato di Lippe
Leopold II (Detmold 1796 - Detmold 1851)
figlio del principe Leopold I e della p.ssa Pauline Christine von Anhalt-Bernburg;
1809-51, principe di Lippe-Detmol;
1819
-
Albero genealogico
 
Principato di Reuss-Greiz
Heinrich XIX (Offenbach 1790 - Greiz 1836)
figlio del principe Heinrich XIII e della p.ssa Luise Pss von Nassau-Weilburg;
1817-36, principe di Reuss-Greiz;
1819
-
Albero genealogico
 
Principato di Reuss-Schleiz
Heinrich LXII (Schleiz 1785 - Gera 1854)
figlio del conte Heinrich XLII e della p.ssa Karoline Henriette zu Hohenlohe-Kirchberg;
1818-54, principe di Reuss-Schleiz;
1819
-
Albero genealogico
 
Principato Schaumburg-Lippe
Georg (Bückeburg 1784 - Bückeburg 1860)
figlio del conte Philipp II e della langravina Juliane von Hessen-Philippsthal;
1806-60, principe di Schaumburg-Lippe;
1819
-
Albero genealogico
 
Principato di Schwarzburg-Rudolstadt
Friedrich Günther I (Rudolstadt 1793 - Schloss Heidecksburg 1867)
figlio del principe Ludwig Friedrich II e della ldgvne Karoline di Hesse-Homburg;
1807-67, principe di Schwarzburg-Rudolstadt;
1819
-
Albero genealogico
 
Principato di Schwarzburg-Sondershausen
Günther Friedrich Karl I (Sondershausen 1760 - Schloss an der Possen, vicino a Sondershausen 1837)
figlio del principe Christian Günther III e della p.ssa Charlotte Wilhelmine di Anhalt-Bernburg;
1794-35, principe di Schwarzburg-Sondershausen;
1819
-
Albero genealogico
 
Principato di Waldeck e Pyrmont
Georg Friedrich Heinrich (Weil 1789 - Arolsen 1845)
figlio del principe Georg e della p.ssa Auguste von Schwarzburg-Sondershausen;
1813-45, principe di Waldeck e Pyrmont;
1819
-
Albero genealogico
 
Città libere e anseatiche
Francoforte sul Meno
Brema
Amburgo
Lubecca
*Bund in tedesco significa tanto confederazione quanto federazione.
[Fino al 1847 costituirà poco più di una cassa di risonanza, in Germania, della politica del cancelliere austriaco principe di Metternich-Winneburg.]



 


 
1819
REGNO di POLONIA
(Regno del Congresso)
[capitale Varsavia]
 
 
1819
viene fondata l'università;

1819
Repubblica di Cracovia
 
 
1819
-


1819
PROVINCE ILLIRICHE
[1814-1822]

[entità amministrativa rimasta tale anche nonostante le proteste dell'Ungheria]

SLOVENIA
1819
-
ISTRIA
1819
-
CROAZIA [a sud della Sava]
1819
-
DALMAZIA [strappata agli Absburgo nel 1808.]
1819
-





1819
Albero genealogico
(Srednja Dobrinja 1780 - Topcider, Belgrado 1860)
di origine contadina;
1815-39, 1858-60, principe di Serbia;
1819
-


1819
-




1819
IMPERO OTTOMANO

Mahmud II

Albero genealogico

(Istanbul, 20 luglio 1785 – Istanbul, 1 luglio 1839)
figlio del sultano Abdul Hamid I e di una francese,
fratello di Mustafa IV;
1808-39, XXX sultano;


1819
-





1819
RUSSIA
Alessandro I Romanov
Albero genealogico

(Pietroburgo 1777 - Taganrog 1825)
figlio di Paolo I e di Maria Fëdorovna;
1801-25, zar di Russia;




Ministro degli Esteri
K.V. Nessel'rode
(1816 - 1856)
1819
-

Granducato di Finlandia
[relativamente autonomo]
- dal 1809, in seguito alla pace di Tilsit e al trattato di Fredrikshamn;
1819
-










1819
REGNO di FRANCIA
Louis XVIII

Louis-Stanislas-Xavier (Versailles 1755-Parigi 1824)
fratello minore di Louis XVI;
1755-1795, conte di Provenza (Louis-Stanislas-Xavier);
1793-95, reggente del delfino;
1795-1814, re di Francia [autoproclamato];
1814 [6 apr - 19 mar 1815] -1824, re di Francia;

Camera dei Pari
[Carta del 1814]
Ch.-H. Dambray
(1815 12 ott - 12 dic 1829)
Camera dei deputati dei dipartimenti
[Carta del 1814]
A.-S. Ravez
(1818 11 dic - 5 nov 1827)
I deputati sono eletti per 5 anni e la Camera è rinnovata ogni quinquennio.
 
Primo ministro
J.-J. Dessolle
marchese
(1818 29 dic - 18 nov 1819)
[liberale]
É. Decazes
conte
(19 nov - 17 feb 1820)
[liberale]
Affari Esteri
J.-J. Dessolle
marchese
(1818 29 dic - 19 nov 1819)
É.-D. Pasquier
barone
(19 nov - 14 dic 1821)
Interno
É. Decazes
conte
(1818 29 dic - 20 feb 1820)
Pubblica Istruzione
Président de la commission de l'Instruction publique
(sotto l'autorità del ministro dell'Interno)
P.-P. Royer-Collard
(1815 15 ago - 13 set 1819)
Facente funzioni di Président de la commission de l'Instruction publique
(sotto l'autorità del ministro dell'Interno)
George Cuvier

(13 set - 1° nov 1820)
Guardasigilli
P.-F.-H. de Serre
(1818 29 dic - 14 dic 1821)
Finanze
J.-D. Louis
barone
(1818 30 dic - 19 nov 1819)
A. Roy
(19 nov - 14 dic 1821)
Guerra
L. Gouvion
marchese di Saint-Cyr
(1817 12 set - 19 nov 1819)
M.-V.-N. de Fay
marchese di La Tour-Maubourg
(19 nov - 14 dic 1821)
Marina e Colonie
P.-B. Portal d'Albarèdes
barone Portal
(1818 29 dic - 14 dic 1821)
 
1819
Novembre
19
, il primo ministro J.-J. Dessolle si ritira, disgustato delle esigenze del partito reazionario;
il nuovo primo ministro É. Decazes prende provvedimenti di carattere liberale ma si spinge a destra in cerca di alleanze;

 

a

 

1819

Luigi Filippo d'Orléans

Albero genealogico
(Parigi 1773 - Claremont, Londra 1850)
primogenito di Luigi Filippo Giuseppe duca di Orléans e di Luisa Maria Adelaide di Borbone Penthiève;
1785-93, duca di Chartres;
1793-1830, duca di Orléans;
1807-30, duca di Montpensier;
dal 1815 è rientrato in Francia;


1830-48, re dei francesi;

Carlo Filippo

Albero genealogico

(Versailles 1757 - Gorizia 1836)
fratello minore di Louis XVI e di Louis XVIII;
1757-1824, conte d'Artois;
dal 1814 è a capo dei reazionari estremi (ultras), opponendosi al liberalismo moderato del fratello;


1824-30, re di Francia (Carlo X);

Napoleone II

Albero genealogico

(Parigi 1811 - Schönbrunn, Vienna 1832)
(Napoleone Francesco Giuseppe Carlo) figlio unico ed erede di Napoleone I e di Maria Luigia d'Austria; "re di Roma";
1815-32, duca di Reichstadt;
il suo nome viene utilizzato dal cancelliere austriaco K.W.L. Metternich per agitare la minaccia di un movimento bonapartista contro Luigi Filippo d'Orléans, e premere in tal modo sul sovrano francese perché rinunci alla politica del "non intervento";

 

 
1819
Paesi Bassi - Lussemburgo
WILLEM I
Albero genealogico

(The Hague 1772 - Berlin 1843)
figlio di Willem V [il Batavo], principe di Orange-Nassau, e della p.ssa Sofia Wilhelmine di Prussia;
[viene spogliato di tutti i suoi possessi da Napoleone I]
1813, si autoproclama principe sovrano dei Paesi Bassi;
1815-40, re dei Paesi Bassi e granduca di Lussemburgo;
Marzo
3
, sale al trono;
1815-40, granduca di Lussemburgo;
Giugno
9
, diventa granduca;
[dal 1815 il congresso di Vienna ha decretato la fusione delle antiche province Unite e dei Paesi Bassi belgi in un unico regno, concepito come stato cuscinetto in funzione antifrancese.]




1819
Colonie: recuperate con l'eccezione del Capo e di Ceylon, dipendono unicamente dal re.
Madrepatria: l'unità tra olandesi e belgi si rivela assai difficile a causa, sia delle differenze economiche sia dei dissidi di carattere religioso (tre milioni di cattolici contro due milioni di protestanti) e linguistico (valloni contro olandesi e fiamminghi);



 




1819
REGNO di GRAN BRETAGNA e Irlanda
Giorgio III
Albero genealogico
(Londra 1738-Windsor 1820)
figlio di Federico Luigi principe di Galles e di Augusta di Sassonia-Gotha;
1751-60, duca di Brunswick-Lüneburg (Giorgio);
1760-1820, elettore di Hannover;
1760-1815, re di Gran Bretagna e Irlanda;
1814-20, re di Hannover;
- colpito da gravi disturbi mentali sin dal 1788;
1818
poiché la malattia mentale di cui è affetto sin dal 1765, si era aggravata nel 1788 ed è ulteriormente peggiorata nel 1810, il Regency Bill ha provveduto a nominare reggente l'erede al trono, il principe di Galles Giorgio (il futuro Giorgio IV);




Giorgio IV
Albero genealogico
(Londra 1762 - Windsor 1830)
figlio primogenito di Giorgio III e di Carlotta Sofia di Mecklenburg-Strelitz;
1785, sposa segretamente la cattolica M.A. Fitzherbert
[il matrimonio dovrebbe far perdere il diritto di successione al trono in VIrtù dell'Act of Settlement, ma la regola non viene fatta valere nei confronti del giovane principe poiché le nozze non sono considerate valide];
1795, sposa la cugina Carolina di Brunswick;
1811-20, reggente al trono di Gran Bretagna e Irlanda;
a causa dell'inguaribile follia paterna;


1820-30, re di Gran Bretagna, IRLANDA e Hannover;

Primo lord
del Tesoro
[First Lord
of the Treasury
]
R. Banks JenkinsonTory
2° conte di Liverpool
(1812 9 giu - 10 apr 1827)
Cancelliere dello Scacchiere
[Chancellor
of the Exchequer
]
Nicholas Vansittart
(1812 12 mag - 31 gen 1823)
Segretari di Stato
Affari Esteri e Commonwealth
-
Affari Interni
H. Addington
visconte Sidmouth
(1812 - 31 gen 1823)
Giustizia
-
-
Ministro della Guerra
-
 
1819
-
Il British Foreign Enlistment Act vieta la costruzione di navi per conto di paesi belligeranti.


1819
-


1819
Ernesto Augusto
Albero genealogico
(Londra 1771 - Hannover 1851)
quintogenito di re Giorgio III d'Inghilterra e di Carlotta Sofia di Mecklenburg-Strelitz;
1799-51, duca di Cumberland;
1815-20, risiede a Berlino, ponendosi a capo degli ultraconservatori locali;


1837-51, re di Hannover;

1819
-

1819
REGNO di DANIMARCA
Federico VI
Albero genealogico

(Copenaghen 1768 - 1839)
figlio di Cristiano VII e di Caterina Matilde d'Inghilterra;
1784-1808, reggente al trono di Danimarca e Norvegia;
1808-14, re di Norvegia;
1808-39, re di Danimarca;
l'assegnazione del ducato di Lauenburg ha compensato in parte la perdita della Norvegia a beneficio del re di Svezia Carlo XIV Bernadotte;





1819
[dal 1804 nello Schleswig-Holstein i contadini sono emancipati dalla servitù della gleba.]

ISLANDA

1819
-


1819
REGNO di SVEZIA e di NORVEGIA
Carlo XIV
Albero genealogico

(Pau 1763 - Stoccolma 1844)
[Charles-Jean-Baptiste-Jules Bernadotte, adottato da Carlo XIII]
1818-44, re di Svezia e Norvegia;
già dal 1810 ha assunto di fatto la direzione della politica svedese e posto le basi per la creazione di una moderna monarchia costituzionale;

1819
-





1819
REGNO di PORTOGALLO 
Giovanni VI [il Clemente]
Albero genealogico

don Juan (Lisbona 1769 - 1826)
figlio di Pietro III e di sua nipote la regina Maria I;
1792-1807, reggente il trono di Portogallo;
[in seguito alla follia della madre]
1807-26, principe del Brasile [don Juan];
1816-26, re di Portogallo;
ma rimane ancora in Brasile;


1819
-

a


1819
REGNO di SPAGNA
Ferdinando VII
Albero genealogico
(San Ildefonso, Segovia - Madrid 1833)
figlio di Carlo Iv e di Maria Luisa di Parma;
1808, re di Spagna;
dal 1808 al 1814 è tenuto confinato in Francia da Napoleone I;
1814-33, re di Spagna;
1819
salito al trono ha subito abolito la costituzione liberale di Cadice del 1812;




Primo Ministro
-

1819
-







1819
SAVOIA- REGNO DI SARDEGNA
Vittorio Emanuele I
Albero genealogico
(Torino 1759 - Moncalieri 1824)
figlio quartogenito di Vittorio Amedeo III di Savoia e di Maria Antonia Ferdinanda di Borbone-Spagna;
?-1796, duca d'Aosta;
1792, marchese di Rivoli;
1792-93, combatte nella campagna contro i francesi;
1793, marchese di Pianezza;
1796-99, dopo la pace di Parigi si ritira con la famiglia reale in Sardegna;
1802-21, re di Sardegna e duca di Savoia;
dal 1814 è tornato in Piemonte perché ha ottenuto dal congresso di Vienna la restituzione delle terre sabaude accresciute dei territori della Repubblica di Genova;


1819
-

SARDEGNA
[viceré: Carlo Felice di Savoia (1796-1802, 1814-21]


1819
ducato di Modena e Reggio
Francesco IV d'Austria-Este
Albero genealogico

(Milano 1779 - Modena 1846)
figlio dell'arciduca Ferdinando d'Absburgo e di Maria Beatrice d'Este;
1814-46, duca di Modena e Reggio;

1819
-


1819
ducato di Parma, Piacenza e Guastalla
Maria Luisa d'Austria
Albero genealogico

(Wien 1791 - Parma/Wien 1847)
figlia di Francesco I e di Maria Teresa di Borbone-Due Sicilie;
1810, sposa Napoleone I;
1811, 21 marzo, nasce Napoléon-François-Charles-Joseph;
[dal 1818 duca di Reichstadt]
1814-47, duchessa di Parma, Piacenza e Guastalla;
1819
Agosto
dà alla luce (stavolta la notizia è certa) un bambino battezzato con i nomi di Guglielmo Alberto, conte di Montenuovo; anche lui dichiarato figlio di genitori ignoti e illegittimi;


1819
-


1819
Granducato di Toscana
Ferdinando III di Lorena
Albero genealogico
(Firenze 1769-1824)
secondogenito di Pietro Leopoldo (Leopoldo II ) e di Maria Ludovica di Borbone-Spagna;
1790-1801, granduca di Toscana;
1801-14, granduca di Würzburg;
nel 1801 è stato spodestato per effetto del trattato di Aranjuez che ha assegnato la Toscana a Ludovico di Borbone col titolo di re di Etruria mentre egli ha ottenuto in compenso il granducato di Würzburg;
1814-24, granduca di Toscana;
coadiuvato da capaci ministri come V. Fossombroni e N. Corsini;

 
1819
-


1819
REGNO DELLE DUE SICILIE
Ferdinando I
Albero genealogico

(Napoli 1751-1825)
figlio di Carlo III re di Spagna e di Maria Amalia di Sassonia;
sposato dal 1768 con Maria Carolina d'Absburgo (1752-1814);
1759-99, 1799-1806, 1815-16, re di Napoli;
[primo ministro e ministro degli esteri: ?; dal 1775 Maria Carolina d'Absburgo è entrata nel consiglio di stato]
1759-1816, re di Sicilia (Ferdinando III);
[viceré: ?]
1816-25, re delle Due Sicilie (Ferdinando I);

NAPOLI
1819
-
SICILIA
1819
dal 1817 la Sicilia è stata annessa al Regno di Napoli, la costituzione definitivamente soppressa e il popolo siciliano privato di tutte le sue libertà.











BRITISH NORTH AMERICA
[Nord America Britannico]
Governatore generale
Charles Lennox
duca di Richmond e Lennox
(1818 - 1819)
James Monk
(1819 - 1820)
-
-

1819
-

Il sacerdote scozzese Angus Bernard MacEachern (1759-1835) viene scelto come vescovo ausiliario con responsabilità sull'Isola del Principe Edoardo, Iles-de-la-Madeleine, New Brunswick;
[Dal 1820 con responsabilità anche sull'Isola di Capo Bretone.
Nel 1825 sarà rimpiazzato dal conterraneo William Fraser (1779-1851) e nle 1829 diventerà vescovo di Charlottetown.]

Il vescovo cattolico di Bardstown in Kentucky, il sulpiziano francese Benoît-Joseph Flager (1763-1850), individua nei piaceri della vita sociale, nelle feste notturne e nei balli degli abitanti di Detroit, tutti francocanadesi, «l'origine della loro immoralità, pigrizia e grande povertà». Per rimediare a tale stato di cose egli ordina ai sacerdoti locali di non dare l'assoluzione ai suonatori e a coloro che invitano gli amici in casa loro per ballare e fare musica.



Costa settentrionale dell'Oceano Pacifico (territorio corrispondente più o meno alla futura British Columbia – il cui confine meridionale sarà in seguito fissato dal trattato dell'Oregon (1846) – e ai futuri stati americani di Washington e Oregon: dal 1799 i russi operano sulla costa nordamericana sotto l'autorità della Compagnia Russo-Americana, l'equivalente della Hudson's Bay Company britannica, diretta fino al 1818 da Alexandr Andreevich Baranov (1747-1819).
Essa ha come centro amministrativo Novo-Arkangel'sk (poi Sitka, Alaska), posta in pieno territorio tlingit.
Neppure il territorio russo-americano, che si estende da Bodega Bay, poco a nord di San Francisco nello stato americano della California, fino all'Alaska, è molto diverso per attività e mescolanza di etnie da quello sottoposto all'autorità britannica.
Esso comprende 9.020 abitanti, di cui 8.385 indiani e Inuit, 391 russi, soprattutto di origine siberiana (tra i quali soltanto tredici donne), e 244 métis.
[Tra il 1819 e il 1840 la Compagnia Russo-Americana sarà riorganizzata.]

 

 


QUÉBEC
[Aggiunta alle altre province britanniche nel 1763, include la regione sulle due rive del fiume San Lorenzo grossolanamente delimitate da Anticosti a est e il Lago Nipissing a ovest.
Dal 7 nov 1763 la provincia (ex Canada francese) è stata divisa formalmente in tre distretti: Québec, Trois-Rivières, Montréal.
Nel 1791 la provincia è stata separata in due parti:
Basso Canada (francofoni) e Alto Canada (lealisti).]
BASSO CANADA
Governatore della provincia
Charles Lennox
duca di Richmond e Lennox
(1818 - 1819)
James Monk
(1819 - 1820)

1819
-

 

 

ALTO CANADA
Governatore della provincia
Peregrine Maitland
(1818 - 1828)

1819
-

Riconosciuta la peculiarità etnica della provincia, sia da parte di Roma che da parte di Québec, il sacerdote scozzese Alexander McDonell (1762-1840) viene nominato vescovo ausiliario con responsabilità sull'intera provincia.
[Nel 1826 sarà nominato vescovo di Kingston.]

 

TERRANOVA
Governatore della provincia
Charles Hamilton
(1818 - 1824)

1819
-

 

ISOLA DEL PRINCIPE EDOARDO
Governatore della provincia
Charles D. Smyth
(1813 - 1824)

1819
-

 

NEW BRUNSWICK
Governatore della provincia
George S. Smyth
(1817 - 1823)

1819
-

 

NOVA SCOTIA
Governatore della provincia
George Ramsay
conte di Dalhousie
(1818 - 1820)

1819
-

 

ISOLA DI CAPO BRETONE
Governatore della provincia
George R. Ainslie
(1816 - 1820)

1819
-

 

 

UNIONE degli STATI UNITI d'AMERICA
Presidente degli Stati Uniti
J. Monroe [5°]
(1817 4 mar - 4 mar 1825)
[repubblicano]
Vicepresidente
-
Segretario di Stato
[Ministro degli Esteri]
J.Q. Adams
(1817 5 mar - 3 mar 1825)
[repubblicano]
Ministro del Tesoro
-
Ministro della Guerra
-
Presidente della Corte Suprema
John Marshall
(1801 31 gen - 6 lug 1835)
[federalista]

1819
Gennaio
-

segue la colonizzazione del West con l'annessione dello stato dell'Alabama;

Causa McCulloch contro MARYLAND: riguarda la costituzionalità della Banca degli Stati Uniti [2ª] dopo che il MARYLAND ha cercato di impedire le operazioni della banca stessa con una tassa proibitiva.
[John Marshall fa riferimento alla teoria hamiltoniana dei "poteri impliciti" della Costituzione e afferma inoltre che il govenro nazionale è pienamnete sovrano nella propria sfera e non semplicemente una creatura degli stati.
John Marshall
sentenzia perciò che l'istituzione di una banca, per quanto non specificatamente autorizzata dalla Costituzione, è comunque implicita nella concessione di poteri fiscali al Congresso. D'altronde, nell'esercitare i suoi poteri costituzionali, il Congresso può adottare tutti i mezzi appropriati che non siano esplicitamente vietati dalla Costituzione.
Gli stati non hanno dunque alcun diritto di ostacolare l'esercizio dei poteri costituzionali da parte del governo federale. Di conseguenza la Banca degli Stati Uniti, come ente federale legittimo, non può essere sottoposta a regolamenti statali.]

Causa Dartmouth College contro Woodward: sorge quando il parlamento del NEW HAMPSHIRE modifica arbitrariamente lo statuto del Dartmouth College nell'intento di porre l'istituto sotto il controllo statale.
[Daniel Webster, anch'egli laureatosi a Dartmouth, sostiene davanti al tribunale che lo statuto di fondazione è un contratto nell'accezione costituzionale ed è quindi inviolabile.
Confermando questa tesi, John Marshall non solo estende la garanzia costituzionale alle fondazioni private ma, più significativamente, garantisce anche alle società a responsabilità limitata l'immunità da interferenze legislative statali.]

 

 

[Maldwyn A. Jones, Storia degli Stati Uniti, Bompiani 1984.]

 




[01] DELAWARE [dal 7 dicembre 1787] - cap. Dover
[Primo stato a ratificare la Costituzione degli Stati Uniti d'America.
Non esistono collegamenti fra chiesa e stato e una grande libertà religiosa si è affermata sin dall'inizio.]
Governatore
-

1819
-

 

[02] PENNSYLVANIA [dal 12 dicembre 1787] - cap. Harrisburg
[Non esistono collegamenti fra chiesa e stato e una grande libertà religiosa si è affermata sin dall'inizio.]
Governatore
-

1819
-

 

[03] NEW JERSEY [dal 18 dicembre 1787] - cap. Trenton
[Non esistono collegamenti fra chiesa e stato e una grande libertà religiosa si è affermata sin dall'inizio.]
Governatore
-

1819
-

 

[04] GEORGIA [dal 2 gennaio 1788] - cap. Atlanta
[Già ammesso nel 1780 ma ratificato solo il 2 gennaio 1788.]
Governatore
-

1819
-

[05] CONNECTICUT [dal 4 gennaio 1788] - cap. Hartford
Governatore
-

1819
-

[06] MASSACHUSETTS [dal 6 febbraio 1788] - cap. Boston
Governatore
-

1819
-


[07] MARYLAND [dal 28 aprile 1788] - cap. Annapolis
Governatore
-

1819
-






[08] SOUTH CAROLINA [dal 23 maggio 1788] - cap. Columbia
Governatore
-

1819
-

[09] NEW HAMPSHIRE [dal 21 giugno 1788] - cap. Concord
Governatore
-

1819
-

 





[10] VIRGINIA [dal 26 giugno 1788] - cap. Richmond
Governatore
-

1819
-

 





[11] NEW YORK [dal 26 luglio 1788] - cap. Albany
[L'anglicanesimo è la religione di stato in quattro contee.]
Governatore
-

1819
-

 

[12] NORTH CAROLINA [dal 21 novembre 1789] - cap. Raleigh
[Tratto di terre immediatamente a sud della Virginia, attorno allo stretto di Albemarle.]
Governatore
-

1819
-

[13] RHODE ISLAND [dal 29 maggio 1790] - cap. Providence
Governatore
-

1819
-


[14] VERMONT [dal 4 marzo 1791] - cap. Montpelier
Governatore
-

1819
-
Norwich, Alden Partridge, un ex sovrintendente di West Point, fonda l'American Literary Scientific and Military Academy.


[15] KENTUCKY [dal 1° giugno 1792] - cap. Frankfort
Governatore
-
-

1819
-


[16] TENNESSEE [dal 1° giugno 1796] - cap. Nashville
Governatore
-
-

1819
-

 





[17] OHIO [dal 1° marzo 1803] - cap. Columbus
Governatore
-
-

1819
-

[18] LOUISIANA [dal 30 aprile 1812] - cap. Baton Rouge
Governatore
-

1819
-

Il territorio del Missouri, situato all'interno di quello della LOUISIANA, è stato popolato in prevalenza da coloni del sud e circa 6000 dei suoi 66.000 abitanti (1820) sono schiavi negri; perciò la costituzione proposta per il nuovo stato riconosce e protegge lo schiavismo.

Febbraio
il progetto di ammissione del Missouri arriva all'esame del Congresso;
un deputato dello stato di NEW YORK propone un emendamento che prevede la graduale abolizione della schiavitù come condizione per l'ammissione.
L'emendamento viene approvato dalla camera dei rappresentanti con un voto che vede nettamente contrapposti Nord e Sud ma viene respinto dal senato.
La questione viene furiosamente dibattuta in tutto il paese.
Il Nord, avendo ormai superato il Sud quanto a popolazione, ha una maggioranza consistente alla camera dei rappresentanti; ma con 11 stati schiavisti e 11 liberisti, al senato si è in una situazione di parità.
Quale fazione controllerà il governo federale in futuro dipende dall'accettazione o meno dello schiavismo nel Missouri.

Trattato Adams-Onís: definisce, tra l'altro, il confine tra il MESSICO spagnolo e la LOUISIANA statunitense: esso andrà dal fiume Sabine, nel TEXAS orientale, fino al 42° parallelo (futuro confine settentrionale della CALIFORNIA) e da quel punto, verso ovest, fino al Pacifico.
Ciò vuol dire che gli Stati Uniti rinunciano alle loro nebulose pretese sul TEXAS, mentre la Spagna rinuncia a pretese altrettanto vaghe sul territorio dell'Oregon.

 


[19] INDIANA [dal 11 dicembre 1816] - cap. Indianapolis
Governatore
-

1819
-

 


[-] FLORIDA
Tra il 1810 al 1813 gli Stati Uniti hanno inglobato la maggior parte della Florida occidentale, la scia costiera che corre da New Orleans a Mobile, ma una buona parte della colonia, unitamente a tutta la Florida orientale, cioè la penisola, resta ancora sotto il dominio spagnolo.
Governatore
-
-

1819
-

Trattato Adams-Onís: sancisce la cessione di entrambe le Floride (occidentale e orientale) agli Stati Uniti.
[Nello stesso tempo gli Stati Uniti si fanno garanti al governo spagnolo dei crediti vantati dai cittadini di queste colonie nei confronti del governo spagnolo, crediti che ammontano a circa 5 Mni di dollari.


[20] MISSISSIPPI [dal 10 dicembre 1817] cap. Jackson
Governatore
-
-

1819
-


[21] ILLINOIS [dal 3 dicembre 1818] - cap. Springfield
-
Governatore
-
-

1819
-

[22] ALABAMA
Governatore
-
-

1819
Dicembre
14
, entra a far parte dell'Unione.

a







1819
viceregno del Messico
(spagnolo)
- viceré
?
(? - ?)
 
1819
si è chiusa già nel 1815 la prima fase della guerra anticoloniale col fallimento della rivolta contadina;






1819
VENEZUELA
-
?
(? - ?)
1819
Febbraio
al congresso costituente di Angostura S. Bolívar prospetta la fusione del Venezuela e della Nueva Granada in una grande nazione colombiana;
Maggio
lancia la guerra de desgaste (campagna di distruzione) con un esercito di 3400 uomini;
Agosto
sbaraglia gli spagnoli a Boyacá ed entra a Bogotà;
Dicembre
al congresso di Angostura proclama costituita la Repubblica Federale della Grande Colombia e ne diventa primo presidente;


- Nueva Granada.



1819
ECUADOR
-
?
(?-?)
 
1819
-



1819
PERU'
-
?
(?-?)
 
1819
-



1819
CILE
Direttore generale
 
1819
Santiago,



1819
GUYANE
dal 1816 divise nelle tre colonie:
Guyana (inglese)
1819
-
Suriname (olandese)
1819
-
Guyane Française (francese)
1819
-


1819
don Juan
Albero genealogico
(Lisbona 1769 - 1826)
figlio di Pietro III e di sua nipote la regina Maria I;
1792-1807, reggente il trono di Portogallo;
[in seguito alla follia della madre]
dal 1807 dichiarato decaduto da Napoleone;
1807-26, principe del Brasile;
1816-26, re di Portogallo (Giovanni VI [il Clemente])
[dal 1808 vive in Brasile con la famiglia.]





1819
-



1819
PARAGUAY
Presidente della repubblica
G. Rodriguez Francia
(1814-40)
 
1819
-


1819
Province Unite del Rio de la Plata
(indipendente dal 9 luglio 1816)
Direttore supremo
 
1819
viene promulgata una costituzione repubblicana, moderatamente liberale;
la situazione economica s'avvia a un netto peggioramento, in conseguenza della penetrazione dei manufatti inglesi che mette in crisi il nascente artigianato locale, mentre rallenta l'afflusso dei prodotti minerari della regione andina;
già alla fine dell'anno l'unità politica dell province Unite cessa di fatto di esistere a causa dell'insorgere di sangunose lotte civili fra i partigiani del governo centrale (in pratica Buenos Aires) o "unitari" e i " federalisti" delle province (latifondisti e allevatori gauchos); ne derivano crescenti intromissioni dell'esercito nella vita politica e, con esse, la piaga (in parte retaggio del periodo coloniale) del "caudillismo", intreccio di oligarchie politiche ed economiche e di egemonie militari che imprimono allo svoiluppo argentino della prima metà del secolo un indirizzo tumultuoso, caratterizzato da tendenze espansionstiche in politica estera;




1819
URUGUAY
-
?
(? - ?)
 
1819
Montevideo, i portoghesi, assecondati dagli argentini, hanno sconfitto i patrioti uruguaiani che nel 1815, con il proprio movimento autonomista guidato da J.G. Artigas, avevano conquistato la capitale;







Cina







Giappone





1819
EGITTO
[parte dell'Impero Ottomano]
Mehmet Alì o Muhammad 'Ali
(Cavalla, Macedonia 1769 - Il Cairo 1849)
di famiglia albanese (secondo altri turca), nato in Macedonia;
1805-48, wali o pascià d'Egitto;
[eletto dagli "ulama" egiziani, insorti contro i mamelucchi, al posto del governatore Cosroe Pasha, ottenendo dalla Porta la ratifica della loro scelta.
Considerato il fondatore dell'Egitto moderno, riorganizza l'esercito su modello europeo, inizia a razionalizzare l'agricoltura e incentiva una nascente industria manifatturiera.]


1819
-




1819
Senegal
[dal 1814 restituito alla Francia con il trattato di Parigi.]
- Governatore
-
1819
-


1819
Niger
1819
-


1819
Sierra Leone
[colonia inglese dal 1808.]
- Governatore
?
(?-?)
1819
-

1819
Basso Congo
-
1819
-


1819
Africa Sud-Occidentale
-

1819
-

 

 
1819
Mozambico
-
-
1819
le esportazioni del Mozambico si basano quasi esclusivamente sugli schiavi.
Qui la schiavitù rimane la forma principale di manodopera per i prazeros, senza contare i colonos (africani che pagano il testatico e lavorano senza alcun compenso per i signori e le missioni portoghesi).
Il traffico degli schiavi raggiunge i 10.000 all'anno.




1819
Regno del Madagascar
(Imérina)
Radama I
(? - ?)
figlio di Andrianampoinimerina o Nampoina (1787-1810);
1810-28, re del Madagascar;
l'influenza guadagnata sotto il suo regno dagli emissari inglesi e dai missionari protestanti acuisce l'ostilità verso gli stranieri.
1819
-


1819
[L'insediamento degli inglesi (1806), divenuto definitivo nel 1814, ha formato un'oligarchia amministrativo-commerciale anglosassone nel Sud.]
- Governatore
Somerset
(?-?)
1819
Città del Capo, arriva il missionario segregazionista John Philip, che propone la formazione di una "catena di Stati", da Griquatown a Bethelsdorp, legati da trattati. Il loro governo dovrebbe avere come base le missioni e i magistrati "bianchi".
Ribellioni popolari vengono soffocate dai militari con il beneplacito dei missionari.

Aprile
Makanda attacca la base missionaria di Teopoli e gli inglesi a Uitenhage. Quindi marcia su Grahamstown…
23, …e la circonda con diecimila uomini che usano come arma principale una lancia corta, simile a un pugnale.
Il fuoco dei cannoni inglesi abbatte tremila Xhosa in lotta per difendere la propria terra. Makanda è catturato e imprigionato nell'isola di Robben.

Dicembre
Makanda riesce a fuggire a nuoto, ma annega al largo della spiaggia di Blaauwberg, di fronte al monte Table, dopo che gli inglesi hanno respinto una delegazione xhosa venuta a intercedere per il valoroso generale.
David Stuurman torna a Città del Capo ma viene catturato.
[Esiliato in Australia nel 1823, morirà qualche tempo dopo.]

Moshesh unifica la confederazione tribale dei Ba soto (Basuto) a Thaba Bosigu.

Il Voyage Along the Eastern Coast of Africa di James Prior rivela che il traffico degli schiavi continua e le potenze europee si servono di intermediari arabi.



 





1819
Persia
Fath 'Ali
(? - 1834)
nipote di Agha Muhammad, della dinastia Qagiar;
?-1834, scià di Persia;


1819
dopo il trattato del Golestan sono rimasti in discussione tre distretti di frontiera con la Russia.
[Se ne riparlerà nel 1827]


 



La rivoluzione industriale

1819, prima traversata atlantica, con battello a ruota e a vapore, della nave Savannah: in realtà il vapore serve come ausilio quando la forza del vento fa scendere la velocità sotto i 4 nodi; ma le pale sono pieghevoli e in caso di mareggiata possono essere smontate e messe al riparo; notevole è anche la Great Eastern progettata da Isambard Kingdom Brunel: lunga più di 200 m, un record di grandezza che manterrà per 50 anni, è equipaggiata per qualsiasi evenienza; la propulsione, fino ad una velocità massima di 15 nodi orari, è garantita dalle enormi velature sostenute dai sei alberi, ma anche dalle ruote a pale e dall'elica azionata da sei motori.

 



Adams, John Couch (Launceston, Cornovaglia 1819-Cambridge 1892) astronomo inglese;
1845, calcola con precisione l'orbita di Nettuno, poi scoperto da J.G. Galle nel 1846 all'osservatorio di Berlino, noti i calcoli di Leverrier che li aveva eseguiti indipendentemente da Adams. 
Raccolse e curò la pubblicazione degli inediti matematici di I. Newton.

Bandiera, Emilio (Venezia 20 giugno 1819-Cosenza 23 luglio 1844) patriota italiano;
[Figlio del conte Francesco contrammiraglio delle forze navali austriache, e fratello di Attilio (1810-1844).]
[Il conte Francesco, già ufficiale del Regno Italico e, dopo la restaurazione, ammiraglio della flotta austriaca, è noto ai patrioti per aver catturato nel 1831 nelle acque di Ancona un bastimento carico di profughi.]
avviato alla carriera militare, diventa alfiere di fregata;
1840, ufficiale della marina imperialregia, fonda, assieme al fratello, la società segreta "Esperia";
1842, affiliatisi alla Giovine Italia di G. Mazzini, i due fratelli fanno dell' Esperia" una sezione della Giovine Italia;
1843, i due fratelli sono denunciati da T.v. Micciarelli, che rivela le trame dell' "Esperia" all'ambasciatore austriaco di Costantinopoli;
1844, disertano a Corfù, sbarcano a Cotrone con 19 compagni ma, traditi da un altro [il 20°] compagno della spedizione, il còrso P. Boccheciampe che li ha denunciati alle autorità, vengono sopraffatti dai borboni a san Giovanni in Fiore e condannati a morte dopo un processo sommario.

Cavalcaselle, Giovan Battista (Legnago, Verona 1819-1897) storico dell'arte italiana;
Notizie sulla vita e sulle opere dei pittori primitivi fiamminghi (Londra 1857, con J.A. Crowe)
vita di Tiziano (Firenze 1877)
vita di Raffaello (Firenze 1884-91)
Storia della pittura in Italia (Firenze 1895-1909, in 11 voll.).

Céspedes y Borja del Castillo, Carlos Manuel de (Bayamo 1819-San Lorenzo 1874) politico cubano;
1868, promuove con F.v. Aguilera l'insurrezione di Yara che dà inizio alla prima guerra d'indipendenza di Cuba;
1869, presidente della repubblica di Cuba;
1873, ottobre, deposto dagli stessi rivoluzionari, rimane ucciso in uno scontro con truppe spagnole sulla Sierra Maestra.

Courbet, Gustave (Ornans, Franca Contea 1819-La Tour-de-Peilz, vevey, Svizzera 1877) pittore francese.

Credé, Carl Siegmund Franz (Berlino 1819-Lipsia 1892) medico tedesco, professore di ostetrica e ginecologia, il cui nome è legato alla profilassi della congiuntivite dei neonati realizzata mediante instillazioni di nitrato d'argento.

Decazes, Louis (1819-1886) politico francese, figlio di Élie (1780-1860);
1871, uno dei capi del centro-destra dell'assemblea nazionale;
1873-1877, ministro degli esteri, riesce ad isolare diplomaticamente la Germania evitando la guerra minacciata da Bismarck.

Evans, Mary Ann o Marian o George Eliot (Arbury, Warwickshire 1819-Londra 1880) scrittrice inglese, giornalista, direttrice della «Westminster archivi» di J. Chapman, compagna di George Henry Lewes (morto nel 1878), moglie di John Cross (1880);
La vita di Gesù di D.F. Strauss (traduzione)
Scenes of Clerical Life (1857, Scene di una vita clericale)
Adam Bede (1859)
[Un best-seller, raggiunge ventimila copie.]
The Mill on the Floss (1860, Il mulino sulla Floss)
Silas Marner (1861)
Romola (1863)
Feliz Holt (!866)
Middlemarch (1871-72, a puntate)
Daniel Deronda (1874-76).

Ferrero, Emilio (Cuneo, 13 gennaio 1819 – Firenze, 1º dicembre 1887) politico italiano.

Fizeau, Armand-Hippolyte-Louis (Parigi 1819-Venteuil 1896) fisico francese, elaborò in concomitanza agli esperimenti sulla luce una teoria meccanica dell'etere giungendo nel 1851 a rilevarne il trascinamento da parte della materia.

Fontane, Theodor (Neuruppin, Brandeburgo 1819-Berlino 1898) scrittore tedesco.

Gramont, Antoine-Agénor duca di (Parigi 1819-1880) diplomatico francese;
1853-57, plenipotenziario a Torino;
1857, ambasciatore a Roma;
1859, dopo la guerra d'indipendenza cerca inutilmente di convincere Pio IX a concessioni territoriali in favore del Piemonte;
1860, si mostra favorevole ad un intervento francese in Italia a garanzia del potere temporale del pontefice;
1861, ambasciatore a Vienna, favorisce l'avvicina mento fra Austria e Francia;
1870, maggio, chiamato a reggere il ministero degli esteri nel gabinetto di E. Olivier, ha un peso determinante nel provocare lo scoppio della guerra franco prussiana, sia per la sua rigidità nei confronti della Prussia nella questione della candidatura del principe Leopoldo di Hohenzollern al trono di Spagna, sia per la sua volontà di affermare il prestigio della Francia; dopo le dimissioni del ministero Olivier si ritira a vita privata.

Gualterio, Filippo Antonio - marchese di Corgnolo (Orvieto 1819-Roma 1874) politico e storico italiano.

Hohenlohe-Schillingsfürst, Chiodwig principe di (Rotenburg, Assia-Nassau 1819-Bad Ragaz, Svizzera 1901) politico tedesco;
1866, membro della camera alta bavarese, dopo la sconfitta della Baviera promuove l'accordo con la Prussia considerata l'unica potenza in grado di riunificare la Germania e di salvaguardare gli interessi della grande proprietà terriera di cui egli è uno dei maggiori rappresentanti;
1870, convince il re di Baviera a entrare in guerra a fianco della Prussia contro la Francia;
1874-85, ambasciatore a Parigi;
1885-94, governatore dell'Alsazia-Lorena;
1894, è chiamato da Guglielmo II (di cui è parente) a succedere a L. von Caprivi come cancelliere dell'impero, carica tenuta fino al 1900;
il suo governare è dominato soprattutto dalla "politica di concentrazione" (Sammlungspolitik) della borghesia imprenditoriale con l'aristocrazia terriera; questa politica, nell'ambito della quale l'ottantenne cancelliere diventa spesso paravento consenziente del ministro delle finanze J. Miquel, è anche la base dei programmi di espansionismo imperialistico della Germania in Africa; in politica estera favorisce un riavvicina mento con la Russia nella quale, fra l'altro, con il matrimonio ha acquistato enormi possedimenti; rimane sempre in rapporti difficili con i francesi che non gli perdonano il suo contributo alla guerra del '70;
Memorie (postume, assai critiche nei confronti di Guglielmo II).

Keller, Gottfried (Zurigo 1819-1890) scrittore svizzero di lingua tedesca;
Gedichte (1846, Poesie)
Enrico il verde (1851-55, in 4 voll.; 1879-80, seconda redazione)
Die Leute von Seldwyla (La gente di Seldwyla (metafora di Zurigo) 
I volume, 1856, cinque novelle; II volume, 1874, cinque novelle)
1861, assurge alla carica di segretario di Cancelleria nel suo Cantone;
Züricher Novellen (1876-77, Novelle zurighesi; cso Il vessillo dei sette impaVIdi del 1860)
1867-68, mentre la "rivoluzione secca" porta alla proclamazione della costituzione nel 1869 egli mantiene la sua carica fino al 1876;
Sieben Legenden (1872, Sette leggende)
Das Sinngedicht (1881, L'epigramma)
Martin Salander (1886).

Kingsley, Charles (Holne, Devonshire 1819-Eversley, Hampshire 1875) scrittore inglese, figlio di un pastore anglicano, creò con J.F.D. Maurice il gruppo dei "socialisti cristiani"; sostenne una famosa polemica con J.H. Newman che per rispondergli scriverà (1864) la Apologia pro vita sua;
Yeast (1848, Fermento)
Alton Locke (1850)
Westward Ho! (1855, romanzo storico)
The Water Babies (1863, I bambini acquatici, racconti per ragazzi)
Saggi politici e sociali.

Klopp, Onno (Germania del Nord 1819-?) storico tedesco;
di religione protestante, è nominato storiografo di corte dal duca di Braunschweig e Lüneburg Albero genealogico;
1873, abbraccia la religione cattolica;
Das Jahr 1683 und der folgende grobe Türkenkrieg bis zum Frieden von Carlowitz 1699 (Graz 1882, in cui espone la parte decisiva avuta dal frate cappuccino Marco d'Aviano nella liberazione di Vienna dai turchi)
Corrispondenza epistolare tra Leopoldo I imperatore ed il p. Marco d'Aviano, capuccino, dai manoscritti originali tratta e pubblicata (Graz 1888)

La Masa, Giuseppe (Trabia, Palermo dicembre 1819-Roma 1881) politico italiano;
1844, esule dal Regno delle Due Sicilie per la sua ostilità al regime borbonico;
I popoli del Regno delle Due Sicilie ai fratelli italiani… (Firenze 1847)
1848, tornato clandestinamente a Palermo è tra i promotori dell'insurrezione palermitana del 12 gennaio e presiede il comitato provvisorio che nei giorni successivi assume la direzione del movimento; in seguito è inviato in Lombardia al comando di un gruppo di volontari siciliani a combattere nella I guerra d'indipendenza; settembre, prende parte alla difesa di Messina contro le truppe napoletane;
1849, esule, si stabilisce a Torino;
Documenti della rivoluzione siciliana del 1847-49 in rapporto all'Italia (1850-51)
La guerra insurrezionale in Italia (1856, sulla guerra per bande)
1860, partecipa alla spedizione dei Mille ed in Sicilia è l'organizzatore principale dei volontari isolani (i "picciotti"); entra nell'esercito regolare italiano;
1861, deputato della sinistra fino al 1870.

Lowell, James Russell (Cambridge, Massachusetts 1819-Elmwood, Massachusetts 1891) scrittore statunitense, di antica famiglia della Nuova Inghilterra, marito della scrittrice Mary White;
A Fable for Critics (1848, Una favola per i critici; serie di ritratti critici acuti e mordaci di letterati del suo tempo: R.W. Emerson, W.C. Bryant, N. Hawthorne, E.A. Poe)
The Biglow Papers (1848, Il carteggio Biglow, raccolta di epistole in versi in dialetto yankee, in decisa polemica antischiavista)
The VIsion of Sir Launfal (1848, La visione di sir Laungal, parodia della leggenda del Graal)
1855, succede a H.W. Longfellow nell'insegnamento ad Harvard ottenendo poi la direzione delle importanti riviste «Atlantic Montly» e «North American archivi»;
ambasciatore in Spagna e Inghilterra;
Among My Books (1870, Tra i miei libri)
Le finestre del mio studio (1871)
Saggi politici (1888).
[Appartiene ai "bramini", il gruppo, la "casta" di scrittori apprezzati nell'Ottocento americano ma non facenti parte del "Rinascimento Americano"; nel XX secolo saranno definiti "Fireset poets" (Poeti da caminetto).]

Malvezzi De' Medici, Giovanni (Bologna, 10 settembre 1819 – Ozzano, Bologna - oggi Ozzano dell'Emilia, Bologna 3 ottobre 1892) politico italiano.
[Figlio di Francesco e di Teresa Carniani, e padre di Nerio.]

Mastriani, Francesco (Napoli 1819-1891) scrittore italiano, autore popolarissimo di romanzi d'appendice (circa cento); suo modello fu l'opera di Eugène Sue (1804-1857)
vedi I Patiti del Giallo.

Melville , Herman (New York 1819-1891) scrittore statunitense.

Mordini, Antonio (Barga, Lucca 1819-Montecatini val di Nievole, Pistoia 1902) politico italiano;
1837, laureatosi in legge a Pisa, si trasferisce poi a Firenze;
1845, influenzato dalle idee di G. Mazzini organizza una società segreta repubblicana e unitaria;
1846-47, è tra i più attivi promotori del movimento liberale e riformatore nel granducato di Toscana;
1848, durante la guerra è ufficiale nei corpi volontari; alla fine dell'anno è tra i fondatori a venezia del Circolo italiano, di tendenze radicali, per cui viene espulso dalla città; tornato a Firenze VI dirige il foglio repubblicano «La Costituente italiana» (dic. 1848-marzo 1849);
1849, febbraio, è ministro degli esteri nell'effimero governo Montanelli-Guerrazzi; esule, dopo la restaurazione granducale, in Corsica, Piemonte, Francia, Inghilterra, si stacca gradatamente dal mazzinianesimo e si avvicina a G. Garibaldi;
1859, con quest'ultimo partecipa alla guerra;
1860, e alla campagna per la liberazione del mezzogiorno nel corso della quale è nominato prodittatore in Sicilia in sostituzione di A. Depretis; dopo la formazione dello stato unitario egli si avvicina sempre più alle posizioni della destra storica;
1861-95, deputato;
1867 maggio-dicembre 1869, ministro dei lavori pubblici nei governi Rattazzi e Menabrea;
1871, vice-presidente della camera;
1872-76, prefetto di Napoli;
1896, senatore.

Orsini, Felice (Meldola, Forlì 1819-Parigi 1858) patriota italiano.

Padula, Vincenzo (Acri, Cosenza 1819-1893) scrittore italiano, figlio di un medico, fu avviato al sacerdozio e, presi gli ordini, insegnò nel seminario di San Marco Argentano;
Il monastero della Sambucina (1842)
Il valentino (1845)
1848, amico del poeta patriota D. Mauro, per aver aderito alle cospirazioni antiborboniche è costretto a lasciare l'insegnamento e a cercare impieghi in case aristocratiche di provincia;
Antonello, capo brigante calabrese (1850, ca)
1854, stabilitosi a Napoli è tra i fondatori del «Secolo XIX», d'indirizzo moderato;
Apocalisse (1854, traduzione in versi)
1862, per interessamento di F. de Sanctis, ministro della pubblica istruzione, ottiene una cattedra nel liceo di Cosenza; 
1864-65, a Cosenza pubblica e redige da solo «Il Bruzio» periodico bisettimanale;
Stato delle persone in Calabria (1864-65, pubblicato sul «Bruzio»; prima vera inchiesta sulle piaghe del sud)
1878-80, tiene un incarico di letteratura latina nell'università di Parma;
Poesie varie (1878)
Prose giornalistiche (1878, raccolta)
1881, torna a Napoli e poco dopo, gravemente ammalato, si ritira nel paese natale;
Poesie (1894, postumo).

Pretorius, Marthinius (Graaff Reinet, Città del Capo 1819-Potchefstroom, Transvaal 1901) politico sudafricano;
[Figlio di Pretorius (1799-1853).]
1853, inizia la sua attività politica continuando gli sforzi del padre per creare uno stato boero forte e centralizzato che superi il particolarismo dei vari gruppi di coloni olandesi;
1856, riesce a far approvare la costituzione della repubblica del Transvaal di cui viene eletto presidente;
1859, viene eletto presidente anche del Stato Libero di Orange (anch'esso boero);
1864, maggio, di nuovo presidente del Transvaal, lavora per rafforzare l'apparato amministrativo e per estendere i suoi confini in direzione del Bechuanaland, conteso dalla Gran Bretagna;
1871, si dimette perché accusato di non aver saputo difendere gli interessi del Transvaal in occasione del contrasto con gli inglesi per il possesso dei territori diamantiferi a nord del fiume vaal;
1877, quando il Transvaal viene incorporato dalla Gran Bretagna, compone con P. Kruger e P. Joubert un triumvirato;
1880, questo organizza l'insurrezione contro la Gran Bretagna e riottiene il riconoscimento dell'indipendenza del Transvaal (1881);
1883, si ritira definitivamente dalla politica.

Rossi, Alessandro (Schio, Vicenza 21 novembre 1819 – Santorso, fraz. di Schio, Vicenza 28 febbraio 1898) industriale e politico italiano.
[Figlio di Francesco (1783-1845) fondatore dell'opificio laniero omonimo e creatore a Vicenza di una scuola industriale che porta il suo nome.
Padre di Giovanni.]


Ruskin, John (Londra 1819-Brantwood, Lancashire 1900) scrittore e disegnatore inglese;
Eudosia (poema dell'universo, scritto a soli 9 anni)
Saggio sugli strati delle montagne e sul colore del Reno (1834, marzo, pubblicato nel «Magazine of Nature»)
1837, si dichiara seguace del neogotico in una serie di articoli sulla "poesia dell'architettura" apparsi sull' «Architectural Magazine»;
Salsette and Elephanta (1839, Salsette e Elefanta)
1842, si laurea;
Modern Painters (1843, maggio, anonimo, Pittori moderni, calda difesa dell'arte di J.M.W. Turner; 1846, II volume)
The Seven Lamps of Architecture (1849, Le sette lampade dell'architettura)
The Stones of venice (1851-53, Le pietre di venezia)
Pre-Raphaelitism (1851, Preraffaellismo)
Unto this Last (1862, Fino all'ultimo)
Time and Tide (1867-72, Tempo e stagione, raccolta di venticinque lettere ad un operaio)
Sesame and Lilies (1868, Sesamo e gigli)
1869-84, è Slade Professor of Art all'università di  Oxford;
Fors ClaVIgera (1871-84, raccolta di scritti polemici pubblicata ad uso degli operai)
Munera Pulveris (1872)
Mornings in Florence (1875-77, Mattinate fiorentine, un altissimo tributo all'arte di Giotto)
Praeterita (1886-89, in cui narra le esperienze dei suoi anni giovanili)
The Diaries (1956-59, postumo, Diari, in 3 voll.).

Saffi, Aurelio (Forlì 1819-San varano, Forlì 1890) politico italiano;
1841, luglio, compiuti gli studi classici a Osimo e a Ferrara, qui si laurea in legge per fare poi pratica forense a Roma dove collabora al giornale «Il Saggiatore»;
1844, torna a Forlì; 
1845, gennaio, consigliere comunale; agosto, segretario della provincia;
1846, aprile, redige e stampa clandestinamente una Rimostranza indirizzata alle autorità pontificie, nella quale si chiedono radicali riforme delle strutture dello stato e la fine dell'alleanza con l'Austria, premessa necessaria dell'indipendenza italiana;
1848, inizialmente favorevole all'azione riformatrice del nuovo pontefice Pio IX, mantiene una posizione di sostanziale adesione al programma moderato, come testimoniano i numerosi suoi editoriali nel settimanale forlivese «L'Emilia»; la progressiva radicalizzazione della situazione italiana e il crollo del mito neoguelfo lo sollecitano però ad una rapida evoluzione politica, culminata nell'adesione alle tesi di G. Mazzini;
1849, deputato all'assemblea costituente romana; febbraio, ministro degli interni; 29 marzo, triumVIro della Repubblica Romana con G. Mazzini e Armellini; dopo l'occupazione di Roma da parte delle truppe francesi, va esule in Svizzera;
1851, esule a Londra, coopera assiduamente con G. Mazzini all'organizzazione delle forze repubblicane nell'interno e nell'emigrazione; è redattore della rivista «L'Italia del popolo»; 
1853, febbraio, fallisce il tentativo insurrezionale nella cui preparazione ha avuto un ruolo di primo piano (anche con un viaggio clandestino nelle Romagne); novembre, trasferitosi a Oxford, mantiene una funzione centrale nel Partito d'azione come luogotenente di G. Mazzini e assiduo collaboratore della stampa repubblicana;
1860, agosto, rientra in Italia; settembre, si reca a Napoli per dirigere il quotidiano «Popolo d'Italia»;
1861-gennaio 1864, deputato del collegio di Acerenza;
1864-67, ancora in Inghilterra, fissa poi la sua dimora a San varano e dopo la morte di G. Mazzini è i più fedele custode dell'eredità politica e ideale del rivoluzionario genovese, che difende promuovendo tra l'altro lo sviluppo di un associazionismo operaio ispirato al solidarismo sociale mazziniano e ostile alle tendenze classiste e materialiste della Prima internazionale;
cura la pubblicazione degli scritti editi e inediti di G. Mazzini (voll. IX-XVII, corredati di notevoli proemi)
1876, insegna storia del diritto all'ateneo di Bologna;
Ricordi e scritti (1892-1905, in 14 voll., raccolta delle sue opere a cura del municipio di Forlì).

Stokes, George Gabriel (Country Sligs 1819-Cambridge 1903) matematico e fisico irlandese; 
1849, professore di matematica all'università di Cambrdige, è segretario e poi presidente della Royal Society.

Struve, Otto Wilhelm (Dorpat 1819-Karlsruhe 1905) astronomo tedesco operante in Russia;
[Figlio di Friedrich Georg Wilhelm (1793-1864).] 
1862, succede al padre alla direzione dell'osservatorio di Pulkovo, continuando le ricerche sulle stelle doppie: ne descrive più di cinquecento.
Padre di quattro figli, due dei quali pure astronomi:
- Karl Hermann (Pulkovo 1854-Herrenalb 1920)
compiute le prime ricerche a Pulkovo, dirige poi l'osservatorio di Königsberg e, dal 1905, quello di Berlino organizzando tra l'altro il trasferimento di quest'ultimo da Berlino a New Babelsberg; si dedicò soprattutto allo studio dei satelliti e dei pianetini del sistema solare;  
- Gustav Wilhelm Ludwig (Pulkovo 1858-Sinferopoli 1920)
ricercatore a Pulkovo e a Dorpat, fu professore all'università di Harkov e direttore del locale osservatorio; si occupò di astronomia statistica e compì studi sul moto proprio del sistema solare; padre di Otto (1897-1963). 

Vacquerie, Auguste (1819-1895) scrittore francese;
[La sua fama nella vita letteraria francese, più che per i suoi scritti, è dovuta al lungo sodalizio con V. Hugo e con tutta la sua famiglia e al fatto di essere stato con Paul Meurice e Ernest Lefèvre l'esecutore testamentario letterario del poeta. Era fratello di Charles che il 15 febbraio del 1843 aveva sposato quella figlia del poeta, Léopoldine, destinata ad una tragica immatura fine.]
1848, uomo di sinistra, è tra i fondatori di «L'Evénement»;
1851, come redattore del giornale viene condannato a sei mesi di carcere;
1852, agosto, tornato in libertà, insieme con M.me Victor Hugo e Adèle, figlia del poeta, sbarca a Jersey, dove fra l'altro, si dedica alla fotografia avendo a maestro Charles Hugo.

Whitman, Walt (West Hills, Long Island 1819-Camden, New Jersey 1892) poeta statunitense.
[W. Whitman e E.E. Dickinson: le due vette poetiche dell'Ottocento americano.]

Winterer, abate (1819-Saint Pierre, vicino a Schlettstadt novembre 1911) religioso alsaziano, prelato della casa pontificale, deputato alsaziano al Reichstag e membro anziano della Delegazione d'Alsazia-Lorena;
trascorse più di quarant'anni a protestare contro la dittatura tedesca in Alsazia-Lorena lottando per l'autonomia;
scontò due mesi di prigione per aver difeso la lingua francese;
1911, prima di morire è testimone delle manovre che stanno preparando l'organizzazione del primo parlamento d'Alsazia-Lorena.

Torna su

Stampa

«segue da 1818»
1819
Inghilterra
18 giugno, in un'asta durata dodici giorni (ma dai risultati deludenti) viene dispersa, per necessità, la bilioteca di George Spencer, marchese di Blandford e V duca di Marlborough (1766-1840).
[Il "Boccaccio" del Valdarfer del 1471 pagato sette anni prima 2260 £, viene ora acquistato per sole 918 £ e 15 scellini dal conte Spencer (1758-1834).
Austria
per quanto riguarda la censura, il cancelliere Metternich studia un piano analogo a quello concepito da
G.W. Leibniz nel 1668-69: vagheggia in pratica un'organizzazione centralizzata, sotto stretto controllo governativo, di tutta l'editoria tedesca in modo da «Infrangere l'illimitato potere dei librai, che guidano l'opinione pubblica tedesca».
Il suo piano viene varato proprio quest'anno quando gli editti della censura di Karlsbad tentano di soffocare il movimento liberale tedesco imponendo la censura preventiva su tutti gli opusoli politici di meno di trecentoventi pagine. Stampatori ed editori contrappongono con molto successo a questa misura formati più piccoli e caratteri quanto più grandi possibile, e tutti quegli accorgimenti che un secolo di lotta contro la censura ha loro insegnato.
Francia
il libraio-editore Antoine-Augustin Renouard (il bibliografo di Aldo) stampa il Catalogue de la bibliothèque d'un amateur.
[Vanta 112 esemplari annotati da mano illustre.]
«segue 1820»

«Il Conciliatore»
(1818  sett. –  ott. 1819)

«segue da 1818»
1819,
ottobre
, la rivista viene soppressa dalla censura austriaca;
da questa gloriosa rivista trarranno il titolo vari periodici, il più noto dei quali è «Il Conciliatore» (1914-15) nato a Torino dalla trasformazione del periodico «La nuova cultura» e sostituito dopo due anni di vita dalla «rivista di cultura».

Nuova Ricerca