©

Il Viandante

in rete dal 1996


Se ti siamo stati utili effettua una

Nuova Ricerca

ANNO 1888

STORIA e POLITICA RELIGIONE e FILOSOFIA ARTE

Bancarella Libri usati

Cosa Nostra
SCIENZE ECONOMIA LETTERE e TEATRO CINEMA

Leone XIII
(1878-1903)

segretario di Stato: card. M. Rampolla del Tindaro;

1888
Giugno
20
, emana l'enciclica Libertas praestantissimum: sulla natura della libertà umana nella quale non esita a condannare con le seguenti parole la libertà di coscienza: «Dalle cose dette consegue che non è lecito invocare, difendere, concedere una ibrida libertà di pensiero, di stampa, d'insegnamento e di culti, come fossero altrettanti diritti che la natura ha attribuito all'uomo
Solo ora il Magistero pontificio condanna esplicitamente la schiavitù.
Ed inoltre:
«L'abuso della forza dell'ingegno, che torna ad oppressione morale degli ignoranti, va legalmente represso con non minore fermezza che l'abuso della forza materiale a danno dei deboli.
Tanto più che guardarsi dai sofismi dell'errore, specialmente se accarezzanti le passioni, la massima parte dei cittadini o del tutto non possono, o non possono senza estrema difficoltà. Data ad ognuno piena balìa di parlare o di mandare a stampa, non vi è cosa che possa rimanere intatta ed inviolata; neanche quei supremi e verissimi dettami di natura, che debbono riverirsi qual nobilissimo e comune patrimonio del genre umano
»;
critica il nuovo codice penale.

Internazionale "antiautoritaria"
(clandestina)

«segue da 1887»
1888 
Londra, Congresso dell'Internazionale.
«segue 1889»

 

1° Congresso femminista

1888, Washington, ha luogo il 1° congresso femminista internazionale, dove l'America, la Francia e l'Inghilterra sono largamente rappresentate; in rappresentanza dei neri partecipa anche Federico Douglas per portare la testimonianza della sua riconsocenza ed il suo appoggio morale alle donne.
«segue 1893»

 





1888
SVIZZERA

1888
Esportatrice di uomini – si pensi ai mercenari svizzeri, caduti nel numero di circa un milione nelle guerre europee tra il XV e il XIX secolo – tra il 1888 e il 1900 la Svizzera si accinge a diventare un pase d'immigrazione.

 

Quarta tappa dell'organizzazione del movimento operaio: fondazione del Partito socialista svizzero.




[Jean Ziegler, Una Svizzera al di sopra di ogni sospetto, Arnoldo Mondadori Editore Milano 1976]



1888
Impero d'Austria
 
Francesco Giuseppe I
Albero genealogico
(Vienna 1830-1916)
figlio dell'arciduca Francesco Carlo d'Absburgo-Lorena e di Sofia di Baviera;
1848-1916, imperatore d'Austria;
1867-1916, re d'Ungheria;

 
Ministro degli Affari Esteri
conte E. von Taaffe
(1879 - 1893)
Ministro delle Finanze
-
-

1888
dal 1879 l'Austria-Ungheria si è accostata al Reich tedesco (duplice alleanza);

Agosto
parte da Vienna il primo Istanbul Express;

Alldeutsche Vereinigung
(Unione pangermanica)

1886-1907, opera questa associazione politica austriaca, antislava e antisemitica, contro la politica di conciliazione e di equilibrio fra le varie nazionalità condotta da E. von Taaffe.


AUSTRIA
Cancelliere
-
Ministro della Difesa
-
Ministro degli Interni
-
 
Istria
1888
-
Dalmazia
1888
-

[Joze Pirjevec, Serbi, Croati, Sloveni - Storia di tre nazioni, Universale Paperbacks, Il Mulino, Bologna 1995]
Cattaro
1888
-
UNGHERIA
Cancelliere
-
Ministro della Difesa
-
Ministro degli Interni
-
Croazia-Slavonia
[Da marzo 1849, la nuova costituzione riconosce il regno di Croazia indipendente dall'Ungheria, una disposizione tuttavia di valore meramente simbolico.]
Bano
conte Károly Khuen-Héderváry
(1883 - 1903)
1888
Zagabria,

[Joze Pirjevec, Serbi, Croati, Sloveni - Storia di tre nazioni, Universale Paperbacks, Il Mulino, Bologna 1995]
Fiume [detta "il Corpus separatum" - esclusa dalla Croazia-Slavonia]
1888
-
 

 

***

"Vecchi cechi": F.L. Rieger, leader dell'autonomismo boemo contro il centralismo di Vienna  e capo del partito,
decisamente contrario al "compromesso" austro-ungherese nel 1868 ha pubblicato una "dichiarazione" nella quale sostiene l' "individualità storica" della Boemia e il suo diritto all'indipendenza; ritornato alla dieta Boema (1878) e nel parlamento di Vienna (1879) vi assume un atteggiamento relativamente conciliante nei confronti del tentativo del governo di arrivare ad una soluzione di compromesso della questione ceca;
- "Giovani cechi": costituitosi nel 1863, questo movimento non contesta la struttura generale della monarchia austro-ungarica ma avanza determinate richieste;
non condividendo la linea politica di F.L. Rieger,dal 1879 si sono staccati dai "Vecchi Cechi";
Praga, l'università viene divisa in due sezioni, una ceca e una tedesca (era una delle loro richieste);





1888
Deutsches Reich
Guglielmo I
Albero genealogico

(Berlino 1797-1888)
secondogenito di Federico Guglielmo III e di Luisa Augusta di Meclemburgo-Strelitz;
1861-88, re di Prussia;
1871-88, imperatore di Germania;
1888
Marzo
9
, muore.

Federico III
Albero genealogico

(Potsdam 1831-1888)
figlio primogenito di Guglielmo I e di Augusta di Sassonia-Weimar;
laureatosi all'università di Bonn, viene avviato alla carriera militare sotto la guida di H.K.B. von Moltke;
1857. generale di brigata;
1864, partecipa al conflitto con la Danimarca;
1866, durante la guerra con l'Austria ha una parte di primo piano a Sadowa;
1870-71, nella guerra franco-prussiana ricopre importanti incarichi;
1858, sposa la principessa Victoria d'Inghilterra; avendo stabilito rapporti con i circoli politici inglesi, diviene presto il punto di riferimento dell'opposizione liberale e anglofila ostile alla politica di O. von Bismarck;
1878, giugno-settembre, reggente in seguito all'attentato del padre;
1882, si adopera per un avvicinamento anglo-tedesco;
1883, sigla a Roma la riconciliazione con il Vaticano;
1887, viene colpito da un cancro alla laringe;
1888
Marzo
9
, sale al trono;
1888, re di Prussia;
1888, imperatore di Germania;

Giugno
15
, muore di cancro.
[Si spegna con lui la fiamma del liberalismo tedesco.]

Guglielmo II
Albero genealogico

(Potsdam 1859-Doorn, Utrecht 1941)
primogenito dell'imperatore Federico III e della principessa inglese Victoria, e affetto da una paralisi parziale al braccio sinistro;
1888
Giugno
15
,
1888-1918, imperatore di Germania e re di Prussia;
salito al trono, il suo primo messaggio è indirizzato all'esercito, non al popolo;

 
Presidente
del Bundesrat

(consiglio federale)
O. von Bismarck
(1871 21 mar - 20 mar 1890)
Presidente
del Reichstag
 
 
Cancelliere del Reich
[Reichskanzler]
O. von Bismarck
(1871 21 mar - 20 mar 1890)
Guerra
gen. Emil von Albedyll
(1872 - 1888)
 
   
   
   
   
1888
dal 1879 il SPD (Partito socialdemocratico) è ridotto alla clandestinità e il cancelliere ha sostituito all'appoggio parlamentare dei liberali (suoi tradizionali alleati) quello dei conservatori e del Centro (cattolici);
dal 1882 "Triplice alleanza" tra Germania, Austria-Ungheria e Italia, in funzione anti-russa;
dal 1887 "Trattato di controassicurazione" con la Russia (nel protocollo aggiuntivo segreto appoggio della Germania alla politica russa per gli Stretti).

Febbraio
in un discorso al Reichstag, O. von Bismarck dice che solo aumentando gli armamenti si avrà una garanzia di pace.
«Può sembrare un paradosso ma è vero. Quando l'esercito tedesco avrà raggiunto la potenza che auspichiamo, nessuno avrà il coraggio di sfidarlo».
Tutti i delegati lo approvano all'unanimità.

Marzo
9
, Federico III sale al trono ma dopo tre mesi muore.
comincia l'urto tra il nuovo l'imperatore Guglielmo II e il cancelliere;

Pur opponendosi ai consigli di O. von Bismarck, il giovane Kaiser Guglielmo II viene convinto dal mar.llo von der Goltz, comandante della missione militare tedesca a Istanbul, che la Turchia asiatica è matura per un'espansione dell'influenza tedesca.
La politica del Drang nach Osten (ovvero "Spinta verso Oriente") è nata.



??OOO??
Regni
Regno di Baviera

Otto I (München 1848 - Schloß Fürstenried 1916)
figlio del re Massimiliano II Joseph e della p.ssa Marie di Prussia;
1886-1913, re di Baviera;
1888
poiché colpito da squilibrio mentale, governa lo zio, principe reggente Luitpold di Wittelsbach;

 
Regno di Sassonia

Albert I (Dresden 1828 - Castello di Sibyllenort 1902)
figlio di Johann I e di Amalie di Baviera;
1873-1902, re di Sassonia;
1888
-

Albero genealogico
 
Regno di Württemberg

Karl (Stuttgart 1823 - Stuttgart 1891)
figlio del re Wilhelm I e della grand.ssa Olga di Russia;
1864-91, re di Württemberg;
1888
-

Albero genealogico
 
Granducati
Granducato di
 
 
Granducato di
 
 
 
   
 
Ducati
Ducato di Sassonia-Coburgo-Gotha

Ernst II (Coburgo 1818-castello di Reinhardsbrunn 1893)
figlio di Ernst I e della p.ssa Luise di Saxe-Gotha; Luise di Saxe-Gotha;
1844-93, duca di Sassonia-Coburgo-Gotha;
1887-89, pubblica le sue Memorie,di notevole iteresse storico;
1888
-

Albero genealogico
 
Ducato di Sassonia-Meiningen

Georg II (Meiningen 1826 - Wildungen 1914)
figlio del duca Bernhard II e della p.ssa Marie di Hesse-Kassel;
1866-1914, duca di Sassonia-Meiningen;
1888
-

Albero genealogico
 
 
   
 
Principati
 
 


1888
REGNO di POLONIA
(Regno del Congresso)
[capitale Varsavia]
- dal 1864 il governo russo ha abolito il polacco come lingua ufficiale, soppresso ogni forma di governo locale e promulgata una riforma agraria molto più radicale di quella russa del 1861, per danneggiare la turbolenta nobiltà;
anche la chiesa cattolica viene perseguitata;
 
1888
-





1888
Milan Obrenovic
Albero genealogico
(Marasesti, Moldavia 1845 - Vienna 1901)
pronipote del principe Miloš I;
1868-82, principe di Serbia;
- dal 1869 vige la costituzione;
- dal 1878 la Serbia è un paese completamente indipendente;
1882-89, re di Serbia;

1888
dal 1881 opera il Partito radicale serbo, fondato da Nikola Pašic;

Principato del Montenegro
Nicola I Petrovich Njegosh
Albero genealogico

(Njegoš, Principato del Montenegro 1841 - Antibes, Francia 1921)
1860-1918, principe del Montenegro;

1910-18, re del Montenegro (Nicola I);

1888
-dal 1878 al congresso di Berlino ha ottenuto il riconoscimento della completa indipendenza del suo stato il cui territorio è stato notevolmente accresciuto e dotato di uno sbocco sull'Adriatico: Antivari;





1888
Regno degli Elleni
Giorgio I
Albero genealogico

(Copenaghen 1845-Salonicco 1913)
figlio di Cristiano IX re di Danimarca e di Luisa di Assia-Kassel nonché cognato di Edward VII re d'Inghilterra;
1863-1913, re degli Elleni;
- dal 1864 ha accordato al paese una costituzione democratica (non di immediata applicazione) e sostiene con alterna fortuna le aspirazioni all'indipendenza dell'isola di Creta;
- dal 1881 ha ottenuto la Tessaglia e parte dell'Epiro;


 
1888
-


1888
IMPERO OTTOMANO
[dal 1879 è sotto l'influenza della Germania]
Abdülhamit II o Abdülhamid
o 'Abd al-Hamid
Albero genealogico
(Istanbul, 21 set 1842 – Istanbul, 10 feb 1918)
figlio di 'Abd-ul-Mejid I e della sua sposa armena Tirimüjgan;
1876-1909, XXXIV sultano; "il sultano rosso"


TURCHIA

1888
Agosto
parte da Vienna il primo Istanbul Express;

Pur opponendosi ai consigli di O. von Bismarck, il giovane Kaiser Guglielmo II viene convinto dal mar.llo von der Goltz, comandante della missione militare tedesca a Istanbul, che la Turchia asiatica è matura per un'espansione dell'influenza tedesca.
La politica del Drang nach Osten (ovvero "Spinta verso Oriente") è nata.
Il sultano, sempre sospettoso degli influssi liberali provenienti da Londra e Parigi e non vedendo provenire nulla di simile da Berlino, accoglie favorevolmente i nuovi interessi tedeschi.
[Peter Mansfield, A History of the Middle East, 1991.]

Costantinopoli, tra i rappresentanti di:
- Egitto
- Francia,
- Italia,
- Paesi Bassi,
- Spagna,
- Turchia,
- Regno Unito,
- Germania,
- Austria,
- Unione Sovietica,
viene firmata una convenzione per la garanzia del libero uso del "Canale di Suez", in base al quale il canale viene riconosciuto sempre libero e aperto a ogni nave mercantile o da guerra senza distinzione di bandiera, sia in tempo di pace sia in tempo di guerra.

BOSNIA-Erzegovina
[dal 1878, dopo il congresso di Berlino, è amministrata dall'Austria-Ungheria]

1888
-

Novibazar [sangiacato]

1888
Il sangiacato di Novibazar, che separa la Serbia dal Principato del Montenegro, è abitato in gran parte da serbi, metà dei quali musulmani, e resta alla Turchia, anche se sotto un regime speciale.

ALBANIA

1888
Il sentimento nazionale, promosso dalla cessione di Plava e Gusinje al Montenegro decretata dal congresso di Berlino, si rafforza sempre di più, facendo capo alla Lega albanese di resistenza.

MACEDONIA [ceduta dalla Bulgaria alla Turchia nel 1878]

1888
-



CRETA

1888
-

CIPRO
1888
in seguito all'occupazione britannica dell'Egitto, l'isola perde gran parte della sua importanza e perciò il governo di Londra si disinteressa dell'isola trascurandola completamente.





 




1888
RUSSIA
 
Alessandro III Romanov
Albero genealogico

(Pietroburgo 1845 - Livadija, Crimea 1894)
secondogenito di Alessandro II e di Maria di Assia-Darmstadt;
1881-94, zar di Russia;
-

 
capo della polizia
V.K. von Pleve
(1881 - ?)
1888
-



1888
-
 
Granducato di Finlandia
[relativamente autonomo]
- dal 1809, in seguito alla pace di Tilsit e al trattato di Fredrikshamn;
- dal 1863 la dieta viene convocata ufficialmente ogni cinque anni e
la lingua ufficiale è diventata il finlandese; la religione è luterana già dal XVI sec.;
- dal 1869 lo zar ha concesso la costituzione;
1888
-


1888
REGNO di ROMANIA
Carlo I

Albero genealogico

(Sigmaringen, Prussia 1839 - Sinaia, Valacchia 1914)
figlio di Carlo Antonio († 1885) principe di Hohenzollern-Sigmaringen (1848-49, abd.) e di Giuseppina di Baden;
1866-81, principe di Romania;
1869, sposa la principessa Elisabetta di Wied (o Carmen Sylva);
1877, alleato della Russia nella guerra contro la Turchia, comanda personalmente le truppe romene distinguendosi nell'assedio di Plevna;
nel 1878 l'annessione della Bessarabia alla Russia in cambio della non desiderata Dobrugia ceduta alla Romania crea un aspro dissenso fra Romania e il neo principato di Bulgaria;
1881-1914, re di Romania;
dal 1883 è legato alla Triplice alleanza;

Ministro della Giustizia
-

1888
Due gravi difficoltà sono:
- la condizione dei contadini e
- il probema ebraico.
I contadini VIvono in stato di semi-vassallaggio e di grande povertà sui latifondi dei ricchi boiari, i quali spendono le loro rendite non in Romania, ma a Vienna, a Parigi o sulla Riviera.
Un'insurrezione dei contadini assume l'aspetto di vera jacquerie con morti e feriti. 
Data la mancanza di una classe borghese progredita e attiva, i traffici e le banche finiscono per cadere in mano agli ebrei che sfruttano le abitudini spendereccie dei boiari e la povertà dei contadini per crearsi dei forti patrimoni, ciò che finisce per suscitare contro di essi l'odio di tutte le classi e non macano le persecuzioni e talvolta i pogrom.

a



1888
Principato di BULGARIA

Ferdinando

Albero genealogico

(Vienna 1861 - Coburgo 1948)
figlio di Augusto di Sassonia-Coburgo-Koháry († 1881) e di Clementina d'Orléans;
1887-1908, principe di Bulgaria;
[eletto dal Sobranje (Assemblea nazionale), è succeduto ad Alessandro di Battenberg (1879-86) che ha abdicato]


1908-18, zar dei bulgari;

Primo Ministro

Stambuloff
(1887 ago - mag 1894)

1888
-
 

a





1888
FRANCIA
III REPUBBLICA
Presidente della Repubblica
S. Carnot
(1887 3 dic - 25 giu 1894)
Presidente del Senato
Philippe Le Royer
(1882 2 feb - 24 feb 1893)
Presidente della Camera
-
Presidente dell'Assemblea nazionale
(Senato+Camera)
-
 
Presidente del Consiglio
Pierre Tirard
I
(1887 11 dic - 30 mar 1888)
Charles Floquet
I
(3 apr - 14 feb 1889)
Interni
Ferdinand Sarrien
(1887 12 dic - 3 apr 1888)
Charles Floquet
(3 apr - 22 feb 1889)
Affari Esteri
Émile Flourens
(1886 13 dic - 3 apr 1888)
René Goblet
(3 apr - 22 feb 1889)
Colonie
-
Guerra
Finanze
Pierre Tirard
(1887 12 dic - 3 apr 1888)
Paul Peytral
(3 apr - 22 feb 1889)
Lavori pubblici
-
Lavoro
-
Giustizia
Armand Fallières
(1887 30 nov - 3 apr 1888)
Jean-Baptiste Ferrouillat
(3 apr - 5 feb 1889)
Istruzione Pubblica
-
-
   
   
 

1888
-

Nel decennio 1878-1888, le statistiche dicono che a Parigi, su 6000 casi di sifilide registrati, quasi la metà sono domestici.
[Enzo Biagi, Quante donne, ERI Roma 1996.]


1888
REGNO dei PAESI BASSI
Guglielmo III

Albero genealogico

(† 1890)
figlio di Guglielmo II e di Anna di Russia;
1849-90, re dei Paesi Bassi e granduca di Lussemburgo;


Primo ministro
-
1888
-
 

a



1888
REGNO del BELGIO

Leopoldo II

Albero genealogico

(1835 - 1909)
figlio di Leopoldo I e di Carolina Carlotta Augusta d'Inghilterra;
1865-1909, re dei belgi;
1885-1908, sovrano dello Stato Indipendente del Congo
[in realtà un suo possedimento personale]



 
1888
-



a


 




1888
Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda
Vittoria
Albero genealogico

(Londra 1819-Osborne, isola di Wight 1901)
figlia di Edoardo duca di Kent e di Vittoria Maria Luisa di Sassonia-Coburgo-Gotha;
1820, alla morte del padre è posta sotto la tutela dello zio materno Leopoldo di Sassonia-Coburgo-Saalfeld (futuro Leopoldo I del Belgio);
1837-1901, regina del Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda;
succeduta alla morte dello zio Guglielmo IV morto senza eredi legittimi;
dal febbraio 1840 è sposata con l'amatissimo cugino Alberto di Sassonia-Coburgo-Gotha;
dal 14 febbraio 1861 è vedova;
1877-1901, imperatrice delle Indie;

Primo lord
del Tesoro
[First Lord
of the Treasury
]
R.A.T. Gascoyne-Cecil
conservatore
3° marchese di Salisbury
(1886 3 ago - 15 ago 1892)
Cancelliere dello Scacchiere
[Chancellor
of the Exchequer
]
George Joachim Goschen
(1887 14 gen - 11 ago 1892)
Segretari di Stato
 
Affari Esteri e Commonwealth
R.A.T. Gascoyne-Cecil
conservatore
3° marchese di Salisbury
(1886 3 ago - 15 ago 1892)
Guerra
-
-
Affari Interni
-
-
Giustizia
-
-
Colonie
-
-
Commercio
-
-
1888
-
1888
-



1888
REGNO di DANIMARCA
Cristiano IX
Albero genealogico

(Gottorp, Schleswig-Holstein 1818 - Copenaghen 1906)
figlio di Federico Guglielmo e di Luisa di Assia-Kassel;
1863-1906, re di Danimarca;

1888
-

ISLANDA

1888
-


1888
REGNO di SVEZIA e NORVEGIA
Oscar II
Albero genealogico

(Stoccolma 1829 - 1907)
figlio di Oscar I e di Giuseppina di Leuchtenberg, e fratello di Carlo XV;
1872-1907, re di Svezia;
1872-1905, re di Norvegia;


SVEZIA
1888
-
NORVEGIA
1888
-





1888
REGNO di PORTOGALLO
Luiz I
Albero genealogico
(? - 1889)
secondogenito di Ferdinando di Sassonia-Coburgo-Gotha e di Maria II regina di Portogallo;
1861-89, re di Portogallo;
[succeduto al fratello Pietro V]
1862, sposa Maria Pia di Savoia-Carignano (1847-lug 1911);

-

?
(?-?)

1888
-


a

1888
REGNO di SPAGNA
Alfonso XIII di Borbone
Albero genealogico

(Madrid 1886 - Roma 1941)
figlio postumo di Alfonso XII e di Maria Cristina d'Absburgo-Lorena;
1886-1931, re di Spagna;

 
Primo Ministro
P.M. Sagasta
(1881 - 1889)
1888
governa appoggiandosi alle "giunte" militari, all'alto clero e ai grandi proprietari fondiari e incoraggiando, spesso, una politica repressiva;








1888
REGNO D'ITALIA
Umberto I
Albero genealogico

(Torino 1844-Monza 1900)
figlio di Vittorio Emanuele II e di Maria Adelaide d'Absburgo-Lorena;
1849-78, principe di Piemonte;
1878-1900, re d'Italia;


PARLAMENTO
XVI Legislatura
(1886 10 giu - 22 ott 1890)
Presidente del Senato
D. Farini
romagnolo
[2ª-3ª-4ª Sessione]
(1887 16 nov - 3 ago 1890)
Presidente della Camera
G. Biancheri
ligure
(1886 10 giu - 3 ago 1890)
 
Presidenti
del Consiglio
F. Crispi I
siciliano
(1887 29 lug - 9 mar 1889)
Interno
Affari Esteri
Sottosegretari  

A. Fortis
romagnolo
(1888 12 feb - 8 giu 1890)
[Interno]

  G.A. Damiani
siciliano
(1888 12 feb - 6 feb 1891)
[Affari Esteri]
Guerra
E. Bertolè Viale
ligure
(1887 4 apr - 6 feb 1891)
Sottosegretario   G. Corvetto
ligure
(1888 12 feb - 6 feb 1891)
Marina
B. Brin
piemontese
(1884 30 mar - 9 feb 1891)
Sottosegretario   C.A. Racchia
piemontese
(12 feb - 5 nov)
[ad interim]
E.C. Morin
ligure
(1888 6 nov - 6 feb 1891)
Tesoro
A. Magliani
campano
(1879 25 nov - 29 dic 1888)
[ad interim]
C. Perazzi
piemontese
(1888 29 dic - 9 mar 1889)
Sottosegretario   B. Gerardi
lombardo
(1888 12 feb - 2 gen 1889)
[ad interim]
Finanze
A. Magliani
campano
(1887 29 lug - 29 dic 1888)
B. Grimaldi
calabrese
(1888 29 dic - 9 mar 1889)
Sottosegretario   B. Gerardi
lombardo
(1888 12 feb - 9 mar 1889)
Agricoltura, Industria e Commercio
B. Grimaldi
calabrese
(1884 30 mar - 28 dic 1888)
L.A. Miceli
calabrese
(1888 29 dic - 6 feb 1891)
Sottosegretario   V. Ellena
piemontese
(1888 12 feb - 3 gen 1889)
Lavori Pubblici
G. Saracco
(1887 29 lug - 9 mar 1889)
Sottosegretario   G. Marchiori
veneto
(1888 12 feb - 9 mar 1889)
Grazia e Giustizia, e Culti
G. Zanardelli
lombardo
(1887 29 lug - 6 feb 1891)
Sottosegretario   F. Cocco-Ortu
sardo
(1888 12 feb - 6 feb 1891)
Istruzione Pubblica
M. Coppino
piemontese
(1884 30 mar - 17 feb 1888)
P. Boselli 
ligure
(1888 17 feb - 6 feb 1891)
Sottosegretario   F. Mariotti
marchigiano
(1888 12 feb - 6 feb 1891)

* * Dal 24.03.1878 al 29.12.1888 i ministri delle Finanze sono incaricati della reggenza del ministero del Tesoro.

Con la legge 12 febbraio 1888, n. 5195 ("riforma crispina"), viene istituita la figura del "sottosegretario di Stato" in sostituzione del "segretario generale".

 

1888

Gennaio 

Febbraio
si interrompono i rapporti commerciali con la Francia;

Marzo 
il negus Giovanni IV protesta per l'occupazione italiana di Dogali, Saasti e altre località etiopiche;

Aprile
entra in vigore il decreto sulla prostituzione e sulla profilassi e la cura della sifilide. 
Si interrompe ogni trattativa con il negus Giovanni IV di fronte alla intransigenza del governo italiano;

Maggio

Giugno
 
Luglio

Agosto
Zula, Etiopia, viene stabilito un altro protettorato italiano;

Settembre

Ottobre
il gen. A. Baldissera costituisce in Etiopia il primo contingente di soldati ascari, indigeni inquadrati come soldati italiani;

Novembre
viene pubblicato il nuovo codice penale per favorirne una pubblica discussione;

Dicembre
il Parlamento approva la nuova riforma sanitaria
L'emigrazione ha una nuova legge che regola la funzione degli agenti di emigrazione. 
Per votare nei comuni e nelle province occorre:
- essere cittadini maschi,
- saper leggere e scrivere,
- aver compiuto 21 anni,
- pagare almeno 5 lire di imposta annua.
20, Roma, giorno di pioggia, si tengono varie adunanze per commemorare l'anniversario della morte di G. Oberdan († 1882). Una di esse ha lugo nella sala dei Reduci, alla Porta Vecchia, dove parla anche A. Costa. Terminata la commemorazione, alcuni giovani, al grido di «Viva Oberdan», escono con la bandiera tricolore infioccata di rosso e si dirigono verso piazza Navona. Rimasto con alcuni deputati nella sala, A. Costa cerca invano di dissuaderli. Quando gli agenti cercano di impedire il passo ai dimostranti, scoppia un parapiglia; uscito pure lui dalla sala, A. Costa cerca di ripararsi con l'ombrello dai colpi dei questurini…

MEZZOGIORNO E ISOLE

Napoli, torna il sindaco Nicola Amore.
[La prevalenza clerico-moderata durerà comunque fino al 1891.]

Fonti:
- Giuseppe Galasso, Intervista sulla storia di Napoli, a cura di Percy Allum, Laterza 1978.









 

DOMINION OF CANADA
[Aggiunta alle altre province britanniche nel 1763, include la regione sulle due rive del fiume San Lorenzo grossolanamente delimitate da Anticosti a est e il Lago Nipissing a ovest.
Dal 7 nov 1763 la provincia (ex Canada francese) è stata divisa formalmente in tre distretti: Québec, Trois-Rivières, Montréal.
Nel 1791 la provincia è stata separata in due parti:
Basso Canada (francofoni) e Alto Canada (lealisti).
Nel 1841, con l'Act of Union sono stati nominati due primi ministri ma Canada Est e Canada Ovest continuano ad andare ognuna per la sua strada. Il sistema dura ben 25 anni (1842-67).
Nel 1867, 1° luglio, nasce ufficialmente la confederazione: Dominion of Canada.]
Governatore generale
Henry C.K. Petty-Fitzmaurice
marchese di Mansdowne
(1883 - 1888)
Frederick A. Stanley
barone Stanley of Preston, conte di Derby
(1888 - 1893)
Primo ministro
John A. Macdonald
(1878 - 1891)
[conservatore]

1888
-

 

 

 

 

 


QUÉBEC
Vescovo di Montréal
-

1888
-

 

 

 

ONTARIO
-
-

1888
Toronto, viene fondata l'organizzazione comunitaria italiana Società Umberto I.

Agosto
9
, il «Toronto Empire» pubblica un titolo eloquente: Those Deluded Italians:
«Abbastanza di recente una squadra di manovali venne portata a Toronto e truffata, secondo quanto sostiene un loro compatriota. Erano venuti da New York a Cornwall, dove non riuscirono ad ottenere il lavoro che era stato loro promesso. Fiduciosamente diedero 7 dollari ciascuno ai fratelli De Santi, questi ultimi assumendosi il compito di pagare il viaggio da Cornwall a Toronto…».


NEW BRUNSWICK
-
-

1888
-

NOVA SCOTIA
-
-

1888
-

MANITOBA [dal 1870]
-
-

1888
-


NORTHWEST (territori) [dal 1870]
-
-

1888
-


BRITISH COLUMBIA [dal 1858]
[nel 1866 ha incorporato l'Isola di Vancouver e dal 1871 fa parte della confederazione.]
Governatore della provincia
-

1888
-

 

ISOLA DEL PRINCIPE EDOARDO
[Dal 1873 fa parte della confederazione.]
Governatore della provincia
-

1888
-

 

 

TERRANOVA
Primo Ministro
Robert Thorburn
(1885 - 1889)

1888
-

 


 

UNIONE degli STATI UNITI d'AMERICA
Presidente degli Stati Uniti
S.G. Cleveland [22°]
(1885 4 mar - 4 mar 1889)
[Pd]
Vicepresidente
-
Segretario di Stato
[Ministro degli Esteri]
-
Ministro del Tesoro
-
Ministro della Guerra
-
Presidente della Corte Suprema
M.R. Waite
(1874 4 mar - 23 mar 1888)
 
M.W. Fuller
(1888 8 ott - 4 lug 1910)

1888
Gennaio
-

Alle elezioni presidenziali:
- i democratici candidano per la seconda volta S.G. Cleveland, appoggiando le sue idee in materia di dazi ma scelgono un noto protezionista come candidato alla vicepresidenza; il presidente ricade allora nella sua abituale apatia, facendo solo modesti tentativi per promuovere la riforma dei dazi doganali;
- i repubblicani scelgono B. Harrison dell'INDIANA,
I repubblicani puntano molto sul protezionismo e prometttono generose pensioni ai veterani di guerra.

A questo punto le elezioni non sono più un referendum sui dazi doganali com'era nelle previsioni.

Alla vigilia delle elezioni la propaganda repubblicana tenta uno sfacciato imbroglio pubblicando una lettera dell'ambasciatore britannico a Washington, sir Lionel Sackville West: in risposta a una finta richiesta di consigli sul voto da parte di un tale Murchison che si dichiara inglese di nascita, sir Lionel Sackville West esprime assurdamente che gli interessi britannici sarebbero tutelati meglio dalla rielezione di S.G. Cleveland.
[Anche se – come si dirà poco dopo – la "lettera di Murchison" costerà a S.G. Cleveland molti voti di immigrati irlandesi, di fatto non sembra aver avuto un grande effetto.]
Più importante è il massiccio uso di denaro per comprare voti: nella campagna elettorale più corrotta della storia americana, entrambe le parti si rendono colpevoli di flagranti illegalità, soprattutto negli stati incerti, ma i repubblicani superano i rivali grazie ai notevoli contributi degli industriali, timorosi di una revisione dei dazi doganali.

 

Elezioni presidenziali
 
voto popolare
voto elettorale
. B. Harrison (Repubblicano)
5.439.853
233
. S.G. Cleveland (Democratico)
5.540.309
168

I risultati elettorali danno a S.G. Cleveland la maggioranza dei voti popolari, ma B. Harrison vince di stretta misura grazie al voto degli stati incerti.

 

 


 


 

 

[Maldwyn A. Jones, Storia degli Stati Uniti, Bompiani 1984.]

 




[01] DELAWARE [dal 7 dicembre 1787] - cap. Dover
[Primo stato a ratificare la Costituzione degli Stati Uniti d'America.
Non esistono collegamenti fra chiesa e stato e una grande libertà religiosa si è affermata sin dall'inizio.]
Governatore
-

1888
-

 

[02] PENNSYLVANIA [dal 12 dicembre 1787] - cap. Harrisburg
[Non esistono collegamenti fra chiesa e stato e una grande libertà religiosa si è affermata sin dall'inizio.]
Governatore
-

1888
-

 

[03] NEW JERSEY [dal 18 dicembre 1787] - cap. Trenton
[Non esistono collegamenti fra chiesa e stato e una grande libertà religiosa si è affermata sin dall'inizio.]
Governatore
-

1888
-

 

[04] - [04] GEORGIA [dal 2 gennaio 1788] - cap. Atlanta
[Già ammesso nell'Unione nel 1780 ma ratificato solo il 2 gennaio 1788.
Riammesso al Congresso il 30 marzo 1870.]
Governatore
-
-

1888
-




[05] CONNECTICUT [dal 4 gennaio 1788] - cap. Hartford
Governatore
-

1888
-

[06] MASSACHUSETTS [dal 6 febbraio 1788] - cap. Boston
Governatore
-

1888
-



[07] MARYLAND [dal 28 aprile 1788] - cap. Annapolis
Governatore
-

1888
-

 



 






[08] - [01] SOUTH CAROLINA [dal 23 maggio 1788] - cap. Columbia
Governatore
-
-

1888
-


[09] NEW HAMPSHIRE [dal 21 giugno 1788] - cap. Concord
Governatore
-

1888
-

 





[10] - [08] VIRGINIA [dal 26 giugno 1788] - cap. Richmond
[Riammesso al Congresso il 30 marzo 1870]
Governatore
-
-

1888
-

 





[11] NEW YORK [dal 26 luglio 1788] - cap. Albany
[L'anglicanesimo è la religione di stato in quattro contee.]
Governatore
-

1888
-

 

[12] - [09] NORTH CAROLINA [dal 29 maggio 1789] - cap. Raleigh
[Tratto di terre immediatamente a sud della Virginia, attorno allo stretto di Albemarle.]
Governatore
-
-

1888
-

[13] RHODE ISLAND [dal 29 maggio 1790] - cap. Providence
Governatore
-

1888
-


[14] VERMONT [dal 4 marzo 1791] - cap. Montpelier
Governatore
-

1888
-


[15] KENTUCKY [dal 1° giugno 1792] - cap. Frankfort
Governatore
-
-

1888
-



[16] - [10] TENNESSEE [dal 1° giugno 1796] - cap. Nashville
[Riammesso all'Unione dall'aprile 1866.]
Governatore
-
-

1888
-




[17] OHIO [dal 1° marzo 1803] - cap. Columbus
Governatore
-
-

1888
-

[18] - [05] LOUISIANA [dal 30 aprile 1812] - cap. Baton Rouge
- 1819, Trattato Adams-Onís: stabilisce il confine con il MESSICO spagnolo: va dal fiume Sabine, nel TEXAS orientale, fino al 42° parallelo (futuro confine settentrionale della CALIFORNIA) e da quel punto, verso ovest, fino al Pacifico.
Governatore
-
-

1888
-

 


[19] INDIANA [dal 11 dicembre 1816] - cap. Indianapolis
Governatore
-
-

1888
-

[20] - [06] MISSISSIPPI [dal 10 dicembre 1817] cap. Jackson
[Riammesso al Congresso il 30 marzo 1870]
Governatore
-
-

1888
-
Lo stesso anno entra in vigore una norma analoga alle "leggi di Jim Crow" (1887) approvate in FLORIDA e riguardanti la segregazione razziale.


[21] ILLINOIS [dal 3 dicembre 1818] - cap. Springfield
-
Governatore
-
-

1888
-



[22] ALABAMA [dal 14 dicembre 1819] - cap. Montgomery
[Dal 18 ottobre 1867 sotto la sovranità degli Stati Uniti.]
Governatore
-

1868
-

 

 




[23] MAINE [dal 15 marzo 1820] - cap. Augusta
-
Governatore
-
-

1888
-

[24] MISSOURI [dal 10 agosto 1821] - cap. Jefferson City
Governatore
-
-

1888
-


[25] - [11] ARKANSAS [dal 15 giugno 1836] - cap. Little Rock
Governatore
-
-

1888
-

 


[26] MICHIGAN [dal 26 gennaio 1837] - cap. Lansing
Governatore
-
-

1888
-


[27] - [03] FLORIDA [dal 3 marzo 1845] - cap. Tallahassee
Tra il 1810 al 1813 gli Stati Uniti hanno inglobato la maggior parte della Florida occidentale, la scia costiera che corre da New Orleans a Mobile, ma una buona parte della colonia, unitamente a tutta la Florida orientale, cioè la penisola, resta ancora sotto il dominio spagnolo.
Nel 1819, con il Trattato Adams-Onís è stata completamente ceduta agli Stati Uniti dalla Spagna.
Nel 1868 è rientrata a far parte dell'Unione.]
Governatore
-
-

1888
-


[28] - [07] TEXAS [dal 29 dicembre 1845] - cap. Austin
Governatore
-
-

1888
-

 


[-] Territorio del NEW MEXICO [dal 1846]
Governatore
-
-

1888
-

 


[29] IOWA [dal 28 dicembre 1846] - cap. Des Moines
Governatore
-
-

1888
-

 


[30] WISCONSIN [dal 29 maggio 1848] - cap. Madison
Governatore
-
-

1888
-

 


[-] Territorio dell'UTAH [dal 1850]
[Dal 2 marzo 1861 si è staccato il Territorio del NEVADA.]
Governatore
-

1888
-

 


[31] CALIFORNIA [dal 9 settembre 1850] - cap. Sacramento
Governatore
-

1888
-

 


[32] MINNESOTA [dall'11 maggio 1858] cap. Saint Paul
Governatore
-
-

1888
Gennaio
-

 

 


[33] OREGON [dal 14 febbraio 1859] - cap. Salem
- 1845, alla fine dell'anno i 5000 coloni americani dell'Oregon organizzano un governo provvisorio e chiedono la fine del regime di occupazione comune e l'esclusiva giurisdizione americana.
- 1848, diventa territorio autonomo.
Governatore
-
-

1888
-

 


[34] KANSAS [dal 28 gennaio 1861] - cap. Topeka
Governatore
-
-

1888
Gennaio
-

 

 


[-] Territorio dell'IDAHO [dal 24 marzo 1863] - cap. Boise
[Inizialmente, fino al 7 dicembre 1864, la capitale era Lexinton.]
Governatore
-
-

1888
Gennaio
-

 

 


[35] WEST VIRGINIA [dal 19 giugno 1863] - cap. Charleston
Governatore
-
-

1888
Gennaio
-

 

 


[-] Territorio del MONTANA [1864-89] [dal 26 maggio 1864] - cap. Helena
[cap.li: fino al 1865 Bannack, fino al 1875 Virginia City.]
Governatore
-
-

1888
Gennaio
-

 

 


[36] NEVADA [dal 31 ottobre 1864] - cap. Carson City
[Il 2 marzo 1861 il suo territorio era stato separato da quello dell'UTAH.]
Governatore
-

1888
-

 


[37] NEBRASKA [dal 1° marzo 1867] - cap. Lincoln
Governatore
-
-

1888
-

 


[38] COLORADO [dal 1° agosto 1876] - cap. Denver
[Territorio autonomo dal 28 febbraio 1861.]
Governatore
-

1888
-

 


a





1870
GRANDI ANTILLE
- Presidente della repubblica
?
(?-?)
guerra grande (1868-78): prima guerra d'indipendenza cubana;
guerra pequeña (1879-80);
1884
inizia una lunga crisi (1884-90) del mercato saccarifero, monopolizzato dagli USA, che accomunerà nella rovina creoli e spagnoli;
Haiti
-
?
(?-?)
1870
-
- Presidente della repubblica
?
(?-?)
1870
-
- Governatore
?
(?-?)
[colonia britannica dal 1866]
1870
-

1888
STATI UNITI del MESSICO
(repubblica federale)
- Presidente della repubblica federale
José Porfirio Diaz
(1884 - 1911) II
[autoritarismo paternalistico]
1888
protagonista della guerra della reforma, ma al tempo stesso consapevole dell'impossibilità di rinunciare all'appoggio delle gerarchie terriere ed ecclesiastiche, tende ad imporre un regime stabile che restituisca al Messico una facciata di credibilità tale da attirare gli investimenti esteri;

1888
GUATEMALA
[formalmente indipendente dal 1847]
- Capo del governo
-
1888
-


1888
HONDURAS
-
?
(?-?)
1888
cresce la dipendenza dagli Stati Uniti, interessati a mantenere sotto proprio controllo le ricche piantagioni di banane, unica risorsa economica del paese;

1870
- Presidente
?
(? - ?)
1870
-

1888
NICARAGUA
[protettorato della Gran Bretagna sulla Costa de Mosquitos: (1848-60)]
- Dittatore
-
1888
lotte tra liberali e conservatori (clericali) agitano la vita interna del paese per tutto il secolo XIX;
gli interessi nordamericani sono rafforzati dal progetto di costruire un canale interoceanico attraverso il Nicaragua;



1888
COSTA RICA
[il paese è indipendente dal 1821]
- Presidente
T. Guardia
(1870 - ?)
1888
l'economia è basata in netta prevalenza sulla coltura del caffè e nel corso del secolo XIX, mentre si assiste ad una sistematica penetrazione di capitali inglesi e nordamericani, si forma pure una ristretta élite, socialmente e politicamente dominante, legata all'esportazione di questo prodotto;





1888
- Presidente
L. Núñez
(1880 - 1894)
1888
la forte espansione verso gli Stati Uniti e l'Inghilterra fa aumentare il potere economico dei gruppi oligarchici e contribuisce sotto le tre presidenze di L. Núñez all'instaurazione di un regime politico fortemente accentrato, in grado di salvaguardare gli interessi economici e di ristabilire l'influenza delle gerarchie ecclesiastiche;


1888
- Presidente della repubblica
A. Guzmán Blanco
(1870 - 1888)
[dispotismo illuminato]
1888
-

1888
República del Ecuador
Presidente della repubblica
-
 
1888
si alternano dittature conservatrici (J.J. Flores, G. García Moreno) e di dittature liberali (V. Rocafuerte, E. Alfaro) e da crescenti ingerenze dell'esercito, formato all'origine da elementi venezuelani;



1888
BOLIVIA
Presidente della repubblica
?
(1825-?)
 
1888
l'evoluzione storica della regione è caratterizzata dall'instabilità politica, sociale ed economica, conseguenza della lotta tra le contrapposte oligarchie dell'altopiano minerario e del Chaco agricolo e delle tensioni sociali che percorrono il paese (agitazioni contadine e scioperi dei minatori);


1888
PERU'
[Repubblica indipendente dal 1827]
- Presidente della repubblica
?
(?-?)
1888
con il trattato di Ancon il Perù ha perso nel 1883 le province ricche di salnitro di Tarapacá e Tacna (sarà restituita al Perù fra 50 anni);
l'economia peruviana segue un modello di sviluppo di stampo neocoloniale, incentrato sul rilancio dell'economica mineraria e di piantagione a scapito dell'allargamento del mercato interno;


1888
CILE
Presidente della repubblica
J.M. Balmaceda
(1886 - 1891)
[liberale]
 
1888
-


1888
GUYANE
[dal 1816 divise nelle tre colonie]
 dal 1816 divise nelle tre colonie:
Guyana Britannica (inglese)
1888
-
Suriname (olandese)
1888
-
Guyane Française (francese)
1888
già sede di una colonia penitenziaria e poi, dal 1852, di un bagno penale (fino al 1945);


1888
Pedro II
Albero genealogico
(Rio de Janeiro 1825 - Parigi 1891)
figlio di Pietro I;
1831-89, imperatore del Brasile;
a soli sei anni dopo l'abdicazione del padre;
[incoronato imperatore nel 1841, regnerà di fatto solo dal 1847]
nel 1847, rientrata la secessione del Rio Grande do Sul, istituisce un gabinetto responsabile dinanzi al parlamento, nel quale vengono immessi in posti chiave ex dirigenti separatisti;
1888
decide l'abolizione della schiavitù in tutto il territorio dell'impero; questa misura gli susciterà contro una vasta coalizione (dai fazendeiros, i grandi proprietari terrieri, ai repubblicani e a una parte dei militari) capeggiata dal maresciallo M.D. da Fonseca;


1888
questione dei vescovi (1855-73)





1888
Presidente della repubblica
?
(1874 - 1904)
[partito dei colorados]
 
1888
mentre cresce la dipendenza del paese dalle aree commerciali più solide (Argentina e Brasile) sorgono pure aspri conflitti fra il partito dei colorados laico e liberale, salito ora al potere, e quello degli azules, conservatore;



1888
- Presidente della repubblica
J.A. Roca
(1880 - 1886)
 
1888
Buenos Aires,






1888
Presidente della repubblica
?
(? - ?)
[partito colorado]
 
1888
Montevideo,

 




1888
CINA
Tz'u-Hsi [Tz'u-Hsi]

(Dinastia Manciù)

ex concubina Jehonala;
1861-1908, imperatrice della Cina;

1888
Pechino,

 




a

 

 




1888
(periodo Mejji: 1868-1912)
Giappone

Mutsuhito

(? - ?)
1868-1912, imperatore del Giappone;

- Primo ministro
Ito Hirobumi
(1885 -?)
- Ministro degli esteri
Okuma Shigenobu
(1887 - ?)

1888
il primo ministro Ito Hirobumi sta attuando il sistema costituzionale promesso dall'imperatore che, avendo studiato alcuni anni in Europa, ha preso a modello il sistema monarchico-costituzionale della Germania; viene ora completata una bozza della costituzione, la cui revisione viene affidata ad un consiglio imperiale (sumitsu-in);


a

 



1888
Villa Cisneros
[protettorato spagnolo dal 1884.]
-
-
1888
-


1888
Marocco
-
-
1888
-


1888
Algeria
[dal 1848 parte integrante del territorio nazionale francese, organizzata in tre dipartimenti d'oltremare.]
-
?
(?-?)
1888
-


1888
Tunisia
[con il trattato del Bardo del 1881, perfezionato nel 1883 con il trattato della Marsa, la Francia è riuscita a imporvi il suo protettorato.
Il bey conserva formalmente le sue prerogative.]
- Bey  
1888
-



1888
EGITTO
[parte dell'Impero Ottomano]
[dal 1882 il paese è stato privato dagli inglesi di ogni autonomia di fatto, ma senza modifica del suo statuto giuridico, se non per la cessazione automatica del tributo alla Porta;
nel 1884 si è dotato di una costituzione col gradimento inglese.]
Muhammad Tawfiq
(? - ?)
figlio di Isma'il;
1879-92, khedivè d'Egitto;
succede al padre, deposto per volere delle due potenze: Francia e Inghilterra, su pressione di Germania e Austria;
- Alto Commissario
E. Baring
(1883 - 1907)
1888
Viene firmata a Costantinopoli una convenzione per la garanzia del libero uso del "Canale di Suez".
L'impegno assunto dall'Egitto di ripagare i debiti di Isma'il assorbe più di metà delle entrate, richiedendo così la massima prudenza a livello finanziario (che in ogni caso si confa ai principi gladstoniani di E. Baring).
Rafforzato dalla precedente esperienza in India, E. Baring crede nella teoria di John Stuar Mill, adottata da W.E. Gladstone, che le tasse debbano essere il più possibile contenute per permettere al denaro di "fruttare" nelle tasche delle classi produttrici. Di conseguenza non vi è alcuna lievitazione fiscale (l'opinione pubblica difficilmente lo sopporterebbe) con l'unica significativa eccezione che, in base al principio del libero commercio, vengono stabilite imposte di compensazione sui prodotti dell'industria egiziana, al fine di uniformare i prezzi a quelli delle merci straniere importate. Questa misura distrugge di fatto l'industria egiziana del tabacco.
Peter Mansfield, A History of the Middle East, 1991.]

1888
Sudan
[capitale Khartum]
Il chedivè d'Egitto Muhammad Alì e suo figlio Ismail, tra il 1820 e il 1822, conquistano l'Alta Nubia, il Kordofan e il Sennar, realizzando la prima unificazione politica del paese.
Nel 1840 la dominazione egiziana viene consolidata a est con l'annessione di Kassala e nel 1846 con l'annessione di Suakin sul mar Rosso.]
   
1888
Gennaio
10
, il cap. Gaetano Casati è prigioniero del re indigeno Kabrega.
La cattura gli ha fatto perdere, ovviamente, tutti i suoi appunti, le collezioni, le ultime reliquie di Giovanni Miani.
Viene legato mani, piedi, braccia e collo e incantenato a un albero; dinanzi all'esploratore sta lo spiazzo dei sacrifici umani; è la fine.
Invece, strano a dirsi, l'esploratore non solo non viene ucciso (forse è corsa voce di un'altra spedizione in arrivo!?) ma riesce a fuggire attraverso le foreste, tenendosi sulle rive del lago Alberto per poter scorgere eventuali imbarcazioni amiche… e alla fine si salva.
Durante la sua fuga vede con i suoi occhi le montagne dalla cima bianca e subito ne riferisce per iscritto con una "lettera" a Emin Pascià.
[In base ad essa possiamo quindi escludere che sia stato H.M. Stanley il primo bianco a vedere le nevi del Ruwenzori!.]

Aprile
29
, H.M. Stanley (che ha lasciato Zanzibar il febbraio dell'anno precedente) raggiunge la località di Kavali, un centinaio di km a nord di Mutwanga, dove il dott. Eduard Schnitzler [Emin Pascià] lo sta attendendo.


1888
Senegal
[dal 1817 è sotto controllo francese;
dal 1865, sottomesso e pacificato, è diventato la testa di ponte per la conquista dell'entroterra sudanese.]
- Governatore
?
(? - ?)

1888
Maggio
Samory Turé assedia Sikasso. Il maggiore inglese Festing cerca di sfruttare la situazione in favore della Gran Bretagna.

 



1888
Mauritania
[protettorato francese su su Trarza dal 1858.]
-
-
1888
-


1888
Sudan francese
[possedimento francese creato nel 1882 su gran parte del territorio dell'antico impero africano del Mali.]
   
1888
-





1888
Niger
Rabah
(? - ?)
1870-1900, re;
[regno costituito nel Bahirmi, nel Kanem-Bornu e in parte del Ciad – capitale Dikoa]
forma nella capitale un fiorente mercato di schiavi;


1888
-

1888
Guinea
 
-  

1888
contro la volontà delle tribù ribelli, la Francia dichiara "protettorato" anche la Guinea.


1888
[colonia inglese dal 1808.]
- Governatore
?
(?-?)
1888
-


1888
[ex Monrovia, è una repubblica indipendente dal 1847, con una costituzione modellata su quella statunitense ma con il predominio dell'elemento nero-americano su quello autoctono;
nel 1857 al paese si è unita l'ex colonia formatasi a capo delle Palme nel 1833.]
-
-
1888
Edward Wilmot Blyden, discendente da avi Ibo, descrive il "socialismo africano" in The Prospects of Africa.


1888
- Governatore
-
 
1888
-


1888
Costa d'Oro
[Ghana]
[dal 1874 colonia della Corona inglese con gli Ashanti come popolo "indipendente" (finché non saranno piegati).]
-
-
1888
-


1888
Lagos
[dal 1861 colonia della Corona britannica.]
-
-
1888
-

1888
Togo
[protettorato tedesco dal 1884, confermato dalla conferenza di Berlino nel 1885.]
1888
-

1888
Dahomey
[protettorato francese dal 1883.]
-
-
1888
il re del Dahomey, Behanzin, compra armi dai tedeschi;

1888
Nigeria
-
-
1888
dal 1886 il governo britannico ha costituito Lagos in "colonia e protettorato di Lagos" e affidato la colonizzazione degli Oil Rivers, (riconosciuti protettorato inglese dall'assemblea di Berlino del 1865) alla società RNCO (Royal Niger Company) che ha stabilito trattati di protezione con gli emiri haussa; delimita ora le sfere di interesse nella regione con la Francia (linea Say-Maroua) trasferendo i diritti della RNCO alla corona;


1888
Africa Centrale
-
-
1888
-


1888
Camerun
Njoya
-
(? - ?)
1883-1933, re dei bantu;


1888
-

1888
Gabon
-
-

1888
il territorio viene annesso al Congo Francese con un trattato che ratifica la conquista di fatto.



1888
Congo Francese
[colonia di Ntamo, nucleo della futura BrazzaVille ]
Commissario generale
1888
assorbe il Gabon;


1888
[il territorio dello Zaire, già sede (ancor prima dell'arrivo dei portoghesi) di importanti regni autoctoni quali quello del Congo, di Kuba, Luba, Lunda, nel 1880 è stato posto sotto il controllo dell'Associazione internazionale per il Congo, promossa da Leopoldo II re del Belgio; la conferenza internazionale di Berlino (1884-85) per la spartizione delle sfere d'influenza europee in Africa ha convalidato il fatto compiuto e istituito questo nuovo stato affidandone la sovranità allo stesso re Leopoldo II che da quel momento la esercita a titolo personale.]

Leopoldo II

Albero genealogico

1885-1908, sovrano dello Stato Indipendente del Congo;
[sovranità esercitata a titolo personale.]

1888
mediante lo sfruttamento estremo della manodopera locale, nel possedimento sono costruite infrastrutture di base, create le prime piantagioni ed iniziata la prospezione dei giacimenti minerari.

Lugard, ex ufficiale nell'India britannica, opera come colonialista mercenario per la Compagnia Africana dei Laghi cercando di seguire l'esempio di H.M. Stanley nelle imprese eseguite in nome di Leopoldo II.
Lugard "porta la pace" nell'Uganda.
La compagnia Goldie invita a guidare il proprio esercito privato di conquistatori e di accaparratori di terre ed ora Lugard afferma di avere assoggetato la Nigeria settentrionale.


 

1888
Katanga
-
-

1888
-





1888
Impero di Etiopia
Giovanni IV
(† 1889)
Kasa, re del Tigré, risultato vincitore nel confronto per la supremazia definitiva fra i due regni vassalli più importanti dell'impero, il Tigré e lo Scioà, si fa incoronare ad Axum;
1872-89, imperatore di Etiopia;

1888
l'Italia, che in concorrenza con la Gran Bretagna e la Francia si era già precostituita dal 1869 una testa di ponte ad Assab, occupa dal 1885 Massaua;





1888
SOMALIA
Costa francese dei Somali
protettorato francese dal 1884;
[situato in territorio dancalo e non propriamente somalo]
1888
viene costruito il porto di Gibuti;
Somalia Britannica
protettorato inglese dal 1884 con l'occupazione di Zeila, Berbera e Bulhar (in pratica la costa settentrionale del territorio, possesso egiziano 1840-84) a opera della Compagnia inglese delle Indie orientali;
1888
-
Somalia italiana
1888
-


1888
Uganda
[dal 1877 sono arrivati in Buganda i primi predicatori della Società Missionaria Cristiana.]
-
-

1888
-




1888
Kenya
(nome ufficiale solo dal 1920)
-
-
1888
Mombasa, viene fondata la British East Africa (Compagnia Britannica dell'Africa Orientale) che sotto la direzione di sir William Mackinnon diventa la rivale della Deutsch-Ostafrikanische Gesellschaft (Società tedesca dell'Africa orientale) di Karl Peters per attività di conquista e per potenza politica.
Con la British East Africa ha inizio il dominio britannico nel Kenia.


1888
Africa Orientale Tedesca
(Deutsch-Ost-Afrika)
Ruanda-Urundi
-
-
1888
le incessanti lotte dei baHutu, contro il predominio della minoranza tutsi (watutsi o vatussi) (la stirpe dei sovrani mwami) favoriscono l'instaurazione del dominio coloniale tedesco sul Burundi, che con il contiguo regno del Ruanda viene costituito in territorio del Ruanda-Urundi.
Tanganica
-
-

1888
deve ora affrontare la rivolta musulmana (1888-90).

La compagnia tedesca usa la forza per domare le rivolte che scoppiano sia in città che in campagna, in particolare nella regione di Pangani.
Abushiri capeggia una grande rivolta di Chagga e Shamba contro i tedeschi.
Macemba guida gli Yao contro l'esercito di Hermann von Wissman.

Il console generale tedesco a Zanzibar conclude a Barhash un "trattato" con Said Khalifa e ottiene diritti doganali, minerari, commerciali e marittimi che assicurano alla Deutsch-Ostafrikanische Gesellschaft il dominio sulla antica regione zanj.
La marina britannica collabora con l'esercito tedesco nel reprimere la ribellione di Abushiri, Bwana Heri e altri capi oppressi.




1888
Zanzibar
Isola dell'oceano Indiano, situata presso il continente africano, nel 1503 venne conquistata dai portoghesi che instaurarono il loro dominio anche sulla fascia costiera continentale antistante, ove la città più importante era Mombasa, creandovi basi per il commercio con l'Asia e un certo numero di piantagioni.
All'inizio del XVII sec. l'isola e la fascia costiera vennero raggiunte da commercianti indiani e conquistate dagli imam di Mascate per poi finire, nella prima metà dell'800 sotto il dominio di Sa'id ibn Sultan imam dell'Oman il quale estese la propria autorità sulla costa orientale africana di Mogadiscio, a Nord, e sino a capo Delgado, a Sud.
Nel 1956, dopo la morte di Sa'id ibn Sultan, i suoi domini vengono spartiti tra gli eredi.
Syed Burghash  
(? - ?)
figlio di
?-?, sultano di Zanzibar;


 
?
(? - ?)
1888
-

1888
Africa del Sud-Ovest
[protettorato tedesco dal 1884.]
-

1888
La rivolta Cuanhama nella zona humbe dell'Angola costringe il Portogallo a venticinque anni di dura lotta.
La ribellione è accompagnata da sollevazioni dei Dembo e dei gruppi oppressi dell'Angola del nord.

 


1888
Botswana
[la regione a nord del fiume Malopo è protettorato inglese dal 1885 mentre la parte meridionale (British Bechuanaland) è colonia.]
-
1888
-


1888
Lobenguela
-
(1833 ca-1894)
figlio di
1868 - ?, re dei maTabele di Zimbabwe;
[clan guerriero nguni (zulu)]

1888
Cecil J. Rhodes conclude con re LoBenguella, successore di re Moselekatse, un trattato di protettorato sui maTabele;

L'ex ufficiale e missionario britannico, J.S. Moffat, parente di Livingstone, da Kuruman si dirige verso nord, agli ordini dell'Alto Commissario britannico Robinson e rivendica (in malafede) un presunto "acquisto" sulla base del trattato di usufrutto "firmato" da LoBenguella, re metabele o maTabele).





1888
Malawi
-
-
1888
la società privata britannica African Lakes Co. ne inizia lo sfruttamento avviando il redditizio commercio dell'avorio;


1888
Mozambico
-
-
1888
regolati i confini con le contigue colonie dell'Africa Orientale Tedesca e della Gran Bretagna, il Portogallo si dedica all'organizzazione territoriale del paese;




1888
Regno del Madagascar
(Imérina)
Ranavalona III
-
(† ?)
1883-96, regina del Madagascar;
1888
la Francia ha occupato militarmente dal 1883 il protettorato sakalava e il nord-est dell'isola fino a Tamatave;


1888
Repubblica del Transvaal
[dal 1856]
[territorio dal Vaal al Limpopo - capitale: Pretoria]
Presidente
S.J.P. Kruger [Oom Paul]
(1883 - 1900)
1888
[nel 1884 è stato istituito il protettorato della Beciuania.]
abile politico, superati i primi difficili anni, il presidente riesce a risollevare le sorti finanziarie dello stato grazie allo sfruttamento delle miniere d'oro del Rand;
fa inoltre costruire nuove strade e ferrovie;

1888
Natal
[dominio inglese dal 1844]
[nel 1838 la regione è stata conquistata e colonizzata da coloni olandesi (boeri) e nel 1840 trasformata in repubblica indipendente;
1842-44, gli inglesi vi affermano nuovamente il loro dominio, dopo aver costretto i boeri a trasferirsi nell'interno, nello stato libero dell'Orange.]
Governatore
?
(? - ?)
1888
-

1888
Stato Libero d'Orange
[territorio dall'Orange al Vaal - capitale: Bloemfontein]
[stato indipendente creato nel 1836 da coloni olandesi provenienti da Città del Capo;
dal 1848 è occupato dalle truppe britanniche che hanno spostato il centro amministrativo a Bloemfontein;
nel 1854, vista l'impossibilità di controllare militarmente l'immenso territorio, gli inglesi si sono ritirati.]
Presidente
-

1888
-

 


1888
[L'insediamento degli inglesi, divenuto definitivo dal 1814, ha formato un'oligarchia amministrativo-commerciale anglosassone nel Sud;
1834-39, grande trek (spostamento di massa dei coloni boeri verso le regioni dell'interno: Orange e Transvaal.]
Governatore
?
(? - ?)

1888
1880-90, le principali esportazioni del Capo consistono in diamanti estratti a Kimberley e in altri giacimenti.



[L'oro deve essere estratto penetando per cento km nel Witwatersrand, a dieci kilometri di profondità.
Nei primi settant'anni il 45% della produzione aurifera mondiale proviene da queste miniere, per un ammontare di 1600 tonnellate pari a 16 miliardi di sterline.
I salari dei minatori africani rimangono per un secolo fermi a tre sterline al mese.]

La compagnia De Beers di Rhodes si fonde con le compagnie minerarie di Barnett Barnato.
I grandi capitalisti del monopolio minerario sono per lo più inglesi e tedeschi ("ariani" ed ebrei).



 
1888
Sudafrica
[L'insediamento degli inglesi, divenuto definitivo dal 1814, ha formato un'oligarchia amministrativo-commerciale anglosassone nel Sud; 1834-39, grande trek (spostamento di massa dei coloni boeri verso le regioni dell'interno: Orange e Transvaal.]
1888
-
Capo
1888
-


















































 





1888
Persia
Nasir al-Din Scià
(1831-1896)
figlio di Muhammad Scià, della dinastia Qagiar;
1848-96, scià di Persia;


1888
-



 



Acerbo, Giacomo (Loreto Aprutino, Pescara 25 luglio 1888 – Roma 9 gennaio 1969) politico italiano.

Baracca, Francesco (Lugo, Ravenna 1888-colle del Montello 1918) militare italiano, pilota aviatore dal 1912, membro della 91ma «squadriglia degli assi», abbatte 34 aerei nemici durante la prima guerra mondiale; essendo caduto durante un'azione di mitragliamento a bassa quota sul Montello, riceve la medaglia d'oro al valor militare.

Bucharin, Nikolaj Ivanovic (Mosca 1888-1938, fucilato) politico sovietico.

Corridoni, Filippo (Pausula, odierna Corridonia, Macerata 1888-Carso 1915) sindacalista italiano
1907, fonda il giornale «Rompete le file!» con Maria Rygier; si sottrae all'inevitabile condanna e ripara a Nizza
1912, novembre, dopo il suo ritorno a Milano (1910), rompe con la CGL
1913, marzo, entra nell'USI (Unione sindacale italiana)
1914, giugno, imprigionato per aver partecipato alla "settimana rossa" a Milano, avalla l'azione di A. De Ambris che si sposta sull'interventismo rivoluzionario; uscito dal carcere, opera con i Fasci di azione rivoluzionaria accanto a B. Mussolini
1915, 23 ottobre, partito volontario per il fronte, muore in trincea.

De Courten, Raffaele (Milano 23.09.1888-Frascati 1978) ammiraglio e politico italiano;
1915-18, prende parte alla I guerra mondiale;
1933 luglio-1936, ricopre la carica di addetto navale presso la Germania, l'Olanda, la Danimarca e gli Stati scandinavi;
1938, maggio, è promosso contrammiraglio e destinato all'ufficio di Stato Maggiore della Marina a reggere l'ispettorato delle armi subacquee;
1940, dà in pari tempo vita e anima all'organizzazione dei mezzi di assalto nel primo anno delle ostilità;
1943 25 luglio-12 aprile 1944, 26 luglio, ministro della Marina nel I governo Badoglio; 8 settembre, conduce le clausole dell'armistizio; ministro con BonomiParri e nel primo gabinetto De Gasperi fino al 1946;
1952-59, presidente del Lloyd Triestino.

De Marsico, Alfredo (Sala Consilina, Salerno 1888-Napoli 1985) giurista e politico italiano;
1924, deputato;
1943, ministro di grazia e giustizia; 24 luglio vota a favore dell'ordine del giorno Grandi per cui viene condannato a morte in contumacia dal tribunale fascista di Verona;
1953-58, senatore del partito nazionale monarchico;
Delitti contro il patrimonio (1955).

Dulles, John Foster (Washington 25 febbraio 1888-24 maggio 1959) politico statunitense, avvocato;
[Primogenito di Allen Macy, un prete presbiteriano, e di Edith Foster Dulles, figlia dello statista John Watson Foster.
- il fratello minore è Allen Welsh, direttore della CIA;
- la sorella minore Eleanor Lansing Dulles è ambasciatrice in Germania;
- lo zio Robert Lansing è segretario di Stato di Thomas Woodrow Wilson e David Rockefeller, suo cugino.
È nipote di J.W. Foster.
Lui e il fratello erano soci dello studio legale Sullivan & Cromwell.]

1945, maggior esperto di politica estera del Partito repubblicano, viene delegato alla conferenza di San Francisco che fissa lo statuto delle Nazioni Unite;
1946-50, delegato alle Nazioni Unite;
1951, ruolo centrale nell'elaborazione del "piano Marshall" negozia per incarico del presidente H.S. Truman il trattato di pace con il Giappone;
1953, gennaio, segretario di stato di D.D. Eisenhower è il più acceso sostenitore della linea anticomunista e antisovietica; con la SEATO prima e la NATO dopo perfeziona il sistema di alleanze degli Stati Uniti in funzione antisovietica e si adopera per un rafforzamento della politica militare americana in Estremo Oriente; diffidente dei movimenti nazionalistici arabi conduce in vicino Oriente una politica sostanzialmente negativa nei confronti del regime nasseriano;
1956, nella guerra di Suez assume un atteggiamento di distacco nei confronti dell'intervento anglo-francese;
1958, promuove lo sbarco di truppe statunitensi in Libano per porre fine alla insorta guerra civile; congela le trattative diplomatiche con l'URSS insistendo sulla riaffermazione del principio pregiudiziale dell'unificazione delle due Germanie attraverso libere elezioni;
1959, aprile, si dimette per motivi di salute.
La sua politica estera segnò il passaggio dal semplice «contenimento» del comunismo teorizzato da H.S. Truman a una strategia più esplicitamente offensiva: questo il senso della dottrina del roll-back (respingimento) e della «rappresaglia massiccia» che sarebbe potuta arrivare, in caso estremo, sino all'impiego delle armi atomiche.

Falco, Giorgio o Giorgio Fornaseri (Torino 1888-1966) storico italiano;
I comuni della Campagna e della Marittima nel medioevo (1919-26)
Lineamenti di storia cassinese nei secoli VIII e IX (1929)
La polemica sul medioevo (1933)
La Santa Romana Repubblica (1942, pubbl. con pseud.)
Opere di Muratori (1964, razionale scelta).

Favagrossa, Carlo (Cremona 22.11.1888-?) politico italiano;
1918-25, fa parte di numerose missioni militari all'estero; reintrato in patria, ha il comando del Genio del Corpo d'Armata di Roma e successivamente il comando della 1ª Brigata corazzata;
1939, 1° settembre, è chiamato ad assumere l'alto duplice incarico di Presidente del Comitato di mobilitazione civile e di Commissario generale per le fabbricazioni di guerra;
1940, 20 maggio, quando il Commissariato viene trasformato in Sottosegretariato di Stato, eglki ne rimane titolare con la promozione a generale di Corpo d'Armata;
1943, 5 febbraio, i servizi del Sottosegretariato e del Commissariato vengono riordinati nel "Ministero per la produzione bellica" ed egli è nominato ministro;

Fraser, Bruce Austin (Londra 1888-1981) ammiraglio britannico, tra i migliori della seconda guerra mondiale
1942, secondo ammiraglio della Home Fleet
1943, dirige la battaglia che porta all'affondamento dell'incrociatore tedesco Scharnhorst
1944, a capo della flotta inglese nel Pacifico, sottoscrive la capitolazione giapponese
1948-51, primo lord del mare e capo di stato maggiore.

Giglioli, Emilio (Bologna 11 .5.1888-?) militare italiano.

Guderian, Heinz (Kulm, odierna Chelmno 1888-Schwangau, Füssen 1954) militare tedesco.

Havet, Achille d' - marchese (Bologna 1888 -?) militare italiano.

Juin, Alphonse (Bona, Algeria 1888-Parigi 1967) militare francese;
1914-18, brillante ufficiale nella I guerra mondiale presta servizio a più riprese in Marocco
1940, durante la campagna in cui comanda una divisione motorizzata è fatto prigioniero dai tedeschi;
1941, giugno, viene liberato su richiesta del maresciallo Ph. Pétain; novembre, sostituisce il generale M. Weygand al comando delle forze della Francia di vichy in Africa settentrionale;
1942, novembre, quando gli anglo-americani sbarcano in Algeria e in Marocco, dopo una esitazione iniziale, si schiera dalla loro parte ed ha quindi il comando delle forze della Francia libera impegnate a fianco degli alleati in Tunisia nel 1942-43 e nella campagna d 'Italia nel 1943-44;
1944, capo di stato maggiore generale della difesa;
1947-51, residente generale in Marocco;
1951, ispettore generale delle forze armate francesi;
1952, maresciallo di Francia;
1953, assume il comando delle forze della NATO in Europa centrale;
1956, giugno, si dimette per contrasti con il suo governo sulla politica francese in Africa settentrionale;
1958-1962, fautore dell'ascesa di Ch. De Gaulle al potere, è mantenuto in servizio oltre i limiti di età in segno di riconoscenza nazionale; 
1962, viene messo bruscamente a riposo in seguito alla sua opposizione alla politica del governo De Gaulle in occasione della seconda rivolta militare in Algeria.

Kinkaid, Thomas Cassin (Hannover, New Hampshire 1888-Washington 1972) militare statunitense;
1943, comandante delle forze navali alleate del nord Pacifico; giugno, è nominato ammiraglio; ottobre, assume il comando delle forze del Pacifico del sud-ovest, sotto il generale D. Mac Arthur;
1944, giugno, comandante della VII flotta; ottobre, infligge gravi perdite ai nemici nella battaglia del golfo di Leyte;
1945, protegge gli sbarchi americani a Luzon, nelle altre isole delle Filippine e nel Borneo; promosso ammiraglio, verso la fine della guerra effettua uno sbarco in Corea e qui (a Seul) accoglie la resa delle truppe giapponesi.

Lawrence, Thomas Edward detto Lawrence d'Arabia (Tremadoc, Galles 1888-Bovington, Dorsetshire 1935) scrittore e militare inglese, appartenente a una famiglia decaduta della piccola nobiltà terriera anglo-irlandese;
1907-10, dopo gli studi ad Oxford viaggia in Francia e in Siria per preparare una tesi archeologica;
1914, viene mandato al Cairo come ufficiale dei servizi segreti;
1916, passa allo Arab Bureau che sollecita l'intervento inglese in Arabia in vista di una spartizione alleata delle zone petrolifere; è trasferito in Arabia;
1916-18, VI organizza la rivolta delle tribù contro i dominatori turchi, impresa che lo renderà leggendario;
1922, la delusione per la politica inglese nel Medio Oriente e oscuri motivi personali lo portano ad arruolarsi come semplice aviere nella RAF col falso nome di Ross e per un breve periodo nei corpi corazzati col nome di Shaw
Revolt in the desert (1926, Rivolta nel deserto, edizione abbreviata di The Seven Pillars of Wisdom);
1935, smobilitato, si stabilisce nelle campagne del Dorsetshire dove muore in un incidente stradale;
The Seven Pillars of Wisdom (1936, postumo, ediz. completa, I sette pilastri della saggezza; resoconto della sua impresa araba)
Castelli crociati (1936, postuma, tesi archeologica di cui sopra)
The Mint (1955, postumo, L'aviere Ross).


Löser, Ewald Oskar Ludwig (Storkow, Brandeburgo 11 aprile 1888 – 23 dicembre 1970) ) avvocato tedesco, un membro del Konzern della Fried. Krupp AG e membro della resistenza al nazismo.

Monnet, Jean (Cognac 1888-Montfort-l'Amaury, Parigi 1979) politico e finanziere francese;
1919-23, è il primo vicesegretario generale della "Società delle nazioni";
1939, all'inizio della seconda guerra mondiale diventa presidente del comitato per il coordinamento economico franco-britannico;
1943, oppostosi all'armistizio con la Germania e trasferitosi negli Stati Uniti, è inviato da F.D. Roosevelt in missione ad Algeri per tentare una riconciliazione tra Ch. De Gaulle e il generale H.-H. Giraud; entra nel Comitato di liberazione nazionale;
1946, è nominato da Ch. De Gaulle commissario generale al piano economico (il cosiddetto piano Monnet) che conduce la Francia alla ricostruzione nel quadro del piano Marshall
redige il progetto di unificazione europea (il piano Schuman, dal nome del ministro degli esteri che lo ha presentato nel 1950) concretizzatosi nell'istituzione della Comunità europea del carbone e dell'acciaio;
1952-55, è presidente di questa organizzazione.

Mussolini, Edvige (Predappio, Forlì 10 novembre 1888 – Chieti, 5 dicembre 1957)
[Figlia di Alessandro, fabbro e militante dapprima anarchico e poi socialista, nonché assessore e consigliere comunale a Predappio, e Rosa Maltoni, maestra di scuola elementare, e sorella minore di Arnaldo e Benito.
Moglie del cav. Michele Mancini;
Madre di Giuseppe Mancini, vicebrigadiere della 6ª Compagnia della Legione Tagliamento arresosi ai partigiani ma ucciso il 28 aprile 1945 insieme ad altri 42 commilitoni nella strage di Rovetta.]

dopo il matrimonio si trasferisce da Predappio a Premilcuore (Forlì), di cui il marito diviene podestà;
1940, ottiene l'annullamento del provvedimento che condanna lo scrittore D. Segre [Pitigrilli], accusato di essere antifascista, a essere confinato nel campo di internamento dell'Aquila.
[Fino al 1940 custodisce i diari che secondo alcuni storici il fratello Benito avrebbe scritto tra il 1935 e il 1939. Le cinque agende saranno oggetto di molti studi negli anni per accertarne l'autenticità. Nei diari infatti traspare un B. Mussolini intimista, malinconico, spaventato dalla figura di A. Hitler, contrario alla guerra, "indifferente" nei confronti degli ebrei.]
Rimasta sempre affezionata al fratello, le sue memorie sono raccolte e trascritte da Rosetta Ricci Crisolini in Mio fratello Benito pubblicato da La Fenice di Firenze, nel 1957.
[Nel libro ella riporta i propri ricordi, lettere e colloqui avuti con suo fratello; tra le altre cose, ella si oppone alla tesi secondo cui Benito fosse antisemita, inserendo una testimonianza dello stesso B. Mussolini che afferma di aver aderito all'antisemitismo per la necessità dell'alleanza con B. Mussolini.]

Papandreu, Georgios (Kalenzi, Patrasso 1888-Atene 1968) politico greco, seguace di E. Venizelos;
1923, deputato;
1928-1932, ministro della pubblica istruzione;
1935, fonda il "Partito socialdemocratico" e, sotto la dittatura di I. Metaxas, viene condannato alla deportazione e all'esilio;
1941, rientrato ad Atene promuove e dirige la partecipazione delle forze liberali e moderate alla resistenza contro i nazifascisti;
1944, primo ministro del governo greco in esilio in Egitto, dopo la liberazione del suo paese ricopre ancora incarichi di governo, attuando una politica di chiusura nei confronti dei comunisti;
1959, costituisce il "Partito liberale democratico"
1961, costituisce con S. Venizelos, l' "Unione di centro" (nella quale si riuniscono le varie frange del liberalismo greco) mostrandosi più aperto verso la sinistra;
1963, novembre, trionfa alle elezioni, diventa presidente del consiglio e attua una politica centrista che gli inimica gli ambienti militari e quelli di estrema destra;
1965, luglio, si dimette dopo le divergenze sulla questione di Cipro con Costantino II e dopo una cospirazione di ufficiali progressisti attribuita a suo figlio Andreas;
1967, aprile, a capo dell'opposizione tenta di riorganizzare il movimento democratico in vista delle future elezioni ma è preceduto da un colpo di stato militare dei "colonnelli"; arrestato, viene rilasciato pochi mesi dopo.

Rossini, Aldo – conte (Novara 4 luglio 1888 – Novara 8 gennaio 1977) politico italiano;

Schmitt, Carl (Plettenberg, Westfalia 1888-1985) filosofo tedesco del diritto, svolse un'intensa attività politica negli ultimi anni della repubblica di Weimar; membro durante il nazismo del Consiglio di stato prussiano  e presidente dell'associazione dei giuristi nazionalsocialisti
Romanticismo politico (1919)
La dittatura (1921)
Teologia politica (1922)
Il concetto di "politico" (1927)
Legalità e legittimità (1932)
1936, rinuncia alla vita politica dedicandosi esclusivamente all'insegnamento universitario
1945, si ritira a Plettenberg
Teologia politica II (1970).

Turati, Augusto (Parma 25 agosto 1888 – Roma 27 agosto 1955) giornalista e politico italiano;.

Vanier, Georges-Philéas (Montreal, Quebec 23 April 1888 – Ottawa, Ontario 5 March 1967) militare e diplomatico canadese, cattolico;
[Figlio French-Norman e di madre irlandese.
Sposato, 29.09.1921, con Pauline Archer (Montreal 28.03.1898 - Montreal 23 mar 1991) che le dà 5 figli tra cui Jean Vanier (10.09.1928), filosofo, teologo e umanista, cattolico, fondatore dell' Arche.]

1959, 15 set-5 mar 1967, 19° governatore generale del Canada.

Visco, Sabato (Torchiara, Salerno 9 aprile 1888 – Roma 1º maggio 1971) fisiologo e politico italiano;
nazionalista, prende parte all'impresa di Fiume, è consigliere della milizia e successivamente deputato fascista;
1931, è nominato professore ordinario di fisiologia generale nell'Università di Roma, succedendo a Giulio Fano;
è poi preside della Facoltà di Scienze dell'Università di Roma, segretario del Comitato Biologico del Consiglio Nazionale delle Ricerche;
1936, fondatore e direttore dell'Istituto Nazionale di Biologia (attuale Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione), socio dell'Accademia Nazionale dei Lincei/Accademia d'Italia;
1938, 14 luglio, primo firmatario del Manifesto della Razza;
1939 feb - mag 1941, svolge un ruolo di primaria importanza nella politica razziale del regime fascista; Capo dell'Ufficio per gli Studi e la Propaganda sulla Razza del Minculpop;
come successore di Guido Landra, membro del Consiglio Superiore della Demografia e della Razza, vicepresidente della Commissione ordinatrice e del Museo della Razza nell’ambito dell'E42, ed è anche candidato alla direzione della rivista «La difesa della razza»;
1939, primavera, in un intervento alla Camera dichiara che l'università italiana perde i docenti ebrei «con la più serena indifferenza», e che anzi ne guadagna in «unità spirituale».
1946, 4 gennaio, col ritorno della democrazia, una commissione di epurazione, presieduta da Benedetto Croce e Vincenzo Rivera, lo dichiara decaduto dall'Accademia dei Lincei assieme ad altri accademici compromessi col fascismo e perfino assieme ad alcuni grandi scienziati di origine israelita, quali Tullio Terni e Mario Camis, i quali a partire dal 1938 erano stati perseguitati dai fascisti.
Egli riottiene tuttavia senza difficoltà la cattedra di fisiologia, la presidenza della facoltà di Scienze all'università di Roma e la direzione dell'Istituto nazionale della nutrizione, grazie all'abilità nel trovare appoggi all'interno dei maggiori partiti politici italiani riciclandosi come antifascista.
1971, 1° maggio, muore a Roma.

Wagner, Gerhardt (Neu-Heiduk, Upper Slesia 1888 – Monaco 1939) medico e politico tedesco, considerato il "padrino" del programma di eutanasia.

Wallace, Henry Agard (Adair County, Iowa 1888-Danbury, Connecticut 1965) politico statunitense, giornalista ed esperto di problemi agrari, fu collaboratore di F.D. Roosevelt;
1933-40, ministro dell'agricoltura, realizza le linee direttive del New Deal nel settore agricolo;
1940 novembre-1945, vicepresidente;
1945, ministro del commercio, ma si urta ben presto con H. Truman del quale non condivide l'anticomunismo e la politica rigida nei confronti dell'Unione sovietica;
1946, costretto a dimettersi dall'incarico, prende la direzione di un settimanale d'opposizione, la «New Republic», che ottiene un notevole successo di pubblico, e fonda con altri democratici di sinistra il Partito progressista, un movimento che propugna l'amicizia con l'Unione sovietica e auspica il disarmo delle grandi potenze;
1948, si presenta candidato alle elezioni presidenziali, ma viene sconfitto;
1950, allo scoppio della guerra di Corea egli approva tuttavia l'intervento militare americano e lascia definitivamente il Partito progressista poiché si convince che gli obiettivi internazionali dell'Unione sovietica contrastano nettamente con gli interessi americani; dopo aver compiuto una serrata e pubblica autocritica si riavvicina al Partito democratico.

Torna su



Nuova Ricerca