Il Viandante

in rete dal 1996


Se ti siamo stati utili effettua una

Nuova Ricerca

ANNO 1964

STORIA e POLITICA RELIGIONE e FILOSOFIA ARTE

Bancarella Libri usati

Cosa Nostra
SCIENZE ECONOMIA LETTERE e TEATRO CINEMA
Radio-TV

Papa Paolo VI
(1963-78)

segretario di Stato: cardinale Augustin Bea;

1964
Settembre
15
, la Santa sede conclude un accordo con il governo comunista ungherese;
sta ora trattando per raggiungere un accordo anche con i governi della Polonia e della Cecoslovacchia;

ONU
Organizzazione delle nazioni unite

1946, New York,
segretario generale:
- 1961-71, Sithu U Thant.

USA

1964, 3 novembre, Lyndon B. Johnson viene eletto 36° presidente battendo il candidato repubblicano Goldwater.

Upu
(Unione Postale universale)

«segue da 1947»
1964, alla convenzione di Vienna, viene aggiornata.

 




1964
Schweizerische Eidgenossenschaf
Confédération suisse
Confederazione svizzera
[Repubblica federale]
- Presidente
-
- Primo ministro
-
[governo di coalizione: Partito radicale democratico, Partito cristiano-democratico, Partito socialista e Unione democratica di centro]

1964
-


1964
Fürstentum Liechtenstein
[Monarchia costituzionale]
Francesco Giuseppe II
Albero genealogico
(1906 - 1989)
figlio di
1938-89
, principe di Liechtenstein;
[il FBP (Partito borghese del progresso), centrodestra, è al potere dal 1928]


1964
-


1964
Republik Osterreich
[neutrale da mag 1955]
- Presidente
-
- Cancelliere
?
(? - ?)
- Ministro degli esteri
Bruno Kreisky
(Partito socialdemocratico)
(1959 - 1966)
 

1964
-

 

1964
Bundesrepublik Deutschland
[Repubblica Federale di Germania (FDR)]
(maggio 1949)
Presidente
H. Lübke
(1959 lug - 1969)
IV Legislatura 1961 17 ott - 17 ott 1965
Cancelliere
L. Erhard
I
(1963 17 ott - 26 ott 1965)
[CDU]
[Coalizione "giallo-nera" composta da:
- CDU (Christlich Demokratische Union Deutschlands - Unione cristiano-democratica),
- CSU (Christlich-Soziale Union - Unione cristiano-sociale),
- FDP (Freie Demokratische Partei - Partito liberaldemocratico).]
Affari Esteri
Gerhard Schröder (CDU)
(1961 14 nov - 30 nov 1966)
Senza portafoglio
(fino al 13/07/1964)
Heinrich Krone (CDU)
(1961 14 nov - 13 lug 1964)


Presidente del consiglio federale di difesa

Heinrich Krone
(CDU)
(1964 14 lug - 26 ott 1965)
Capo della cancelleria federale
(Senza portafoglio)

Ludger Westrick
(CDU)
(1964 16 lug - 30 nov 1966)
Interno
Hermann Höcherl (CSU)
(1961 14 nov - 26 ott 1965)
Giustizia
Ewald Bucher (FDP)
(1962 14 dic - 27 mar 1965)
Finanze
Rolf Dahlgrün (FDP)
(1962 14 dic - 30 nov 1966)
Economia
Kurt Schmücker (CDU)
(1963 17 ott - 30 nov 1966)
Tesoro
Werner Dollinger (CSU)
(1962 14 dic - 30 nov 1966)
Agricoltura e Foreste
Werner Schwarz (CDU)
(1962 14 dic - 26 ott 1965)
Rapporti con la Germania Est
+ Vice-cancelliere
Erich Mende (FDP)
(1963 17 ott - 28 ott 1966)
Lavoro e Solidarietà sociale
Theodor Blank (CDU)
(1957 29 ott - 26 ott 1965)
Difesa
Kai-Uwe von Hassel (CDU)
(1963 10 gen - 30 nov 1966)
Famiglia e Gioventù
Bruno Heck (CDU)
(1962 14 dic - 2 ott 1968)
Sanità
Elisabeth Schwarzhaupt (CDU)
(1961 14 nov - 30 nov 1966)
Trasporti
Hans-Christoph Seebohm (CDU)
(1949 20 set - 30 nov 1966)
Poste e Telecomunicazioni
Richard Stücklen (CSU)
(1962 14 dic - 30 nov 1966)
Rifugiati di guerra
Hans Krüger (CDU)
(1963 17 ott - 7 feb 1964)
Ernst Lemmer (CDU)
(1964 19 feb - 26 ott 1965)
Affari regionali
Alois Niederalt (CSU)
(1962 14 dic - 30 nov 1966)
Ricerca scientifica
Hans Lenz (FDP)
(1962 14 dic - 26 ott 1965)
Cooperazione economica
Walter Scheel (FDP)
(1962 19 nov - 28 ott 1966)
 
1964
-
alle "Berliner Festwochen" il CCF (Congress for Cultural Freedom) finanzia la presenza di:
. Günter Grass,
. W.H. Auden,
. Keith Botsford,
. Cleanth Brooks,
. Langston Hughes,
. R. Macauley,
. Robert Penn Warren,
. James Merrill,
. John Thompson,
. Ted Hughes,
. Herbert Read,
. Peter Russell,
. Stephen Spender,
. Roger Caillois,
. Pierre Emmanuel,
. Derek Walcott,
. Jorge Luis Borges,
. W. Soyinka.
(J. Hunt e François Bondy sono presenti come osservatori).



1964
Royaume de Belgique
Konikrijk België

Baldovino I

Albero genealogico

(1930 - 1993)
figlio di Leopoldo III e di Astrid di Svezia;
1951-93, re dei Belgi;


Primo ministro
?
(? - ?)
 

1960
-


1964
Koninkrijk der Nederlanden
[Regno dei Paesi Bassi]

Giuliana

Albero genealogico

(l'Aia 1909 - 2004)
figlia di Guglielmina regina dei Paesi Bassi e del principe consorte Enrico di Meclemburgo-Schwerin;
1937, sposa il principe Bernardo di Lippe-Biesterfeld;
1948-80, regina dei Paesi Bassi;
[dopo l'abdicazione della madre]


Primo ministro
-
 

1964
-


1964
Grousherzogden Lezebuurg
Grand-Duché de Luxemburg
- dal 1919 il paese ha una costituzione democratica,
- dal 1948 ha rinunciato alla neutralità,
- dal 1951 fa parte della CECA,
- dal 1954 fa parte della UEO,
- dal 1957 fa parte della CEE che ha sede proprio in Lussemburgo.
Charlotte di Nassau-Weilburg
Albero genealogico

(1896 - ?)
figlia di Guglielmo IV e di Maria Anna di Portogallo;
1919-64, duchessa di Nassau;
1919-64, granduchessa di Lussemburgo;
1964
la granduchessa abdica a favore del figlio Jean di Borbone-Parma;

Giovanni di Borbone-Parma

Albero genealogico

(1921 - ?)
figlio secondogenito del principe Felice di Borbone-Parma e di Charlotte di Nassau-Weilburg, granduchessa di Lussemburgo e duchessa di Nassau;
1964-?, granduca di Lussemburgo;
[dopo l'abdicazione della madre]


 
 

1964
-


1964
Kongeriget Danmark
[Regno di Danimarca]
Federico IX
Albero genealogico

(? - ?)
figlio di Cristiano X e di Alessandrina di Mecklenburg;
1947-72, re di Danimarca;

 

1964
-


1964
Repubblica d'Islanda
[dal 17 giugno 1944]
Presidente
-
Primo ministro
-
 

1964
-


1964
Kongeriket Norge
[Regno di Norvegia]
[dal 1905]
Olav V
Albero genealogico

(1903 - ?)
figlio di Haakon VII e di Maud di Gran Bretagna;
1957-
, re di Norvegia;

 
Primo ministro
-
[il Partito laburista è al potere dal 1935]

1964
di fronte alle gravi misure fiscali necessarie per affrontare l'inflazione e portare avanti le riforme, il Partito laburista è costretto a dare le dimissioni;


1964
Konungariket Sverige
[Regno di Svezia]
Gustavo VI Adolfo
Albero genealogico

(? - ?)
figlio di Gustavo V e di ?;
1950-73, re di Svezia;

 
Primo ministro
Tage Fritiof Erlander
(1946 - 1969)
[Partito socialdemocratico]

1964
-


1964
Suomen Tasavalta
Republiken Finland
[Repubblica di Finlandia]
[dal 1961 aderisce all'EFTA]
Presidente
Urho Kaleva Kekkonen
[Partito agrario]
(1956 feb - 1981)
Primo ministro
?
(? - ?)
[-]
Ministro dell'interno
-
Ministro degli esteri
-
[dal 1958 il Partito comunista ha la maggioranza relativa]

1964
-





1964
Repubblica Popolare Federativa
di Jugoslavia

[Federativna Narodna Republika Jugoslavija]
(dal 29 Novembre 1945)
- Presidente dell'assemblea federale:
Edvard Kardeij
(1963-67)
- Vicepresidente del governo federale:
-
- Primo ministro
Tito (Josip Broz)
(1945-80)
- Vicepresidente del consiglio:
-
- Ministro degli esteri:
-
- Ministro degli interni e della sicurezza
Alexander Rankovic
(? - ?)

1964
Tito (Josip Broz) si scontra con A. Rankovic che difende l'autoritarismo centralistico;

6 REPUBBLICHE POPOLARI
SLOVENIA - cap. Lubiana

1964

CROAZIA - cap. Zagabria

1964
-

SERBIA - cap. Belgrado

1964
-

Vojvodina - capol. Novi Sad
[Provincia autonoma, dal settembre 1945, con la sua forte minoranza ungherese.]
1964
-
Kosovo-Metohija - capol. Pristina
[o "Kosmet", Territorio autonomo (autonoma oblast), dal settembre 1945; provincia autonoma dal 1963.]
1964
-
BOSNIA-ERZEGOVINA - cap. Sarajevo

1964
-

MONTENEGRO - cap. Podgorica-Titograd

1964
-

MACEDONIA - cap. Skoplje

1964
-

a


1964
Presidente
Enver Hoxha
(1946 - 1982)
segretario del Partito del lavoro
Enver Hoxha
(1954 - 1985)
[dal 1961 ha deciso di appoggiare la propria politica a quella della Cina Popolare]

1964
-


1964
REGNO di GRECIA
(1935 - 1947)

Paolo I

Albero genealogico

(Atene 1901 - 1964)
terzo figlio di Costantino I re di Grecia e di Sofia di Hohenzollern;
1938, sposa Federica di Brunswick;
1940-45, ufficiale di marina durante la seconda guerra mondiale, ripara all'estero dopo l'occupazione del paese a opera delle truppe italo-tedesche;
1947-64, re di Grecia;
[1° aprile, salito al trono alla morte del fratello.]

Costantino II

Albero genealogico

(n. 1940)
figlio di Paolo I re di Grecia e di Federica di Brunswick;
?, sposa Anna Maria di Danimarca;
1964-74, re di Grecia;

Primo ministro
Georgios Papandreu
(1963 nov - lug 1965)
[Unione di Centro]
 

1964
le reazioni delle destre e degli stessi ambienti di corte, in presenza di una nuova crisi cipriota e di pressioni americane verso soluzioni conservatrici, crea un clima di forte instabilità politica;



1964

[isola indipendente dal 16 agosto 1960]

Presidente
-
arcivescovo Makarios III
(1960 ago - ?)
Vicepresidente
-
Fazil Küçük (turco-cipriota)
(1960 ago - ?)
[]

1964
la coesistenza tra i due gruppi nazionali è difficile: tendenze autoritarie accentratrici dell'arcivescovo, di contro alle aspirazioni autonomistiche della minoranza turca;
Natale, incidenti sono provocati dai greco-ciprioti;
primavera, incidenti provocati dai greco-ciprioti, riaccendono la guerra civile che ha come effetto l'intervento delle truppe dell'ONU, quindi l'allontanamento dei turchi dal governo dell'isola e la delimitazione delle aree abitate dalle due comunità;


1964
Repubblica di Turchia
(seconda repubblica da maggio 1960)
- dal 1952 la Turchia fa parte della NATO,
- dal 1955 è nel "patto di Baghdad".
Presidente
gen. Cemal Gürsel
(1960 mag - ?)
Primo ministro
Ismet Inn
(1961 - ?)
[Partito repubblicano del popolo]
 

1964
-






1964
U.R.S.S.
(Unione delle repubbliche sovietiche: Russia, Ucraina, Bielorussia e Transcaucasia)
1° segretario
del Comitato centrale del PCUS
N.S. Chrucv
(1953 nov - ott 1964)
Leonid Breznev
(1964 ott - 1982)
[Il PCUS (Partito comunista dell'Unione Sovietica), partito unico, ha un ruolo dirigente.]
presidente
del Consiglio
dei Soviet
-
vicepresidente
-
capo del governo
N.S. Chrucv
(1958 mar - ott 1964)
Kossighin
(1964 ott - ?)
MVD, [ex NKVD]
[Ministero per gli affari interni]
Ministro
-
KGB
(Komitet Gosudarstvennoi Bezopasnosti Comitato per la sicurezza dello stato)
Ministro
-
 
RUSSIA
(Repubblica Socialista Federativa Sovietica)
(capitale: Mosca)
Patriarca di Mosca
Alexej
(1944 set - 1970)

1964
scende il silenzio ufficiale sul rapporto segreto circa i delitti di Stalin, esposto nel 1956 da N.S. Chrucv;

Ottobre
15
, N.S. Chrucv, autore della "coesistenza competitiva", viene defenestrato e il suo posto di primo segretario del PCUS viene preso da Leonid Breznev.
Primo ministro diventa Kossighin.

Scienziati tedeschi.
Heinz Barwick, direttore aggiunto dell'Istituto di ricerche nucleari a Dubna, uno tra i pochi scienziati ancora rimasti in Unione Sovietica, all'inizio dell'anno raggiunge la Germania orientale dalla quale fugge poi negli Stati Uniti.



Repubblica della Ceceno-Inguscezia

[ricostituita nel 1957 come repubblica autonoma all'interno della Repubblica Russa]

1964
-

BIELORUSSIA
(Repubblica Socialista Federativa Sovietica)
(Beloruskaja SSR - capitale: Minsk)

presidente della repubblica
-
1964
-
UCRAINA
(Repubblica Socialista Federativa Sovietica)
(capitale: Kijev)
presidente della repubblica
-
1964
-
TRANSCAUCASIA
(Repubblica Socialista Federativa Sovietica)
Azerbaigian
(Repubblica federativa - capitale: Baku)
presidente della repubblica
-
1964
-
- Nagorno-Karabah (provincia autonoma)
- Nahicevan (repubblica autonoma)
Repubblica Socialista Georgiana
(Repubblica federativa - capitale: Tbilisi)
presidente della repubblica
Noé Jordania
(1918 - ?)
1964
-
- Adzaristan (repubblica autonoma)
- Abhasia (repubblica autonoma)
- Ossezia Meridionale (provincia autonoma)
Repubblica autonoma di Armenia
(Repubblica socialista - capitale: Jerevan)
presidente della repubblica
-

1964
-

a

1964
Repubblica Socialista Sovietica
di Estonia
Presidente
?
(? - ?)
Primo Ministro
?
(? - ?)
1964
-
 
1964
Repubblica Socialista Sovietica
di Lettonia
Presidente
?
(? - ?)
Primo Ministro
?
(? - ?)
1964
-
 
1964
Repubblica Socialista Sovietica
di Lituania
Presidente
?
(? - ?)
Primo Ministro
?
(? - ?)
1964
-

1964
Repubblica Democratica Tedesca
(DDR)
dal 13 agosto 1961 esiste il "muro di Berlino"
[cadr nel 1989]
- Presidente del consiglio di stato
Wilhelm Pieck
(1949 11 ott - 24 set 1964)
W. Ulbricht (1964 - 1973)
- Primo Ministro
Otto Grotewohl
(1949 11 ott - 24 set 1964)
Willi Stoph
(1964 24 set - 3 ott 1973)
- Segretario del SED
W. Ulbricht
(1950 - 1971)
[SED (Sozialistische Einheitspartei Deutschlands - Partito socialista unificato)]

1964
Maggio
riprendendo un'analoga iniziativa del 1957, W. Ulbricht scrive una lettera al cancelliere federale L. Erhard (pubblicata su «Neues Deutschland»), in cui si propone l'improponibile: la formazione di un "consiglio tedesco", formato pariteticamente dai membri dei due parlmenti, come primo passo verso un graduale processo di integrazione.
L. Erhard
non la apre nemmeno e la rispedisce al mittente.

Settembre
nuovo primo ministro diventa Willi Stoph (1964 24 set - 3 ott 1973);

Novembre
si aprono i confini per i pensionati della DDR;



1964
Governo polacco
in esilio a Londra
Presidente
August Zaleski
(1947 9 giu - 7 apr 1972)
Primo ministro
Antoni Pajak
(1955 10 set - 14 giu 1965)
 
 
1964
Presidente del Consiglio di Stato
Aleksander Zawadzki
(1952 - 1964)
Edward Ochab
(1964 - 1968)
Primo ministro
Józef Cyrankiewicz
(1954 18 mar - 23 dic 1970)
Ministro della Difesa
nonché comandante in capo dell'esercito
-
Primo Segretario del Poup
W. Gomulka
(1956 21 ott - 20 dic 1970)
Poup (Partito operaio unificato polacco)
[PZPR (Polska Zjednoczona Partia Robotnicza)]
(1948 15 dic - 29 gen 1990)
1964
-

1964
REPUBBLICA di CECOSLOVACCHIA
Presidente della repubblica
A. Novotny
(1957 - 1968)
Primo ministro
-
- Primo segretario del Pcc (Partito comunista cecoslovacco)
A. Novotny
(1953 mar - 1968)
- Segretario del Pc slovacco e membro dell'ufficio politico del Pcc
A. Dubcek:
(1962 - gen 1968)
Ministro degli Esteri
-
Ministro aggiunto degli Esteri
-
- l'ordinamento regionale è stato soppresso -
 
1964
-

1964
Presidente della Presidenza
Istvan Dobi
(1952 14 ago - 13 apr 1967)
[Partito dei Lavoratori Ungheresi/Partito Socialista Operaio Ungherese]
Primo Ministro
J. Kdr
(1961 13 set - 30 giu 1965 )
[MSZMP, comunista]
Primo segretario dell'UASP (Partito socialista del lavoro ungherese) il nuovo Partito comunista.
János Kádár
(1957 - 1988)
 

1964
aperture di J. Kdr in politica estera, soprattutto verso i paesi occidentali; gli intellettuali godono di una certa indipendenza;

Settembre
15
, la Santa sede conclude un accordo con il governo comunista ungherese;


1964
REPUBBLICA POPOLARE ROMENA
(30 dicembre 1947)
Presidente del consiglio di stato
Primo ministro
-
Ministro degli esteri
-
Segretario generale del Partito operaio romeno
     

1964
con G. Gheorghiu-Dej inizia un percorso di emancipazione dalla tutela sovietica;


1964
REPUBBLICA POPOLARE di BULGARIA
(30 dicembre 1947)
Presidente del consiglio di stato
V. Červenkov
(1949 - ?)
segretario generale del Partito comunista bulgaro
Todor Christov Zivkov
(1954 - 1989)

1964
dal 1958, a conclusione del secondo piano quinquennale, l'industria nazionalizzata al 98%, il commercio al 99% e l'agricoltura al 90%;
la posizione di Todor Christov Zivkov si indebolisce dopo la morte di N.S. Chrucv, suo alto protettore;







 
1964
Costituzione del 1958
 
V REPUBBLICA
Presidente della Repubblica
Ch. De Gaulle
(1959 8 gen - 28 apr 1969)
Presidente del Senato
Gaston Monnerville (GD)
(1958 4 ott - 2 ott 1968)
Presidente dell'Assemblea Nazionale
Presidente del Congresso
(Senato+Camera)

 
[Governo sostenuto dalla coalizione di centrodestra:
- UNR (Unione per una nuova Repubblica),
- RI (Repubblicani Indipendenti),
- UDT (Unione Democratica del Lavoro)
Primo ministro
G. Pompidou
II
(28 nov - 8 gen 1966)
Ministri di Stato

Affari culturali

André Malraux
(1962 14 apr - 16 giu 1969)
Dipartimenti e territori d'oltre mare
Louis Jacquinot (UNR)
(1962 14 apr - 8 gen 1966)
Riforma amministrativa

Louis Joxe
(1962 28 nov - 8 apr 1967)
Ricerca scientifica, questioni atomiche e spaziali
Gaston Palewski
(1962 14 apr - 23 feb 1965)
Ministri delegati
Cooperazione
Raymond Triboulet (UNR)
(1962 28 nov - 8 gen 1966)
Ministri
Interni
Roger Frey (UNR)
(1961 6 mag - 8 apr 1967)
Affari Esteri
Maurice Couve de Murville
(1958 1° giu - 30 mag 1968)
Esercito
Pierre Messmer
(1962 14 apr - 8 apr 1967)
Finanze e Affari Economici
V.G. d'Estaing (RI)
(1962 19 gen - 8 gen 1966)
Industria
Michel Maurice-Bokanowski (UNR)
(1962 14 apr - 8 gen 1966)
Lavori pubblici e Trasporti
Marc Jacquet
(1962 28 nov - 8 gen 1966)
Agricoltura
Edgard Pisani
(1962 14 apr - 8 gen 1966)
Lavoro
Gilbert Grandval (UDT)
(1962 15 mag - 8 gen 1966)
Giustizia
Jean Foyer(UNR)
(1962 14 apr - 8 apr 1967)
Sanità pubblica e Popolazione
Raymond Marcellin (RI)
(1962 15 mag - 8 gen 1966)
Educazione nazionale
Christian Fouchet
(1962 28 nov - 8 apr 1967)
Costruzioni
Jacques Maziol (UNR)
(1962 28 nov - 8 gen 1966)
Vecchi combattenti e vittime di guerra
Jean Sainteny
(1962 28 nov - 8 gen 1966)
Poste e Telecomunicazioni
Jacques Marette (UNR)
(1962 14 apr - 8 apr 1967)
Informazione
Alain Peyrefitte (UNR)
(1962 28 nov - 8 gen 1966)
Rimpatriati
[dal 23 luglio la delega passa al Ministro degli Interni.]
François Missoffe (UNR)
(1962 28 nov - 23 lug 1964)
Segretari
Affari esteri
Michel Habib-Deloncle (UNR)
(1962 28 nov - 8 gen 1966)
Affari algerini
Jean de Broglie (RI)
(1962 28 nov - 8 gen 1966)
Budget
Robert Boulin (UNR)
(1962 11 set - 8 apr 1967)
Turismo ed Promozione sociale
Pierre Dumas (UNR)
(1963 20 mar - 8 gen 1966)
Gioventù e Sport
Maurice Herzog
(1963 12 giu - 8 gen 1966)

 

1964
Gennaio
27
, il generale Ch. De Gaulle fa riconoscere alla Francia la Repubblica Popolare Cinese.

Luglio
23
, altro rimpasto di governo;









1964
Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda
Elisabetta II
Albero genealogico
(n. 1926)
figlia di Giorgio VI e di Elisabeth Bowes-Lyon [Queen Mum];
1947-52, duchessa di Edimburgo;
1953 (2 giugno) regina di Gran Bretagna e d'Irlanda del Nord, capo del Commonwealth;
Primo ministro,
Primo lord del Tesoro
[Prime Minister, First Lord of the Treasury]
sir Alec Douglas-Home conservatore
(19 ott - 16 ott 1964)
H. Wilson laburista
(16 ott - 19 giu 1970)
Cancelliere dello Scacchiere
[Chancellor
of the Exchequer
]
Segretari di Stato
 
Affari Esteri e Commonwealth
G. Brown
(16 ott - 19 giu 1970)
Difesa
Affari Interni
 
Giustizia    
Colonie
 
Affari economici
Carburanti
ed Energia
Commercio estero
 
Sanità
 
Edilizia
 
 

1964

Dopo gli attacchi ricevuti l'anno precedente di ricevere una regolare e segreta sovvenzione dal Foreign Office i responsabili della rivista «Encounter» cercano un mecenate adatto llo scopo.

Luglio
i direttori di «Encounter» annunciano sulla stessa rivista che in futuro tutti gli aspetti economici e finanziari saranno curati dall'International Publishing Corporation di Cecil King.
Come parte di questo accordo c'è la costituzione di un comitato di controllo di cui fanno parte:
. Victor Rothschild,
. M. Josselson
. Arthur Schlesinger.
[Quest'ultima nomina viene fatta nonostante l'avvertimento di Edward Shils, secondo cui questa avrebbe fatto giungere molto più velocemente ad Arthur Schlesinger la contorta versione dei fatti confezionata da S. Spender, e da qui alla «banda di New York».]
Comunque, l'intesa raggiunta con Cecil King specifica che «gli stipendi dei due condirettori e parte di quello di un direttore aggiunto» continueranno ad essere di pertinenza del CCF (Congress for Cultural Freedom).
Come asserisce M. Josselson anche in precedenza questi non erano contemplati direttamente tra le spese di «Encounter», così continuerà ad essere.
La parte rimanente della normale sovvenzione del CCF (Congress for Cultural Freedom) alla rivista (15.000 sterline annue) sarà dirottata alla Encounter Books Ltd sotto forma di rimessa diretta.
Gli accordi con la Fischer Verlag seguono la stessa linea: apparentemente la International Publications Company diventa l'editore di «Der Monat». In realtà il CCF (Congress for Cultural Freedom) resta il proprietario della rivista avendo comprato con un «fondo speciale di 10.000 dollari» il 65% delle quote della società editrice.
Queste quote vengono «detenute in amministrazione fiduciaria da un [intermediario] del Congresso».
In entrambi i casi, il CCF (Congress for Cultural Freedom) decide l'orientamento editoriale, pur occultando la propria influenza e il proprio impegno finanziario.

Agosto
Londra, quando a New York vengono alla luce i traffici delle fondazioni note come "Le otto di Patman", J. Hunt si trova al Duke's Hotel, mentre M. Josselson è allo Stafford Hotel.
[Con ogni probabilità M. Josselson era già stato messo sull'avviso. Del resto Paoul Goodman aveva intuito la verità già nel 1962 quando aveva scritto su «Dissent»: «La Libertà della cultura e "Encounter" sono strumenti della CIA».]

Ottobre
alle elezioni politiche i laburisti, con H. Wilson, battono i conservatori;
M. Josselson scrive a Daniel Bell: «Siamo contenti di aver così tanti amici nel nuovo governo» (vi è infatti una mezza dozzina di collaboratori abituali di «Encounter» nel nuovo gabinetto di H. Wilson).
M. Lasky ridisegna quindi la linea di «Encounter», portandola molto più vicino al programma politico dei suoi patrocinatori segreti.
[Il prezzo, come dirà Richard Wollheim, è alto: «Si tratta di una grave ingerenza nella vita culturale britannica, che sarà alle origini della compiacenza dimostrata da molti intellettuali inglesi e dal Partito Laburista nei confronti della guerra del Vietnam».
Ad attrarre la collaborazione delle migliori firme alla rivista «Encounter» è l'aspetto culturale della rivista (per non dire degli ottimi onorari) e, di questo, la CIA deve ringraziare ancora una volta S. Spender. Di sicuro fa molto per sostenere l'immagine del CCF (Congress for Cultural Freedom) come di un'organizzazione dedita principalmente alla cultura, non alla politica.
La guerra fredda, tuttavia, mette di continuo in questione l'idea che cultura e politica possano essere tenute separate.

In autunno David Carver si presenta puntualmente negli uffici del PEN Club di Londra per dare una mano all'amico J. Hunt.
[Gli americani vogliono per il PEN Club un presidente americano e sono sul punto di ottenerlo.]

 

ULSTER
(Irlanda del Nord)
1964
-

1964
-






1964
REPUBLICA PORTÚGUESA
[Estado Novo]
Presidente
del consiglio
Antonio de Oliveira Salazar
(1932-68)
[unico detentore del potere reale]
unico partito legalmente funzionante: Unione nazionale
[legato al regime di F. Franco Bahamonde [el Caudillo] con il cosiddetto "patto iberico"]

1964
-

1964
SPAGNA
 
VI governo
 
1962 luglio - giugno 1965
Capo dello Stato
F. Franco Bahamonde [el Caudillo]
-
Vicepresidente
de la Gubernaciòn
Agustìn Muñoz Grandes
(1962 lug - giu 1965)
[-]
Interno
gen. Camilo Alonzo Vega
(1957 feb-ott 1969)
Affari Esteri
Fernando Maria Castiella
(1957 feb-ott 1969)
[cattolico di prestigio]
Casa
-
Finanze
Mariano Navarro Rubio
(1957 feb-giu 1965)
[Opus Dei]
Agricoltura
Cirillo Canovas
(1957 feb-giu 1965)
[Opus Dei]
Industria
Gregorio Lopéz Bravo
(1962 lug-giu 1965)
[Opus Dei]
Commercio
A. Ullastres
(1957 feb-giu 1965)
[Opus Dei]
Educazione
Manuel Lora Tomayo
(1962 lug-giu 1965)
[Opus Dei]
Lavoro
Jesùs Romeo Gorria
(1962 lug-giu 1965)
[Opus Dei]
Información y Turismo
Manuel Fraga Iribarne
(1962 lug-ott 1969)
[falangista liberale]
 
1964
Dicembre
Viene costituito il Partito comunista spagnolo marxista-leninista attraverso la fusione di quattro gruppi:
- La Chispa,
- Mundo obrero revolucionario,
- Proletario,
- España democratica,
il primo composto in gran parte da militanti usciti dal partito comunista dopo il XX Congresso del Pcus;



 
don Juan
Albero genealogico
(1913 - ?)
terzogenito di Alfonso XIII di Borbone e di Vittoria Eugenia di Battenberg;
conte di Barcellona
dal 1931 pretendente al trono di Spagna;
1961 (dicembre), il figlio primogenito Juan Carlos sposa Sofia di Grecia;
1963 (dicembre), battesimo della figlia primogenita di Juan Carlos figlio primogenito di don Juan;






1964
Repubblica Italiana
Presidente
della Repubblica
Antonio Segni (Dc) 
(1962 11 mag - 6 dic 1964)
[dim. per malattia]
  Giuseppe Saragat (Psi)
(1964 29 dic - 29 dic 1971)
Cesare Merzagora (Dc)
(Pres. te supplente)
(ago - 29 dic 1964)
IV Legislatura 1963 16 mag - 4 giu 1968
Presidente
della Camera
Brunetto Bucciarelli-Ducci (Dc)
(1963 26 giu - 13 mag 1968)
Presidente
del Senato
C. Merzagora (Indip.)
(1953 25 giu - 7 nov 1967)
Presidenti
del Consiglio
A. Moro (Dc)
(1963 4 dic - 22 lug 1964) I
A. Moro   (Dc)
(1964 22 lug - 23 feb 1966) II
Vice-presidenti P. Nenni (Psi)
(1963 4 dic - 24 giu 1968)
Sottosegretari alla Presidenza del Consiglio Angelo Salizzoni (Dc)
(1963 4 dic - 24 giu 1968)
[segretario]
Interno
P.E. Taviani (Dc)
(1963 4 dic - 24 giu 1968)
Sottosegretari Leonetto Amadei (Psi)
(1963 4 dic - 24 giu 1968)
Guido Ceccherini (Psdi)
(1963 4 dic - 24 giu 1968)
C. Mazza (Dc)
(1963 4 dic - 23 feb 1966)
Affari Esteri 
G. Saragat (Psdi)
(1963 4 dic - 28 dic 1964)
[eletto Presidente della Repubblica]
Sottosegretari Arialdo Banfi
(1963 4 dic - 22 lug 1964)
M. Zagari (Psi)
(1964 22 lug - 24 giu 1968)
G. Lupis  (Psdi)
(1963 4 dic - 24 giu 1968)
Ferdinando Storchi
(1963 1963 21 giu - 23 feb 1966)
Difesa
G. Andreotti (Dc)
(1959 15 feb - 23 feb 1966)
Sottosegretari Mario Marino Guadalupi (Psi)
(1963 4 dic - 24 giu 1968)
Guglielmo Pelizzo
(1962 21 feb - 23 feb 1966)
Natale Santero (Dc)
(1963 4 dic - 22 lug 1964)
Luigi Angrisani
(1964 22 lug - 23 feb 1966)
Marina mercantile
G. Spagnolli (Dc)
(1963 4 dic - 23 feb 1966)
Sottosegretari Mariano Pintus
(1963 4 dic - 22 lug 1964)
Stefano Riccio
(1964 22 lug - 23 feb 1966)
Finanze
R. Tremelloni (Psdi)
(1963 4 dic - 23 feb 1966)
sottosegretario Cesare Bensi (Psi)
(1963 4 dic - 24 giu 1968)
A. Valsecchi (Dc)
(1963 4 dic - 24 giu 1968)
Mario Vetrone
(1963 4 dic - 23 feb 1966)
Tesoro
E. Colombo (Dc)
(1963 21 giu - 6 ago 1970)
Sottosegretari Luigi Silvestro Anderlini
(1963 4 dic - 22 lug 1964)
Francesco Albertini
(1964 22 lug - 24 giu 1968)
Giuseppe Belotti
(1963 4 dic - 23 feb 1966)
Lorenzo Natali
(1963 4 dic - 22 lug 1964)
Renato Cappugi
(1964 22 lug - 23 feb 1966)
  Eugenio Gatto
(1964 22 lug - 24 giu 1968)
Bilancio
A. Giolitti (Psi)
(1963 4 dic - 22 lug 1964)
G. Pieraccini (Psi)
(1964 22 lug - 24 giu 1968)
Sottosegretari Giuseppe Caron (Dc)
(1963 4 dic - 24 giu 1968)
Industria, Commercio e Artigianato
(e presidente del CNEN)

G. Medici (Dc)
(1963 4 dic - 5 mar 1965)

Sottosegretari Danilo De' Cocci
(1963 4 dic - 22 lug 1964)
Giorgio Oliva
(1964 22 lug - 23 feb 1966)
Franco Maria Malfatti
(1963 4 dic - 22 lug 1964)
Vincenzo Scarlato
(1964 22 lug - 23 feb 1966)
Maria Vittoria Mezza (Psi)
(1963 4 dic - 24 giu 1968)
Lavoro e
Previdenza sociale
G. Bosco (Dc
(1963 4 dic - 22 lug 1964)
U. Delle Fave (Dc)
(1964 22 lug - 23 feb 1966)
Sottosegretari Ettore Calvi (Dc)
(1963 4 dic - 24 giu 1968)
Simone Gatto
(1963 4 dic - 22 lug 1964)
Giorgio Fenoaltea
(1964 22 lug - 23 feb 1966)
Anselmo Martoni (Psdi)
(1963 4 dic - 24 giu 1968)
Commercio estero
B. Mattarella (Dc)
(1963 4 dic - 23 feb 1966)
Sottosegretari Girolamo Messeri
(1963 4 dic - 16 dic 1964)
Agricoltura e foreste
M. Ferrari Aggradi (Dc)
(1963 4 dic - 23 feb 1966)
Sottosegretari Dario Antoniozzi (Dc)
(1963 4 dic - 6 ago 1970)
Ludovico Camangi (Pri)
(1963 4 dic - 24 giu 1968)
Venerio Cattani
(1963 4 dic - 23 feb 1966)
Lavori Pubblici
G. Pieraccini (Psi)
(1963 4 dic - 22 lug 1964)
G. Mancini (Psi)
(1964 22 lug - 8 ago 1969)
Sottosegretari Emilio Battista
(1963 4 dic - 22 lug 1964)
Danilo De' Cocci (Dc)
(1964 22 lug - 12 dic 1968)
Pier Luigi Romita
(1963 4 dic - 23 feb 1966)
Trasporti e
Aviazione civile
A.R. Jervolino (Dc)
(1963 4 dic - 23 feb 1966)
Sottosegretari Orlando Lucchi (Psi)
(1963 4 dic - 24 giu 1968)
Salvatore Mannironi
(1963 4 dic - 23 feb 1966)
Grazia e Giustizia
O. Reale (Pri)
(1963 4 dic - 24 giu 1968)
Sottosegretari Riccardo Misasi (Dc)
(1963 4 dic - 24 giu 1968)
Pubblica Istruzione
L. Gui (Dc)
(1962 21 feb - 24 giu 1968)
Sottosegretari Maria Badaloni
(1959 15 dic - 12 dic 1968)
Giorgio Fenoaltea
(1963 4 dic - 22 lug 1964)
Piero Caleffi (Psi)
(1964 22 lug - 24 giu 1968)
D. Magrì (Dc)
(1962 24 feb - 23 feb 1966)
Poste e Telecomunicazioni
C. Russo (Dc)
(1962 dic - 23 feb 1966)
Sottosegretari Remo Gaspari
(1963 21 giu - 23 feb 1966)
Luigi Angrisani
(1963 4 dic - 22 lug 1964)
 
Partecipazioni statali
Giorgio Bo (Dc)
(1960 26 lug - 12 dic 1968)
Sottosegretari C. Donat Cattin (Dc)
(1963 4 dic - 24 giu 1968)
Sanit
G. Mancini (Psi)
(1963 4 dic - 22 lug 1964)
L. Mariotti (Psi)
(1964 22 lug - 24 giu 1968)
Sottosegretari Dante Graziosi
(1963 4 dic - 22 lug 1964)
Calogero Volpe (Dc)
(1964 22 lug - 24 giu 1968)
Turismo e Spettacolo
A. Corona (Psi)
(1963 4 dic - 24 giu 1968)
Sottosegretari Ruggero Lombardi
(1963 4 dic - 22 lug 1964)
Emilio Battista (1964 22 lug - 15 mar 1965)
Pietro Micara
(1963 4 dic - 22 lug 1964)
 
Ministri senza portafoglio
Presidenti del comitato dei ministri per il Mezzogiorno e le zone depresse
Attilio Piccioni (Dc)
(1963 4 dic - 24 giu 1968)
Interventi straordinari nel Mezzogiorno e nelle aree depressive del Centro-Nord

Giulio Pastore (Dc)
(1963 4 dic - 24 giu 1968)
Rapporti Governo Parlamento
U. Delle Fave (Dc)
(1963 4 dic - 22 lug 1964)
G.B. Scaglia (Dc)
(1964 22 lug - 24 giu 1968)
Ricerca scientifica
C. Arnaudi (Psi)
(1963 4 dic - 23 feb 1966)
Riforma Pubblica Amministrazione
L. Preti (Psdi)
(1963 4 dic - 23 feb 1966)
 
Repubblica Italiana

 

1964
Gennaio
,
il memorandum di sir John Ward, inviato il novembre scorso al Foreign Office viene ora da quest'ultimo spedito al ministero del Tesoro con alcuni commenti:
«Il Foreign Office è seriamente preoccupato per la cattiva situazione economica italiana e per le possibili ripercussioni politiche. Il deterioramento sembra essere così consistente e rapido da far temere che possa svilupparsi una crisi molto grave. Seguiamo attentamente lo sviluppo degli eventi».



L'ambasciatore britannico sir John Ward segnala a Londra l'atteggiamento pericoloso della Dc, che è diventata «indolente nonché ottimista nei confronti del Pci. Infatti è stato chiuso l'ufficio del partito che si occupava della propaganda anticomunista fin dal dopoguerra».
Ora, suggerisce ai suoi colleghi inglesi Ashford Russell (ex agente dell'MI6 in Italia durante la guerrra, appena arrivato all'IRD (Information Research Department) di Roma, è necessatio che l'ambasciata inglese «sviluppi contatti più stretti con i circoli della destra ed ecclesiastici, nella speranza di stimolarne l'attività anticomunista».
Da Londra gli risponde J.E. Jackson (Ird, Londra): occorre «sviluppare al più presto i contatti [] con altre organizzazioni anticomuniste. Sarebbe l'occasione per rivedere le operazioni dell'Ird in Italia da un punto di vista più generale».
22, tornato a Londra da Roma, dove si è precipitato per un esame della nuova situazione, J.E. Jackson suggerisce ai suoi colleghi di «coltivare» una serie di giornalisti e scrittori di area socialista e socialdemocratica. Tra costoro:
. Paolo Rossi,
. Enrico Landolfi,
. Umberto Righetti,
. Lucio Lonza,
. Giorgio Galli,
. Michele Pellicani,
. Eugenio Reale,
. Ivan Matteo Lombardo.
Tra i suoi consigli, quello di avvicinare anche L. Barzini [Junior] («Corriere della Sera»).

Febbraio (bisestile)
il "processo Montesi" si conclude a sorpresa: Anna Maria Moneta Caglio condannata a due anni e sei mesi per calunnia nei confronti di A. Piccioni e Ugo Montagna.

Marzo
 
-

Aprile

Maggio
Il ministro del Bilancio A. Giolitti (Psi) propone un rilancio degli investimenti e chiama i sindacati a collaborare al difficile momento, contenendo le richieste salariali.

Giugno
26
, il "governo Moro" si dimette perch posto in minoranza sulla questione della scuola privata, antico scoglio che divide Dc e laici. La crisi dura un mese e lascia la porta aperta alla controreazione della destra.
Lo stesso mese, dimostrando così l'asservimento dei socialdemocratici alla Santa sede, G. Saragat, ministro degli Esteri, assume la difesa della memoria di Pio XII (contro la «campagna di calunnie» di chi gli rimprovera il silenzio, tenuto, durante la guerra, davanti allo sterminio nazista degli ebrei) con un comunicato ufficiale alla stampa e con una circostanziatissima risposta «per dare tangibile prova di quanto stia a cuore del governo italiano il mantenimento degli eccellenti rapporti che l'Italia intrattiene con la Santa sede».

Udine, lo stesso mese il comandante della Legione carabinieri, col. Dino Mingarelli funzionario di lungo corso dell'Arma, già capo di S.M. della Divisione Pastrengo ai tempi del gen. G. De Lorenzo su disposizione di quest'ultimo redige una parte della bozza di quello che passerà alla storia come "Piano Solo", un particolare progetto che,in caso di disordini, si propone di assicurare all'arma dei carabineiri il controllo militare dello Stato attraverso l'occupazione di tutti i suoi centri nevralgici (ministeri, televisioni, giornali).

Udine, lo stesso mese, all'epoca del cosiddetto "Piano Solo", il col. Aldo Specogna come riferirà Enzo Micoli responsabile della custodia e sicurezza delle armi di "Stella Alpina" e di "Stella Marina" mette in allerta gli elementi civili da lui "coltivati": più di duemila persone.
[Tramite una ricetrasmittente che tiene collegato il comando dei carabinieri con il centro "Ariete", il gen. G. De Lorenzo ha trasmesso a Udine una particolare parola d'ordine tramite la quale il col. Aldo Specogna viene informato dell'esistenza di uno stato pre-emergenziale.
Durerà solo alcuni giorni finché, a fine luglio, il generale informerà il colonnello che il piano non scatta e, tuttavia, gli ordinerà di continuare a gestire l'organizzazione che dovrebbe essere impiegata per il colpo di stato
Tutto poi rientrerà.]

1964-66, Alto Adige.
sebbene disarticolato dalle inchieste giudiziarie, il Bas è deciso a non mollare la presa, anzi lavora alacremente per ristabilire il controllo del territorio.
Crea dei gruppi di persone che sostengono la lotta armata e che, quando non commettono i reati, appoggiano gli autori materiali provenienti dalle vicine Austria e Germania.
Gli inquirenti stringono il cerchio in particolare in Val Passiria, zona di Georg Klotz [il Martellatore], ancora latitante in Austria, sulla banda che risulta essere in contatto con lui e con Franz Friedl [Martin].
Avvengono in questo periodo i ripetuti tentati omicidi a finanzieri, carabineiri e alpini, gli attacchi alle caserme e la terribile vicenda di Malga Sasso.

Luglio
in Germania si avvia una forte campagna di stampa contro la politica di centro-sinistra italiana. A. Moro forma il Governo (Dc, Psi, Psdi, Pri) che vede la vittoria delle correnti moderate e antiriformiste.
A. Giolitti
non pi al bilancio. P. Nenni alla vicepresidenza.
Il gen. G. De Lorenzo, ex capo del Sifar, viene ricevuto da A. Segni al Quirinale.

Agosto
A. Segni colpito da trombosi durante un drammatico colloquio con A. Moro e G. Saragat.
C. Merzagora, presidente del Senato, nominato capo supplente dello Stato.
21, a Artek di Jalta (Urss), dove si trovava per riposo, P. Togliatti muore per emorragia cerebrale; 
25, Roma, ai funerali di P. Togliatti partecipano pi di un milione di persone.

30, Moso di Val Passiria, i terroristi del Bas tentano di uccidere due finanzieri e un brigadiere;
si intensificano gli attentati dei separatisti altoatesini;

Settembre
2, Val Passiria, i terroristi del Bas lanciano ordigni esplosivi contro una caserma della Guardia di finanza;
3, Val Aurina, alla sera, un cecchino appostato davanti alla caserma de Carabinieri di Selva dei Mulini, spara e uccide un militare;
9, una camionetta dei Carabineiri che transita lungo la strada tra Rasun e Anterselva esplode su una mina ferendo sei militari;
12-16, Roma, IX° Congresso nazionale della Dc:
i 16 delegati della corrente fanfaniana siciliana portano un pacchetto di 40.000 tessere (su 200.000 in tutta la Sicilia): il nucleo centrale della pattuglia, sette delegati fanfaniani, capeggiati da Giovanni Gioia e Salvo Lima, viene da Palermo.
[Federico Farkas, «L'Ora», 13 settembre 1964.]

Ottobre
10,
Tokyo, si aprono le XVIII Olimpiadi: L'Italia si classifica al quinto posto.

Autunno, intanto in una sessione del Politburo sovietico «si decide di stanziare il mille per cento in più, rispetto agli anni precedenti, per facilitare ed accelerare i processi rivoluzionari nei Paesi dell'OccidenTe capitalista».
[Così racconterà, molti anni dopo, Jan Sejna, un alto ufficiale dei Servizi segreti cecoslovacchi, al giornalsita de «L'Espresso» Giancesare Flesca in un'inTervista mai pubblicata.
Il dattiloscritto di questo articolo sarà curiosamente rinvenuto nell'ArchiVio di una collega americana, Claire Sterling, insieme a uno scritto autografo dell'agente cecoslovacco.
In questo documento compaiono nomi di italiani addestrati dal Gru il Servizio segreto militare sovietico con cui ha lavorato V. Vidali [Carlos] in diversi campi nei pressi di Praga. E tra questi personaggi a lui strettamente legati troviamo:
due futuri brigatisti rossi:
. Fabrizio Pelli,
. Franco Troiano,
tre "apprendisti" leader di Potere operaio:
. prof. Antonio [Toni] Negri,
. Luciano Ferrari,
. Ferruccio Gambino,
e, infine:
. avv. Sergio Spazzali, triestino (non ancora assurto al ruolo di dirigente di Soccorso Rosso Internazionale) ( gen 1994 a Miramas, Francia).
Tutti addestrati in seguito a Doupov nel biennio 1966-1967.]


Novembre
Elezioni amministrative: calo Dc e Psi e aumento del Pci.
Dopo le dimissioni di A. Segni, G. Saragat (Psdi) viene eletto presidente della repubblica al ventunesimo scrutinio con i "voti di tutti i partiti democratici e antifascisti".

15, Bressanone-Brixen, ore 02:30, sceso dal "Brenneroexpress", Charles Joosten [informatore John], telefona al dirigente del locale posto di Polizia comunicando la presenza di una bomba.
[Forse un agente del controspionaggio italiano, forse un provocatore mercenario in contatto anche con la CIA e comunque, a suo dire, a libro paga del questore di Bolzano Ferruccio Allitto Bonanno.
Anche se l'ordigno è stato da lui stesso confezionato lo si saprà in seguito verrà assolto: per i medesimi fatti saranno invece condannati:
. Heinrich Oberlechner,
. Heinrich Oberleiter,
. Josef Felder.]

Dicembre
-

 

Elezioni regionali in Trentino-Alto Adige e in Friuli-Venezia Giulia.
1964
PARTITI
Riferimento: Elezioni politiche 1953
Seggi
Camera Senato
Dc (Democrazia cristiana)    

- Segretario:
. A. Moro (14.03.1959 - 27.01.1964)
. M. Rumor (27.01.1964 - 19.01.1969)

Gennaio
A. Moro, eletto nel dicembre '63 presidente del Consiglio, lascia la segreteria del partito.
24, nuovo segretario viene nominato M. Rumor.


Psdi (Partito socialdemocratico italiano)    
-
Pli (Partito liberale italiano)    
-
Pr (Partito radicale)    
-
Movimento di democrazia liberale    
-
Pri (Partito repubblicano italiano)    
Svp (Sdtiroler Volkspartei - Part. popolare sudtirolese)    
Miste (Dc-Pri)    
Totale    
Pci (Partito comunista italiano)    
Agosto
26
, L. Longo nominato segretario del partito.
Psi (Partito socialista italiano)    
Gennaio
11
, Roma, la sinistra del Psi esce dal partito e costituisce, con l'on. Valori, il Psiup (Partito socialista italiano di unità proletaria).
Psiup (Partito socialista italiano di unit proletaria)    

Gennaio
La corrente di sinistra del Psi, guidata da:
- L. Basso,
- V. Foa,
- L. Libertini,
- D. Valori,
- T. Vecchietti,
uscita nel 1963 dal partito perch ostile all'appoggio dato al governo di centrosinistra di A. Moro, prende questo nome (gi ufficialmente adottato dal Psi nel 1942-47);
il partito, di cui viene eletto segretario T. Vecchietti, riscuote larghe adesioni tra le masse operaie, fra gli intellettuali e tra i giovani per la lotta tenace contro i governi di centrosinistra (in cui assume a volte posizioni pi radicali del Pci di cui alleato) e per la condanna dell'unificazione avvenuta nel 1966 tra Psi e Psdi;
segue 1968

Miste Pci-Psi    
Totale    
Pnm (Partito nazionale monarchico)    
Pmp (Partito monarchico popolare    

 

Msi (Movimento sociale italiano)    

 

Alleanza democratica nazionale    
Totale    
Totale Seggi    
Note:

 

Avanguardia Nazionale

«segue da 1960»
1964, Roma, gli adepti del fondatore del movimento Stefano Delle Chiaie [Il Caccola] seminano il panico nella platea del teatro Brancaccio, gettando dal loggione una terrificante quantità di topi e di bisce d'acqua, legati a paracaduti tricolori, su una distinta folla d'intellettuali convenuti alla conferenza del filosofo Jean Paul Sartre;
«segue 1965»

Torna su

 

SIFAR (Servizio Informazioni Forze Armate)

1964
Marzo 
il magg. dell'esercito A. Magi Braschi, già responsabile del "Nucleo di guerra non ortodossa e difesa psicologica" del Sifar, produce una specie di manuale diviso in due fasciscoli (dal titolo L'Offesa e La Parata e la Risposta) nel quale, tra le altre cose, si parla della necessità di dare vita a un'organizzazione di difesa del territorio composta da militari e civili capace di opporsi, attraverso tecniche di lotta clandestina, al progressivo scivolamento del Paese verso sinistra.
Pochi giorni dopo la loro stesura il gen. Egidio Viggiani, capo del Sifar, ne dispone l'invio a:
- S.M. d'arma (tutti),
- Sios (tre),
- Istituto interforze di Guidonia,
- Scuola di guerra di Civitavecchia,
- Scuola di guerra aerea di Firenze,
- Istituto di guerra marittima di Livorno,
- Comando della Folgore,
- Comando della scuola di fanteria di Cesano,
- Centro militare di paracadutismo di Pisa,
- Comando subacqueo e incursori di La Spezia.
Nelle varie lettere d'accompagnamento, il gen. Giovanni Allavena (capo del Reparto D) scrive che questo materiale costituisce un importante supporto informativo in materia di guerra non ortodossa e che esso è stato compilato dal magg. A. Magi Braschi «sulla base delle documentate esperienze raccolte da questo Sifar».
[Alcuni mesi dopo la pubblicazione dei due volumetti ne sarà prodotto un terzo, dal titolo La Guerriglia. Storia e dottrina, a cura del ten. col. Tommaso Argiolas, ediz. 1965, 20 maggio 1965, dato poi alle stampe (a differenza dei primi due che dovrebbero circolare solo in ambito militare) nel 1971 per la casa editrice Sansoni.
Nell'ottobre 1973, «Controinformazione», rivista di estrema sinistra, pubblicherà alcuni stralci de La Parata e la Risposta.
Secondo la versione fornita dalla rivista trattasi di documenti che alcuni brigatisti hanno rinvenuto in seguito a una irruzione in una sede del Msi.
Il contenuto della documentazione originale sarà rinvenuta negli archivi del Sismi da Aldo Giannulli consulente dei magistrati di Milano e allegata alla perizia del 12 marzo 1997.
Sebbene dal testo dei due primi volumetti non si parli né di Nds, né di collaborazioni con l'estrema destra, l'organismo di difesa auspicato dall'autore presenta evidenti punti di contatto con la struttura segreta che è stata delineata nell'appunto del Sifar del febbraio 1961 (e che tra trent'anni sarà descritta da Ferro, Stimamiglio e gli altri). E che si tratti di una strttura diversa da "Gladio" lo dimostra il fatto che i suoi membri, secondo lo schema proposto dal magg. A. Magi Braschi, dovrebbero essere conosciuti soltanto dai rispettivi capi-rete, mentre ogni componente di Stay Behind ha una scheda personale presso la base di Capo Marrargiu.
A parlare del magg. A. Magi Braschi quale ufficiale che sarebbe stato in contatto con settori dell'estrema destra veneta, sarà il neofascista milanese Ettore Malcangi, a lungo latitante in Centroamerica assieme a Carlo Digilio.
Audito dal magistrato Salvini, Ettore Malcangi ricorderà che nel periodo della latitanza Carlo Digili gli ha parlato di un ufficiale di cognome «Frasca o Fraschi» che sarebbe stato vicino a "Ordine Nuovo" e che avrebbe avuto stretti rapporti con il centro Nato Ftase di Verona. Riferirà inoltre che Carlo Digili ha conosciuto questo "tizio" durante una riunione a Verona presso il circolo culturale "Carlo Magno" facente capo ad Amos Spiazzi nella qule si sarebbe discusso di un progetto di mutamento istituzionale.
Davanti al magistrato, Carlo Digili sarà ancora più preciso e dirà che il magg. A. Magi Braschi, nell'ambiente veneto di "Ordne Nuovo", era considerato una figura di assoluto prestigio, addirittura a un livello ben più alto di Amos Spiazzi (a suo dire, un "semplice" reclutatore).
Ciò confermerebbe quanto asserito anni dopo da Roberto Cavallaro (depos. 16 febbraio 1996) e cioè che il magg. A. Magi Braschi (che lui riconoscerà in foto sconosciute) era effettivamente una delle principali "menti" della collaborazione fra estrema destra e servizi segreti.
A ulteriore conferma, pure Martino Siciliano (depos. 11 maggio 1996) affermerà di aver sentito parlare all'interno di "Ordine Nuovo" di un ufficiale soprannominato [Forte Braschi] (nome della sede dei servizi segreti militari a Roma), con il quale a fine anni Sessanta sarebbero stati in contatto i vertici del movimento neofascista.
Nell'ambito di una perquisizione effettuata nell'abitazione di Bracciano del magg. A. Magi Braschi, il 23 marzo 1981, sarà rinvenuta una vastissima documentazione in materia di controinsorgenza e guerra psicologica sia redatta in italiano (in larga parte prodotta dallo stesso maggiore), sia prodotta dai servizi segreti esteri. Tra i materiali del maggiore sarà rinvenuta anche una sua foto risalente ai primi anni Sessanta, sopra la quale è stato scritto a penna (non si sa da chi) «Camerata Giulio» (Giulio è il secondo nome del maggiore). Sarà rinvenuta anche una copia originale del volume, scritto da Pino Rauti e Giannettini, Le mani rosse sulle forze armate.]

 

Scandalo SIFAR

Luglio
Il gen. G. De Lorenzo, ex capo del Sifar, viene ricevuto da A. Segni al Quirinale.



Fonti:
- varie;
- Gabriele Coltro «Il Gazzettino», 1.11.1997 (Scandalo Sifar);





delitto MONTESI

1964

«segue da 1957»

Febbraio (bisestile)
il "processo Montesi" si conclude a sorpresa: Anna Maria Moneta Caglio condannata a due anni e sei mesi per calunnia nei confronti di A. Piccioni e Ugo Montagna.

Non si scoprirà mai come è morta Wilma Montesi, anche se si parlerà dello zio Giuseppe Montesi che ha lasciato l'officina in tutta fretta quel giorno fatale

 



 



OVEST
-
-
-
-

1964

-

 


 

DOMINION OF CANADA
[Aggiunta alle altre province britanniche nel 1763, include la regione sulle due rive del fiume San Lorenzo grossolanamente delimitate da Anticosti a est e il Lago Nipissing a ovest.
Dal 7 nov 1763 la provincia (ex Canada francese) è stata divisa formalmente in tre distretti: Québec, Trois-Rivières, Montréal.
Nel 1791 la provincia è stata separata in due parti:
Basso Canada (francofoni) e Alto Canada (lealisti).
Nel 1841, con l'Act of Union sono stati nominati due primi ministri ma Canada Est e Canada Ovest continuano ad andare ognuna per la sua strada. Il sistema dura ben 25 anni (1842-67).
Nel 1867, 1° luglio, nasce ufficialmente la confederazione: Dominion of Canada.]
Dal 1931, nonostante lo statuto di Westminster, in pratica il Foreing Office britannico continua a rappresentare il Dominion in quasi tutte le nazioni del mondo e formalmente i canadesi continuano ad essere cittadini britannici, fino all'approvazione della legge sulla cittadinanza nel 1946.
Dal 1° gennaio 1947, in base al Canadian Citizenship Act, i canadesi diventano a pieno titolo cittadini del loro paese.
Governatore generale
George-Philéas Vanier
(1959 set - mar 1967)
Primo ministro
Lester B. Pearson
(1963 - 1968)
[liberale]
Ministro degli Esteri
Paul Martin
(1963 - 1968)

1964
Marzo
questione di Cipro: nell'isola, appena divenuta una repubblcia indipendente, si fronteggiano le etnie greca e turca appoggiate da truppe inviate dalle due madrepatrie;
in questa situazione il governo canadese reagisce con prontezza ed efficacia; Lester B. Pearson e Paul Martin riescono infatti nel giro di pochi giorni a creare praticamente dal nulla una forza di intervento ONU e, senza nemmeno attendere l'approvazione del Parlamento, inviano a Cipro un battaglione di fanteria raggiunto poi da forze rilandesi e dei paesi scandinavi; tale intervento evita nell'immediato lo scontro tra gli eserciti greci e turchi;
[In seguito la situazione cipriota rimarrà precaria sino a quando, nel 1974, un'invasione da parte della Turchia porterà allo smembramento dell'isola nonostante la presenza delle forze dell'ONU.]
In ogni caso il presidente degli Stati Uniti L.B. Johnson si dimostra particolarmente grato per l'efficienza dimostrata dal Canada in una situazione di potenziale crisi.

Maggio
il primo ministro Lester B. Pearson presenta al pubblico una sua proposta di bandiera con il simbolo della foglia d'acero.
Ne segue un interminabile e accesissimo dibattito parlamentare nel quale il conservatore J.G. Diefenbaker si pone a capo di coloro che si battono per la conservazione del Real Ensign e accusa il govenro di voler dividere il paese abbandonando i simboli del passato.
[Da decenni si dibatte il problema di dare una bandiera al Canada. D'altra parte, nonostante i passi compiuti dopo lo Statuto di Westminster (1931) resta ancora un paese soggetto in qualche modo alla Gran Bretagna. La Red Ensign, l'emblema sinora adottato è infatti la bandiera della marina mercantile britannica e in essa spicca l'Union Jack in campo rosso che sembra rappresentare l'antico tradizionale legame con l'impero.]

Settembre
viene costituita una commissione interpartitica che esamina tre diversi progetti e decide di sottoporre all'approvazione della Camera dei Comuni un bandiera in cui campeggia al centro la foglia d'acero affiancata da due bandiere rosse
[Lester B. Pearson, andando in tal modo incontro alle esigenze del Québec, ha proposto una bandiera con tre foglie d'acero al centro affiancate da due bandiere azzurre.]

Dicembre
15
, dopo aspre discussioni la Camera dei Comuni vota l'adozione della nuova bandiera;
[Sarà innalzata per la prima volta a Ottawa il 15 febbraio 1965.]

Lo stesso anno Canada e Stati Uniti negoziano un accordo relativo all'industria automobilistica.

Guerra del Vietnam (1964-1975)
Il ruolo del Canada nel conflitto è alquanto problematico. Anzitutto va detto che la sua posizione nella Commissione Internazionale di Controllo gli permette di evitare l'invio di truppe a fianco degli americani, come fanno invece l'Australia e la Corea del Sud dietro richiesta di Washington.
Nonostante ciò, i militari e diplomatici canadesi presenti in Vietnam si dimostrano nettamente favorevoli alla politica di guerra degli Stati Uniti e approfittano delle loro frequenti visite nel Vietnam del Nord per agire come latori degli avvertimenti americani al governo di Hanoi e anche per raccogliere informazioni politiche e militari da trasmettere ai comandi di Saigon.
[Si tratta di un'attività non certo compatibile con la loro posizione ufficiale, che difatti sarà fonte di imbarazzo per il governo canadese quando il pubblico ne verrà a conoscenza in seguito alla pubblicazione delle carte segrete del Pentagono nel 1972.]
In patria governo e pubblico sono meno sicuri della bontà della causa americana nel sud-est asiatico.
Se il ministro degli Esteri Paul Martin appoggia in pieno gli alleati americani, Lester B. Pearson è invece convinto che la guerra sia sbagliata e che gli Stati Uniti debbano cercare di uscirne al più presto.

Lo stesso anno, dopo aver subito una condanna per aver organizzato un pestaggio, il sindacalista americano Harold [Hal] Banks si rifugia negl Stati Uniti.
[Il segretario di Stato americano Dean Rusk (1909-1994) rifiuterà pervicacemente di concedere l'estradizione in Canada e più tardi emergerà che Harold [Hal] Banks ha generosamente contribuito anche alla cassa del Partito Demcoratico americano.]

 


QUÉBEC
Primo ministro della provincia
Jean Lesage
(1960 giu - mag 1966)
[liberale]
Sindaco di Montréal
Jean Dupreau
(? - ?)
Arcivescovo di Montréal
Paul-Émile Léger
(? - ?)
Arcivescovo di Québec
-

1964
Gennaio
È in atto la "Rivoluzione Tranquilla" (1960-66).
viene approvata una legge sull'istruzione scolastica con una clausola che prevede l'istituzione di un comitato consultivo in materia religiosa, anche se l'utima parola spetta sempre al ministro della Pubblica Istruzione.
Un passo fondamentale è stato così compiuto verso la completa laicizzazione della provincia.

Il frate marista Jean-Paul Desbiens [Frère Untel], rientra ora in patria e, riabilitato, diventa uno dei principali collaboratori del nuovo ministero della Pubblica Istruzione nei suoi primi anni di vita.

Lo stesso anno il governo assume più vaste responsabilità nel campo dell'assistenza, un settore sempre più affidato all'assistenza religiosa. Questa azione si inserisce nel più vasto programma, messo ora in atto dal governo, che mette al primo posto la creazione nella provincia di un moderno sistema di amministrazione pubblica.
In questa direzione il ministro delle Risorse Naturali René Lévesque forza la mano a Jean Lesage sostenendo e portando a compimento un'iniziativa che si rivelerà uno dei maggiori e più duraturi successi della "Rivoluzione Tranquilla": la nazionalizazione dell'industria elettrica.
[René Lévesque (1922-1987), ex corrispondente di guerra presso le truppe americane in Europa durante la II Guerra mondiale, ha compiuto una brillante carriera come giornalista radiofonico e televisivo famose le sue trasmissioni durante la Guerra di Corea (1950-53) prima di essere eletto nel 1960 all'assemblea provinciale quebecchese nelle fila dei liberali e nel 1961 nominato ministro.]

 

 

 

ONTARIO
Primo ministro della provincia
-

1964

-

 

 


NEW BRUNSWICK
Primo ministro della provincia
-

1964

-

NOVA SCOTIA
-
-

1964

-

MANITOBA [dal 1870]
Primo ministro della provincia
-

1964

-


BRITISH COLUMBIA [dal 1858]
[nel 1866 ha incorporato l'Isola di Vancouver e dal 1871 fa parte della confederazione.]
Primo ministro della provincia
-

1964

-

 

ISOLA DEL PRINCIPE EDOARDO
[Dal 1873 fa parte della confederazione.]
Primo ministro della provincia
-

1964

-

 

TERRITORIO DELLO YUKON [creato nel 1898]
   
1964
-
ALBERTA [creata nel 1905]
Primo ministro della provincia  
1964
-
SASKATCHEWAN [creata nel 1905]
Primo ministro della provincia  
1964
-
TERRANOVA
- 1867-1934, rimane Dominion autonomo.
- 1934-mar 1949, torna allo status di colonia dipendendo interamente dalla Gran Bretagna sul piano politico ed economico;
- 1949, 1 ° aprile, diventa la X provincia del Dominion del Canada.
Primo ministro della provincia
Joseph Smallwood
(1949 apr - 1971)
[liberale]
1964
-
[Luca Codignola-Luigi Bruti Liberati, Storia del Canada, Bompiani 1999.]

 

UNIONE degli STATI UNITI d'AMERICA
Presidente degli Stati Uniti
L.B. Johnson [36°]
(1963 22 nov - 20 gen 1969)
[Pd]
Vicepresidente
Hubert Humphrey
(1963 22 nov - 20 gen 1969)
Segretario di Stato
[Ministro degli Esteri]
-
Ministro del Tesoro
-
Ministro della Difesa
-
Ministro della Giustizia
-
Presidente della Corte Suprema
Earl Warren
(1953 5 ott - 23 giu 1969)

1964
La República de Panamá rompe le relazioni con gli USA chiedendo la revisione del trattato del 1903.

Intervento USA nella República Dominicana contro le forze costituzionaliste.

Inizio dell' "escalation" in Vietnam.

Moti di protesta dei neri a Harlem, Chicago e Filadelfia.

Moti universitari di Berkeley (California);

fermenti antiautoritari di massa si sviluppano nei movimenti hippy e beat americani, che si esprimono soprattutto nell'opposizione antimilitarista alla guerra del Vietnam;
in Olanda, questi fermenti si esprimono nel movimento olandese dei Provos, che si richiama direttamente alla tradizione anarchica;

Lo stesso anno viene approvato il XXIV emendamento alla Costituzione che mette fuorilegge le tasse sul voto elettorale.

Luglio
2
, ripudiando le sue origini texane, il presidente L.B. Johnson dà tutto il suo importante appoggio alla legge per i diritti civili, bloccata dal Congresso;
il sostegno dei rappresentanti di entrambi i partiti al senato riesce alla fine a sopraffare l'ostruzionismo durato tre mesi dei rappresentanti del Sud ed ora L.B. Johnson firma il Civil Rights Act [terzo] che:
- proibisce la discriminazione razziale negli alberghi, nei ristoranti e nei teatri,
- autorizza a trattenere i fondi federali a quegli enti che praticano la discriminazione,
- autorizza il ministro della Giustizia a istruire processi per proteggere i diritti di voto e per accelerare la fine della segregazione razziale nelle scuole,
- incarica una commissione per la parità dei diritti di por fine alle discriminazioni sul lavoro basate sul sesso, la religione o la razza.

Agosto
in risposta a un invito del presidente L.B. Johnson a "una guerra totale contro la povertà", il Congresso approva l'Economic Opportunity Act che stanzia quasi un miliardo di dollari per fornire:
- esperienza lavorativa o addestramento professionale ai disoccupati,
- maggiori possibilità di istruzione ai bambini poveri,
e fonda il VISTA (Volunteers in Service to America) un corpo di pace nazionale.

In vista delle elezioni presidenziali i due principali partiti sono riallineati su una base ideologica.
Ad Atlantic City la convenzione democratica non ha dubbi a proposito della candidatura e sceglie L.B. Johnson sulla base di una piattaforma nettamente progressista.
A San Francisco, nella convenzione repubblicana gli ultraconservatori sono in maggioranza e respingono sprezzantemente il rappresentante dell'ala progressista del partito proveniente dalla costa orientale, il governatore dello stato di NEW YORK Nelson A. Rockfeller e designano un candidato consono alle loro scelte, il senatore Barry M. Goldwater dell'ARIZONA, ricchissimo proprietario di grandi magazzini e generale della riserva dell'aeronautica, il quale sostiene la necessità di una drastica riduzione dei poteri federali e della "vittoria totale" contro il comunismo nel mondo.
Durante la campagna elettorale Barry M. Goldwater si aliena gli anziani con la sua ostilità alla previdenza sociale e mette in agitazione i moderati con il suggerimento impulsivo di "sfrondare" il Vietnam del Nord con le armi atomiche.

Novembre
3
, Lyndon Baynes Johnson viene eletto 36° presidente battendo clamorosamente il candidato repubblicano Barry M. Goldwater.

Elezioni presidenziali
 
voto popolare
voto elettorale
. L.B. Johnson (Democratico)
43.126.506
486
. Barry M. Goldwater (Repubblicano)
27.176.799
52

[Barry M. Goldwater ha vinto solo in sei stati, cinque dei quali nel profondo Sud dove si è guadagnato l'appoggio dei bianchi votando contro il Civil Rights Act (1964).
I democratici aumentano la loro maggioranza alla Camera a 155 seggi e si assicurano 68 dei 100 seggi al senato.]

 

 

Caso Reynolds contro Sims: come nel "Caso Baker contro Carr" (1962) la Corte Suprema, insistendo sulla parificazione dei distretti elettorali, pone fine all'antico predominio rurale nelle assemblee legislative statali.

La Corte Suprema assume infine un atteggiamento estremamente liberale in casi riguardanti censura e oscenità.

Scuola: il boom nel dopoguerra nell'istruzione superiore crea enormi problemi.
Man mano che le università crescono in dimensioni ce ne saranno 39 con più di 20.000 iscritti già nel 1969 esse diventano anche più burocratiche e impersonali.
Infine il fatto che accettino volentieri enormi fondi destinati alla ricerca sia dal governo sia dalle grandi società per progetti scientifici e tecnici (sovente in relazione alla guerra) pone una possibile minaccia alla tradizione accademica delle borse di studio disinteressate.
Inoltre, i regolamenti interni delle università che devono disciplinare il modo di vita e il comportamento degli studenti diventano via via più incongrui man mano che l'età media degli studenti aumenta in seguito all'enorme crescita di scuole superiori e professionali e si delinea una cultura giovanile le cui caratteristiche più appariscenti sono:
- i capelli lunghi,
- i vestiti non curati,
- la musica rock,
- la sperimentazione di farmaci allucinogeni,
- il ripudio sprezzante della moralità sessuale della classe media.
Tutto questo costituisce lo sfondo alle ribellioni di massa che avvengono nei campus universitari alla metà degli anni Sessanta.

Berkeley (CALIFORNIA), all'Università della California, dopo che l'università ha tentato di limitare l'attività politica studentesca nel campus stesso, ha inizio il movimento del Free Speech (libertà d'espressione).
La protesta si allarga ben presto al di là delle questioni riguardanti i singoli campus.

_______________



Black Muslins
(Musulmani neri)

«segue da 1942»
1964, questa organizzazione politico-religiosa negra del Nordamerica
diretta da Elijah Muhammad (1897-1975) la figura pi prestigiosa assieme a quella Malcom X [uscito ora dall'organizzazione per fondare l'Organizzazione per l'unit afroamericana ].  
Dalla fine degli anni cinquanta essi vanno propugnando la costituzione di uno stato nero separato e l'identificazione con una cultura che rifiuta tutti i possibili legami con quella dei bianchi in una sorta di segregazione alla rovescia; 
il richiamo all'Islam non comporta un'adesione all'ortodossia musulmana e caratteristico anche il loro rifiuto ad indossare divise miliari e portare armi;
organizzati in "moschee" essi hanno il loro quartier generale a Chicago.

 

 

[Maldwyn A. Jones, Storia degli Stati Uniti, Bompiani 1984.]

 




FBI
(Federal Bureau of Investigation)
- Direttore: John Edgar Hoover (1924-72)

1962
anni '60, conduce una lotta contro i movimenti della nuova sinistra e quelli delle minoranze etniche;

 

 

 

 

CIA
(Central Intelligence Agency)
- Agenzia centrale d'informazione -
- Direttore: John McCone (1961 nov-apr 1965)

1964
-
Agosto
nel corso di un'inchiesta del Congresso degli Stati Uniti sulle esenzioni fiscali alle fondazioni private, diretta dal congressista Wright Patman, si verifica una fuga di notizie che identifica un certo numero di queste (otto in tutto, note come "Le otto di Patman") come comperture della CIA:
1 - Fondazione Gotham,
2 - Michigan Fund,
3 - Price Fund,
4 - Edsel Fund,
5 - Andrew Hamilton Fund,
6 - Borden Trust,
7 - Beacon Fund,
8 - Kentfield Fund.
Si viene a sapere che queste elencate non sono altro che «buche per lettere» cui corrisponde soltanto un indirizzo e sono state approntate dalla CIA per ricevere soldi dalla stessa Agenzia, in modo apparentemente legale.
- A (prima fase) avviene il trasferimnto di fondi a una di queste fondazioni di facciata;
- B (seconda fase) queste fondazioni fanno una donazione a un'altra importante fondazione, quest'ultima largamente conosciuta per le sue legittime attività.
[Questi contributi vengono debitamente registrati nel "modulo 990-A" per l'Ufficio delle Imposte, che ogni organizzazione no profit con esenzione delle tasse deve annualmente presentare.
È il punto più vulnerabile del sistema per il facile collegamento tra A, B, C e D).
- C (terza fase) ha luogo quando la fondazione legittima versa il contributo all'organizzazione che la CIA ha previsto debba riceverlo.
William Hobby, presidente dello «Houston Post» e consigliere della Fondazione Hobby, spiega come funziona:
«Ci veniva detto [] che avremmo ricevuto una certa somma dalla CIA. Poi ci arrivava una lettera dall'organizzazione XYZ che ci chiedeva un contributo. Noi concedevamo quella somma».
Non si facevano domande. «Si riteneva che [la CIA] sapesse quel che stava facendo».

I "moduli 990-A" di altre quattro fondazioni:

- Fondazione M.D. Anderson di Houston,
[Dal 1958 al 1964 ha ricevuto 655.000 dollari da false fondazioni come la Borden Trust e la Beacon Fund; ha poi sborsato la stessa cifra all'American Fund for Free Jurists, un'organizzazione di New York sostenta dalla CIA, nota in seguito come "American Council for the International Commission of Jurists".]
- Fondazione Hoblitzelle di Dallas,
[Tra il 1959 e il 1965, ha ricevuto dalla CIA quasi 1 milione di dollari. Il grosso di questa somma (430.700 dollari) è stata versata direttamente al CCF (Congress for Cultural Freedom).]
- Fondazione David, Josephine e Winfield Baird di New York,
[Tra il 1961 e il 1964 ha ricevuto in totale 456.800 dollari che ha fatto poi arrivare ai programmi della CIA in Medio Oriente e in Africa.]
- J.M. Kaplan Fund di New York,
[Presidente e tesoriere è Jacob M. Kaplan che aveva offerto i suoi servizi ad A.W. Dulles nel 1956. Famoso per essere lo sponsor della stagione "Shakespeare nel parco", il fondo ha dato, tra il 1961 e il 1963, quasi 1 milione di dollari all' "Institute of International Labor Research Inc." di New York. (L'istituto si occupa dei progetti della CIA per l'America Latina, incluso un istituto-vivaio per leader politici democratici chiamato "Institute of Political Education", diretto da Norman Thomas e José Figueres in Costarica).
I finanziamenti arrivavano dalla CIA e fatti arrivare al fondo attraverso le previste fondazioni di trasferimento: Gotham, Michigan, Price, Andrew Hamilton, Borden e Kenfield, sei delle "otto di Patman".]
testimoniano queste procedure di trasferimento fondi.

Ognuna di queste fondazioni è una risorsa della IOD (International Organization Division).

Gli "addetti ai lavori", tuttavia, sono molto preoccupati soprattutto di cosa potrebbe succedere nel caso qualcuno si prendesse la briga di andare a spulciare all'Ufficio delle Imposte e avesse notato non tanto che una fondazione passava denaro ad un'altra, ma che i conti alla fine non tornavano!
Sorprendentemente, non un solo giornalista penserà di indagare ulteriormente.


Lo stesso anno esce The Spy who came in from the Cold (La spia che venne dal freddo), scritto in cinque mesi dall'inglese D.J.M. Cornwell [John Le Carré].
[In America vende 230.000 copie e altri due milioni nell'edizione tascabile che uscirà l'anno successivo, contemporaneamente al film della Paramount, tratto dal libro.]
Giovane diplomatico dell'ambascicata britannica a Bonn, J. Le Carré fa risalire l'origine del suo romanzo alla sua «persistente amarezza per il punto morto ideologico cui è giunto il confronto Est-Ovest».
Richard Helms, responsabile delle operazioni segrete della CIA, lo detesta.
Tra gli autori che la CIA ha in odio sono quindi catalogati:
. G. Greene per il suo The Quiet American, (uscito nel 1955);
. J. Le Carré], per il suo The Spy who came in from the Cold, (uscito quest'anno).
Secondo F.G. Wisner si tratta di «imbecilli malintenzionati e rancorosi».

Lo stesso anno esce il film Dr. Strangelove or: How I Learned to Stop Worryng and Love the Bomb (1964, Il dottor Stranamore ovvero come imparai a non preoccuparmi e ad amare la bomba) di S. Kubrick, che satireggia la follia dell'ideologia della guerra fredda.

Settembre
18
, New York, muore in ospedale C.D. Jackson, uno dei più importanti sostenitori della guerra fredda.

Lo stesso anno segna anche il primo anniversario della «New York Review of Books».
L'immediato successo della rivista diretta da Jason Epstein e Robert Silvers segnala chiaramente che non tutti gli intellettuali americani sono soddisfatti del ruolo di legittimazione della guerra fredda, loro assegnato, inseriti nell'orbita della sicurezza nazionale.
Mentre il consenso imperante inizia a frammentarsi, il giornale fa conoscere l'emergere di una nuova intellighenzia critica, libera di parlare di temi su cui riviste come «Encounter», legate come sono alla disciplina del consenso, sono state praticamente mute.

In effetti:
- il preteso divario nelle armi balistiche,
- l'abbattimento delle aerei spia U-2,
- la Baia dei Porci,
- la crisi mssilistica di Cuba,
tutti questi grossolani errori hanno minato la fede di M. Josselson nel Secolo Americano e nelle agenzie governative destinate a realizzarlo.
Persino H.S. Truman (sotto la cui amministrazione era stata costituita la CIA nel 1947) afferma di vedere ora «qualcosa nel comportamento della CIA che getta un'ombra su certi eventi del passato e credo che debba essere corretto».
In un'epoca in cui si sta abbracciando l'idea della distensione, M. Josselson mira ora ad allontanare il CCF (Congress for Cultural Freedom) dalla tradizionale politica di isolamento tipica della guerra fredda, verso un dialogo con l'Est.
Attraverso i suoi rapporti con il "PEN Club", il CCF (Congress for Cultural Freedom) si trova in una posizione ideale per avviare questo dialogo.
Alla metà degli anni Sessanta l'International PEN Club ha 76 sedi in 55 paesi ed è riconosciuto ufficialmente dall'UNESCO come l'organizzazione maggiormente rappresentativa degli scrittori, a livello mondiale.
[Tra i suoi impegni, fissati per statuto, vi è la promessa di evitare, in qualsiasi circostanza, di lasciarsi coinvolgere «nella politica degli stati o dei partiti».]

J. Hunt ha rapporti amichevoli con David Carver, il quale agisce da diffusore non ufficiale di «Encounter» distribuendone copie agli incontri del PEN Club.
Lo stesso anno il CCF (Congress for Cultural Freedom) si offre di fornire un aiuto a David Carver nella persona di Keith Botsford (rimasto inattivo in Sudamerica dopo il fiasco di R. Lowell) prima di tornare negli Stati Uniti come condirettore, insieme a Saul Bellow, della rivista letteraria «The Noble Savage».
In autunno David Carver si presenta puntualmente negli uffici del PEN Club di Londra.

 

 

 

[01] DELAWARE [dal 7 dicembre 1787] - cap. Dover
[Primo stato a ratificare la Costituzione degli Stati Uniti d'America.
Non esistono collegamenti fra chiesa e stato e una grande libertà religiosa si è affermata sin dall'inizio.]
Governatore
-

1964
-

 

[02] PENNSYLVANIA [dal 12 dicembre 1787] - cap. Harrisburg
[Non esistono collegamenti fra chiesa e stato e una grande libertà religiosa si è affermata sin dall'inizio.]
Governatore
-

1964
-

 

[03] NEW JERSEY [dal 18 dicembre 1787] - cap. Trenton
[Non esistono collegamenti fra chiesa e stato e una grande libertà religiosa si è affermata sin dall'inizio.]
Governatore
-

1964
-

 

[04] - [04] GEORGIA [dal 2 gennaio 1788] - cap. Atlanta
[Già ammesso nell'Unione nel 1780 ma ratificato solo il 2 gennaio 1788.
Riammesso al Congresso il 30 marzo 1870.]
Governatore
-
-

1964
-

[05] CONNECTICUT [dal 4 gennaio 1788] - cap. Hartford
Governatore
-

1964
-

[06] MASSACHUSETTS [dal 6 febbraio 1788] - cap. Boston
Governatore
-

1964
-

[07] MARYLAND [dal 28 aprile 1788] - cap. Annapolis
Governatore
-

1964
-

[08] - [01] SOUTH CAROLINA [dal 23 maggio 1788] - cap. Columbia
Governatore
-
-

1964
-

[09] NEW HAMPSHIRE [dal21 giugno 1788] - cap. Concord
Governatore
-

1964
-

[10] - [08] VIRGINIA [dal 26 giugno 1788]- cap. Richmond
[Riammesso al Congresso il 30 marzo 1870]
Governatore
-
-

1964
-

[11] NEW YORK [dal 26 luglio 1788] - cap. Albany
[L'anglicanesimo è la religione di stato in quattro contee.]
Governatore
-

1964
-

[12] - [09] NORTH CAROLINA [dal 21 novembre 1789] - cap. Raleigh
[Tratto di terre immediatamente a sud della Virginia, attorno allo stretto di Albemarle.]
Governatore
-
-

1964
-

[13] RHODE ISLAND [dal 29 maggio 1790] - cap. Providence
Governatore
-

1964
-

[14] VERMONT [dal 4 marzo 1791] - cap. Montpelier
Governatore
-

1964
-

[15] KENTUCKY [dal 1° giugno 1792] - cap. Frankfort
Governatore
-
-

1964
-

[16] - [10] TENNESSEE [dal 1° giugno 1796] - cap. Nashville
[Riammesso all'Unione dall'aprile 1866.]
Governatore
-
-

1964
-


[17] OHIO [dal 1° marzo 1803] - cap. Columbus
Governatore
-
-

1964
-

[18] - [05] LOUISIANA [dal 30 aprile 1812] - cap. Baton Rouge
- 1819, Trattato Adams-Onís: stabilisce il confine con il MESSICO spagnolo: va dal fiume Sabine, nel TEXAS orientale, fino al 42° parallelo (futuro confine settentrionale della CALIFORNIA) e da quel punto, verso ovest, fino al Pacifico.
Governatore
-
-

1964
-

[19] INDIANA [dal 11 dicembre 1816] - cap. Indianapolis
Governatore
-
-

1964
-

[20] - [06] MISSISSIPPI [dal 10 dicembre 1817] cap. Jackson
[Riammesso al Congresso il 30 marzo 1870]
Governatore
-
-

1964
-

[21] ILLINOIS [dal 3 dicembre 1818] - cap. Springfield
-
Governatore
-
-

1964
-

[22] ALABAMA [dal 14 dicembre 1819] - cap. Montgomery
[Dal 18 ottobre 1867 sotto la sovranità degli Stati Uniti.]
Governatore
-

1964
-

[23] MAINE [dal 15 marzo 1820] - cap. Augusta
-
Governatore
-
-

1964
-

[24] MISSOURI [dal 10 agosto 1821] - cap. Jefferson City
Governatore
-
-

1964
-

[25] - [11] ARKANSAS [dal 15 giugno 1836] - cap. Little Rock
Governatore
-
-

1964
-

[26] MICHIGAN [dal 26 gennaio 1837] - cap. Lansing
Governatore
-
-

1964
-

[27] - [03] FLORIDA [dal 3 marzo 1845] - cap. Tallahassee
Tra il 1810 al 1813 gli Stati Uniti hanno inglobato la maggior parte della Florida occidentale, la scia costiera che corre da New Orleans a Mobile, ma una buona parte della colonia, unitamente a tutta la Florida orientale, cioè la penisola, resta ancora sotto il dominio spagnolo.
Nel 1819, con il Trattato Adams-Onís è stata completamente ceduta agli Stati Uniti dalla Spagna.
Nel 1868 è rientrata a far parte dell'Unione.]
Governatore
-
-

1964
-

[28] - [07] TEXAS [dal 29 dicembre 1845] - cap. Austin
Governatore
-
-

1964
-

[29] IOWA [dal 28 dicembre 1846] - cap. Des Moines
Governatore
-
-

1964
-

[30] WISCONSIN [dal 29 maggio 1848] - cap. Madison
Governatore
-
-

1964
-

[31] CALIFORNIA [dal 9 settembre 1850] - cap. Sacramento
Governatore
-

1964
-

[32] MINNESOTA [dall'11 maggio 1858] cap. Saint Paul
Governatore
-
-

1964
-

[33] OREGON [dal 14 febbraio 1859] - cap. Salem
- 1845, alla fine dell'anno i 5000 coloni americani dell'Oregon organizzano un governo provvisorio e chiedono la fine del regime di occupazione comune e l'esclusiva giurisdizione americana.
- 1848, diventa territorio autonomo.
Governatore
-
-

1964
-

[34] KANSAS [dal 28 gennaio 1861] - cap. Topeka
Governatore
-
-

1964
-

[35] WEST VIRGINIA [dal 19 giugno 1863] - cap. Charleston
Governatore
-
-

1964
-

[36] NEVADA [dal 31 ottobre 1864] - cap. Carson City
[Il 2 marzo 1861 il suo territorio era stato separato da quello dell'UTAH.]
Governatore
-

1964
-

[37] NEBRASKA [dal 1° marzo 1867] - cap. Lincoln
Governatore
-
-

1964
-

[38] COLORADO [dal 1° agosto 1876] - cap. Denver
[Territorio autonomo dal 28 febbraio 1861.]
Governatore
-

1964
-

[39] NORTH DAKOTA [dal 2 novembre 1889] - cap. Bismarck
Governatore
-
-

1964
-

[40] SOUTH DAKOTA [dal 2 novembre 1889] - cap. Pierre
Governatore
-
-

1964
-

[41] MONTANA [dall'8 novembre 1889] - cap. Helena
[cap.li: fino al 1865 Bannack, fino al 1875 Virginia City.]
Governatore
-
-

1964
-

[42] WASHINGTON [dall'11 novembre 1889] - cap. Olympia
Governatore
-
-

1964
-

[43] IDAHO [dal 3 luglio 1890] - cap. Boise
[Territorio autonomo dal 24 marzo 1863 con cap. Boise.
Inizialmente, fino al 7 dicembre 1864, la capitale era Lexinton.]
Governatore
-
-

1964
-

[44] WYOMING [dal 10 luglio 1890] - cap. Cheyenne
Governatore
-
-

1964
-

[45] UTAH [dal 4 gennaio 1896] - cap. Salt Lake City
[Territoro annesso nel 1850.
Dal 2 marzo 1861 si è staccato il Territorio del NEVADA.]
Governatore
-
-

1964
-

[46] OKLAHOMA [dal 16 novembre 1907] - cap. Oklahoma City
[Territorio autonomo dal 2 maggio 1890.
Con l'annessione di questo nuovo stato gli indiani sono stati espropriati del loro territorio di riserva "permanente". ]
Governatore
-
-

1964
-

[47] NEW MEXICO [dal 6 gennaio 1912] - cap. Santa Fe
[Territorio autonomo dal 1846.]
Governatore
-
-

1964
-

[48] ARIZONA [dal 14 febbraio 1912] - cap. Phoenix
[Territorio autonomo dal 1863, ma fino al 1886 non ci fu pace con gli Indiani.]
Governatore
-
-

1964
-


[49] ALASKA [dal 3 gennaio 1959] - cap. Juneau
[Territorio autonomo dal 1912.]
Governatore
-
-

1964
-

[50] HAWAII [dal 21 agosto 1959] - cap. Honolulu
[Territorio autonomo dal 7 luglio 1898.]
Governatore
-
-

1964
-


a

 





1964
GRANDI ANTILLE
- Presidente del consiglio di stato
F. Castro Ruz
(1959 - 2007)
[capo dello stato e primo ministro]
Partito unico: Partito comunista cubano.
1964
il Partito unito della rivoluzione socialista; diventa il Partito comunista cubano;
gli Stati Uniti ottengono l'espulsione dell'Avana dall'OAS (Organization of American States) ed erigono intorno all'isola un vero e proprio cordone sanitario;
Haiti
- Dittatore
François Duvalier ["papà Doc"] (1957 - 1971)
[regime terroristico]
1964
attua una spietata repressione dei movimenti e degli avversari politici perpetrata dal suo esercito privato i tontons macoutes (spauracchi);
- Presidente della repubblica
-
1964
un golpe trujillista ha interrotto l' "esperimento costituzionalista";
- Primo ministro
Alexander Bustamante
(? - 1967)
[leader del JLP (Partito laburista della Jamaica), conservatore]
1964
-


1964
Estados Unidos Mexicanos
(Stati Uniti del Messico)
[repubblica federale]
- Presidente della repubblica federale
?
(? - ?)
[dal 1953 è stato concesso il voto alle donne.]

1964
perdura il monopolio politico del PRI (Partido Revolucionario Institucional);




1964
Repubblica dell'America centrale
(1921)
- Presidente
-
1964

-



1964
Guatemala
[formalmente indipendente dal 1847]
- Presidente
?
(? - ?)
1964
-


1964
- Presidente
J.M. Lemus
(1957 - ?)
1964
il Partido de Conciliación Nacional (conservatore e strettamente legato ai comandi militari) mantiene ininterrottamente la presidenza e il controllo del paese;

1964
Honduras
- Presidente
R. Villeda Morales
(1957 - 1963)
[liberale]
gen. O. López Arellano
(1963 - apr 1974)
[Dittatura militare]
[dal 1951 il paese è inserito (carta di San Salvador) nella "Organizzazione degli stati dell'America Centrale".]
1964
un golpe del gen. O. López Arellano rovescia il presidente;
Belize [Honduras Britannico]
1964
Gennaio
, la colonia britannica consegue l'autonomia interna;
l'indipendenza, rivendicata dal People's United Party, partito di governo, è ritardata dalle rivendicazioni annessionistiche che sul paese avanzano il Guatemala e il Messico;


1964
- Presidente
?
(? - ?)
[dal 1937 le forze guerrigliere si oppongono alla dittatura della famiglia Somoza]
1964
-

1964
- Presidente della repubblica
?
(? - ?)
1964
-

1964
República de Panamá
(indipendente dal 1903)
- Presidente della repubblica
?
(? - ?)
1964

-





1964
- Presidente
?
(1957 mag - ?)
 

1964
una giunta militare si è accordata con i due partiti tradizionali liberali e conservatori, costituitisi nel Fronte nazionale, su una riforma costituzionale che prevede per un periodo di dodici anni la ripartizione paritetica degli eletti al congresso fra i due partiti e un'alternanza dei loro candidati alla presidenza;

Nascono le Farc (Fuerzas Armadas Revolucionarias de Colombia) fondate da Manuel Marulanda Vélez e altri membri del Comitato Centrale del Pcc (Partito comunista della Colombia).
Trattasi di un'organizzazione armata di tendenza marxista, il cui obiettivo è rovesciare il governo.
Sostengono di difendere i contadini poveri contro le classi ricche colombiane e quindi combattono le influenze statunitensi nel paese, la priviatizzazione delle risorse naturali e la presenza delle grandi multinazionali.
Il gruppo prende di mira i ricchi latifondisti, i turisti stranieri e alte autorità internazionali e locali. Ha una struttura militare e i suoi membri negli anni novanta stimati intorno ai settantamila , indossano l'uniforme e si comportano cone un esercito regolare. [La sua importanza crescerà grazie a un'alleanza con i narcotrafficanti colombiani.]

 


1964

- Presidente della repubblica

R. Betancourt
(1958 - 1964)
[Acción democrática]
R. Leoni
(1964 - 1968)
[Acción democrática]
1964
sale ora alla presidenza R. Leoni di di Acción democrática;


1964
República del Ecuador

- Presidente della repubblica

J.M. Velasco Ibarra IV
(1960 - )
["velasquismo"]
[sarà deposto anche questa volta prima della scadenza del mandato]
1964
il protocollo di Rio de Janeiro non ha delimitato con precisione la linea di confine, nella zona della cordigliera del Cóndor;
dalla conferenza di Rio de Janeiro il paese dipende sempre più dagli Stati Uniti che hanno ottenuto anche la cessione di basi militari;




1964
(Repubblica indipendente dal 1827)

- Presidente della repubblica

F. Belaünde Terry
(1962 - 1968)
[PAP (Partido de Acción Popular)]
1964
privato dell'ala progressista moderata, confluita nella nuova formazione politica del PAP (Partido de Acción Popular) di F. Belaünde Terry (vincitore delle elezioni) il movimento del partito radicalpopulista APRA (Alianza Popular Revolucionaria Americana), rifluisce su posizioni conservatrici;
nello stesso tempo si assiste alla comparsa di guerriglie contadine e di forti agitazioni nel settore minerario che portano alla ribalta nuovi quadri militari di estrazione popolare, ispirati da un nazionalismo antimperialista con vaghe aspirazioni sociali;


1964

- Presidente della repubblica

V. Paz Estenssoro
(1961 - 1964)
[MNR]
MNR (Movimento nazionalista rivoluzionario)
1964
le difficoltà di affrancare una popolazione rimasta in maggioranza a livelli estremamente bassi di vita, l'isolamento continentale di cui soffre il paese, il calo dei prezzi dello stagno sul mercato mondiale, l'inflazione galoppante e la presenza nella vita politico-sindacale di spinte eccessivamente estremiste o di forme di personalizzazione carismatica del potere (sino al ritorno del caciquismo dei vari capi locali nelle campagne) contribuiscono a radicalizzare sempre più la situazione interna del paese.

1964

- Presidente della repubblica

Eduardo Frei Montalva
(1964 - 1970)
[Democrazia cristiana]
- Ministro della sanità
-

1964
alle soglie delle elelezini presidenziali la classe dominante abbandona la vetusta rete di club, di comitati elettorali, di "caciccati" clientelari; con una operazione senza precedenti lascia solo il prorpio candidato, Julius Duran, e si riversa compatta, senza una defezione, a sostegno della candidatura di Eduardo Frei Montalva, leader della Democrazia cristiana che ha innalzato il vessillo della revolución en libertad;
dietro si raccoglie la destra indigena, la Chiesa, gli USA, la Dc europea e la Democrazia cristiana cileno cresce vertiginosamente;
Elezioni presidenziali
:
- Eduardo Frei Montalva (56%), Democrazia cristiana, viene eletto presidente della repubblica;

1964
[dal 1928 ha un proprio governo rappresentativo e dal 1961 ha conseguito l'autonomia interna ma subisce forti ritardi sulla via dell'indipendenza per i conflitti etnico sociali che oppongono:
- PPP (People's Progressive Party), maggioranza indiana, marxista;
- PNC (People's National Congress), consistente minoranza nera, socialista, al potere dal 1964
- UF (United Force), minoranza bianca.]

- Governatore

?
(? - ?)
1964
-


1964
Suriname
(olandese)
[dal 1954 gli è stata concessa piena autonomia, con lo stato di paese indipendente e a regime di autogoverno nell'ambito dei Paesi Bassi.]

- Governatore

?
(? - ?)
1964
contrasti razziali tra:
- NPK (Alleanza nazionale dei partiti), formazione di maggioranza appoggiata dalla popolazione nera e meticcia, favorevole alla piena indipendenza;
- PRP (Partito riformista progressista), appoggiato dalla popolazione di origine asiatica, che, temendo una politica discriminatoria da parte dei neri, sostiene la continuazione del regime di semidipendenza.



1964
[dal 1946 integrata alla metropoli come dipartimento d'oltremare.]

- Governatore

?
(? - ?)
1964
-

1964

- Presidente ad interim

J. Goulart (o Joao Gouilat)
(1961 - 1964)
mar.llo A. da Costa e Silva
(1964 mar - 1969)
1964
il tasso d'inflazione tocca livelli proibitivi (91% la media di quest'anno) determinando un'ondata senza precedenti di rivendicazioni salariali e di agitazioni sociali; a esasperare la tensione interviene anche l'aperto sabotaggio dei governi provinciali e del congresso, dominati dal centrodestra e contrari a ogni tentativo riformatore;

Marzo
il presidente annuncia l'intenzione di nazionalizzare le imprese straniere operanti nel settore petrolifero, monopolio delle società statunitensi, e di confiscare le terre incolte per procedere ad una riforma agraria; la mobilitazione popolare che segue e il determinarsi di fermenti filocomunisti alla base dell'esercito forniscono il pretesto ai vertici delle forze armate per intervenire;
31, un golpe, pressoché incruento, porta al potere il maresciallo A. da Costa e Silva il quale, con una serie di ritocchi costituzionali ("atti istituzionali") scioglie i sindacati e i partiti, sospende i diritti politici e civili, istituisce tribunali militari speciali per stroncare ogni forma di opposizione;


1964

- Capo dello stato

gen. Alfredo Stroessner Mattiauda
(1954 - 1989)
[del Partito colorado]
[dopo il golpe, permane lo stato d'assedio]
1964
il ricorso alla tortura è sistematico, gli oppositori sono incarcerati o costretti all'esilio, le epurazioni sono la norma nello stesso partito che sostiene il presidente;


1964

- Presidente

A. Illía
(1963 - 1966)
1964
-



Patagonia
1964
-

1964
-
?
(1958-66)
[Partito blanco]
1964
Montevideo,

 


 
1964
Mongolia
(Repubblica popolare)
-
?
(? - ?)
[dal 1921 la vita politica è dominata dal partito unico comunista, il PRPM (Partito rivoluzionario del popolo)]
1964
-

1964
CINA
Repubblica Popolare Cinese

- Presidente della repubblica
[carica formalmente abolita nel 1958]

Liu Shao-chi
(1959 - 1967)

- Primo ministro

Chou En-lai
(1949 - 1976)

- segretario generale del PCC
Deng Xiaoping
(1954 - 1966)
[Prima costituzione]

1964
Ottobre
16
, esplode la prima bomba atomica cinese.

TIBET [dal 1962 annesso dalla Cina]
1964
-
Repubblica di Cina
(Repubblica nazionalista)

- Presidente della repubblica

Chiang Kai-shek
(1949 - 1975)

- Primo ministro

-

[Cina nazionalista nell'isola di Taiwan (Formosa): capitale Taipei; riconosciuta dagli Stati Uniti e dai loro alleati, occuperà il seggio dell'Onu fino al 1971.
Durante la guerra di Corea la sicurezza del regime nazionalista viene garantita dalla VII flotta statunitense.]
1964
Un patto di reciproca sicurezza tra Stati Uniti e nazionalisti assicura a questi ultimi la copertura anche nucleare di Washington, mentre l'esercito del Kuomintang (KMT) viene rifornito di armi e addestrato da consiglieri statunitensi.
Ha un ruolo cardine di presidio anticomunista, durante il periodo "caldo" della guerra del Vietnam e della rivoluzione culturale cinese.


a


1964


Choson
(Repubblica Democratica Popolare di Corea a Nord)
[con capitale Pyongyang, nell'orbita sovietica.]
- Presidente
Kim Il Sung
(1948 set - 1972)
[segretario del Partito dei lavoratori (partito unico)]
1964
-
DAE HAN
(Repubblica di Corea a Sud)
[con capitale Seoul (sotto l'egida statunitense)]
- Presidente
gen. Park Chung Hee
(1963 ott - ?)
[Partito democratico-repubblicano]
1964
accentua la dipendenza del paese dagli Stati Uniti, esasperando le tensioni interne;

a


1964
Pakistan
(repubblica islamica a prevalenza musulmana)
- Capo del governo e capo dello stato
gen. Ayub Khan
(1958 - 1969)
Seconda fase - dispotismo militare illuminato (1958-69)
continua, nel quadro di una ferrea legge marziale, l'esperimento di "democrazia guidata";
- Pakistan occidentale: Partito repubblicano;
- Pakistan orientale: Fronte unito e la Lega Awami (espressione dell'autonomia bengali); fra il 1948 e il 1961, questa parte del paese si è vista assegnare soltanto il 22,1% dei 1130 milioni di rupie investiti nei piani di sviluppo sebbene essa abbia fornito il 50% delle esportazioni;
1964
-

a


1964
Unione Indiana
(repubblica federale a prevalenza indù)
- Primo ministro
Sri Jawaharlal NEHRU [Pandit]
(1948 - 1964)
[Partito del Congresso]
Lal Bahadur Shastri
(1964 - 1966)
[Partito del Congresso]
dal 1950, staccatosi dalla metropoli, il paese si è dato una costituzione repubblicana e federale a regime parlamentare;
III piano quinquennale 1961-66;
lingua ufficiale: hindi;
1964
-

a


1964
Guerra del Vietnam
-
1964
estate, il presidente degli Stati Uniti L.B. Johnson cerca di salvare il regime filoamericano del Vietnam meridionale minacciando la distruzione totale del Vietnam settentrionale qualora Ho Chi Minh non induca le forze rivoluzionarie operanti nel sud a cessare la loro attivit;
i viet-cong rifiutano il ricatto americano e gli Stati Uniti restano sempre pi coinvolti nella spirale della guerra;

1964
Repubblica Democratica del Vietnam
(dal 2 settembre 1945)
[dal 1962, a Saigon si è insediato un comando militare nordamericano.]
- Presidente
Ngo Dinh Diem
(1963 nov - ?)
1964
-

a







1964
Giappone

Hirohito

(Tokyo 1901 - 1989)
figlio di Yoshihito;
1921-26, reggente;
1926-45, imperatore del Giappone;
[dal 1.1.1946 ha rinunciato alle proprie prerogative divine pur di salvare l'istituto monarchico.]



[Nuova costituzione dal 1° gennaio 1946;
a ricostruzione ormai conclusa, continua (dal 1948) a governare il Partito conservatore al quale si oppongono:
- socialisti (uniti dal 1955 al 1959) che costituiscono lo schieramento egemone dell'opposizione;
- comunisti, con modestissime fortune elettorali;
- buddhisti del komei-to.]
- Primo ministro
Ikeda
(1960 - 1964)
Sato
(1964 - 1972)

1964
viene eletto nuovo primo ministro Sato;

a


1964

Filippine

-
-
l' "Esercito popolare di liberazione" (Huk), duramente represso dalle truppe governative e ridotto a poche sacche di resistenza durante gli anni Cinquanta, riorganizzatosi agli inizi degli anni Sessanta, riprende una forte attivit di guerriglia che crea non poche difficolt al regime di Marcos.
1964
-

a

 

 




1964
["provincia" spagnola dal 1958, comprende l'ex colonia Rio de Oro e la regione di Saguia el Hamra, meno la zona di Tarfaya ridata al Marocco; ]
-
-
1964
-


1964
MAROCCO
[[indipendente dal 1956, con l'eccezione delle plazas di Ceuta e Melilla, di Ifni e del cosiddetto Sahara spagnolo, ma compresa anche la città di Tangeri.]
Hasan o Hassan II
-

(Rabat 1929 - 1999)
figlio di Maometto V [Sidi Muhammad Ibn Yusuf];
1960, nominato dal padre, diventa capo delle forze armate e vice presidente del consiglio;
1961-99, re del Marocco;
in successione al padre;
nel 1962 applica la costituzione parlamentare e una riforma agraria;
nel 1963 coinvolto nella crisi interna del partito Istiqlal (scissione della destra filomonarchica a lui legata);

1964
-


1964
Repubblica d'Algeria
[indipendente dal 1° luglio 1962]
- Presidente della repubblica
A. Ben Bella
(1963 set - 1965)
- Primo ministro
-
 
1964
la direzione del nuovo stato adotta, in virtù della nuova costituzione, una politica interna fortemente centralizzata e dirigista (monopartitismo del FLN (Front de Libération Nationale), nazionalizzazione dei settori portanti dell'economia, pianificazione quinquennale e autogestine socialista delle imprese) e una politica estera antimperialista (sostegno delle lotte anticolonialiste, solidarietà con i regimi arabi progressisti e con la guerriglia palestinese in funzione antisraeliana);

Aprile
Algeri, congresso del FLN che in un documento (Carta di Algeri) approva i principi ispiratori del nuovo regime socialista islamico e la sua politica di sviluppo;

1964
[indipendente dal marzo 1956, repubblica dal 1957]
- Presidente della repubblica
H. Bourghiba
(1957 - 1987)
[del Neo-Destur]
1964
Maggio
nazionalizzazione delle proprietà agricole degli stranieri;


1964
Regno Unito di Libia
(24 dicembre 1951)
[iniziate le ricerche petrolifere nel 1955, dal 1960 è iniziata la produzione su scala industriale del petrolio.]
Muhammad Idris al-Mahdi al-Sanusi
-

(Giarabub 1890 - Il Cairo 1983)
1917-22, capo della confraternita dei Senussi;
1923-48, costretto all'esilio;
1948, emiro di Cirenaica;
1950-69, re di Libia (Idris I);
[monarchia costituzionale];

1964
-



1964
Egitto
[repubblica dal 18 giugno 1953]
[1958-61, ha fatto parte della RAU (Repubblica Araba Unita)]
- Presidente
Giamal Abdel Nasser
(1961 - 1970)
-
-
1964
la scissione della Repubblica Araba Unita e il fallimento dei successivi progetti di federazione con la Siria e l'Iraq non incrinano la leadership egiziana sul nazionalismo arabo, mentre estremamente tesi rimangono i rapporti con Israele, considerato l'ostacolo principale dell'unità e del progresso della nazione araba;

Gennaio
Il Cairo, primo summit dei sovrani e presidenti arabi;
G.A. Nasser sfrutta l'occasione per rinsaldare i ponti con i leader filo-occidentali quali re Husayn, re Sa'ud e il presidente tunisino Burgiba, e per accrescere l'isolamento del Baath siriano.

Maggio
9
, visita in Egitto del primo ministro sovietico Chrucev per l'inaugurazione del secondo stadio di costruzione dell'Alta Diga;
il gigantesco progetto che non solo aspira a cambiare il volto dell'Egitto, ma è altresì il simbolo dell'aiuto sovietico al Terzo Mondo.
svolta filosovietica del regime nasseriano;

Luglio
G.A. Nasser partecipa alla seconda conferenza dell'Organizzazione dell'Unità Africana; la sua posizione di leader del blocco non allineato viene data per scontata;

Settembre
Alessandria, secondo summit dei sovrani e presidenti arabi;
i capi di stato arabi acconsentono alla formazione di un comando militare arabo unificato sotto la guida di un generale egiziano, e di un'OLP (Organizzazione per la Liberazione della Palestina) (ma non di un governo in esilio) con un proprio esercito che rappresenti il popolo palestinese.
Tutti si mostrano concordi, sebbene con poco entusiasmo, sulla scelta del verboso e effervescente avvocato palestiese Ahmad ukayri come capo dell'OLP.
Re Husayn chiarisce che l'OLP non avrà alcuna autorità all'interno del territorio giordano.
I capi di stato stabilisocno altresì dei piani per deviare le sorgenti del Giordano in territorio arabo, per impedire i progetti d'irrigazione israeliani.
Libano e Siria si mostrano riluttanti a deviare gli affluenti del Giordano nel loro territorio senza una protezione più adeguata di quella che gli stati arabi possono offrire, poiché la fiducia reciproca, essenziale qualora dovesse entrare in azione il Comando militare arabo unificato, manca.

Ottobre
Il Cairo, conferenza dei paesi non allineati;
56 capi e rappresentanti di stato dei paesi non allineati tengono il loro summt;
[Il concetto di "non allineamento" può anche non essere di facile definizione, ma significa molto per la maggior parte dei paesi del Terzo Mondo, che lo identificano in un certo qual modo con G.A. Nasser e la sua politica.]

Dicembre
tra il 1958 e il 1964 gli USA hanno fornito all'Egitto oltre un miliardo di dollari, soprattutto sotto forma di prestiti a lungo termine e a tasso d'interesse ridotto.
D'altra parte gli Stati Uniti hanno accettato anche l'inevitabilità dell'egemonia di G.A. Nasser.

Scienziati tedeschi.
Il governo di Bonn sempre in imbarazzo per la presenza di Pilz in Egitto, tenta di offrire agli scienziati tedeschi degli sbocchi in altri Paesi. Gli Stati Uniti, con i quali prendono discretamente contatto, rifiutano. Trattative serete con la Francia portano qualche risultato verso la fine dell'anno. In quanto a Walter Schuran e Paul Goercke, ritornano nel loro Paese; altri esperti li seguono, forse perchè rimasti atterriti da una seconda ondata di pacchi esplosivi questa volta messi in atto da una società segreta chiamata "Gédeon" e che opera proprio al Cairo;



1964
[indipendente dal 1° gennaio 1956;
- aderisce alla Lega araba - ]
- Presidente della repubblica
Ibrahim Abbud
(1958 - 1964)
1964
il paese vive un difficile processo di assestamento;
nello sfondo c'è la guerriglia secessionistica delle popolazioni del sud del paese (Sudan African National Union, Southern Front, Anaya-Nya);

Lo sciopero dei lavoratori delle ferrovie isola Khartum dal resto del Sudan, costringendo la giunta a dimettersi; ma A.A. el Sheick, "rappresentante dei lavoratori" nel nuovo governo, non resiste a lungo: sei mesi più tardi un colpo di stato reazionario rovescia il nuovo governo.



1964
Guinea-Bissau
[colonia autonoma portoghese dal 1879, i suoi confini (rettilinei e artificiosi di evidente origine coloniale) con l'Africa Occidentale Francese sono stati regolati nel 1896;
provincia d'oltremare portoghese dal 1951, strettamente integrata alla metropoli;
servendosi come base della vicina Guinea ex francese, dal 1962 opera il PAIGC (Partido Africano para a Independencia de Guin e Cabo Verde) fondato da A. Cabral e altri 6 anti-imperialisti.]
-
?
(?-?)

1964
[1964-66, la precedente guerriglia localizzata si trasforma, articolandosi in operazioni svincolate da una base fissa.]

Febbraio
13-17
, primo congresso del PAIGC nella zona liberata della Guinea-Bissau;


1964
[indipendente dal 29 novembre 1960, sotto la direzione del Partito del popolo mauritano (ex Partito del raggruppamento mauritano di Ould Daddah)]
   
1964
Febbraio
il partito assume la funzione di "guida del paese" ma ci sono contrasti interni tra mauri e negri;


1964
[indipendente dall'agosto 1960 e promotore dal 1961 del progetto di Unione della Senegambia; costituzione presidenziale dal 1963.]
- Presidente della repubblica
Lopold Sdar Senghor
(1960 ago - 1980)
- Presidente della consiglio
Lopold Sdar Senghor
(1962 - 1980)
1964
scioglimento dell'opposizione in favore del partito unico UPS (Union Progressiste Sénégalaise);



1964
[l'ex Sudan francese è indipendente con la nuova denominazione dal settembre 1960]
- Presidente
Modibo Keita
(1960 - 1968)
[UDS (Union démocratique soudanaise)]

1964
difficoltà economiche e sociali ostacolano il rinnovamento interno;


1964
[indipendente dall'agosto 1960]
- Presidente
Maurice Yaméogo
(1960 - gen 1966)

1964
-


1964
[indipendente dal 3 agosto 1960]
- Presidente
Hamani Diori
(1960 - 1974)
[Parti progressiste nigérien]
[il Parti progressiste nigérien è divenuto partito unico dopo la messa al bando della formazione d'estrema sinistra "Sawaba" (Libertà)]
1964
-

1964
[indipendente dal settembre 1958]
- Presidente
Sékou Touré
(1958 - ?)
[leader del PDG (Parti dèmocratique de Guinée)]
1964
dopo gli accordi di Evian, Sékou Touré sottoscrive un accordo con la Francia per l'introduzione di "esperti" francesi in Guinea;



1964
[dall'agosto 1958 è indipendente,
dal 1960 fa parte dell'Unione delle repubbliche centroafricane, dal 1962 è una repubblica presidenziale e dal 1963 è associata al MEC.]
- Presidente
François Tombalbaye
(1962 apr - 1975)
[Partito progressista del Ciad]
1964
-




1964
[indipendente dall'ottobre 1961]
- Presidente
F. Houphouët-Boigny
(1961 - ?)
[RDA]
[RDA (Rassemblement Démocratique Africain)]
1964
il regime di F. Houphouët-Boigny conduce all'interno una politica di accentramento autoritario mentre in politica estera si allinea con i regimi moderati dell'Africa ed apre il paese agli investimenti occidentali;


1964
[indipendente dal 1° agosto 1960 ma resta fortemente instabile.]
- Capo dello stato
Apithy
(1963 ott - nov 1965)
- Primo Ministro
Ahomedegbe
(1963 ott - nov 1965)
1964
-




1964
[indipendente da aprile 1960, come dominion del Commonwealth britannico, ma sempre dominata dal Sierra Leone People's Party, partito filobritannico dei fratelli Milton (1958-64)]
- Primo ministro
Milton Margai
(1958-?)
1964
-

1964
Liberia
[ex Monrovia, è una repubblica indipendente dal 1847]
-
-
1964
repubblica indipendente dal 1847, con una costituzione modellata su quella statunitense ma con il predominio dell'elemento nero-americano su quello autoctono, dalla fine della prima guerra mondiale è diventata una dipendenza economica degli Stati Uniti che si sono assicurati importanti concessioni per lo sfruttamento delle piantagioni di caucciù attraverso la società Firestone;
il paese mira ora a diventare uno dei maggiori "paradisi fiscali" del mondo fornendo la propria "bandiera ombra" alle flotte mercantili private di ogni nazionalità; partito di governo è il True Whig Party che domina la scena politica liberiana da oltre un secolo;

1964
Repubblica del Ghana
[repubblica dal luglio 1960]
- Presidente
Kwane Nkrumah
(1957 - 1966)
[Convention People's Party]
1964
convinto assertore dell'idea panafricana e progressiva, il presidente ha avviato il paese verso una prospettiva antimperialista e socialista stabilendo rapporti di collaborazione con l'URSS e la Cina popolare;

1964
[già indipendente dall'aprile 1960, è in vigore dal 1963 una costituzione che ha fatto del paese una repubblica presidenziale in cui il potere legislativo è affidato ad un'assemblea nazionale eletta a suffragio universale.]
- Presidente
N. Grunitzky
(1963 - 1967)
[Partito togolese del progresso]

1964
-




1964
[indipendente dal 1° ottobre 1960, l'ex Federazione della Nigeria ha assunto la forma definitiva di repubblica il 1° ottobre 1963]
- Presidente
Nmandi Azikiwe [Zik]
(1963 ott - 1966)
1964
restano comunque irrisolti i rapporti interni tra le diverse componenti etniche, in particolare tra haussa e fulbe da un lato e ibo e yoruba dall'altro.

Maggio
-13 giugno
, sciopero generale in seguito all'arresto dei leader sindacali. Lo sciopero ha successo da un capo all'altro del paese. I lavoratori in agitazione sono ormai mezzo milione.
Dopo l'azione della polizia, i licenziamenti imposti da uffici governativi e datori di lavoro britannici, lo sciopero ha termine senza persecuzioni di massa.

Luglio
Michael Imoudou fonda il Partito laburista nigeriano.





1964
[indipendente dal 1° gennaio 1960, comprende anche la parte meridionale dell'ex Camerun britannico (quella settentrionale è stata integrata alla Nigeria).]
- Presidente
Ahmadou Ahidjo
(1960 - ?)
1964
il presidente impone al paese un regime autoritario suscitando l'opposizione armata dell'UPC (Union des populations du Cameroun), già alla testa della lotta per l'indipendenza nel decennio 1948-58 ed ora oggetto di pesanti repressioni;

1964
Guinea Equatoriale
[]
- Presidente
-
1964
i territori Río Muni e Fernando Póo ceduti dal Portogallo alla Spagna nel 1778 con il trattato del Pardo, e costituiti in province spagnole nel 1959, sono ora riuniti in questa unica provincia dotata di autonomia amministrativa;


1964
[indipendente dall'agosto 1960]
[l'Unione economico tecnico-doganale con la Repubblica Centrafricana, il Ciad e il Congo Brazzaville, è stata integrata dal 1961 negli accordi costitutivi dell'UAM (Unione africana e malgascia)]
- Presidente della repubblica
Léon M'Ba
(1960 ago - 1967)
[Blocco democratico gabonese]

1964
Febbraio
18
, un colpo di stato organizzato dal partito clandestino d'opposizione Unione democratica e sociale gabonese di Jean-Hilaire Aubame viene stroncato dall'immediato intervento delle truppe francesi;






1964
[repubblica indipendente nell'ambito della Communauté française dal 1958, fa parte dell'Unione delle repubbliche centroafricane;
nel 1960, in seguito all'opposizione contro il Presidente, gen. Bokassa, le truppe francesi sono entrate nel territorio della repubblica.]
- Presidente
David Dacko
(1958 - 1966)
[del Movimento d'evoluzione sociale dell'Africa nera]

1964
-




1964
[dal 1960 fa parte dell'Unione delle repubbliche centroafricane]
- Presidente
François Tombalbaye
(1960-?)
1964
I francesi conservano truppe armate nello stato "indipendente".



1964
[stato indipendente dal 15 agosto 1960]
- Presidente
A. Massemba Debat
(1963 dic - 1969)

1964
eletto presidente (a suffragio ristretto), imprime al paese un orientamento moderatamente socialsta e antimperialista, da un lato varando un piano quinquennale nel settore pubblico, dall'altro rompendo le relazioni diplomatiche con gli Stati Uniti, nel quadro di un consolidamento dei rapporti con l'ex metropoli e di un avvicinamento all'Unione Sovietica e alla Cina;





1964
Congo Belga
(capitale: Léopoldville)
[dal 1960 lo stato è indipendente;
dal 1961 opera un primo gabinetto autonomo sorto dalla coalizione dei due nuovi partiti nazionalisti KADU (Kenya African Democratic Union), federalista moderato, e KANU (Kenya African National Union) diretto dall'antropologo kikuyu J. Kenyatta.]
- Capo di Stato
Joseph Kasavubu
(1960 - 1965)
- Primo Ministro
Cyrille Adula
(1963 - lug 1964)
M. Ciombe
(1964 ago - 1965)

1964
Giugno
10
, M. Ciombe (o Tshombe), attualmente in esilio volontario, visita il Mali;

Luglio
10
, Joseph Kasavubu nomina M. Ciombe primo ministro, sostenendo che ciò servirà a evitare una nuova secessione nel Katanga; intanto, però, intende affrontare i movimenti insurrezionali capeggiati da Gizenga e Mulele;
17 , l'OUA impedisce a di intervenire alla sua conferenza al Cairo, ma organizza per lui un incontro con J. Kenyatta a Nairobi: i due si appellano agli Stati Uniti affinché compongano la disputa e chiedano ai ribelli di deporre le armi, dopo l'inervento armato congiunto di Belgio e della CEE.
L'insurrezione viene stroncata dall'intervento dell'OUA e dell'esercito di M. Ciombe rinforzato dai Belgi e guidato dal gen. Mobutu;

24, Gizenga, arrestato nel 1962, viene ora liberato;
si unisce poi a Mulele e Gibenye durante l'nsurrezione contadina per l'indipendenza (1964-65) che viene soffocata dall'intervento belga, con la collaborazione dell'ONU e degli Stati Uniti per il tramite di Mobutu, Selassié, M. Ciombe e, soprattutto, di J. Kenyatta.
28, mentre J. Kenyatta si trova alla Conferenza del Commonwealth, le truppe kenyote arrestano alcuni contadini ribelli (otto Baluhya e nove Nayangeri);
Mwendwa, ministro del Lavoro, afferma che il numero dei disoccupati è salito a 205.000;
il sindacato kenyota dei lavoratori delle piantagioni e dell'agricoltura pubblica un attacco contro le azioni contrarie agli interessi dei lavoratori e dei contadini intraprese al governo della KANU e chiede la deportazione dei residenti "bianchi" e il richiamo dell'Alto Commissario britannico, sir Geoffrey de Freitas.
I lavoratori africani muoiono di fame, mentre i residenti "bianchi" sono padroni di tutta la terra.
[Nella sola Nakuru i "bianchi" dispongono di 1200 acri pro capite, secondo la misura stabilita dal senatore che sovrintende a questa zona.]
I residenti "bianchi" chiedono l'arresto di Baimungi, Mandani e Munyungi capi dell'organizzazione Mau-Mau.

Agosto
, chiamato lo stesso M. Ciombe alla direzione del governo di Léopoldville, il paese si dà la sua prima costituzione;

Novembre
l'aviazione delle Nazioni Unite fiancheggia gli attacchi armati sferrati da M. Ciombe contro i ribelli guidati al CNL (Conseil National de Libération), un'organizzazione lumumbista fondata a Léopoldville nel settembre 1963.
Il CNL accusa il Belgio e gli Stati Uniti di intervento armato nel Congo.
24, le truppe belghe trasportate su aerei americani invadono Stanleyville, uccidono i seguaci di Gizenga e Mulele e consegnano la città a M. Ciombe.
L'OUA con 35 stati membri condanna l'intervento belga-americano a Stanleyville, ma affida a J. Kenyatta il compito di dare stabilità al regime di M. Ciombe con un appello all' "unità nazionale".
L'esercito di M. Ciombe ottiene dall'OUA (Organizzazione dell'unità africana) il permesso di disarmare la popolazione di Stanleyville che ha impugnato le armi per rintuzzare l'attacco dei Belgi.




Katanga [regione sudorientale]
1964
il separatismo della regione continua a presentarsi vivo;
si protrae la presenza nel paese delle forze pacificatrici inviate dall'Onu; nuovi scontri fra le diverse fazioni che spesso si identificano con grandi gruppi tribali;





1964
Repubblica del Ruanda
[capitale Kigali]
[indipendente dal 1° Luglio 1962.]
- Presidente della repubblica e Primo ministro
Gregoire Kaybanda
(1962 set - 1973)
[Parmehutu (Partito repubblicano)]
1964
il paese è in preda a una sanguinosissima guerra razziale tra baHutu e tutsi (vatussi) attizzata dalle ingerenze del Burundi nella vita politica ruandese;

Ottobre
in conseguenza del peggioramento dei rapporti con il Burundi, ora giunto al culmine con la fine dell'unione monetaria e doganale, si deteriora anche la situazione interna per il diffondersi dell'inflazione e lo scarso afflusso di capitali;

1964
Regno del Burundi
[capitale Usumbura]
[indipendente dal 1° luglio 1962.]
Ntare V
-
(? - ?)
[ultimo mwami]
1962-66, re del Burundi;
1964
-

1964
-
ETIOPIA
[Abissinia: con il termine si intende indicare la regione etiopica (comprendente il Tigré, lo Scioà, l'Amara e il Goggiam) che si estende a Nord del fiume Auasc e dello spartiacque tra l'Omo e l'Abbai]
-

(Harar 1891 - 1975)
Tafari Makonnen, figlio secondogenito del principe Menelik II;
1930-75, imperatore di Etiopia;
negus neghesti
(re dei re);
da maggio 1941 è rientrato insieme alle truppe inglesi ad Addis Abeba;
nel 1952 ottiene dalle potenze la federazione all'Etiopia dell'Eritrea;
nel 1955 ha emanato una nuova costituzione introducendo il suffragio universale;
nel dicembre 1960 un colpo di stato promosso da un gruppo di ufficiali della guardia e di intellettuali viene subito represso nel sangue;

1964
dopo le rivolte contadine scoppiate a Gojjam, Arussi, Bale, Borrena e in Eritrea, gli studenti abissini fondano il movimento "La terra agli agricoltori";
ERITREA [annessa come provincia dal novembre 1962]
[è incorporata nell'impero etiope (previa sostituzione del governo autonomo locale con una "amministrazione eritrea" completamente soggetta ad Addis Abeba), mentre continua la guerriglia indipendentistica condotta dal ELF (Eritrean Liberation Front) ]
- Amministratore
?
(1962 nov - ?)

1964
-









1964
[stato indipendente dal 1° luglio 1960, la vita politica è dominata dalla Somali Youth League (Lega dei Giovani Somali).]
- Presidente
Aden Abdullah Osman
(1960 lug - 1967)
1964
incidenti di frontiera con il Kenya;
Somalia Francese [Territorio d'oltremare dal 1946.]
[situata in territorio dancalo e non propriamente somalo]
1964
-

1964
[protettorato britannico dal 1894, formalmente diviso in quattro regni federati, dal 1955 con uno statuto di parziale autonomia, il paese raggiunge nel 1962 la completa indipendenza nell'ambito del Commonwealth.]
- Presidente
Aden Abdullah Osman
(1960 lug - 1967)
- Primo ministro
M. Obote
(1962 - 1966)
1964
Gennaio
20-24
, ammutinamento di soldati, rapidamente soffocato;

1964
[dal 1962 indipendente nell'ambito del Commonwealth.]
- Presidente
Jomo Kenyatta [di etnia kikuyu]
(1964 - 1978)
[KANU]
- Ministro degli Interni
Daniel Arap Moi [di etnia kalenjin]
(1964 - 1967)
[KANU]
KANU (Kenya African National Union)
1964
Gennaio
20-24
, ammutinamento di soldati;
il paese si costituisce in repubblica sotto la presidenza di J. Kenyatta; i legami con la metropoli rimangono comunque molto stretti dal momento che le truppe britanniche vengono richiamate per reprimere un putsch militare;
anche la preponderanza economica degli ex coloni bianchi rimane immutata; le loro proprietà terriere non subiscono alcun ridimensionamento apprezzabile anche se viene promessa una riforma agraria.

Il ministro del Lavoro Mwendwa dichiara che i lavoratori che sciopereranno nelle piantagioni dei "bianchi" saranno privati di casa e lavoro.
Il gen. Waralhiu Itote [Cina] lancia un appello agli ex Mau-Mau affinché obbediscano al governo.
L' "Esercito della Terra e della Libertà" fa la sua apparizione a Naivasha, Bahati ed Elburgen.

18, Nairobi, dimostrazione di disoccupati;
J. Kenyatta sopprime la libertà di riunione.
Il ministro della KANU, Kubai, accusa i contadini di voler cacciare i residenti "bianchi".
29, Oginga Odinga dichiara che solo nella Rift Valley i disoccupati ammontano a sessantamila.
Il ministro del Lavoro minaccia di sospendere il diritto di sciopero.

In questo periodo (gennaio-marzo) si registrano 150 scioperi contro la discriminazione razziale. Le riunione pubbliche sono sempre proibite. Ad un'assemblea, tenuta in luogo chiuso, del Sindacato Nazionale degl Insegnanti del Kenya, Hosea Jaffe, propone che si inizi una campagna nazionale per l'abolizione della discriminazione razziale nelle scuole. La campagna, popolare ed educativa è appoggiata da ventimila insegnanti e dal movimento sindacale. I dipendenti delle scuole dei sobborghi sono licenziati dall'European Boards of Governors per aver chiesto l'eguaglianza.
I residenti "bianchi" fanno fronte comune sulla questione educativa e impediscono agli africani di entrare nelle scuole per soli bianchi (che rimarrano tali anche in futuro - 1978).
La rivista «Pan-Africa» conduce un'inchiesta sulla segregazione nella scuola e scopre che le accuse del KNUT (Kenya National Union of Teachers) rispondono a verità

Marzo
12
, l'ex leader dei Mau-Mau, Mwariama, viene arrestato e condannato a cinque anni di reclusione da un magistrato "bianco" di Meru;

Aprile
2
, Machakos, un magistrato "bianco", Gould, condanna N'dise, membro del Kyame Kyu Nyumba (Movimento per la Terra e la Libertà), a dodici anni di reclusione.
14, in tutto il Kenya sono proibite le riunioni pubbliche;
28, i soldati di J. Kenyatta, guidati da ufficiali inglesi, uccidono due contadini che guidano duecento persone durante uno scontro con la polizia;

Maggio
, J. Kenyatta proibisce le riunioni sindacali;

Ottobre
i lavoratori della compagnia aerea East African Airways scioperano per protestare contro il protrarsi della discriminazione razziale anche dopo l'Uhuru (l'indipendenza).
La Federazione Kenyota del Lavoro guidata dal senatore Lubemba e il Sindacato dei Lavoratori dei Trasporti e dei Lavoratori Collegati chiedono un "salario uguale" e la sostituzione dei lavoratori razzisti "europei".
Il Sindacato Kenyota dei Lavoratori Metalmeccanici e dei Lavoratori Collegati proclama uno sciopero generale contro il razzismo.
23, la dichiarazione del Sindacato dei Lavoratori Domestici sulla discriminazione razziale nelle scuole è trasmessa per radio da «La Voce del Kenya».
La Federazione Kenyota del Lavoro sottoscrive la richiesta per l'abolizione del razzismo nel Kenya;
28, il Sindacato dei Lavoratori Portuali di Mombasa e il Sindacato dei Lavoratori Petroliferi, guidati da Makanengo a Nairobi, appoggiano la richiesta del KFL;

Dicembre
24
, è proclamata la Jamhuri (Giornata della Repubblica).
Il governo omette di fare una dichiarazione politica sulla questione della terra e delle scuole, benché tutto il paese, da Mombasa a Kisumu, si chiedano la fine della segregazione e la decolonizzazione.






1964
[indipendente, nell'ambito del Commonwealth, dal 9 dicembre 1961, è una repubblica da dicembre 1962.]
- Presidente
J. Nyerere
(1962 feb - 1964)
[TANU (Tanganyka African National Union)]
- Primo ministro
-
1964
Gennaio
20-24
, ammutinamento di soldati, rapidamente soffocato;

Aprile
25
, tramite l'unione con l'isola di Zanzibar si forma la repubblica federale di Tanzania con J. Nyerere (1964-85) ancora presidente e A.A. Karume vicepresidente;
1964
[protettorato (assieme all'isola di Pemba) dal 1890 e colonia dal 1913 della corona britannica, l'isola gode dal 1960 di un regime di relativa autonomia all'interno del Commonwealth.]
-
Karume
(1964 gen-apr)
1964
Gennaio
12
, una rivolta antifeudale e anticoloniale della popolazione nera (alcuni militanti rivoluzionari, tra cui John Okello, kenyota) contro la classe dominante araba destituisce il sultano e proclama la repubblica;
[Il sultano, che viene salvato dalla Marina britannica, si reca poi in esilio in Inghilterra.]
La rivolta nello Zanzibar provoca una sollevazione negli eserciti del Tanganica, del Kenya e dell'Uganda contro il perdurare della dominazione britannica nonostante l'indipendenza.
L'esercito britannico, chiamato da Mboya, J. Kenyatta e J. Nyerere e coadiuvato dalla Marina nell'Ocenao Indiano e dall'Aviazione ad Aden, soffoca l'insurrezione.
Lisola di Zanzibar viene bloccata dalla Marina britannica a cui J. Kenyatta e J. Nyerere concedono facilitazioni costiere.
Mombasa e Dar-es-Salaam continuano a essere sfruttate come basi dalle compagnie segregazioniste di navigazione anglo-sudafricane.
I lavoratori portuali di Mombasa chiedono a G.A. Nasser di chiudere il "Canale di Suez" alle imbarcazioni sudafricane, ma egli rifiuta.


A.A. Karume è il primo presidente.
La rivoluzione ha una base popolare e la Tanzania riceve per un certo periodo di tempo aiuti dalla Germania Orientale e dalla Cina.


Aprile
25
, entra con il Tanganica a far parte della repubblica federale della Tanzania;

Giugno
Dennis Akumu, segretario dei lavoratori portuali di Mombasa, propone un boicottaggio costiero del Sudafrica esteso in tutta l'Africa.
La stampa controllata dai residenti inglesi si oppone al boicottaggio. Dennis Akumu viene convocato da J. Kenyatta, da cui riceve una "paterna" ramanzina.
Il Kenya continua ad avere rapporti con il Sudafrica segregazionista sia nel campo dei trasporti navali e aerei sia nei campi assicurativo, cinematografico, finanziario, agricolo, chimico, industriale e turistico (rapporti che conserva tuttora [1978], al tempo di questa cronologia).
6, Samburu, nel corso di una dimostrazine contadina, la polizia uccide sette persone e ne ferisce dieci;


1964
[repubblica federale nata dall'unione tra Tanganica e Zanzibar il 25 aprile 1964.]
- Presidente
J. Nyerere
(1964 - 1985)
[TANU (Tanganyka African National Union)]
- vicepresidente
A.A. Karume
(1964 - 1972)
[Afro Shirazy (di Zanzibar)]
1964
gli aiuti tedesco-orientali e cinesi si diradano e più tardi la Tanzania riconosce la Germania Occidentale, ma non quella Orientale (DDR).
Nel Tanganica i membri dell'esecutivo della TFL sono imprigionati e la TFL viene sciolta; la nuova federazione sindacale ufficiale, appoggiata dal governo, è la TANU, i cui funzionari più importanti sono nominati dal presidente della Repubblica di Tanzania.
Il primo segretario è Kamaliza, ministro del Lavoro.
Ora i "sindacati" sono un organismo dello stato.

La maggior parte dei sindacati africani sono usciti dall'ICFTU (International Congress of Free Trade Unions).

1964
[territorio d'oltremare portoghese dal 1955;
i capi più autorevoli delle formazioni politico-militari formanti il cosiddetto "esercito di liberazione" si possono individuare in:
. Mario de Andrade e Agostinho Neto, dal 1956 alla guida del MPLA (Movimento Popular de Libertaçao de Angola);
. Holden Roberto, alla guida del FLNA (Frente Nacional de Libertação de Angola), appoggiato dallo Zaire;]
- Governatore
?
(? - ?)
1964
La dirigenza del MPLA, che dal 1963 si trova a Brazzaville, si riprende e, ad una dura autocritica, segue l'impegno militare e politico nella zona di Cabinda.
Giunge il riconoscimento dell'OUA e un primo aiuto dall'URSS.
Il problema principale del MPLA è adesso e ancora per molti anni la difficoltà di penetrare nelle zone settentrionali. L'opposizione armata del FLNA e il divieto di Mobutu di passare attraverso lo Zaire contringono l'MPLA ad agire con estrema cautela nell'Angola settentrionale e a svolgere la maggiore attività in Cabinda, raggiungibile da Brazzaville, e sul fronte orientale, accessibile dallo Zambia.]


1964
[attuata nel 1953, l'inasprirsi della dominazione bianca nei due paesi ha determinato la crescente opposizione degli africani.]
Rhodesia del Nord-Ovest
- Primo ministro
-
K.D. Kaunda
(1964 - ?)
[UNIP]
1964
Ottobre
24
, l'ex Rhodesia del Nord diventa indipendente con il nuovo nome Zambia;

Dicembre
31
, avviene lo scioglimento formale della confederazione;
[l'ex territorio Malawi, protettorato britannico dal 1891, che aveva assunto formalmente il nome British Central Africa nel 1893, ha assunto questo nuovo nome nel 1907.
i sanguinosi moti per l'indipendenza scoppiati nel 1960 sotto la direzione del leader del NAC (Nyasaland African Congress) Hastings Kamuzu Banda persuadono il governo britannico a soddisfare le rivendicazioni dei nazionalisti.]
- Primo ministro
-
-
(1964 lug -?)
1964
Luglio
6
, il territorio viene ora proclamato stato indipendente con il nuovo nome Malawi;

1964
Rhodesia del Sud
(dal 1911)
[passata nel 1923 sotto il controllo statale, si è rifiutata d'integrarsi nell'Unione Sudafricana divenendo colonia autonoma della corona e godendo così di maggiore libertà amministrativa; a forte immigrazione bianca, adotta una legislazione razziale analoga a quella sudafricana (apartheid) sancendo la completa esclusione dell'elemento indigeno dalla vita politica del paese.]
- Primo ministro
Jan Smith
(? - ?)
1964
mantenuta nello stato di colonia autonoma dal governo di Londra, contrario allo strapotere della minoranza bianca, vede ora acuirsi il divario e le rivalità tra le due comunità etniche; i coloni bianchi strettamente legati al governo razzista sudafricano oltre che con i colonialisti portoghesi e impegnati a rallentare l'emancipazione dei paesi africani finitimi, s'impegnano in un lungo braccio di ferro con la metropoli;

Aprile
il governo inasprisce la legislazione razziale;
Joshua Nkomo, leader della ZAPU (Zimbabwe African Peoples Union), è relegato nel campo di detenzione di Gonakudzingwa insieme con altri dirigenti del partito.
[Quelli che sono riuciti a uscire dal paese riorganizzano il partito a Lusaka; tra questi sono George Nyandoro, James Chikerema, Jason Z. Moyo, T.G. Silundika.

Agosto
l'organizzazione ZANU (Zimbabwe African National Union) è dichiarata fuorilegge. Vi aderisce Mugabe.
Joshua Nkomo, è condannato a dieci anni di reclusione dal governo britannico insieme al rev. Ndabaningi Sithole, della ZANU.


1964
Mozambico
[provincia d'oltremare del Portogallo dal 1951]
-
-
1964
Settembre
24
, in concomitanza con l'accessione all'indipendenza dei due territori limitrofi del Malawi (ex Nyasaland) e della Zambia (ex Rhodesia del Nord) e con la decisione da parte della Tanzania di ospitare a Dar es Salaam il quartier generale e le basi organizzative del movimento, il FRELIMO (Frente de Libertaçao de Moçambique) fronte unitario di liberazione, fondato dal leader Eduardo Mondlane, passa alla lotta armata;
25, Eduardo Mondlane proclama solennemente «l'insurrezione generale del popolo del Mozambico contro il colonialismo portoghese»;
dispone di 250 guerriglieri;

Novembre
negli scontri avvenuti nelle zone di Myassa, Zambesi e Tete, il FRELIMO ha la meglio;


1964
[indipendente dal 26 giugno 1960]
- Presidente
?
(? - ?)

1964
mantiene buoni rapporti con la ex metropoli e con i paesi francofoni di orientamenteo politico moderato, cui si integra, dal punto di vista doganale entrando nell'OCAM (Organizzazione comune africana e malgascia);
la vita politica interna è dominata da una coalizione di partiti conservatori (Cartel des Republicains) facenti capo al PSD (Partito socialdemocratico del Madagascar e delle Comore) del presidente Ph. Tsiranana (che opera dal 1956) favorevole a una stretta collaborazione col Sudafrica e col Mozambico portoghese;







1964
Unione Sudafricana
[dominion britannico a struttura federativa dal 1910 ma indipendente sul piano internazionale (statuto di Westminster, 1931).]
- Primo ministro
H.F. Verwoerd
(1958 - 1966)
[nazionalista]
dal 1912 si è costituito il SANNC (South African Native National Congress) dal 1925 mutato in ANC (African National Congress) formazione politica nera;
dal 1913 è in vigore il Native Land Act che consente al primo ministro di coinvolgere l'elemento boero nella prima guerra mondiale a fianco dell'Inghilterra;
dal 1914 è abolita l'imposta discriminatoria nei confronti degli indiani del Natal;
dal 1918 si è annessa con una serie di decisioni unilaterali l'ex colonia tedesca dell'Africa del Sud-Ovest , ricevuta invece in amministrazione fiduciaria dalla Lega delle Nazioni;
il predominio afrikaner si è tradotto in una brusca virata autoritaria ("Afrikanerdom");
i primi anni di regime repubblicano sono contrassegnati da un'ulteriore involuzione autoritaria, grazie anche alla scarsa incidenza delle forze progressiste bianche (United Party, Progressive Party, sostenuto dal finanziere Oppenheimer, National United Party);
dal 1950 sono in vigore: Mixed Marriages Act, Immorality Act e Suppression of Comunism Act ;
dal 1951 il Group Areas Act, quindi le leggi di polizia e quelle sulle riunioni sovversive che estendono la repressione su sempre più vasta scala;
dal 1959 è stato varato dai bianchi il cosiddetto "piano di autonomia bantu";
dal 1962 è in vigore il Sabotage Bill e una serie di disposizioni che costringono alla clandestinità le organizzazioni politiche africane;
1964
Neville Alexander e altri dieci membri del NEUM (Non-European Unity Movement) vengono accusati di appartenre al YCCC (Yu Chi Chan Club), un gruppo di studio filoguevariano presente in diverse città sudafricane, e sono condannati a pene detentive (fino a dieci anni).
Neville Alexander viene inviato nel penitenziario dell''isola di Robben, dove rimane fino al rilascio.
Il dottor Kenneth Abrahams è rapito dalla polizia nei pressi di Namibia e rilasciato dopo un processo celebrato a Città del Capo.

Cinque leader contadini favorevoli al NEUM sono imprigionati ed esiliati: tra loro L. Mtshizana, Sihalale (entrambi all'isola di Robben), Moloyi e Gcabasha.
[Attualmente [vedi] in Sudafrica esistono...


 




1964
LEGA ARABA
Il 22 marzo 1945 è nata al Cairo questa lega fondata da Egitto, Libano, Siria, Giordania, Iraq, Arabia Saudita e Yemen;
1953, Libia
1956, Sudan
1958, Tunisia e Marocco
1961, Kuwait
1962, Algeria.
Fa parte anche l'OLP (Organizzazione per la liberazione della Palestina), presieduta da Yasir Arafat.
1964
-






1964

[come membro fondatore, dal 22 marzo 1945 fa parte della "Lega araba".]

- Presidente
gen. Fuad Chehab
(1958 ago - 1964)
[progressista di centro]
Charles Hélou
(1964 - 1970)
[conservatore]
1964
pur avendo aperto il governo alle sinistre, Fuad Chahab ha mantenuto inalterata la struttura confessionale del sistema politico libanese, spianando così la via al ritorno delle destre avvenuto con l'elezione a nuovo capo dello stato del conservatore Charles Hélou (1964-70);



1964

[dall'aprile 1946 il paese ha conseguito la piena indipendenza; da febbraio 1958 federazione della Siria e dell'Egitto nella Repubblica Araba Unita (RAU).
Dal 1959, quando Nasser ha deciso lo scioglimento di tutti i partiti politici, il partito Baath siriano è passato all'opposizione: è tuttavia profondamente lacerato al suo interno tra filonasseriani, moderati e neobaathisti radicali.]

- Presidente
gen. Amin al-Hafiz
(1963 - 1966)
[baathista moderato]
[dittatura conservatrice]
1964
-


1964
[come membro fondatore, dal 22 marzo 1945 fa parte della "Lega araba"; dal 1949, dopo l'annessione della Palestina orientale (Cisgiordania) [40.000 kmq di superficie con poco meno di 1 Mne di abitanti], il Regno hashemita del Giordano viene comunemente chiamato Giordania.]
Hussein
(? - ?)
figlio di Talal;
1952-?, re del Regno hashemita del Giordano;

1964
-


1964
Gerusalemme, "internazionalizzata" dall'ONU, è divisa in due settori: la città vecchia (assegnata alla Giordania) e la città nuova (assegnata a Israele);
Gerusalemme, il leader palestinese A. Shuqeiri fonda l'OLP (Organizzazione per la liberazione della Palestina) allo scopo di coordinare le forze della guerriglia antisraeliana palestinese per la costituzione di uno stato nazionale arabo in Palestina.
 
- Presidente
?
(? - ?)
- Primo ministro
L. Eshkol
(1963 - 1969)

[parlamento unicamerale (Knesset)]
1964
il primo ministro continua a sviluppare con successo i rapporti con gli Stati Uniti, l'Europa occidentale e il Terzo Mondo;


- Egitto (fascia di Gaza)

1964
Giugno
su richiesta di G.A. Nasser, la Lega araba fonda l'OLP (Organizzazione per la Liberazione della Palestina);

 

- Giordania (Cisgiordania)
1964
-

1964
Regno Arabo Saudita
[dal 27 set 1932]
[come membro fondatore, dal 22 marzo 1945 fa parte della "Lega araba".]
Sa'ud ibn 'Abd al-Aziz
Albero genealogico
(Kuwait 1902 - Atene 1969)
secondo figlio di 'Abd al-Aziz III discendente della dinastia wahhabita dei Banu Sa'ud;
1933, proclamato principe ereditario (il primogenito Turki è morto nel 1919), viene associato all'amministrazione del regno come viceré del Neged;
1953-64, re dell'Arabia Saudita;
nel 1955 stipula un patto militare con Egitto e Siria;
nel 1961 Faysal, suo fratello, principe ereditario e suo stretto collaboratore viene estromesso dal governo;
dal 1962 ha ceduto di fatto la direzione del regno al fratello Faysal;
1964
Novembre
17
, costretto ad abdicare a favore del fratello Faysal, avviene il trapasso formale dei poteri.

Faysal I ibn 'Abd al-Aziz
Albero genealogico
(Riyadh 1905 - 1975)
figlio di 'Abd al-Aziz III discendente della dinastia wahhabita dei Banu Sa'ud;
1932-53, ministro degli esteri, primo ministro e comandante in capo dell'esercito, durante il regno del padre, domina la vita politica del paese dopo l'avvento del fratello Sa'ud il cui malgoverno e i cui sperperi consegnano gradualmente il governo nelle sue mani;
1957, ministro delle finanze;
1958-60, primo ministro;
1962-64, ancora primo ministro;
1962-67, profondamente ostile alla politica di Nasser e ai regimi arabi progressisti, sostiene la lunga guerriglia monarchica contro il regime repubblicano dello Yemen sostenuto dall'Egitto;
[si presenta come l'animatore della corrente più avanzata della famiglia reale anche se nello stesso tempo è fautore convinto della funzione dell'Arabia Saudita come paladina dell'ortodossia islamica e come tale è nemico dichiarato di tutti gli esperimenti laici e socialisti]
1963, alla Mecca fonda la "Lega del mondo musulmano" che intende aggregare le forze conservatrici dell'Islam in funzione antinasseriana;
1964-75, re dell'Arabia Saudita;
divenuto sovrano, dopo aver fatto abdicare il fratello Sa'ud, contribuisce ad un parziale risanamento economico del paese tentando di conferire all'Arabia Saudita il ruolo di stato guida dei paesi arabi moderati;

1964
1962-67, intervento contro il governo repubblicano nordyemenita;


1964
[sceiccato indipendente dal 16 giugno 1961;
la nuova costituzione (1963) prevede la formazione di un'assemblea nazionale con elezioni su base individuale (i partiti sono messi al bando).
Nel 1963 si sono svolte le prime elezioni, su base individuale (i partiti sono messi al bando), per la formazione dell'assemblea nazionale.]
'Abd Allah al-Salim al-Sabah

(? - 1965)
1950-1961, emiro del Kuwait;
1961-65, sceicco del Kuwait;



1964
-

1964
EMIRATI ARABI
[Monarchie assolute legate alla Gran Bretagna da vari trattati.]
- Bahrein
?  
(?-?)
?-?, emiro del Bahrein;
1964
-
- Qatar
?  
(?-?)
?-?, emiro del Qatar;
1964
-
Stati della Tregua (Trucial States)
- Abu Dhabi
?  
(?-?)
?-?, emiro di Abu Dhabi;
1964
nel 1958 è stata trovata un'ingente quantità di petrolio e il paese viene subito chiamato il "nuovo Kuwait" anche se la sua popolazione ammonta a meno di 50.000 abitanti;
- Dubai
?  
(?-?)
?-?, emiro di Dubai;
1964
-
- Sharja
?  
(?-?)
?-?, emiro di Sharja;
1964
-
- Ajman
?  
(?-?)
?-?, emiro di Ajman;
1964
-
- Umm al-Qaiwain
?  
(?-?)
?-?, emiro di Umm al-Qaiwain;
1964
-
- Ras al-Khaimah
?  
(?-?)
?-?, emiro di Ras al-Khaimah;
1964
-
- Fujayrah
?  
(?-?)
?-?, emiro di Fujayrah;
1964
-


1964
Yemen
(imamato)
[come membro fondatore, dal 22 marzo 1945 fa parte della "Lega araba".]
? 
[dal 1962 è in atto una lunga guerra civile, durante la quale l'Egitto interviene a fianco dei repubblicani con un corpo di spedizione di 80.000 uomini.]

1964
le forze realiste, rifugiatesi nelle regioni settentrionali, conducono la guerriglia con l'appoggio dell'Arabia Saudita;

Novembre
8
, "cessate il fuoco";


1964
[il tribalismo beduino e i giacimenti di petrolio del Dhufar sono all'origine della rivolta accesasi sotto l'egida dell'Arabia Saudita.]
? 
[dal 1962 il paese è in rivolta]

1964
-






1964
[nel 1958, alla guida del movimento clandestino degli "ufficiali liberi", 'Abd al-Karim Kassem ha rovesciato con un colpo di stato la monarchia hascemita di re Faysal instaurando la repubblica;
nel 1963 un nuovo colpo di stato militare è stato promosso dal partito baath iracheno.]
- Presidente del Consiglio del Comando della rivoluzione
col. Aref
(1963 - 1968)
[partito baath iracheno]
[Il partito baath iracheno subisce una involuzione autoritaria e confessionale.]
1964
Luglio
14
, viene creata l'Unione socialista araba di Iraq, partito unico iracheno, sul modello egiziano;
Kurdistan (iracheno)
1964
le multinazionali del petrolio e in particolare l'Iraq Petroleum Corporation (anglo-franco-olandese-americana) operano nei giacimenti della zona di Kirkuk;



1964
Iran
[dal 1951 è stata nazionalizzata l'industria petrolifera;
fautore in politica estera del blocco atlantico, mantiene in politica interna uno stretto controllo del potere con l'appoggio dell'esercito e dei gruppi conservatori; contemporaneamente, grazie agli enormi introiti derivanti dal petrolio, inizia una rapida politica di industrializzazione e di riforme sociali che mutano bruscamente il volto del paese e suscitano lo scontento dei gruppi religiosi pi conservatori, promotori di manifestazioni e attentati contro la sua politica;
dal 1959 fa parte della Cento (Central Treaty Organization - Organizzazione del patto centrale), un'alleanza tra Gran Bretagna, Pakistan, Iran e Turchia.
Nnonostante le prime elezioni a sistema bipartitico (1960), la dialettica politica è ancora tutta racchiusa entro la cerchia degli "uomini del re"; la sinistra è discriminata e il Tudeh (Partito comunista) è fuori legge.
Dal gennaio 1963 [rivoluzione bianca] al primo referendum per l'approvazione della legge elettorale, dell'emancipazione della donna, dell'istruzione generalizzata e soprattutto di un'incisiva riforma agraria, seguono altre riforme in campo istituzionale, economico e finanziario; ]
Muhammad Reza Pahlavi

(Teheran 1919 - Il Cairo 1980)
primogenito di Reza Khan Pahlavi imperatore (sci) dell'Iran, educato all'occidentale;
1941-79, sci dell'Iran;
sale al trono dopo l'abdicazione del padre;
nel 1955 aderisce al patto di Baghdad;


- Primo ministro
'Ali Amini
(1961 - ?)
1964
l'ayatollah Khomeinì di Qum viene inviato in esilio e prende residenza nella zona sciita dell'Iraq meridionale. L'opposizone religiosa ricorre progressivamente all'attività clandestina e alla violenza, ma senza ripercussioni, e il governo riesce a denunciare i nazionalisti e i mullà come oppositori reazionari alle riforme.
Per più di un decennio lo scià potrà governare senza una seria opposizone.
Lo scià riconvoca il Maglis e gli permette di funzionare con i partiti politici riconosciuti ufficialmente e un'opposizione che vota regolarmente a favore dei decreti governativi.
Al di fuori del parlamento l'onnipresente polizia segreta, la SAVAK, sopprime infaticabilmente il dissenso.









Craxi, Vittorio (Milano 6 agosto 1964) politico italiano;
[Figlio di Bettino e fratello di Stefania.]
laureato in scienze politiche, editore;
consigliere comunale e segretario del Psi a Milano fino al 1992;
2001, 21 gennaio, presidente del Nuovo Psi;
eletto deputato per il Nuovo Psi nella XIV legislatura.

Gambale, Giuseppe (Napoli 6 aprile 1964) politico italiano, medico;
1992, entra nella Rete di Leoluca Orlando; ex consigliere comunale, passa poi ai Democratici;
2000, gennaio-aprile, sottosegretario alla Pubblica istruzione nel governo D'Alema II;
2000 maggio-giugno 2001, sottosegretario alla Pubblica istruzione nel governo Amato II;
2001, deputato per la Margherita;
2006, assessore alla Cultura nel Comune di Napoli.

Gelaev, Ruslan (1964-2004) combattente ceceno, uno dei principali capi dei combattenti indipendentisti durante le due guerre di Cecenia;
decisamente ostile verso gli islamisti, il suo prestigio non viene intaccato dai disordini che sconvolgono il paese tra le due guerre; è molto amato dal popolo per la sua tolleranza e il suo coraggio;
2004, 29 febbraio, viene ucciso dai soldati russi;

Torna su 

La Giustizia

«segue da 1951»
1964, cessa le pubblicazioni.


Nuova Ricerca