©

Il Viandante

in rete dal 1996


Se ti siamo stati utili effettua una
Nuova Ricerca

ANNO 1938

STORIA e POLITICA RELIGIONE e FILOSOFIA ARTE Bancarella Libri usati
SCIENZE ECONOMIA LETTERE e TEATRO CINEMA
Radio-TV

Papa Pio XI
(1922-39)

1938, Vaticano, dal 1930 il cardinale E. Pacelli [futuro Pio XII] è segretario di stato.
Per interessamento del sen. Scialoia, le associazioni del clero riescono anche ad ottenere che le società anonime, costituite per l'amministrazione degli immobili relativi ad opere di religione ed associazioni di culto, non legalmente riconosciute, siano «di fatto» esentate dall'imposta straordinaria sul capitale delle società commerciali, stabilita con decreto 19 ottobre 1937, n. 1729.

USA New Deal
(Nuovo corso)
1933-38

1938, mentre a Fort Knox (Kentucky), e a New York, nei sotterranei di Liberty Street, si contano più di 14 miliardi di dollari in oro, il governo federale inaugura un nuovo piano di spesa, primo tentativo consapevole di usare una politica fiscale espansiva di tipo keynesiano negli USA, ma una vigorosa espansione avverrà solo con lo scoppio della guerra in Europa.
6 gennaio, a Blein (Pennsylvania) il Municipio non avendo più monete metalliche, conia monete di legno per un valore di 150.000 dollari; con questo nuovo tipo di "conio" vengono pagati gli stipendi e i salari dei civici dipendenti. Il "conio" è garantito dalla Civica Amministrazione. Giunti i rinforzi da Washington si pensa di procedere alla sostituzione delle monete di legno con quella "legale". Malgrado i ripetuti appelli alla popolazione, soltanto un terzo dei dollari "in legno" rientrano nella conversione. Gli altri centomila si sono dispersi nei mille rivoli dei collezionisti.

Hewlett Packard

1938, Bill e Dave Hewlett fondano questa società operante nel settore dell'informatica;
«segue 1972»

BASF
(Badische Anilin-und Soda-Fabrik)

«segue da 1929»
1938, il trust rappresenta il 14,7% del commercio mondiale dei prodotti chimici;
«segue 1952»

Siemens

«segue da 1879»
1938, occupa ben 180.000 persone e vende i suoi manufatti in tutto il mondo;
«segue 1945»



Capitale delle Società per Azioni
%
Piemonte
13,0
Liguria
11,5
Lombardia
40,0
Veneto
5,6
Toscana
4,0
Campania
4,9
Calabria
0,03
Sicilia
0,8


IRI
(Istituto per la Ricostruzione Industriale)
- Presidente: ? (1937 - ?)
- Direttore generale: D. Menichella (1934 - 1944)
A ttraverso il rilievo delle partecipazioni bancarie e i successivi interventi, è venuto a partecipare ad una serie di società che rappresentano il 44,15% del capitale azionario italiano e a conseguire il controllo di un gruppo di esse che rappresenta il 17,80% del capitale totale.
Appare ovvio che non tutte queste partecipazioni sono derivate direttamente dal risanamento bancario ma anche da operazioni di "rafforzamento " dell'Istituto
[Es. acquisizione del controllo dei Cantieri Riuniti dell'Adriatico e di altre importanti aziende del settore cantieristico]
Tra il 1933 e il 1936 sono state inoltre cedute molte partecipazioni.
-
Produzione nazionale delle aziende controllate
Ghisa
77%
Acciaio
45%
Tubi
75%
Minerale di ferro
67%
Costruzioni navali
80%
Csotruzioni aeronautiche
22%
Macchine motrici
39%
Armi e munizioni
50%
Produzione meccanica (sul totale)
23%
Linee di navigazione sovvenzionate (controllo)
90%

Restano in larga misura indipendenti settori come quello alimentare e tessile, il cui sviluppo risale in buona parte al periodo precedente alla formazione delle banche miste.
Nel settore elettrico cadono nelle mani dello Stato alcuni dei gruppi finanziari e industriali più importanti, come la UNES (opera nell'Italia centrale) e la SIP (oltre al controllo della produzione di elettricità nell'Italia nord-occidentale, apporta all'IRI il controllo delle maggiori aziende telefoniche dell'Italia settentrionale).



Banche

Banca d'Italia
[dal maggio 1926 è l'unico istituto di emissione]

- Governatore: V. Azzolini (1931 10 gen - 1° ago 1944)
- Direttore generale: ? (?-?)

Altre Banche

«segue da 1937»

Banco di Sicilia

1938,

Banco di Napoli

1938,

diventato istituto di credito di diritto pubblico, è in possesso di valuta aurea per una cifra enorme, mai posseduta finora da alcuna banca nazionale;
presidio di stabilità, nonostante la crisi;

Banca Agricola Commerciale del Mezzogiorno

1938, creata dal Banco di Napoli, vi confluiranno tutte o quasi le piccole banche dell'area a seguito del riassetto in atto quando Napoli contenderà a Milano il primato di città più popolosa del paese;
Comit
(Banca commerciale italiana)

1938, dal 1933 è incorporata nell'IRI;

Banco di Roma

1938,dal 1933 incorporata nell'IRI, la sua ripresa è favorita dall'espansione dell'attività finanziaria nell'Africa orientale.

Credito Italiano

1938, dal 1933 incorporata nell'IRI;

-

BNA
[Banca Nazionale dell'Agricoltura]

1938, con sede a Milano e, successivamente, a Roma, viene ora autorizzata a operare nel campo del credito agrario sia di esercizio sia di miglioramento.
«segue ?»



IMI
(Istituto mobiliare italiano)

- Presidente: Teodoro Mayer (triestino) (1931 - 14 mar 1936).
1938, con la svolta istituzionale del 1936 si è consacrato definitivamente come istituto di credito industriale a medio e lungo termine leader in Italia.

Federazione Bancaria Italiana 

1938, Vicenza,

Istituto Centrale di Credito
(ICC)

1938,

Istituto di San Paolo di Torino

Presidente:
. gen. Demetrio Asinari dei Marchesi di Bernezzo (1928-39), senatore del Regno.
Direttore generale:
. comm. rag. Alfredo Longo (1936 - ?)
1938, apre agenzie a Saint-Vincent e a Courmayeur, ed assume, primo istituto in Italia, il servizio di distribuzione dei valori bollati per il Piemonte;

Consorzio delle Banche cattoliche

1938,

Banca Cattolica del Veneto

- Presidente
. prof. sen. Luigi Montresor [1930 nov-set 1945],
- Vice presidente
. conte dr. comm. Enrico Matteo Passi [1930 nov-set 1945],
- 5 Consiglieri:
. avv. prof. comm. Giovanni Battista Biavaschi [1931 feb-set 1945],
. cav. Ernesto Cappelletti [1931 feb-† 11 mar 1938]
,
. avv. comm. rag. Giuseppe Cavazzana [1930 giu-set 1945],
. dr. Enzo Guarnieri [1931 feb-set 1945],
. avv. Guido Rogger [1930 nov-set 1945].
- Sindaci effettivi:
. avv. cav. Amedeo Gallina [1931 feb-set 1945],
. avv. Gaetano Martelletto [1931 feb-set 1945],
. ing. cav. Raffaello Bettazzi [1936 mar-set 1945].
- Sindaci supplenti:
. ing. Sergio Zanarotti,
. rag. Ezio Zanghellini.

L'art. 39 dello Statuto sociale prevede che il Consiglio di Amministrazione nomini annualmente dopo l'assemblea generale un Comitato Direttivo composto da tre a cinque membri scelti nel proprio seno determinandone la facoltà e il funzionamento.

- Presidente
. conte dr. comm. Enrico Matteo Passi [1930 nov-set 1945],
- Membri
. avv. comm. rag. Giuseppe Cavazzana [1930 nov-set 1945],
. avv. prof. comm. Giovanni Battista Biavaschi [1931 feb-set 1945].

- Direttore generale
. Secondo Piovesan [1930 nov-set 1945].

1938, 22 agosto, l'assemblea straordinaria approva la fusione per incorporazione, con effetto dal 1° gennaio dello stesso anno, della Banca A. Girardello di Bassano del Grappa;
al posto del consigliere Ernesto Cappelletti, deceduto, la stessa assemblea nomina Vittorio Veronese di Bartolomeo (da non confondersi con Vittorino Veronese);

ASSS
(Amministrazione Speciale della Santa Sede)

1938, assieme allo IOR è l'altra grande cassaforte delle partecipazioni azionarie vaticane.

IOR
(Istituto Opere di Religione)

1938, assieme all'ASSS è l'altra grande cassaforte delle partecipazioni azionarie vaticane.

Banco Ambrosiano

1938,

Banco di Roma per la Svizzera

1938,controllato dallo IOR;


Banca Unione

1938,controllata dallo IOR;

Banca Toscana di Anticipazione e Sconto

1938,

Banco Lariano

1938, Como, il Banco, che dal 1918 ha già una filiale a Varese, assorbe la Banca Appianese e a Erba la dipendenza della Banca Agricola Milanese;

BNL
(Banca nazionale del lavoro)

1938, dal 1924 lo Stato detiene il 90% del suo capitale azionario; in seguito alla crisi [perdite per circa 200 Mni] dovuta allo smantellamento delle cooperative, operato dal fascismo, si ridimensiona sino a diventare semplice istituto di credito di diritto pubblico, di proprietà statale;

Banca Provinciale Lombarda

1938, Bergamo,

Banca del Friuli

1938, Udine,

Casse di Risparmio

«segue da 1937»

Cassa di Risparmio di Venezia

1938,

Cassa di Risparmio di Verona e Vicenza

1938,

Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo

1938,

Cassa di Risparmio di Milano

1938, oltre all'esercizio del credito fondiario (dal 1866), dal 1924 ha istituito anche il credito agrario;

Cassa di Risparmio delle Province Lombarde

1938,

Monte dei Paschi
(Cassa di Risparmio)

1938, istituto di diritto pubblico dal 1936 (tre membri della deputazione su otto sono di nomina governativa);

Cassa di Risparmio di Gorizia

1938, nel 1929 ha incorporato il Monte di Pietà che ne e diventato la sezione dei pegni;


«segue 1939»

Banche Popolari

1938

Banca Popolare di Vicenza

- Presidente: Paolo Sartori ,
- vicepresidente: ?,
- Consiglieri:
. ?,
. ?,
. ?,
. ?,
. ?,
. ?,
. ?,
. ?,
. ?,
. ?,
. ?,

- Collegio Sindacale:
. ?, [effettivo]
. ?, [effettivo]
. ?, [effettivo]
. ?, [supplente]
. ?, [supplente]

Direttore: ? (?-?)

Filiale
Vicenza, Borgo S. Felice (dal 1920).

Banca Popolare Agricola di Cerea

1924,

1938,

«segue 1939»

Casse Rurali

 

SAIS
(Società Agricola Italo Somala)
1938

«segue da 1929»
Capitale iniziale: 24 Mni di lire.
- Presidente e Amm.re del.:
. Amedeo di Savoia (1933 -?);
- Vicepresidente:
. Giuseppe Toepliz (? - ?);
- Direttore della sede amministrativa di Genova:
. avv. Luigi Bruno (? - ?).

Alla concessione di 25 mila ettari, a 113 km da Mogadiscio, vengono ora aggiunti altri 800 ettari, per la coltivazione delle banane, nel comprensorio di Genale.
Nel frattempo è diventata un grande complesso industriale: comprende una centrale elettrica, uno zuccherificio, un oleificio, un saponificio, un mulino per i cereali, un caseificio, una sgranatura del cotone, impianti idrovori, distillatori, frigoriferi, un ospedale, una chiesa, una scuola, ecc.

«segue 1945»

[Ernesto Rossi, I nostri quattrini, Laterza Bari 1964.]

 

La Lockheed Corporation e il supermercato delle armi.
- Presidente: R.E. Gross (1934-56)

1938

Aprile
la Lockheed si trova improvvisamente di fronte a un'opportunità irresistibile di esportazioni militari.
Nel momento in cui ha soltanto un'ordinazione di pochi aerei da trasporto per il Giappone, la richiesta viene dalla Gran Bretagna, subito dopo l'invasione dell'Austria da parte di A. Hitler, quando il bisogno di aerei americani è pressante. Prima che i funzionari britannici incaricati dell'acquisto arrivino in California, i tecnici della Lockheed convertono in fretta e furia il loro aereo più recente, il Super-Electra, in qualcosa che assomiglia a un bombardiere da ricognizione e preparano uno speciale sforzo propagandistico per dare l'impressione migliore ai funzionari incaricati dell'acquisto.

Giugno
il ministro dell'aviazione britannico ordina duecento bombardieri, battezzati Hudson. Da un giorno all'altro la Lockheed entra fra i grandi dell'aeronautica: prima grande ordinazione singola che un'industria aeronautica americana abbia mai ricevuto. La società acquista quindi altro terreno attorno a Burbank e assume altro personale fino a raddoppiarne la forza.

Settembre
quando i primi ministri britannico e francese si recano in volo a Monaco per incontrarvi A. Hitler, A.N. Chamberlain vola su un aereo Lockheed mentre É. Daladier viaggia su un aereo di Dassault.
[Marcel Bloch [Dassault]: figlio di un medico ebreo, Adolph Bloch, fu allevato a Parigi alla fine dell'Ottocento. All'età di 17 anni, nel 1909, ispirato dai voli pionieristici di Blériot e di Wright, si iscrive al Collegio di Aeronautica di recente fondazione e durante la prima guerra mondiale fonda una propria società di costruzioni aeronautiche, che inizia la produzione di massa di aeroplani proprio mentre la guerra sta terminando. Il crollo dell'industria aeronautica del periodo postbellico lo inDuce a dedicarsi al commercio di immobili a Parigi per far denaro e solo negli anni trenta gli si ripresenta l'occasione per progettare aeroplani: prima per il Ministero francese delle poste poi per il Ministero francese dell'aviazione che ha bisogno di un bombardiere in risposta al riarmo della Germania hitleriana.]
Mentre Marcel Bloch è ora un affermato progettista, il fratello Paul è un illustre militare: il governo del fronte popolare nazionalizza la sua azienda assieme al resto dell'industria francese degli armamenti ma, dopo averlo indennizzato per l'espropriazione, il governo ha ancora bisogno di lui per dirigere la società.


«segue 1939»

Fonti:
- Anthony Sampson, The arms bazaar/Il supermercato delle armi - Arnoldo Mondadori Editore 1977.

 





Dioguardi, Gianfranco (Bari 1938) professore ordinario di economia e organizzazione aziendale presso il Politecnico di Bari;
L'impresa nell'era del computer (Milano, 1986)
L'impresa nella società di terzo millennio (Bari, 1995).

Fabris, Giampaolo (Livorno 1938) sociologo italiano, professore ordinario di sociologia dei consumi allo IULM di Milano, presidente del gruppo GPF & Associati, si è occupato in particolare dei rapporti tra cultura e industria;
Sociologia delle comunicazioni di massa (1976)
La pubblicità, teorie e prassi (1992).

Tanzi, Calisto (Collecchio, Parma 1938) industriale italiano;
figlio di Melchiorre (1906) che assieme al fratello Luigi gestivano la Tanzi Calisto & Figli, un'azienda fondata dal nonno e che proDuceva conserve di pomodoro e salumi che vendeva in provincia e nelle vicine terre liguri e toscane;
1960, alla morte del padre è costretto ad abbandonare gli studi (dopo il diploma di ragioneria si era iscritto a economia e commercio) per affiancare lo zio in azienda che viene presto divisa in due tronconi: a Calisto i salumi, allo zio Luigi le conserve di pomodoro;
1961, 15 aprile, costituisce la Dietelat, gruppo industriale lattiero-caseario;
1962, la società prende il nome di Parmalat;
1965, sposa Anita (Titti) Chiesi, dalla quale ha tre figli: Stefano, Francesca e Laura;
1980, costituisce la finanziaria Fincom per investire nel mondo della comunicazione;
1987, 6 settembre, grazie all'alleanza con Vincenzo Romagnoli [patron di Bastogi e Aqua Marcia, ritiratosi subito dopo un mese] lancia Odeon Tv;
2003, dopo il grande crac dell'azienda [€ 14,5 Mdi], viene messo in carcere assieme ai figli, agli amministratori, ai sindaci e a molte altre persone coinvolte.

Thurow, Lester Carl (Livingston, Montana 1938) economista statunitense, professore di economia e management al MIT (Massachusetts Institute od Technology);
Povertà e discriminazione (1969)
L'impatto delle imposte sull'economia americana (1971)
La società a somma zero (1980)
Correnti pericolose: lo stato della teoria economica (1983).

Torna su

Italia

Confederazione Fascista dell'Industria Italiana (ex Confindustria):
. presidente: G. Volpi di Misurata.

Gennaio
6
, con decreto 7 gennaio 1938, n. 227 viene modificata la Legge 6 aprile 1936, n. 899 (che convertiva il R.D. 2 dicembre 1935, n. 2085) istitutrice della RAMB (Regia Azienda Monopolio Banane).
Le banane somale sono prodotte in quattro zone:
- del Giuba, da 38 concessionari, riuniti nella società SAG, che coltivano ca 1500 ettari;
- di Genale, da 143 concessionari, consorziati nella società SACA, che coltiva ca 4000 ettari;
- di Afgoi, 25 aziende che coltivano in gran parte banane;
- del "Villaggio Duca degli Abruzzi" dove esiste un'unica grande azienda la SAIS.
Gli indigeni che trovano saltuariamente occupazione in questa attività sono circa 20.000: gli italiani poche centinaia.

25, Roma, inizia la costruzione del Palazzo delle Nazioni nella zona delle Tre fontane [poi chiamata EUR] per l'Esposizione Universale di Roma del 1941 (poi rinviata al 1942 con la sigla E.42) sotto la presidenza del conte Vittorio Cini;

Settembre
20
, l'art,. 46 del regolamento 20 settembre 1938, n. 1.706, obbliga i produttori e i grossisti a vendere i medicinali solo alle farmacie regolarmente autorizzate.
[Essi non possono vendere neppure alle comunità, alle associazioni e agli enti assistenziali, i medicamenti da distribuire agli assistiti degli enti stessi.]

21, B. Mussolini fa visita (è una delle ultme) al nuovo stabilimento di Torre di Zuino della SNIA Viscosa;
«segue 1939»

Federconsorzi
(Federazione italiana
dei consorzi agrari)

«segue da 1925»
1938, dopo quest'anno non ha più alcun carattere privatistico; è solo un organo amministrativo dello Stato corporativo fascista;
«segue 1948»

 

Montecatini

«segue da 1929»
1938, il gruppo è costituito da 44 società consociate e 188 stabilimenti; occupa 27.000 dipendenti, aderisce ad alcuni cartelli internazionali e detiene una posizione di dominio in tutta l'industria chimica italiana;
«segue 1939»

Nuova Ricerca