©

Il Viandante

in rete dal 1996


Se ti siamo stati utili effettua una
Nuova Ricerca

ANNO 1932

STORIA e POLITICA RELIGIONE e FILOSOFIA ARTE Bancarella Libri usati
SCIENZE ECONOMIA LETTERE e TEATRO CINEMA
Radio-TV

Papa Pio XI
(1922-39)

1932, Vaticano, dal 1930 il cardinale E. Pacelli [futuro Pio XII] è segretario di stato.

USA

1932, 8 novembre, Franklin Delano Roosevelt viene eletto 49° presidente degli Stati Uniti;

Federal Reserve

«segue da 1931»
1932, i prezzi dei prodotti stoccati sono diminuiti dell'83%, la produttività del 40%, i salari del 60%, i dividendi del 57%;
a seconda dei calcoli i disoccupati sono fra i 5 e i 17 milioni [28 febbraio, altre fonti parlano di 8,2 milioni].
«segue 1933»

Lockheed

1932, negli Stati Uniti viene fondata questa industria aerospaziale rivolta principalmente al mercato militare; ha prodotto:
Aerei di linea
- Constellation
- Tristar
Aerei militari:
- F80 Shooting Star, il primo aereo a reazione adottato negli anni '60 dalle forze aeree statunitensi;
- Hercules C130, da trasporto;
- Stealth F117A, caccia "invisibile", negli anni '90;
- Orion P3, pattugliatore oceanico;
- YF 22A, caccia, ecc.
«segue 1994»

 

conferenza di Losanna
16 giugno-9 luglio
riparazioni di guerra
della Germania

1932, presenti i rappresentanti della Germania, delle potenze vincitrici della prima guerra mondiale (salvo gli Stati Uniti, presenti come osservatori) e di altri stati minori;
la questione delle riparazioni di guerra si presenta in termini molto diversi da quelli dell'immediato dopoguerra e dei piani elaborati dai finanzieri statunitensi Ch.G. Dawes e O. Young;
la grave crisi economica mondiale infatti spinge a mettere in secondo piano le istanze "punitive" nei confronti della Germania contenute nel trattato di Versailles; ciò permette alla Germania di ottenere una riduzione delle riparazioni a 3 miliardi di marchi sotto forma di obbligazioni; l'accordo non ha però pratica attuazione perché l'emissione delle obbligazioni è subordinata al regolamento dei debiti delle potenze europee verso gli Stati Uniti, questione che si trascinerà a lungo permettendo di fatto alla Germania di sottrarsi agli impegni assunti a Losanna.

Gran Bretagna

1932, un provvedimento legislativo sui dazi doganali segna l'abbandono definitivo della politica di libero scambio che ha dominato il commercio estero del Regno Unito nel XIX secolo e al quale esso ha cercato di rimanere aderente con crescente difficoltà dopo la prima guerra mondiale;
la legge impone un dazio del 10% su tutte le importazioni provenienti da paesi diversi da quelli del Commonwealth, fatta eccezione per i prodotti alimentari, le materie prime e qualche altra merce.

BODC
(British Oil Development Company)

«segue da 1928»
1932
Aprile
la società stipula una convenzione petrolifera con l'Iraq; essa ottiene una concessione per 75 anni e subito fonda una nuova società, la Mosul Oil Fields, in cui entra anche l'Agip.
«segue 1932»

 

 

Torna su

La Grecia si adegua al calendario gregoriano.



Banche

Banca d'Italia
[dal maggio 1926 è l'unico istituto di emissione]

- Governatore: V. Azzolini (1931 10 gen - 1° ago 1944)


1932
-

 


Esposizioni

(milioni di lire)
1932
Verso l' Istituto di Liquidazione
2.565
Verso banche ordinarie e altri istituti
(per operazioni legate a posizioni di immobilizzo)
*7.382
* Pari al 54% della intera circolazione monetaria, e all'88% di tutte le operazioni di sconto e finanziamento compiute dall'Istituto di emissione.

Altre Banche

«segue da 1931» IMI
(Istituto mobiliare italiano) - Presidente: Teodoro Mayer (triestino) (1931 - 14 mar 1936).
1932, coerentemente al discorso di insediamento, viene rifiutata l'assistenza alla Sip [il cui riassetto sarà poi opera dell'IRI.]

Federazione Bancaria Italiana 

1932, Vicenza,

Istituto Centrale di Credito
(ICC)

1932,

Istituto di San Paolo di Torino - Beneficienza e Credito

Presidente:
. gen. Demetrio Asinari dei Marchesi di Bernezzo (1928-?), senatore del Regno.
Direttore generale:
. gr. uff. dott. Alessandro Baccaglini (1928-?)
1932, il regio decreto-legge del 16 giugno gli attribuisce la qualità di istituto di credito di diritto pubblico, riformandone lo statuto; cambia anche il sistema elettivo del Consiglio di amministrazione, composto dal presidente (di nomina regia) più otto membri così nominati:
. 1, dal ministro delle Finanze,
. 2, dal podestà di Torino,
. 1, dal podestà di Genova,
. 1, dal presidente della provincia di Torino,
. 2, dal Consiglio Provinciale di Torino,
1, dal Consiglio Provinciale di Genova;
novembre, può emettere propri assegni circolari;

Consorzio delle Banche cattoliche

1932,

Banca Cattolica del Veneto

- Presidente: prof. sen. Luigi Montresor [1930 nov-set 1945],
- Vice presidente: conte dr. comm. Enrico Matteo Passi [1930 nov-set 1945],

- 9 Consiglieri:
. conte dr. comm. Francesco Agosti [1931 feb-mar 1932],
. ing. cav. Raffaello Bettazzi [1931 feb-mar 1936],
. avv. prof. comm. Giovanni Battista Biavaschi [1931 feb-set 1945],
. cav. Ernesto Cappelletti [1931 feb-mar 1938],
. avv. comm. rag. Giuseppe Cavazzana [1930 giu-set 1945],
. conte avv.  Giustino Di Valmarana [1931 feb-mar 1936],
. ing. Ettore Galuppo [1931 feb-mar 1932],
. dr. Enzo Guarnieri [1931 feb-set 1945],
. avv. Guido Rogger [1930 nov-set 1945].

- Sindaci effettivi:
. avv. cav. Amedeo Gallina [1931 feb-set 1945],
. avv. Gaetano Martelletto [1931 feb-set 1945],
. rag. cav. Cesare Orsenigo [1931 feb-feb 1933].

- Sindaci supplenti:
. ing. Sergio Zanarotti,
. rag. Ezio Zanghellini.

L'art. 39 dello Statuto sociale prevede che il Consiglio di Amministrazione nomini annualmente dopo l'assemblea generale un Comitato Direttivo composto da tre a cinque membri scelti nel proprio seno determinandone la facoltà e il funzionamento.

- Presidente: conte dr. comm. Enrico Matteo Passi [1930 nov-set 1945],

- Membri
. avv. comm. rag. Giuseppe Cavazzana [1930 nov-set 1945],
. avv. Guido Rogger [1930 nov-mar 1934],
. avv. prof. comm. Giovanni Battista Biavaschi [1931 feb-set 1945],
. conte avv. Giustino Di Valmarana [1931 feb-mar 1934].

- Dir. gen.: Secondo Piovesan [1930 nov-set 1945].

1932

Marzo
31
, l'assemblea degli azionisti si riunisce per ascoltare la relazione del Consiglio di amminsitrazione sul primo anno di vita della nuova banca.
L'ultima delibera prevede la riduzione dei consiglieri da 11 a 9 (eliminati quindi Francesco Agosti e l'ing. Ettore Galuppo);

Luglio
10
, in seguito alle gravi preoccupazioni dei creditori del Credito Veneto che vedono con apprensione scemare la possibilità di recuperare almeno in parte i loro soldi, l'assemblea straordinaria delibera la creazione di una seconda categoria di azionisti, chiamata di "serie B" [diversificazione che sarà abolita solo nel 1946] che comprende un numero di azioni «corrispondente alle residue percentuali dovute ai creditori chirografari, dopo il pagamento delle rate in contanti, ricevendo in contropartita attività di lento realizzo da determinarsi con le rispettive liquidazioni»; queste azioni sono parificate in tutto alle azioni proprie della Banca Cattolica del Veneto tranne per il dividendo, il quale sarà inferiore.
La stessa assemblea modifica ancora lo Statuto sociale per adeguarne l'organizzazione ai nuovi ambiti territoriali (costituzione di comitati di vigilanza nelle sedi, ecc.), abolisce il collegio dei probiviri, ridimensiona la figura del direttore generale, ecc..

ASSS
(Amministrazione Speciale della Santa Sede)

1932, assieme allo IOR è l'altra grande cassaforte delle partecipazioni azionarie vaticane.

IOR
(Istituto Opere di Religione)

1932, assieme all'ASSS è l'altra grande cassaforte delle partecipazioni azionarie vaticane.

Banco Ambrosiano

1932,

Banco di Roma per la Svizzera

1932, controllato dallo IOR;

Banca Unione

1932, controllata dallo IOR;

Credito Nazionale

1932, in liquidazione da ottobre 1926;

Banca Romana

1932,
[nel 1894 le passività della banca sono state assunte dalla Banca d'Italia; vedi salvataggio nel 1914]

Banco di Sicilia

1932,

Banco di Napoli

1932,diventato istituto di credito di diritto pubblico, è in possesso di valuta aurea per una cifra enorme, mai posseduta finora da alcuna banca nazionale;
presidio di stabilità, nonostante la crisi;
vede assegnare alla sua cliente Anna Iannaccone un diploma di benemerenza da parte del Capo del Governo come più antica risparmiatrice d'Italia (il suo libretto porta la data del 12 Maggio 1879);

Banca Agricola Commerciale del Mezzogiorno

1932, creata dal Banco di Napoli, vi confluiranno tutte o quasi le piccole banche dell'area a seguito del riassetto in atto quando Napoli contenderà a Milano il primato di città più popolosa del paese;

Comit
(Banca commerciale italiana)

- Presidente: Ettore Conti (1930 dic - ?)
-
Vicepresidente: Bernardino Nogara (?-?);
1932, al vicepresidente è stata affidata, nel 1929, la gestione dell'ASSS;

Banca Toscana di Anticipazione e Sconto

1932,

Banco di Roma

- Presidente: ? (1924-?)
- Vice-Presidente: Francesco Boncompagni Ludovisi (9 feb 1923-?)
[ex deputato del Ppi passato al fascismo]
- Amm.re Del.: ? (1924-?)
Il capitale sociale è costituito da 1.500.000 azioni:
- 425.000 presso il Credito Nazionale,
- 475.000, già del Credito Nazionale, passate da poco nelle mani delle banche cattoliche federate;
[in pratica 900.000 azioni controllate direttamente o indirettamente dal Credito Nazionale.]
- 400.000 in circolazione,
- 200.000 presso il Banco di S. Giorgio.

1932,

Banca italiana di Sconto

1932, in liquidazione.

Credito Italiano

1932
entrato in crisi in seguito alla "grande depressione";

Banco Lariano

1932, Como,

BNL
(Banca nazionale del lavoro)

1932, dal 1924 lo Stato detiene il 90% del suo capitale azionario; in seguito alla crisi [perdite per circa 200 Mni] dovuta allo smantellamento delle cooperative, operato dal fascismo, si ridimensiona sino a diventare semplice istituto di credito di diritto pubblico, di proprietà statale;

Banca Provinciale Lombarda

1932, Bergamo,

Banca del Friuli

1932, Udine,

Casse di Risparmio

«segue da 1931»

Cassa di Risparmio di Venezia

1932,

Cassa di Risparmio di Verona e Vicenza

1932,

Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo

1932,

Cassa di Risparmio di Milano

1932, oltre all'esercizio del credito fondiario (dal 1866), dal 1924 ha istituito anche il credito agrario;

Cassa di Risparmio delle Province Lombarde

1932,

Monte dei Paschi
(Cassa di Risparmio)

1932,

Cassa di Risparmio di Gorizia

1932, nel 1929 ha incorporato il Monte di Pietà che ne e diventato la sezione dei pegni;


«segue 1933»

Banche Popolari

1931

Banca Popolare di Vicenza

- Presidente: Paolo Sartori ,
- vicepresidente: ?,
- Consiglieri:
. ?,
. ?,
. ?,
. ?,
. ?,
. ?,
. ?,
. ?,
. ?,
. ?,
. ?,

- Collegio Sindacale:
. ?, [effettivo]
. ?, [effettivo]
. ?, [effettivo]
. ?, [supplente]
. ?, [supplente]

Direttore: ? (?-?)

Filiale
Vicenza, Borgo S. Felice (dal 1920).

Banca Popolare Agricola di Cerea

1924,

1932,

«segue 1933»

Casse Rurali



Effetti della crisi del 1929
Produzione industriale
(1929=100)
1932
Stati Uniti
- 46,2%
Inghilterra
- 16,5%
Francia
- 31,2%
Germania
- 46,7%
Disoccupazione
(milioni di persone)
1932
Stati Uniti
15,0
Inghilterra
2,2
Francia
-
Germania
5,6
Italia
1,129

Si calcolano 30 Milioni di disoccupati nei vari paesi.



Produzione industrie manufatturiere
1929
1931-32
Indice generale
90
77
Acciaio
(migliaia di tonnellate)
2.122
1.396
Ghisa
(migliaia di tonnellate)
671
460
Tonnellaggio varato
(migliaia di tonnellate)
72
49
Automobili
(unità)
52.000
26.000
Acido solforico
(migliaia di tonnellate)
1.335
900
Perfosfati
(migliaia di tonnellate)
220
169
Tessuti di cotone
(migliaia di tonnellate)
140
100
Zucchero
(migliaia di tonnellate)
405
295
Birra
(migliaia di ettolitri)
902
422


I padroni del "carbone bianco" nel 1932
Capitale società per azioni elettriche
(Mni di lire)
-
Obbligazioni
-
Valore di bilancio degli impianti
-
Potenza installata
kW
Società elettrocommerciali
-
Autoproduttori
-
Totale
-
Produzione di kWh
(in milioni)
Da impianti idroelettrici
-
Da termoelettrici
-
Totale
-
La crisi americana investe anche le aziende elettriche: capitale azionario e produzione di energia diminuiscono, ma la SADE e le altre imprese del settore affrontano la nuova crisi come hanno affrontato le precedenti, riDucendo le spese di gestione e difendendo il livello delle tariffe.
Il numero delle imprese operanti nel settore elettrico (175 contro le 192 del 1931) dimostra che le aziende più deboli hanno cessato di esistere.
Le società elettriche Edison, Adriatica, Centrale-Valdarno-Romana, Meridionale di Elettricità ecc., collegate nella holding delle Ferrovie Meridionali riescono a resistere alla crisi, grazie specialmente alla loro grandissima potenza finanziaria, che le ha sottratte alla dipendenza dalle banche.


Industria chimica
1929
1932
Azioni Italgas
760
45
Perdite (milioni)
383
Capitale
260
26


Telefono
(numero apparecchi)
1925
1930
1932
(ogni 100 abitanti)
Stati Uniti
-
-
17
Italia
181.640
407.476
0,6

 

La Lockheed e il supermercato delle armi

1932

Un banchiere 35enne di Boston, R.E. Gross, venuto a conoscenza delle potenzialità della Lockheed Aircraft Company, riesce a mettere assieme 50.000 dollari con un sindacato di giovani investitori che, guidato da lui e da suo fratello Courtlandt S. Gross, acquista la società dal fallimento della Detroit Aircraft Corporation, ribattezzandola: Lockheed Corporation.
La società si mette a produrre un bimotore di linea per passeggeri, l'Electra, che ben presto si impone.


«segue 1933»

Fonti:
- Anthony Sampson, The arms bazaar/Il supermercato delle armi - Arnoldo Mondadori Editore 1977.





Mundell, Robert Alexander (Kingston, Ontario 1932) economista canadese, compie gli studi nelle università di Columbia Britannica e di Washington;
1956, consegue il dottorato alla London School of Economics e al Massachusetts Institute of Technology;
1966-71, insegna economia all'università di Chicago e dirige il «Journal of Political Economy»;
1965-75, docente ai corsi estivi dell'Istituto di studi internazionali per laureati a Ginevra;
L'uomo e l'economia (1968)
Teoria monetaria: interesse, inflazione e crescita nell'economia mondiale (1971)
1974, insegna alla Columbia University di New York; ricopre anche prestigiosi incarichi in organizzazioni internazionali essendo pure consulente per diversi governi; le sue teorie sono alla base della creazione dell'euro;
1999, premio Nobel per l'economia per il suo lavoro sulle dinamiche monetarie e le aree monetarie ottimali.

Olson, Mancur (Grand Forks, North Dakota 1932) economista statunitense, formulatore della teoria dei "gruppi di interesse"
La logica dell'azione collettiva (1965)
Ascesa e declino delle nazioni (1982)
Logica delle istituzioni (1994).

Torna su

Italia

Confederazione Fascista dell'Industria Italiana (ex Confindustria):
- presidente: A.S. Benni.

Febbraio
24
, nel discorso sul bilancio delle corporazioni, il ministro G. Bottai accenna alla «tendenza monopolistica, mascherata dalla mentalità consorzialista».

Aprile
30
, nella discussione alla Camera sul disegno di legge per disciplinare i consorzi obbligatori, il ministro G. Bottai parla «dell'acutizzazione del fenomeno consorzialista».

Giugno
legge 16 giugno 1932, n. 834, sui Consorzi obbligatori.
[Il controllo dello stato sui consorzi rimarrà comunque inoperante.
Per sfuggire ad ogni controllo, infatti, gli industriali continuano a costituire cartelli "volontari" standosene in casa loro dentro la Confindustria.]

Ottobre
inizia la ""battaglia del grano";

Dicembre
3
, alla presenza dei ministri Jung, Acerbo e Ciano, si svolge il consiglio generale dell'INE (Istituto nazionale per l'esportazione) [futuro ICE (Istituto commercio con l'estero).
In conseguenza del continuo processo di fusione e di concentrazione delle aziende, allo scadere del primo periodo di nove anni le fabbriche aderenti al Consorzio Industrie Fiammiferi si sono ridotte a 32 di cui 10 appartengono ancora alla Fabbriche riunite fiammiferi.

«segue 1933»

Agip
(Azienda generale italiana petroli)

«segue da 1931»
1932
- presidente: Ettore Conti (1926-?).
Entra nella Mosul Oil Fields – appena fondata dalla BODC.
B. Mussolini, con il petrolio sovietico e con quello iracheno, vede finalmente a portata di mano la possibilità di costruire quella potente macchina bellica per la realizzazione dei suoi progetti imperiali: la conquista dell'Etiopia.
Ma Londra sta predisponendo le contromosse.
I soci dell'Agip nella BODC e nella Mosul Oil Fields, attraverso una serie di manovre dilatorie, tendono a ritardare all'infinito il pagamento delle somme dovute agli iracheni per lo sfruttamento dei pozzi petroliferi, Con l'obiettivo, evidentemente, di indurre Baghdad ad annullare la convenzione.
Ma quando il Duce se ne accorge è ormai troppo tardi.
La guerra etiopica è già iniziata, la macchina bellica richiede risorse e il governo non è più in grado di concedere all'Agip i fondi che metterebbero l'azienda di Stato non solo nella condizione di onorare i propri impegni con gli iracheni, ma addirittura di rilevare altre quote del pacchetto azionario della Mosul Oil Fields, conquistando una posizione di forza.
Un rifiuto, quello del governo di Roma, del tutto privo di senso.
«segue 1935»

 

Telefono

«segue da 1925»
1932,
«segue »

Nuova Ricerca