©

Il Viandante

in rete dal 1996


Se ti siamo stati utili effettua una

Nuova Ricerca

ANNO 1898

STORIA e POLITICA RELIGIONE e FILOSOFIA ARTE

Bancarella Libri usati

SCIENZE ECONOMIA LETTERE e TEATRO CINEMA

Leone XIII
(1878-1903)

Banco de Italia y Río de la Plata

«segue da 1894»
1898, Buenos Aires, presidente dell'istituto da sedici anni è Antonio Devoto;
«segue 1911»

Banco Popolare Italiano

1898, Buenos Aires, nasce questo nuovo istituto, proprietà di una Società Anonima Cooperativa, il cui scopo è quello di procurare credito ai suoi 1550 soci attraverso la cooperazione e il risparmio e che, unica fra le banche italiane in Argentina, ricorda il carattere delle banche popolari europee.

Gesellschaft für Elektrische Unternehmungen

«segue da 1894»
1898, questa società finanziaria elettrica tedesca partecipa alla costituzione d'una finanziaria italiana, promossa dalla Comit, la Società per lo sviluppo delle Imprese elettriche in Italia nota come sviluppo, che rimarrà per molti anni la carta maestra nella strategia industriale di Giuseppe Volpi;
una delle prime decisioni della sviluppo è quella di assumere una partecipazione nella Società Anonima per l'utilizzazione delle Forze idrauliche del Veneto, nota anche come Cellina, dal nome dell'impianto che la società sta progettando;
«segue 1900»

1897-1914
Periodo di espansione dell'economia mondiale

EMIGRAZIONE ITALIANA
Regioni 1896-98
Piemonte 9.072
Liguria 3.737
Lombardia 11.874
Veneto 20.255
Emilia 8.309
Toscana 9.587
Marche 6.360
Umbria 938
Lazio 2.590
Abruzzi e Molise 14.272
Campania 32.515
Puglie 3.253
Basilicata 8.369
Calabria 15.401
Sicilia 19.122
Sardegna 1.758
Totale 167.412

 

Prezzo del frumento
Anni Lire/q.
1894
15,22
1895
20,77
1896
22,56
1897
26,00
1898 (inizio)
27,01
Lilla Lipparini, Andrea Costa rivoluzionario, Longanesi & C. 1977.





Banca d'Italia

- Direttore generale:
. G. Marchiori (1894 25 feb - nov 1900)

 
1898
-


Banche

Banche di emissione

«segue da 1897»

Banca Romana

1898,
[nel 1894 le passività della banca sono state assunte dalla Banca d'Italia.]

Banco di Sicilia

1898,

Banco di Napoli

1898,

Altre Banche

«segue da 1897»

Compagnia della Fede Cattolica
(o di San Paolo)

Presidente:
. comm. avv. Bartolomeo Florio, presidente agg. di Corte di Cassazione, dal 1897.
Segretario generale:
. comm. avv. Federico Reyna, dal 1894.
1898, Torino,

Consorzio delle Banche cattoliche

1898,

Comit
(Banca commerciale italiana)

1898,

Banca Toscana di Anticipazione e Sconto


1898,

Banco di Roma

1898,

Societa Bancaria Italiana

1898, Milano,

Banca provinciale vicentina

1898,

Credito Italiano

1898,

Banco Ambrosiano

1898,

Casse di Risparmio

«segue da 1897»

Cassa di Risparmio di Venezia

1898,

Cassa di Risparmio di Vicenza

1898

,

Cassa di Risparmio di Milano

1898,

Cassa di Risparmio delle province Lombarde

1898,

Monte dei Paschi
(Cassa di Risparmio)

1898,


«segue 1899»

Banche Popolari

1898

Banca Popolare di Vicenza

- Presidente: conte Guido Piovene Porto Godi,
- vicepresidente: ?,
- Consiglieri:
. Girolamo Burato, (tipografo)
. Antonio Zerbato,
. Angelo Balestra, (orefice)
. Girolamo Chinotto,
. ?,
. ?,
. Giorgio Canneti Molin, (ala liberalprogressista)
. Luigi Cavalli, (ala radicale-zanardelliana)
. Giovanni Mazzoni, (liberalismo)
. Giovanni Fasolo, (clericalismo)
. Sebastiano Anti, (uno dei vecchi fondatori)
. ?,
. ?,
. ?,

- Comitato dei censori:
. ?,
. ?,
. ?.

Direttore: dr Antonio Dolcetta (1881-1905).

Filiale
- Bassano (1881).

«segue 1899»

 




Altre Banche e Casse Rurali

1898

Banca Cattolica vicentina

cambiato quasi completamente

- Presidente
. ?,
- vice presidente
. ?,
- 7 Consiglieri:
. ?,
. ?,
. ?,
. ?,
. ?,
. ?,
. ?.

- 3 Sindaci effettivi
. ? [presidente],
. ?,
. ?.
- 2 Sindaci supplenti
. ?,
. ?.
- 3 Probiviri
. ?,
. ?,
. ?.

1898
il Consiglio delibera di fornire, con cauzione, alla ditta Carlo Morigo di Padova, un grosso prestito per le sue attività di trasporto, prima dei tabacchi, poi del sale dalla Sardegna, infine per l'acquisto di tre vapori marittimi; le garanzie sembrano sicure anche se l'affare presenta caratteristiche diverse dai soliti prestiti alle casse rurali.

«segue 1899»





I padroni del "carbone bianco" nel 1898
Potenza installata
kW
Società elettrocommerciali
55.517
Autoproduttori
31.054
… e suddivisione
 
Illuminazione
39.000
Forza motrice alle industrie
33.000
Forza motrice alle tramvie
9.000
Usi elettrotermici, elettrochimici ecc.
5.000
Produzione di kWh
(in milioni)
Da impianti idroelettrici
66
Da termoelettrici
34
Totale
100
… e suddivisione
 
Illuminazione
1/3
Usi industriali
2/3
La centrale idroelettrica di Paderno sull'Adda, destinata alla fornitura di energia a Milano (giunge attraverso una linea di 32 km) inaugura una nuova fase del trasporto di energia a lunga distanza.


Ferrari, Enzo (Modena 1898-1988) industriale e corridore automobilistico italiano, fondatore (inizi 1940) dell'omonima ditta, famosa in tutto il mondo per le vetture sportive e da corsa (FERRARI, il "cavallino rampante", la"Rossa") affermatesi nelle competizioni automobilistiche internazionali; 
1969, la FIAT controlla il 50% della Ferrari;
1974, la Ferrari occupa 1000 dipendenti ed esporta per 2/3 la sua produzione; 
1988, la FIAT ne assume il controllo totale.

Messerschmitt, Willy (Francoforte sul Meno 1898-Monaco di Baviera 1978) costruttore aeronautico tedesco
1933, superate alcune difficoltà finanziarie la Messerschmitt A.G. si ingrandisce ulteriormente quando Hitler decide il riarmo della Germania: gli viene affidata la progettazione dei più importanti caccia impiegati dalla Germania durante la seconda guerra mondiale;
nel dopoguerra ha un ruolo importante nella ricostruzione dell'industria aeronautica tedesca.

Myrdal, Karl Gunnar (Gustafs, Dalecarlia 1898-Stoccolma 1987) economista, sociologo e politico svedese, influenzato dalle dottrine di G. Cassel e di K. Wicksell, nonché di A. Hägerström;
L'elemento politico nella formazione delle dottrine dell'economia pura (1930)
Equilibrio monetario (1931)
1933-50, professore alla scuola commerciale superiore di Stoccolma;
An American Dilemma: the Negro Problem and Modern Democracy (1943, Un dilemma americano. Il problema negro e la democrazia moderna)
1945-47, ministro del commercio svedese;
1947-57, segretario esecutivo della commissione economica per l'Europa delle Nazioni Unite;
Il valore nella teoria sociale (1958)
Asian Drama: an Inquiry into the Poverty of Nations (1968, Saggio sulla povertà delle Nazioni o di undici paesi asiatici)
L'obiettività nelle scienze sociali (1969)
1974, premio Nobel per l'economia insieme a F. von Hayek.

Paish, Frank Walter (1898) economista inglese, compì gli studi presso il Trinity College di Cambridge;
1932, docente di discipline commerciali presso la London School of Economics;
1949-65, professore di economia, con particolare riguardo al finanziamento d'impresa, presso lo stesso istituto;
Il problema finanziario del dopoguerra e altri saggi (1950)
Il finanziamento d'impresa (1953)
Studi su una economia inflazionistica (1962)
I tassi di interesse a breve e a lungo termine (1966).

Robbins, Lionel Charles – barone di Clare Market (Sipson, Middlesex 1898-Londra 1984) economista inglese;
1929-61, professore di economia alla London School of Economics, dove si è laureato;
Saggio sulla natura e sul significato della scienza economica (1932)
La grande depressione (1934)
L'economista nel ventesimo secolo (1936)
Programmazione economica e ordine internazionale (1937)
1941-45, direttore della sezione economica del gabinetto di guerra inglese;
Il problema economico in pace e in guerra (1947)
La teoria della politica economica nell'economia politica classica inglese (1952)
Robert Torrens e l'evoluzione dell'economia politica classica (1958)
1961-70, presidente del «Financial Times»;
politica ed economia (1963)
L'evoluzione della teoria economica e moderna (1970)
politica, commercio, relazioni internazionali (1971).

Sauvy, Alfred (VIlleneuve-de-la-Raho, Pyrénées-Orientales 1898-Parigi 1990) economista, statistico e demografo francese; dedicò le sue ricerche ai problemi del cosiddetto "Terzo Mondo" espressione da lui stesso coniata;
Ricchezza e popolazione (1943)
1945-55, professore all'Istituto di studi politici di Parigi; fonda l'INDE, il primo istituto di studi demografici del mondo in cui è direttore fino al 1962; membro della commissione per la popolazione dell'ONU e direttore della rivista di ricerche demografiche «Population»;
Possibilità dell'economia francese (1946)
Introduzione allo studio dei paesi sottosviluppati (1951)
L'influenza della produttività sull'impiego della popolazione (1952)
Teoria generale della popolazione (1954-56, in 2 voll.)
1956-69, professore al Collegio di Francia;
Storia economica della Francia tra le due guerre (1965-75, in 4 voll.)
Crescita zero? (1973)
La fine dei ricchi (1975)
Elementi di demografia (1977).

Sernesi, Salvino (Firenze 1898- Roma 1964) industriale italiano;
1915-18, ufficiale di fanteria nella prima guerra mondiale;
1919, ragioniere, inizia la libera professione;
1938, assume un importamte incarico bancario, la sistemazione di alcune banche regionali successivamente incorporate nella Banca Nazionale del Lavoro;
1940-45, direttore delle filiali della Bnl nella penisola iberica;
1948, direttore generale della RAI;
1955, direttore generale della Società italiana di navigazione;
1956, direttore generale dell'IRI, incarico mantenuto fino alla morte.

Sraffa, Piero (Torino 1898) economista italiano, studiò a Parma, Milano e Torino seguendo i trasferimenti del padre, noto professore di diritto commerciale;
1919, è amico stretto di A. Gramsci, più anziano di lui di sette anni; senza mai iscriversi al Partito socialista o al Partito comunista, egli collabora all' «Ordine nuovo» con traduzioni dal tedesco e dall'inglese e con breviarticoli;
L'inflazione monetaria in Italia durante e dopo la guerra (1920, tesi di laurea discussa con Luigi Einaudi)
1921-22, segue a Londra i corsi della London School of Economics; diventa direttore dell'appena costituito Ufficio provinciale del lavoro di Milano; conosce J.M. Keynes;
La crisi bancaria in Italia (1922, articolo pubblicato sull' «Economic Journal» in cui ripercorre la storia della crisi della Banca italiana di sconto);
1922, pubblica sui supplementi del «Manchester Guardian», dedicati alla ricostruzione dell'Europa, un articolo sul sistema bancario italiano che provoca le ire di B. Mussolini
[entrambi gli articoli nascono da un suggerimento di Keynes]
1923, si dimette dall'Uff. Prov. del Lavoro di Milano in seguito all'avvento al potere del fascismo;
1923-26, è professore incaricato di economia politica (e, dal 1924, di scienza delle finanze) presso la facoltà di giurisprudenza dell'università di Perugia;
La riforma monetaria di Keynes (1924, traduzione in italiano per la Treves di Milano)
Sulle relazioni fra costo e quantità prodotta (1925, pubblicato negli «Annali di economia»)
Le leggi dei rendimenti in regime di concorrenza (1926, scritto su richiesta di Keynes e pubblicato nell' «Economic Journal»)
1926, dall'arresto di Gramsci alla sua morte (1937), egli segue le vicissitudini dell'amico sia direttamente che tramite Tatiana Schucht, cognata di Gramsci, premendo per la sua liberazione, provvedendo i libri e le riviste necessarie agli studi del recluso, fornendogli indicazioni bibliografiche, notizie e spunti di riflessione; grazie alla sua posizione all'università di Cambridge, tiene anche i contatti tra Gramsci e il centro estero del Partito comunista a Parigi; 
The Laws of Returns under Competitive Conditions (1926)
1927, poco dopo la nomina a professore di economia all'università di Cagliari, si trasferisce a Cambridge, chiamatoVI come lecturer da Keynes;
1930, lavora a una monumentale edizione delle opere di D. Ricardo;
1931, director of Researches  al King's College, gli viene affidato l'incarico di bibliotecario della Marshall Library;
1939, fellow del Trinity College;
Opere di Ricardo (1951-55, in 10 voll, gli fa meritare la medaglia d'oro dell'Accademia Reale delle Scienze svedese: riconoscimento (assegnato anche a Keynes e a G. Myrdal) che è il progenitore del premio Nobel per l'economia;
Produzione di merci per mezzo di merci (1960).

Torna su

Italia

Gennaio
Il dazio sulle farine si riduce da 7,5 a 5 lire al quintale.
Milano, nella sede della Società Geografica Italiana ha luogo il III congresso geografico italiano.

Aprile
12-17
, Firenze, si tiene il III congresso geografico italiano.
Il "caropane", dovuto sia al cattivo raccolto, sia alla mancata importazione dagli Stati Uniti, provoca tumulti in tutta Italia.

Maggio
fino al 30 giugno il Governo sospende ogni dazio sulle farine.

Giugno
Ferdinando Bocconi, un ricco commerciante milanese, in ricordo del figlio morto nella battaglia di Adua, fonda a Milano un istituto superiore di studi commerciali.

Agosto
il dazio sul grano è riportato a 7,5 lire.

Novembre
a Roma viene firmato un trattato commerciale italo-francese che riavvicina i due Paesi.

Nuova Ricerca