©

Il Viandante

in rete dal 1996


Se ti siamo stati utili effettua una
Nuova Ricerca

ANNO 1945

STORIA e POLITICA RELIGIONE e FILOSOFIA ARTE Bancarella Libri usati
SCIENZE ECONOMIA LETTERE e TEATRO CINEMA
Radio-TV

Papa Pio XII
(1939-58)

accordi di Bretton Woods

«segue da 1944»
1945, 27 dicembre, ratificati dalla maggioranza dei paesi partecipanti a Washington, gli accordi individuano nelle parità fisse tra monete, modificabili solo di fronte a squilibri fondamentali delle bilance dei pagamenti, e nella multilateralizzazione dei saldi valutari (entrambi implicanti la piena convertibilità delle monete in oro o in altra valuta pregiata, il cosiddetto gold exchange standard) i principi regolatori dell'assetto entro il quale le finalità indicate da Keynes possono realizzarsi;
quali strumenti di attuazione di questi orientamenti verranno creati due organismi:
- FMI (Fondo monetario internazionale)
- BIRS (Banca internazionale per la ricostruzione e lo sviluppo o, semplicemente Banca mondiale).

FSM
(Federazione sindacale mondiale)

1945, 25 settembre, Parigi, conferenza sindacale mondiale;
8 ottobre, a Londra viene costituita la FSM, organizzazione federativa internazionale di sindacati dei lavoratori;
«segue 1948»

Fao
(Food and Agriculture Organization)

1945, 16 ottobre, Quebec (Canada), viene fondata questa organizzazione la cui origine risale alla conferenza delle nazioni unite per l'agricoltura e l'alimentazione convocata a Hot Saprings (Usa) nel 1941. [nel 1951 la sede sarà a Roma]

I.G. Farbenindustrie AG

«segue da 1863»
1945, sciolta la società da parte degli Alleati, la Hoechst riacquista una configurazione autonoma e si sviluppa fino a diventare la maggiore compagnia operante in campo farmaceutico su scala mondiale.

Ford Motor Co.

«segue da 1941»
1945, 21 settembre, Henry cede il comando al nipote Henry II;
«segue 1982»

Renault

«segue da 1939»
1945, viene ricostruita la fabbrica di Billancourt, distrutta durante il secondo conflitto mondiale; nello stesso anno la Renault viene nazionalizzata assumendo la denominazione di Régie nationale des usines Renault;
accanto alla produzione di auto di piccola e media cilindrata, avvia nel dopoguerra la fabbricazione di veicoli industriali, macchine utensili e materiale ferroviario, costruendo nuovi impianti a Flins e Le Mans;
«segue 1975»

Germania

3 maggio, un convoglio di camion percorre l'Austria in direzione della Germania, trasportando i macchinari e le riserve dei falsi biglietti ("operazione Bernhard");
in seguito ad un incidente tecnico occorso a due camion, una parte del carico finisce nel fiume Traun, mentre l'altra viene consegnata ad un capitano della Vermacht che in seguito lo consegna agli americani; ciò che resta del convoglio finisce poi la sua corsa sulle rive del lago Toplitz, in un punto in cui la strada è impraticabile;
- le banconote contenute nelle casse finite nel fiume vengono a galla, recuperate dagli abitanti della zona e "messe ad asciugare";
- quelle contenute nelle casse consegnate agli americani (che aprono un'inchiesta) sono recuperate;
- le altre centinaia di migliaia di sterline non saranno mai più trovate, né quindi distrutte…

Deutsche Bank

«segue da 1870»
1945, viene smembrata in dieci banche regionali;
«segue 1957»

Accordo di Washington

1945, dicembre, viene annullato un aiuto di 25 miliardi di dollari concesso al Commonwealth in base alla legge "Affitti e Prestiti" e viene accordato alla Gran Bretagna un prestito a lungo termine di 3,7 miliardi di dollari;
1946, luglio, Il Senato americano approva l'accordo.

Westinghouse

«segue da 1926»
1945, si avvicina al campo della produzione di energia nucleare e fornisce unità nucleari per sottomarini, incrociatori e portaerei, e acquisisce un ruolo dominante a livello internazionale nella fornitura di centrali atomiche (oltre 110) a numerosi paesi; inoltre progetta e costruisce i sistemi di lancio per i missili Polaris e contribuisce attivamente alla politica spaziale americana;
«segue 1975»

TATA Sons

«segue da 1939»
1945, nasce la Telco, costruzione macchinari;
«segue 1947»

Deutsche Bank

«segue da 1870»
1945, viene smembrata in dieci banche regionali;
«segue 1957»

Zeiss

«segue da 1846»
1945, nel dopoguerra si sdoppia in due aziende:
- Jenoptik, presso la sede originaria nella DDR;
- C. Zeiss, a Oberkochen, nella RFT;
«segue 1989»

Siemens

«segue da 1938»
1945, nel dopoguerra riacquista pian piano le precedenti posizioni sul mercato, affiancando un massiccio intervento nei settori d'avanguardia (automazione, componenti, informatica e centrali nucleari) al potenziamento delle attività tradizionali (impianti ed elettrodomestici);
«segue 1977»



t
EMIGRAZIONE ITALIANA
Emigrati italiani
per gli Stati Uniti d'America
e per tutte le destinazioni
Immigrazione italiana
e immigrazione totale
negli Stati Uniti d'America
Secondo le statistiche italiane
(a)
Secondo le statistiche americane
(b)
Anni
USA
Tutte le destinazioni
Italiana
Totale
% It.

1876-1884
75.194 1.157.496 124.561 3.665.732 3,40
1885-1900
697.284 4.100.415 863.340 6.353.840 13,59
1901-1906
1.356.922 3.558.249 1.232.888 4.933.811 24,99
1907-1914
1.975.511 5.065.501 1.702.285 7.994.616 21,29
1915-1917
129.474 334.879 117.949 920.929 12,81
1918
2.793 28.311 5.250 110.618 4,75
1919
82.492 253.224 1.884 141.132 1,35
1920
349.042 614.611 95.145 430.001 22,13
1921-1924
196.246 1.237.132 365.499 2.344.599 15,59
1925-1927
102.172 761.411 31.753 933.977 3,40
1928-1940
204.831 1.282.545 126.091 1.357.064 9,29
1941-1945
-
-
935 170.952 0,01
-

(a) ISTAT (Istituto Centrale di Statistica): Sommario di Statistiche Italiane 1861-1955; + Annuari vari.
(b) U.S. Bureau of the Census: Historical Statistics of the United States. Colonial Times to 1957, Washington D.C. 1960 pp. 56-57.
[Le differenze tra le due rilevazioni (ancora più marcate se considerati i dati anno per anno) sono dovute ai diversi metodi di rilevazione e alla diversa accuratezza delle statistiche dei due paesi.]
Fonte: Francesco Paolo Cerase: L'emigrazione di ritorno: innovazione o reazione?, 1971 - Università di Roma, Istituto di Statistica e Ricerca Sociale "C. Gini" - Sezione di Sociologia - prof. Vittorio Castellano.

w



Banca d'Italia
[dal maggio 1926 è l'unico istituto di emissione]

- Governatore: L. Einaudi (1945 gen - mag 1947)
- Direttore generale: Introna (? - ?)

I.R.I.

- Commissario straordinario: Leopoldo Piccardi (? - mar 1946)



SISTEMA CREDITIZIO
Amministratori dell'intera massa fiduciaria
%
1945
Stato
30%
Enti pubblici o controllati dallo Stato
49%
Enti cooperativi
8%
Privati
13%
100%

L'IRI, con la sua operazione di risanamento bancario, è stato l'ente destinato a realizzare la conversione della grande banca di deposito dal tipo di banca mista (istituto caratteristico della fase iniziale dello sviluppo di un paese) al tipo di banca di credito ordinario (tipico dei paesi ad economia più progredita).
È stato concepito come l'ente destinato ad interporsi fra la massa dei depositanti che attraverso le banche miste, avevano in sostanza assunto direttamente il rischio industriale, ed il capitale privato in corso di formazione, il quale dovrebbe gradualmente assumere le responsabilità delle iniziative industriali finanziate e spesso promosse dal sistema bancario.
Ciò non significa che dopo le operazioni di risanamento le banche abbiano assunto in Italia la classica fisionomia delle banche di deposito (attività limitata al solo credito commerciale a breve termine); attraverso la pratica dei rinnovi, infatti, molti istituti hanno continuato ad esercitare operazioni di prestito non a breve ma a lungo termine, e dunque a carattere non strettamente commerciale.
Ma adesso a beneficiare di queste operazioni sono in primo luogo le medie e piccole imprese (ciò che consente un notevole frazionamento dei rischi per le banche).



Industriali che contano in Italia
Genova Torino Milano Bergamo Venezia
Costa Agnelli Pirelli - Falck Pesenti Cini


L'aristocrazia capitalistica (E. Conti, G.E. Falck, S.B. Crespi ecc.) è arrivata ormai alla III o IV generazione.
Le grandi famiglie, che durante la guerra non sono state molestate né dagli inglesi né dagli americani, vivono giornate ansiose; nei posti di comando nelle fabbriche ci sono i commissari; i legittimi padroni sono stati allontanati… ma per poco tempo: presto risalgono in sella e stabiliscono un soddisfacente modus vivendi con la Dc e A. De Gasperi riuscendo a tenere a bada i sindacati operai.
Come oppositori insidiosi hanno:
i giornalisti:
- Mario Pannunzio,
- Ernesto Rossi,
- Eugenio Scalfari;
i politici:
- Ugo La Malfa,
- Riccardo Lombardi.



Banche

1945

Istituto di San Paolo di Torino - Beneficienza e Credito 

«segue da 1941»
Commissario:
. gr. uff. avv. Giuseppe Murino, dal 1944.
Direttore generale:
. avv. Carlo Pajetta.
1945, riparte dopo la guerra con l'apertura di agenzie territoriali: a Calosso d'Asti, Ottiglio, Incisa Scapaccino, San Maurizio Canavese;
«segue 1948»

Banco Ambrosiano

«segue da 1896»
1945, è una piccola banca di preti, tecnicamente zero, dove ci si preoccupa di salvare l'anima degli impiegati più che il risparmio dei clienti; atmosfera da Inquisizione, messe di continuo…;
- Brusati, capo del personale, l' "uomo del papa", guardiano del buon costume;
- Canesi, direttore generale, pure lui guardingo dinanzi a Brusati;
qui arriva Roberto Calvi, proveniente dalla Banca commerciale italiana.
«segue 1971»

Banca Provinciale Lombarda

1945
dopo la Liberazione, il Tesoro dichiara di essere disposto a restituire la banca ai privati se il suo capitale sarà ripartito tra i diversi gruppi, rappresentanti delle zone in cui la banca opera, escludendo il predominio di un qualsiasi gruppo.
In conseguenza il pacchetto di maggioranza (circa il 75% del capitale) va:
- 1/3 allo Ior (Istituto Opere di Religione),
- 1/3 all'Immobiliare (la finanziaria della Italcementi),
- 1/3 ad un altro gruppo di industriali privati;
il rimanente capitale resta suddiviso in piccolissime quote fra migliaia di azionsiti, quasi tutti clienti della banca.
Per dare il suo consenso l'Ufficio di vigilanza della Banca d'Italia mette anche la condizione che venga costituito, per la durata di cinque anni, un sindacato fra i gruppi della maggioranza, con la clausola che eventuali offerte di vendita saranno ripartite proporzionalmente tra tutti i componenti il sindacato, in modo da evitare, per quanto possibile, l'accentramento del comando in un solo gruppo.

 

Banca Popolare di Vicenza

… prima del 25 Aprile

- Presidente: Eliseo Boschero,
[«scrupoloso ed interprete fedele delle direttive centrali» che lascia dopo 18 anni.]
- vicepresidente: ?,
- Consiglieri:
. ?,
. ?,
. ?,
. ?,
. ?,
. ?,
. ?,
. ?,
. ?,
. ?,
. ?,

- Collegio Sindacale:
. ?, [effettivo]
. ?, [effettivo]
. ?, [effettivo]
. ?, [supplente]
. ?, [supplente]

Direttore: ? (?-?)

Filiale
Vicenza, Borgo S. Felice (dal 1920).

… dopo il 25 Aprile

Il Governo Alleato impone lo scioglimento degli organi amministrativi e affida al dottor Giovanni Curti il commissariamento della Banca;

Luglio
15
, viene convocata un'assemblea straordinaria ove si procede al rinnovo totale del Consiglio di amministrazione.

- Presidente: avv.

Mario Segala
,
- vicepresidente: ?,
- Consiglieri:
. ?,
. ?,
. ?,
. ?,
. ?,
. ?,
. ?,
. ?,
. ?,
. ?,
. ?,

- Collegio Sindacale:
. ?, [effettivo]
. ?, [effettivo]
. ?, [effettivo]
. ?, [supplente]
. ?, [supplente]

Direttore generale: Tullio Maceri (1945-47)




Banche

Banca Cattolica del Veneto

- Presidente
. prof. sen. Luigi Montresor [1930 nov-set 1945] [assente],
- Vice presidente
. conte dr. comm. Enrico Matteo Passi [1930 nov-† 30 agosto 1945],
- 7 Consiglieri:
. avv. prof. comm. Giovanni Battista Biavaschi [1931 feb-set 1945]  [assente],
. avv. comm. rag. Giuseppe Cavazzana [1930 giu-set 1945],
. dr. Francesco Formenton [1942 ott-set 1945],
. dr. Enzo Guarnieri [1931 feb-set 1945]  [assente],
. avv. Guido Rogger [1930 nov-set 1945] [assente],
. avv. cav. Vittorio Veronese di Bartolomeo [1938 mar-feb 1944],
. ing. Sergio Zanarotti [1942 ott-set 1945],
- Sindaci effettivi:
. avv. cav. Amedeo Gallina [1931 feb-set 1945],
. avv. Gaetano Martelletto [1931 feb-set 1945],
. ing. cav. Raffaello Bettazzi [1936 mar-set 1945].
- Sindaci supplenti:
. ?,
. rag. Ezio Zanghellini.

L'art. 39 dello Statuto sociale prevede che il Consiglio di Amministrazione nomini annualmente dopo l'assemblea generale un Comitato Direttivo composto da tre a cinque membri scelti nel proprio seno determinandone la facoltà e il funzionamento.

- Presidente
. conte dr. comm. Enrico Matteo Passi [1930 nov-† 30 agosto 1945],
- Membri
. avv. comm. rag. Giuseppe Cavazzana [1930 nov-set 1945],
. avv. prof. comm. Giovanni Battista Biavaschi [1931 feb-set 1945] [assente]
. avv. Guido Rogger [1939 feb-set 1945] [assente],

- Direttore generale
. Secondo Piovesan [1930 nov-set 1945].

1945, 12 febbraio, all'assemblea generale ordinaria degli azionisti oltre ai consiglieri sopra evidenziati, è assente anche il sen. Stefano Cavazzoni presidente dell'ICC;
assume quindi la presidenza il consigliere più anziano Francesco Formenton mentre la relazione del consiglio è letta dal consigliere comm. Giuseppe Cavazzana;

5 agosto, la presidenza dell'assemblea, in mancanza del presidente e del vicepresidente della banca, è assunta dal consigliere anziano avv. Guido Rogger;
[nella relazione viene ricordata la figura di Torquato Fraccon, entrato nella banca il 16 aprile 1931 come procuratore della Direzione generale, morto di malattia assieme al figlio nel campo di Mathausen.]

settembre, il sen. Stefano Cavazzoni è sottoposto al giudizio dell'Alta Corte di Giustizia del Senato e a quella della Commissione per i profitti di regime; decaduto da senatore, estromesso dall'ICC, continuerà a manifestare la sue convinzioni politiche con la coerenza di un tempo, senza provare attrazione per il carro dei vincitori, tenendo pubbliche conferenze a Milano, all'Università Cattolica, ecc.

 

SAIS
(Società Agricola Italo Somala)
1945

«segue da 1938»
Capitale iniziale: 24 Mni di lire.
- Presidente e Amm.re del.:
. avv. Luigi Bruno (1945 -?);
- Vicepresidente:
. ? (? - ?);
- Direttore della sede amministrativa di Genova:
. avv. Luigi Bruno (? - ?).

L'avv. Luigi Bruno (forse unico superstite della prima compagine sociale) assume la presidenza della società, accentrando nelle sue mani quasi tutte le azioni.

«segue 1960, Somalia»

[Ernesto Rossi, I nostri quattrini, Laterza Bari 1964.]

 

La Lockheed Corporation e il supermercato delle armi.
- Presidente: R.E. Gross (1934-56)

1945

Agosto
6
, bomba atomica su Hiroshima.
Per quattro anni gli Stati Uniti saranno l'unico paese al mondo ad avere la bomba atomica.
Nello stesso mese i posti di lavoro alla Lockheed scendono a 35.000 unità.

Durante la seconda guerra mondiale la Grumman ha dato lavoro a 25.000 persone e costruito 17.000 aerei da combattimento, compresi due caccia famosi, il Wildcat e lo Hellcat.


«segue 1946»

Fonti:
- Anthony Sampson, The arms bazaar/Il supermercato delle armi - Arnoldo Mondadori Editore 1977.

 

Michele Sindona

-


«segue 1946»



Balassone, Stefano (Sequals, Pordenone 1945) dirigente italiano;
1966, entra nella SACIS (Società per Azioni Commerciali Iniziative Spettacolo) azienda consociata della RAI, che gestisce la produzione degli spot pubblicitari che vengono trasmessi sulle reti televisive e radiofoniche dell'emittente pubblica;
1978, è nominato dirigente RAI, dove si occupa di organizzazione, produzione e programmi;
1987-94, partecipa alla gestione di Raitre a fianco di Angelo Guglielmi;
1996, è nominato direttore dei programmi di Telemontecarlo;
1998-2002, membro di maggioranza (Ulivo) del CDA RAI, lascia la carica allo scadere del mandato per l'elezione di un nuovo CDA da parte dei Presidenti di Camera e Senato;
La TV nel mercato globale (2000)
Come cavarsela in TV (2001).

Torna su

Italia

Confindustria: presidente Angelo Costa.
Governatore della Banca d'Italia è Luigi Einaudi.

Gennaio
16
, Venaria (Torino) viene requisita la tenuta "Val Sorda" di proprietà della marchesa Giselda Medici del Vascello, per lo sfruttamento boschivo; tutto il personale residente viene considerato "mobilitato civile";
viene requisita anche la tenuta "La Mandria", sempre in provincia di Torino, del marchese Giacomo Medici del Vascello, per il "reperimento di legna da ardere per il popolo";

Febbraio
15
, con il decreto luogotenenziale 15 febbraio 1945 (che porta la firma di Umberto di Savoia, di Bonomi e di Soleri), il ministro del Tesoro Soleri scioglie gli organi deliberativi individuali e collegiali della RAMB (Regia Azienda Monopolio Banane) e nomina un commissario straordinario con «il compito di provvedere alla liquidazione dell'azienda, avendo rinviato al momento più opportuno il suo formale scioglimento».
[Questo decreto non porta alcun numero e non è mai comparso sulla «Gazzetta Ufficiale» n. 286 del 1948 e n. 49 del 1956; non compare neppure nella «Raccolta delle leggi e decreti».]
Da questo momento per l'importazione delle banane viene adottato il sistema della concessione di licenze di importazione a cooperative di coltivatori delle ex colonie, per quantitativi limitati e col pagamento di un diritto di sfioramento a favore dello Stato, fissato in L. 15 al kg.

Marzo
Le condizioni di vita sono durissime, la gente taglia gli alberi nei viali e nei parchi per scaldarsi;
a Roma gli italiani ballano il boogie-woogie, la nuova danza americana;

Maggio
Roma, viene promosso il "prestito della Liberazione" che ha grande successo, riuscendo a raccogliere 106 miliardi di lire;

Luglio
12
, con decreto 12 luglio 1945, n. 417, viene costituito l'ACIS (Alto Commissario per l'Igiene e la Sanità).

Agosto
4
, con decreto la Banca d'Italia è autorizzata a emettere titoli provvisori del valore di 5.000, 10.000 e 25.000 lire.

Ottobre
16
, con decreto 16 ottobre 1945 il neo costituito ACIS (Alto Commissario per l'Igiene e la Sanità) riesce a mettere le mani sul Comitato Interministeriale Prezzi (cui compete la determinazione dei prezzi dei medicinali) autorizzando maggiorazioni di prezzo che vanno dal 700 al 900%.

Dicembre
importante accordo Confindustria-Sindacati su cottimo, salari minimi, parità uomo-donna, viene inoltre introdotta la scala mobile.
In cambio, il sindacato accetta di sciogliere i consigli di gestione delle aziende: entro tre mesi accetterà anche di revocare il blocco dei licenziamenti.

Nuova Edison

«segue da 1939»
1945, grande pilastro del capitalismo lombardo fino alla nazionalizzazione dell'energia elettrica nel 1962, la società gestita da Giorgio Valerio vende elettricità con tariffe decise dallo Stato ma abbastanza elevate ("rendita elettrica") da consentire la formazione di fondi neri [rogne per C. Merzagora];
anche se l'ENI ha per il metano un monopolio totale, l'Edison non ce l'ha per l'energia elettrica, dovendo l'Italia anche importarne; in ogni caso è facile per la società vendere il suo prodotto e i lauti guadagni servono a distribuire denaro tra i partiti;
ma Giorgio Valerio entra presto in collisione con E. Mattei: scontro inevitabile tra Edison (privato che si comporta come pubblico) e ENI (pubblico);
«segue 1962»

Piaggio

«segue da 1934»
1945, a Pontedera, il figlio Enrico fonda la Piaggio Veicoli Europei, specializzata nella produzione di motoveicoli che introDuce nel mercato il celebre motoscooter Vespa e il motofurgone Ape;
«segue 1956»

«Il Globo»

1945
Febbraio
Luigi Barzini (Jr) fonda questo quotidiano italiano esclusivamente economico, con particolare riferimento alle vicende del mercato finanziario e dell'industria.
«segue 1950»

Terni
Terni-Società per l'industria e l'elettricità

«segue da 1930»
1945, nel dopoguerra l'attività siderurgica viene riorganizzata ed è sviluppato il programma elettrico, mentre in campo chimico la società comincia ad accusare ritardi nei confronti delle maggiori concorrenti;
1962, con la nazionalizzazione dell'industria elettrica si esaurisce il modello di gruppo integrato e alla società rimangono soltanto le produzioni siderurgiche.
«segue 1962»

Nuova Ricerca