©

Il Viandante

in rete dal 1996


Se ti siamo stati utili effettua una

Nuova Ricerca

Papa
Benedetto XIV

(1740-58)

segretario di Stato: cardinale Silvio Valenti;
(dell'Entità si sa molto poco, forse perché il pontefice non tiene in simpatia i gesuiti, da sempre numerosi nelle file dello spionaggio papale)
1753, concordato con la Spagna;


cardinali:
Guidobbono Cavalchini Carlo Alberto (1683-1774)
(dal 1742)..

cardinali:
Guidobbono Cavalchini Carlo Alberto (1683-1774)
(dal 1742)..


ANNO 1753




1753
Unione Elvetica
Confederazione dei tredici cantoni elvetici:

CATTOLICI
- Uri (1291),
- Schwyz (1291),
- Unterwalden (1291),
- Lucerna (1332),
- Zug (1353),
- Glarus (1353) [in parte],
- Friburgo (1481),
- Soletta (1481).

PROTESTANTI
- Zurigo (1351),
- Berna (1353),
- Glarus (1353) [in parte],
- Basilea (1501),
- Sciaffusa (1501),
- Appenzell (1513).

1753
Gennaio
-


1753
SACRO ROMANO IMPERO
Francesco I
Albero genealogico

(Lunéville 1708-Innsbruck 1765)
figlio di Leopoldo duca di Lorena e di Elisabetta Carlotta d'Orléans;
1729-36, duca di Lorena e di Bar (Francesco III Stefano);
1736, 12 febbraio, sposa Maria Teresa d'Absburgo, arciduchessa d'Austria;
1737-65, granduca di Toscana (Francesco II);
a Firenze, dove non risiede, si fa rappresentare da un consiglio di reggenza;
1738-48, duca di Parma e Piacenza (Francesco II);
1745-65, imperatore del Sacro Romano Impero;
[l'imperatrice e consorte Maria Teresa gli ha affidato l'organizzazione del debito pubblico e la direzione delle finanze.]


1753
-
TOSCANA
-
 
1753
REGNO di BOEMIA e d'UNGHERIA
Maria Teresa d'Absburgo
Albero genealogico

(Vienna 1717-1780)
figlia primogenita dell'imperatore Carlo VI e della principessa Elisabetta di Brunswick-Wolfenbüttel;
1736, 12 febbraio, sposa il duca di Lorena Francesco Stefano, ora granduca di Toscana e duca di Parma e Piacenza (futuro imperatore Francesco I);
1740-80, regina di Boemia e d'Ungheria;
[arciduchessa d'Austria e sovrana sotto vari titoli dei domini asburgici]
. cancelliere di stato (1750-53): conte A.W. von Kaunitz-Rietberg; dal 1753 è il direttore della politica estera austriaca;



1753
-
LOMBARDIA
-



1753
REGNO di PRUSSIA
Federico II [il Grande]
Albero genealogico

(Berlino 1712 - Sans-Souci, Potsdam 1786)
figlio di Federico Guglielmo I e di Sofia Dorotea di Hannover;
1740-86, re di Prussia;
1740-48, guerra di successione austriaca;
1753
1750-53, Voltaire è ospite nella splendida reggia di Sans-Souci;




1753
SASSONIA - REGNO di POLONIA
Augusto III
Albero genealogico

(Dresda 1696-1763)
figlio di Augusto II e di Cristiana di Brandeburgo-Bareith;
1733-63, principe elettore di Sassonia (Ferdinando Augusto II);
1733-63, re di Polonia;
ridotta dal 1738 a un protettorato della Russia;



1753
BAVIERA
Massimiliano III Giuseppe di Wittelsbach
Albero genealogico

(† 1777)
figlio dell'imperatore Carlo VII e di Maria Amelia d'Austria († 1756)
1745-77, elettore di Baviera;


1753
Brunswick-Lüneburg
Giorgio
Albero genealogico

(Londra 1738 - Windsor 1820)
figlio di Federico Luigi principe di Galles e di Augusta di Sassonia-Gotha;
1751-60, duca di Brunswick-Lüneburg;



1760-1820, elettore di Hannover;
1760-1815, re di Gran Bretagna e Irlanda (Giorgio III);
1814-20, re di Hannover (Giorgio);






.

1753
IMPERO OTTOMANO

Mahmud I.

Albero genealogico

(1696-1754)
figlio di Mustafa II;
1730-54, sultano;
1753
-

1753
-


segue.



1753
RUSSIA
Elisabetta II
Albero genealogico

(Kolomenskoe, presso Mosca 1709 - Pietroburgo 1762)
figlia di Pietro [il Grande] e di Caterina I;
1741-62, imperatrice di Russia;




Ministro degli Esteri
-
1753
-









1753
REGNO di FRANCIA
Louis XV

(Versailles 1710-74)
figlio di Luigi duca di Borgogna e di Maria Adelaide di Savoia;
1715-74, re di Francia;
a soli cinque anni, sotto la reggenza del duca di Orléans imposta dal parlamento contro l'esplicita volontà del re scomparso;
1726 11 giu-19 gen 1743, affida gran parte della politica del regno al proprio ex precettore, il card. A.-H. de Fleury;
dal 1744 la favorita è Mme de Pompadour;


Principal ministre d'État
-
Guardasigilli
Jean-Baptiste de Machault d'Arnouville
(1750 29 nov - 1° feb 1757)
Sovrintendente
delle Finanze
Jean-Baptiste de Machault d'Arnouville
(1745 6 dic - 30 lug 1754)
Segretario di stato
agli Affari Esteri
François-Dominique Barberie de Saint-Contest
(1751 11 set - 24 lug 1754)
 
1753
-
Il cavaliere di Beaumont pubblica L'Accord parfait de la nature, de la raison, de la révélation et de la politique, ou Traité dans lequel on établit que le voies de rigueur en matière de religion blessent les droits de l'humanité et sont également contraires aux lumières de la raison, à la morale évangelique et au véritable intérêt de l'État. – Par un gentilhomme de Normandie, ancien capitaine de cavalerie au service de S. Majesté (Cologne 1753)
[Di questo scritto, a cui gli attacchi non mancano, si varrà poi largamente Voltaire.]



CANADA
[Il nome deriva dalla parola huron kanata – villaggio o insediamento – che venne utilizzata in riferimento agli indiani di Stadaconé dal navigatore bretone Jacques Cartier (1491-1557). Essa viene quindi applicata dai francesi anche al territorio di Micmac e Montagnais.
Il toponimo Nuova Francia è caduto progressivamente in disuso e nel sec. XVIII è sostituito da Canada o dai nomi delle altre regioni.]
Governatore generale della Nuova Francia
Ange Duquesne de Menneville
marchese Duquesne
(1752 - 1755)
Intendente
François Bigot
(1748 - 1760)
1753
Vengono ora costruiti Fort Presq'île (poi Erie, Pennsylvania) sulla sponda sud-orientale del Lago Erie, e Fort Le Boeuf (poi Waterford, Pennsylvania), poco più a sud.

 

1753
Repubblica delle Sette Province Unite dei Paesi Bassi
Willelm V [il Batavo]
(The Hague 1748 - Braunschweig 1806)
figlio di Willelm IV d'Orange-Nassau e della p.ssa reale Anne di Gran Bretagna, Irlanda e Hannover, etc.;
principe di Nassau-Dietz
principe d’Orange
1751-95, statholder dei Paesi Bassi;
(22.10.1751-18.1.1795)
[Reggente: Anna d'Orange (1751-59)]

Olanda

 

Zelanda

 

Uthrecht

 

Frisia
 
Gheldria

 

Groninga

 

Overijssel

 

1753
-

 


1753
Gran Bretagna e Irlanda
Giorgio II
Albero genealogico
(† 1760)
figlio di re Giorgio I e di Sofia Dorotea di Lüneburg-Celle;
1714-27, principe di Galles;
1727-60, elettore di Hannover;
1727-60, re di Gran Bretagna e Irlanda;
vedovo dal 1737, nel 1751 gli è morto anche il primogenito Federico Luigi principe di Galles; 


 
Primo lord
del Tesoro
[First Lord
of the Treasury
]
Henry Pelham whig
(1743 27 ago - 7 mar 1754)
Cancelliere
dello Scacchiere
[Chancellor
of the Exchequer
]
Segretari di Stato
-
Affari Esteri e Commonwealth
-
 
Affari Interni    
Giustizia    

1753
-


 


 
SCOZIA [dal 1° maggio 1707 è unita a Inghilterra e Galles]
-
-
-
-

1753
-


 
IRLANDA
-
-
-
-

1753
dal 1729 al parlamento di Dublino è stata riconosciuta dall'Inghilterra l'indipendenza legislativa;

Nord America Britannico
-
-
-
-

1753
Nel periodo 1753-74, il primo direttore generale delle poste delle colonie britanniche in Nord America è un provinciale americano, Benjamin Franklin (1706-1790).

 

 




TERRANOVA
Governatore della provincia
Hugh Bonfoy
(1753 - 1754)

1753
-

 

ISOLA DEL PRINCIPE EDOARDO
Governatore della provincia
-

1753
-

 

NEW BRUNSWICK
Governatore della provincia
-

1753
-

 

NOVA SCOTIA
Governatore della provincia
-

1753
-

 

ISOLA DI CAPO BRETONE
Governatore della provincia
-

1753
-

 

Nord America (2)
-
-
-
-

1753
-


COLONIE DELLA CORONA
VIRGINIA
Governatore
-
-

1753
Jamestown, sul fiume James;






MASSACHUSETTS
Governatore
-
-

1753
-


NEW ENGLAND
[Confederazione dal 1643; Dominion 1686-88; Confederazione dal 1688.]
Governatore
-
-

1753
-

PLYMOUTH
Governatore
-
-

1753
-

NEW HAVEN
Governatore
-
-

1753
-

CAROLINA
[Vasto tratto di terre immediatamente a sud della Virginia.
[La concessione è geograficamente distinta in:
- parte settentrionale: attorno allo stretto di Albemarle;
- parte meridionale.]
Governatore
-
-

1753
-

NEW YORK
Governatore
-
-

1753
-

 

NEW JERSEY
Governatore
-
-

1753
-

 

COLONIE DI PROPRIETÀ
PENNSYLVANIA
Governatore
-
-

1753
-

 

MARYLAND [Dal nome della regina Enrichetta Maria]
Governatore
-
-

1753
-






DELAWARE
Governatore
-
-

1753
-

 

COLONIE DI COMPAGNIA
CONNECTICUT
Governatore
-
-

1753
-

RHODE ISLAND
Governatore
-
-

1753
-

a
a

1753
REGNO di DANIMARCA e di NORVEGIA
Federico V
Albero genealogico
(Copenaghen 1723 - 1766)
figlio di Cristiano VI e di Sofia di Brandeburgo-Kulmbach;
1746-66, re di Danimarca e di Norvegia;



1753
-
NORVEGIA
1753
-
ISLANDA
1753
-

 

1753
REGNO di SVEZIA
Adolfo Federico II
Albero genealogico

(Gottorp 1710 - Stoccolma 1771)
figlio di Cristiano Augusto duca di Holstein-Gottorp, vescovo luterano di Lubecca, e di Albertina Federica di Baden-Durlach;
1744, 29 agosto, sposa la p.ssa Luise Ulrike di Prussia (1720-1782), sorella di Federico [il Grande];
1751-71, re di Svezia;




1753
-




1753
REGNO di PORTOGALLO
Giuseppe I  
Albero genealogico

(Lisbona 1714-1777)
figlio di Giovanni V di Braganza [il Magnanimo] e di Marianna d'Austria;
1729, sposa Maria Vittoria, infante di Spagna;
1750-77, re di Portogallo;
capo del governo il marchese di Pombal;



1753
- .


a

1753
Spagna
Ferdinando VI

(Madrid 1713-Villaviciosa 1759)
figlio di Filippo V e di Maria Luisa Gabriella di Savoia;
1729, sposa l'infanta Barbara di Portogallo (1711-1758);
1746-59, re di Spagna;



1753
-


a

segue
.




1753
SAVOIA - REGNO DI SARDEGNA
Carlo Emanuele III
Albero genealogico

(Torino 1701-1773)
figlio di Vittorio Amedeo II di Savoia e di Anna Maria d'Orléans;
1715-30, principe di Piemonte;
1730-73,
- conte di Aosta, Maurienne, Nizza e Asti;
- marchese di Saluzzo e Monferrato;
- re di Cipro e Gerusalemme [titolare];
- re di Sardegna e duca di Savoia;
1746-73, marchese di Finale e Oneglia; .

- il Piemonte confina a est con il Ticino -
.


1753
-
.



1753
REPUBBLICA DI GENOVA
[Denominazione ufficializzata nel 1528 per iniziativa di Andrea Doria]
Giovanni Battista Grimaldi
Albero genealogico

(? - ?)
figlio di
1752 7 giu - 7 giu 1754, doge di Genova;


1753
-


1753
REPUBBLICA DI VENEZIA
Francesco Loredan 
Albero genealogico
(Venezia 9 feb 1685 - Venezia 19 mag 1762)
figlio di Andrea e di Caterina Grimani;
1752-62, doge di Venezia; [116°]
1753
-



1753
ducato di Modena
Francesco III d'Este
Albero genealogico
(Modena 1698 - Varese 1780)
figlio di Rinaldo I e di Carlotta Felicita di Brunswick-Lüneburg;
1737-80, duca di Modena;




1753
-

1753
Ducato di Parma e Piacenza
Felipe di Borbone

(Madrid 15 mar 1720 - Alessandria, Italy 18 lug 1765?)
figlio di Filippo V e di Elisabetta Farnese;
1738, 16 agosto, sposa la p.ssa Louise-Elisabeth di Borbone, sorella di Louis XV;
1748-65, duca di Parma e Piacenza;
valendosi dell'opera del ministro G.-L. du Tillot;





1753
-


1753
REGNO di NAPOLI e SICILIA
Carlo VII
Albero genealogico
(Madrid 1716 - 1788)
quintogenito di Filippo V re di Spagna e di Elisabetta Farnese;
1732-34, duca di Parma e Piacenza (don Carlos);
grazie ai diritti ereditari fatti valere dalla madre;
1735-59, re di Napoli e di Sicilia;
[titolo che gli sarà riconosciuto ufficialmente nel 1738]
quando occupa il Regno di Napoli, B. Tanucci lo segue e qui viene nominato ministro di giustizia;
1740-48, guerra di successione austriaca: si schiera con i franco-ispani;
1753


1759-88, re di Spagna (Carlo III);

NAPOLI
Ministro di giustizia
B. Tanucci
(1735 -1759)

1753
-




SICILIA
Viceré
Bartolomeo Corsini
(1737 - ?)
1753
-
 

a




Albany Stolberg-Gedern, Luisa d' (Mons, Belgio 1753-Firenze 1824) nobildonna tedesca, figlia del principe Gustavo Adolfo di Stolberg-Gedern e moglie del pretendente al trono d'Inghilterra Carlo Edoardo Stuart, dal quale si separò. Compagna e ispiratrice di V. Alfieri, conosciuto nel 1777 e col quale convisse a partire dal 1784.
Lettere.

Bassville, Nicolas-Jean-Hugon de (Abbeville, Somme 1753-Roma 1793, massacrato dalla folla) diplomatico francese;
agente consolare, bibliotecario del principe di Condé;
1792, segretario di legazione a Napoli, si reca a Roma alla fine dell'anno per prendere contatti con la Santa Sede;
1793, 13 gennaio, durante una passeggiata, viene massacrato dalla folla inferocita per l'ostentazione della coccarda tricolore;
[Il fatto ispirerà a V. Monti la famosa cantica intitolata La Bassvilliana o In morte di Ugo Bassville (1793), violentemente antirivoluzionaria.]

Berthier, Louis-Alexandre - principe di Neufchâtel, duca di Valengin, principe di Wagram (Versailles 20 novembre 1753 – Bamberga 1º giugno 1815, suicida [?]) maresciallo di Francia.

Bertola de' Giorgi, Aurelio (Rimini 1753-1798) poeta e letterato italiano; dai suoi saggi nasce la germanistica italiana;
1769, a sedici anni si fa monaco olivetano; dopo una fuga avventurosa in Ungheria, dove diventa militare, rientra in patria e a Napoli insegna all'Accademia di Marina; recatosi poi a Vienna, sveste l'abito monastico e diventa abate;
Idilli di S. Gessner (traduzione)
Notti clementine (1774, imitando l'inglese E. Young)
Poesie campestri e marittime (1779)
Idea della poesia alemanna (1779, I ediz.; 1784, II ediz. col titolo Idea della bella letteratura alemanna, saggio)
1784, è nominato professore di Storia universale all'università di Pavia;
1787, viaggia in Svizzera e lungo il Reno;
1793, abbandona l'insegnamento e si dedica attivametne alla vita politica dell'Emilia;
Viaggio sul Reno e ne' suoi dintorni fatto nell'autunno del 1787 (1795)..

Bewick, Thomas (Ovingham, Northumberland 1753-Gateshead 1828) incisore inglese, innovatore delle incisioni in legno (silografie);
A general History of Quadrupeds (1790)
A History of British Birds (1797-1804).

Beysser, Jean-Michel (Ribeauvillé 4 novembre 1753 – Parigi, 13 aprile 1794) militare francese;
1769, inizia la carriera militare arruolandosi nei Dragoni del reggimento della Lorena e vi rimarrà fino al 1778;
1778, viene trasferito nell'esercito di Bretagna e fino al 1781 servirà come chirurgo;
1788, serve il reggimento svizzero di Moron, agli ordini della "Compagnia Olandese delle Indie Orientali" come chirurgo e capitano del reggimento;
1789, luglio, è nominato maggiore dei dragoni nazionali a Lorient;
1791, viene promosso tenente colonnello e diventa capitano della Guardia nazionale di Morbihan;
1793, partecipa alla I Guerra di Vandea servendo nell'esercito di uno dei dipartimenti insorti; 20 giugno, viene promosso generale di brigata; 2 ottobre, facendo parte degli "hébertisti", la Convenzione Nazionale lo fa arrestare; viene quindi imprigionato nella prigione dell'Abbazia;
1794, 24 marzo, viene portato dinanzi al Tribunale rivoluzionario di Parigi che lo condanna a morte insieme a J.-R. Hébert, Ch.-Ph. Ronsin, François-Nicolas Vincent, A.-F. Momoro; 13 aprile, viene ghigliottinato.

Bligh, William (Tyntan, Cornovaglia 1753-Londra 1817) esploratore e militare inglese, comandante del Bounty
Viaggi nel mare del Sud (1790).

Cambacérès, Jean-Jacques-Régis de - duca di Parma (Montpellier 18 ottobre 1753 – Parigi 8 marzo 1824) giureconsulto e politico francese.

Carnot, Lazare-Nicolas-Marguerite (Nolay, Côte d'Or 13 mag 1753 - Magdeburgo 2 ago 1823) politico e scienziato francese, nato da una famiglia colta e facoltosa;
[Figlio di Claude-Abraham (1719-1797), notaio reale.
Fratello di:
. Joseph (1752-1835), giureconsulto;
. Claude-Marie (1755-1836) militare e politico.
Padre di:
. Sadi-Nicolas (1796-1832), fisico e ingegnere;
. Lazare-Hippolyte (1801-1888), politico, padre di Marie-François-Sadi (1837-1894), politico, e di Marie-Adolphe (1839-1920), chimico, geologo e politico.]
 
si diploma alla scuola di ingegneria di Mézières e subito dopo intraprende la carriera militare;
1783, ufficiale del genio, si segnala sotto l'Ancien régime per i suoi studi di matematica e di scienza delle fortificazioni;
Saggio sulle macchine in generale (1783)
1789, accoglie con favore la rivoluzione;
1791, viene eletto all'assemblea legislativa; membro della convenzione, vota con la maggioranza la morte del re;
1793, agosto, viene chiamato a far parte del comitato di salute pubblica come esperto di problemi militari; in gran parte grazie a lui avviene la riscossa delle armi francesi in Vandea, nei Paesi Bassi e sul Reno (ottobre 1793-giugno 1794); contro il radicalismo dell'ala sinistra del comitato, entra in grave conflitto con M. Robespierre e L.-A. Saint-Just ed è tra i promotori della congiura di termidoro;
1795, novembre, eletto al direttorio, continua a occuparsi degli affari militari e prepara con J.-B. Jourdan e J.-V.-M. Moreau i piani dell'attacco all'Austria sul basso Reno e in Italia;
1797, settembre, avversario di P.-F.- Barras e di J.-F. Reubell, è tra le vittime designate del colpo di stato di fruttidoro e deve riparare all'estero; dopo il colpo di stato napoleonico del 18 brumaio rimpatria;
Riflessioni sulla metafisica del calcolo infinitesimale (1797, per partecipare a una competizione indetta dall'Accademia reale di Berlino su una "chiara e precisa teoria" del concetto di infinito)
[Sostiene che l'analisi non fornisce un metodo di approssimazione, ma anzi approda a risultati esatti attraverso una "compensazione di errori".]
1800, durante il consolato è per breve tempo ministro della guerra; in seguito si dimette per contrasti con N. Bonaparte [gli sarà vicino durante i cento giorni] e si ritira a vita privata dedicandosi a studi scientifici che lo portano a formulare importanti teoremi in geometria analitica e in trigonometria;
Géométrie de position (1803, dove dimostra il famoso "teorema del coseno" poi detto anche "teorema di Carnot")
Principi fondamentali dell'equilibrio e del movimento (1803)
1823, muore a Magdeburgo.
[Teorema di Carnot.]

Caumont La Force, Anne de – contessa di Balbi (1753-1842) nobildonna francese;
dopo aver fatto interdire il marito, gen. conte di Balbi, diventa la favorita del conte di Provenza;
durante il periodo napoleonico vive a Versailles.

Chasseboeuf, Constant-François – conte di Volney (1753-1820) grande viaggiatore francese;
dopo la Rivoluzione, accoglie con gioia la venuta di N. Bonaparte;
nominato senatore, ma deluso dallo stesso regime, dà le dimissioni.

Châtelet, Claude-Louis (Parigi 1753 – Parigi 7 maggio 1795, ghigliottinato) disegnatore e incisore francese;
diviene famoso per il suo contributo all'opera monumentale edita dall'influente fermiere gen. Jean-Benjamin de La Borde:
Les Tableaux topographiques de la Suisse (1776, ca; commentate dal barone de Zurlauben)
[Le incisioni che lo compongono saranno pubblicate in tre voll. tra il 1782 e il 1788.]
acquista subito una reputazione di pittore di paesaggi, ciò che lo porta ad essere scelto come uno dei principali illustratori di una delle opere più importanti alla fine del XVIII secolo:
Voyage pittoresque ou Description des Royaumes de Naples et de Sicile (1781-86, pubblicato, in 4 voll., dall'abate de Saint-Non)
1777, si reca in Italia in compagnia di Vivant Denon per realizzare 132 incisioni di Napoli, delle Puglie, de la regione della Basilicata, della Calabria e della Sicilia;
[Altri artisti partecipano a questa impresa, ma senza necessariamente recarsi in Italia, contando sulla memoria dei loro trascorsi viaggi: così Fragonard, Hubert Robert o anche Pâris, Volaire, Cassas e Houël.
In Italia egli fa inoltre numerosi incontri ed esperienze.]

al suo ritorno in Francia, su richiesta della regina Maria Antonietta, di cui è uno dei pittori favoriti e che gli ordina un certo numero di quadri, contribuisce all'illustrazione di album che rappresentano il Trianon e i suoi giardini;
[Questi album sono offerti dalla regina ai suoi visitatori di riguardo come il re Gustavo III di Svezia, l'imperatore Giuseppe II d'Austria, suo fratello, l'arciduca Ferdinando, pure suo fratello.]
egli illustra anche un'edizione de La Nouvelle Héloïse;
è in questo periodo ch egli realizza una serie di tavole che rappresentano castelli e parchi e giardini nell'Île-de-France;
[Si ritroveranno nelle collezioni particolari di estimatori come l'abate de Saint-Non, medesimo, o ancora Richard Mique, primo architetto di Luigi XVI scelto dalla stessa regina per l'idea delle costruzioni che formano l' "Hameau de la Reine";
1789, viene sedotto dalle idee rivoluzionarie;
1793, 10 marzo, viene nominato giurato del Tribunale rivoluzionario appena istituito;
1794, dopo la caduta di M. Robespierre viene imprigionato;
1795, vittima della reazione termidoriana, viene giudicato nello stesso tempo di A.-Q. Fouquier de Tinville, pubblico accusatore di Maria Antonietta, due anni prima;
6 maggio (17 Fiorile, Anno III), viene condannato a morte; 7 maggio (18 Fiorile, Anno III), viene ghigliottinato in place de Grève con altri 15 coimputati.

Clairien, Françoise [Saucerotte o Raucourt] (1753-1815) attrice francese;
diciannovenne, debutta alla Comédie-Française interpretando il personaggio di Didone in presenza di Louis XVI;
Napoleone I le affida la direzione dei teatri francesi in Italia.

Delacroix, Jean-François detto Lacroix (1753-1794) politico francese;
avvocato, è deputato all'Assemblea legislativa e alla Convenzione;
amico di G.-J. Danton.

Dobrovsky, Josef (Gyarmat 1753-Brno 1829) filologo ceco, considerato il fondatore della slavistica europea
Dizionario ceco-tedesco (1802)
Breve insegnamento della lingua ceca
Storia della lingua ceca

Institutiones linguae slavicae dialecti veteris (1822).

Doppet, François-Amédée (1753-1800) medico francese;
membro molto attivo e loquace della "Società degli Amici della Costituzione", prima a Grenoble poi a Parigi, riesce ad organizzare una compagnia di volontari detta Legione degli Allobrogi di cui è comandante col grado di tenente colonnello e con essa prende parte alla spedizione contro i realisti del Mezzogiorno;
promosso generale, ha la direzione dell'assedio di Lione;
1800, muore poco dopo il 18 Brumaio.

Dubois, Jean-Baptiste detto [d'Ossonville] (Auneau 1° gennaio 1753 – Batignolles 10 gennaio 1832) poliziotto e faccendiere francese.

Dumas, René-François [Dumas le rouge] (Jussey, Haute-Saône 14 dicembre 1753 , Parigi 28 luglio 1794, ghigliottinato) politico francese.

Fea, Carlo (Pigna, Oneglia 1753-Roma 1836) archeologo italiano, bibliotecario del principe Chigi, dal 1801 commissario alle antichità dello Stato della Chiesa
Pubblicò varie opere, anche quelle di J.J. Winckelmann e di A.R. Mengs.

Filangieri, Gaetano (San Sebastiano al Vesuvio, Napoli 22 agosto 1753 – Vico Equense, Napoli 21 luglio 1788) economista, giurista e filosofo napoletano.

Girod de l'Ain, Jean-Louisbarone (Cessy, Ain 8 luglio 1753 – Versoix, in Svizzera 20 agosto 1839) politico francese.

Hidalgo y Costilla, Miguel (Corralejo, Guanajuato 1753-Chihuahua 1811) politico messicano;
1803, sacerdote creolo, rettore del collegio di San Nicolas di Valladolid (odierna Morelia), è destinato a curato del pueblo di Dolores (odierna Dolores Hidalgo);
1810, 15 settembre, con i capitani Ignacio Allende e Juan Aldanas si mette a capo dell'insurrezione che dà il via al tentativo di instaurare nel Messico un governo indipendente; 21 settembre, nominato "generalissimo", alla testa delle sue truppe occupa Guanajuato, Valladolid, Guadalajara, esitando tuttavia a marciare su Città di Messico; novembre, le forze spagnole passano alla controffensiva e lo sconfiggono ad Aculeo e al ponte di Calderon; con i suoi amici tenta di rifugiarsi negli Stati Uniti;
1811, 21 marzo, viene arrestato con gli altri e condotto a Chihuahua; 1° agosto, il curato viene processato e fucilato; gli succede don José Maria Morelos y Pavón.

Imbonati, Carlo (1753-1805) nobile milanese;
[Figlio di Giuseppe Maria (1688-1768).]
amico di C. Beccaria, convisse per molti anni con la figlia di lui, Giulia, madre di A. Manzoni; è noto soprattutto per i versi che gli furono dedicati: un'anacreontica per la sua nascita da P. Verri, l'ode L'educazione da G. Parini, suo precettore, il carme (poi ripudiato) In morte di Carlo Imbonati da A. Manzoni.

Jersey, Frances lady (1753-1821) amante del principe di Galles.

Kléber, Jean-Baptiste (Strasburgo 9 marzo 1753 – Il Cairo 14 giugno 1800, assassinato) militare francese;
ufficiale nelle truppe del re;
1792, si arruola volontario nell'esercito francese;
1793, 14 marzo, sconfigge, insieme al gen. F.-S. Desgraviers-Marceau, i ribelli vandeani a Cholet; passa quindi all'Armata del Nord; è nominato generale di divisione;
1794, 17 settembre, pone l'assedio a Maastricht; 14 dicembre, pone l'assedio a Magonza;
1795, generale in capo dell'armata del Reno, dirige il blocco di Magonza;
1796, 4 giugno, comandante dell'ala sinistra dell'armata della Sambre-et-Meuse, sconfigge ripetutamente gli austriaci ad Altenkirchen (presso Coblenza); 16 luglio, occupa Francoforte;
1798, dopo un periodo di volontario ritiro dall'esercito, segue N. Bonaparte in Egitto; 2 luglio, con il gen. Menou conquista Alessandria, rimediando una ferita alla testa che lo costringe a fermarsi nella città al comando di una guarnigione francese di circa 5000 uomini; partecipa quindi alla campagna di Siria;
1799, gennaio, prende parte all'assedio di al-Arish poi occupata assieme a Gaza e Giaffa; 16 aprile, sconfigge i turchi-mamelucchi del pascià di Damasco alla "battaglia del monte Tabor"; 17 agosto, è nominato da N. Bonaparte, in partenza per rientrare in Francia, governatore dell'Egitto e comandante dell'Armata d'Oriente;
1800, 20 marzo, rimasto a capo del corpo di spedizione dopo la partenza di N. Bonaparte, e venuti meno gli accordi stipulati con gli inglesi con la convenzione di el-Arish, sbaraglia i turchi a Héliopolis; reprime poco dopo l'insurrezione scoppiata al Cairo; 14 giugno, è assassinato da un sicario, uno studente di scienze islamiche originario di Aleppo, certo Soleyman el-Halaby;
[Secondo alcuni il vero mandante sarebbe stato il il gen. J.-F. de Menou o addirittura N. Bonaparte per invidia della sua brillante carriera e perché lo temeva come testimone della sua diserzione, (similmente al caso all'esecuzione del duca D'Enghien). Lo sostituisce nel comando il gen. J.-F. de Menou.
La sua salma viene trasportata e inumata a Marsiglia, nel Castello d'If, di dove sarà poi traslata nel 1818, per disposizione di Luigi XVIII, a Strasburgo. Il suo nome è inciso sotto l'Arco di Trionfo di Parigi sul pilastro sud alla colonna 23.]


Lambrechts, Charles Joseph Mathieu (Sint-Truiden, Belgio 20 novembre 1753 – Parigi 4 agosto 1825) funzionario belga;
[Figlio di Gilles de Lambrechts, un colonnello dell'esercito degli Stati generali dei Paesi Bassi.]
1774, si laurea a Leuven dopo avervi studiato diritto civile e canonico;
1777, diviene professore;
1782, diviene medico;
1786, viene eletto rettore dell'università;
1788, l'imperatore Giuseppe II lo accusa di frequentare le università della Germania;
[Lo scopo è quello di studiare l'istruzione legale in Germania per ricevere, al suo ritorno a Leuven, la presidenza della facoltà di Diritto pubblico e internazionale.]
1779, poiché la rivoluzione del Brabante (1789 gen-dic 1790) sconvolge questo piano, egli si appoggia all'imperatore, lascia il Belgio e torna solo dopo la restaurazione dell'autorità imperiale;
1793, si stabilisce a Bruxelles come praticante avvocato;
dichiaratosi sostenitore delle nuove idee rivoluzionarie dopo che i francesi sono entrati in Belgio, diventa un funzionario comunale a Bruxelles, membro del governo centrale, poi presidente dell'amministrazione centrale del Dipartimento di Dile;
1797, 24 set-20 lug 1799 (3 Vendemmiaio, Anno VI - 3 Messidoro, Anno VIII ) viene nominato ministro della Giustizia al posto di Ph.-A. Merlin; è candidato a far parte del Direttorio quando E.-J. Sieyès viene scelto al posto di J.-F. Reubell;
1798, gennaio, definisce i principi che saranno seguiti nei territori occupati dagli eserciti francesi, scrivendo che la servitù è accompagnata dall'ignoranza e la libertà può venire solo quando il popolo è illuminato. Devono dunque imparare il francese a scuola, in modo da poter diventare cittadini virtuosi;
1799, 9 novembre (18 Brumaio, Anno VIII), colpo di Stato di N. Bonaparte; il Consolato entra nelle sue funzioni; 24 dicembre (3 Nevoso, Anno VIII) viene nominato membro del Senato conservatore; parlando dell'accumulo di potere di N. Bonaparte, è uno dei tre senatori che votano contro la costituzione dell'Impero;
1803, 2 ottobre (9 Vendemmiaio, Anno XII) ciò nonostante è nominato membro della Legione d'Onore;
1808, 13 maggio, viene creato conte dell'Impero;
1814, a capo della minoranza scrive il preambolo dell'atto di deposizione di Napoleone I; è membro della commissione per preparare una nuova costituzione, tuttavia, re Luigi XVIII si rifiuta di sanzionarlo; durante i Cento giorni si rifiuta di prestare giuramento all'imperatore e si ritira a vita privata;
1819, solo ora, dopo la seconda restaurazione borbonica, fa ritorno alla politica; 11 settembre, viene eletto alla Camera dei deputati per due dipartimenti ma la sua salute gli impedisce di presenziarvi, tranne in rare occasioni;
1825. 4 agosto, muore a Parigi, dopo aver lasciato parte della sua fortuna a varie istituzioni caritative.

Lanjuinais, Jean Denis (Rennes 12 marzo 1753 - Parigi 13 gennaio 1827) giurista e uomo politico francese.

La Revellière-Lepeaux, Louis-Marie de (Montaigu 24 agosto 1753 – Parigi, 27 marzo 1824) politico francese;
[Nato da una famiglia di proprietari terrieri dell'Angiò.]
1775, dopo gli studi presso gli Oratoriani di Angers, poi presso l'università di questa città, ottiene una licenza in diritto ad Angers; dopo aver svolto per breve tempo l'attività di avvocato al Parlamento di Parigi, torna nell'Angiò dove s'interessa soprattutto di botanica;
1789, eletto deputato del Terzo stato dell'Angiò agli Stati Generali; eletto deputato all'Assemblea Nazionale Costituente;
amministratore del dipartimento di Maine-et-Loire, fa parte del club dei Giacobini;
1791, 21 giugno, dopo il tentativo di fuga di Luigi XVI a Varennes, abbandona il club dei Giacobini;
1792, viene eletto alla Convenzione nazionale dove sostiene i Girondini;
1793, 2 giugno, alla caduta dei Girondini, passa alla clandestinità; 13 agosto, rassegna le dimissioni senza essere rimpiazzato;
1795, 8 marzo (18 Ventoso, Anno III) ritorna alla Convenzione termidoriana e contribuisce alla redazione della "Costituzione dell'anno III"; 19 lug-3 ago, presidente della Convenzione nazionale; 1° novembre, membro del Consiglio dei Cinquecento, viene eletto direttore;
[Al Direttorio si occupa soprattutto di questioni culturali e religiose: co-redazione della costituzione civile del clero, creazione dell' "Institut de France", diffusione della teofilantropia, religione razionale con culto basato sulla decade anziché sulla settimana.]
1797, 4 settembre (18 Fruttidoro, Anno V), con P.-F. Barras e J.-F. Reubell organizza il colpo di Stato antirealista;
[Riguardo alla politica estera, vorrebbe distruggere il papato ma non si mostra favorevole all'unificazione dell'Italia, in cui teme la dominazione dei Giacobini.] 1799, 18 giugno (30 Pratile, Anno VII), con l'avvento del Consolato rassegna le dimissioni poiché ritenuto responsabile delle sconfitte della Francia; non prenderà più parte ad alcuna attività politica;
1824, 27 marzo, muore a Parigi.

Launay, Emmanuel-Louis-Henri de – conte d'Antraigues (1753-1812) agente diplomatico francese;
1789, rappresentante della nobiltà liberale agli Stati Generali;
1790, abbandona presto tale programma ed emigra in Svizzera e poi a Venezia diventando agente controrivoluzionario;
1797, arrestato a Trieste, fornisce a N. Bonaparte le prove del tradimento di J.-Ch. Pichegru;
evaso, resta agente diplomatico russo;
1807, dopo Tilsitt, diventa agente diplomatico degli Inglesi;
1812, viene assassinato con la moglie in modo misterioso.

Lavalette, Jean-Baptiste de o Louis Jean-Baptiste de Lavalette o Louis Jean-Baptiste di Thomas de la ValetteConte della Valette (Parigi il 27 ottobre 1753 – Parigi 28 luglio 1794, ghigliottinato) militare francese, ex nobile divenuto robespierrista;
[Figlio di Joseph François de Thomas de la Valette (1729-1765) e di Marie d'Alencé.
Fratello di:
. François Louis Clair de Thomas de la Valette (1750-1836), emigrato nel 1789;
. François Joseph Elisabetta di Thomas de la Valette, ghigliottinato nel 1794;
. Marie Louise de Thomas de la Valette, emigrata con la sua famiglia.]

1769. guardiamarina;
1772, 1° giugno, un secondo tenente nel VII reggimento Cuirassier chiamato allora "Royal-Etranger Cavalry Regiment";
1774, rinuncia alla carriera militare;
1778, 12 novembre, sposa Henriette Élisabeth von Thurn und Taxis a Saint-Max (che gli darà tre figli);
1790, settembre, primo ufficiale della Guardia Nazionale di Nancy , si stabilisce a Parigi; è richiesto dal comune di raccogliere volontari per la sezione rivoluzionaria dei Longobardi a Parigi; diviene comandante del battaglione dell'Oratoire;
1792, 12 agosto, diviene comandante di una sezione armata delle Gardes Françaises;
settembre, viene nominato tenente colonnello che comanda il battaglione dei Lombardi; partecipa alla campagna Argonne e poi segue Dumouriez in Belgio;
comandante temporaneo a Bruxelles durante l'occupazione francese, è uno dei leader della società popolare;
1793, 22 febbraio, quando le assemblee primarie belghe sono convocate in merito alla decisione di congiungere il Belgio alla Francia, si reca a Ghent per assistere il commissario Courtois; in seguito della loro azione, 2.000 cittadini di Ghent vogliono collegare il Belgio alla Francia; 31 marzo, viene assegnato a Lille da Blaise Duval; 18 aprile, viene nominato Commissario Nazionale a Cambrai per riassegnare le truppe dal Belgio, poi nominato comandante temporaneo di Cambrai da Dampierre in sostituzione di Claude Aubert; 25 aprile, è nominato governatore militare di Lille; 15 maggio, viene promosso generale di brigata nell'esercito delle coste di Brest; il Consiglio esecutivo gli ordina di rimanere a Lille per assistere Favart in "operazioni che hanno implicazioni di difesa per questa città da un ufficiale già familiare con essa, come partner civico, energetico e militarmente ben qualificato "; diffidato per la prima volta da Duhem e Lesage-Senault a causa di una controversia con il gen. Lamarlière , è imprigionato per indisciplina ma M. Robespierre porta il suo caso alla Convenzione nazionale; 24 luglio, viene prosciolto dalle accuse; 3 agosto, ripristinato, riorganizza l' esercito rivoluzionario a Lille diretto da Dufresse; 9 dicembre, Bourdon de l'Oise lo critica prima della Convenzione nazionale per aver sposato una principessa emigrata tedesca e denunciando i patrioti; i due rappresentanti della missione Hentz e Florent-Guiot arrestano provvisoriamente lui e il suo esercito; 18 dicembre, su richiesta di Duhem, la Convenzione adotta un decreto che ordina il suo trasferimento a Parigi;
1794, 23 maggio (Fiorile), grazie a M. Robespierre, il Comitato della sicurezza pubblica emana un decreto che ordina la sua liberazione e la sua reintegrazione; egli chiede di servire sotto Hanriot come comandante di un battaglione della Guardia Nazionale Francese; 24 maggio, si unisce alla 17ª divisione; 28 luglio (10 Termidoro) come assistente di Hanriot e di M. Robespierre, viene ghigliottinato in seguito alla reazione termidoriana.

Levaillant o Le Vaillant, François (Paramaribo, Surinam 1753 – La Noue, vicino a Sézanne (Marne), 1824) viaggiatore francese.

Maistre, Joseph conte di (Chambéry 1753-Torino 1821) diplomatico e scrittore savoiardo, discendente da una nobile famiglia della Linguadoca trapiantata in Savoia;
[Fratello dello scrittore François-Xavier de Maistre (1763-1852).]
1774, si laurea in diritto all'università di Torino ed entra nella magistratura; pur non rinnegando l'educazione cattolica ricevuta dai gesuiti, aderisce anche alla massoneria;
1782, in un memoriale sostiene che la massoneria può giungere alla riunione di tutte le chiese e confessioni religiose sotto l'egida di un cristianesimo purificato;
1788, membro del senato della Savoia;
1789, allo scoppio della rivoluzione francese egli, appartenente alla nobiltà di toga, vede con favore la convocazione degli stati generali;
1792, dopo l'invasione e l'annessione della Savoia da parte della Francia egli fugge dapprima ad Aosta e poi in esilio definitivo a Losanna (1793);
Considerazioni sulla storia di Francia (1797)
Riflessioni sul protestantesimo nei suoi rapporti con la sovranità (1797)
1797, dietro manovre insistenti del direttorio, viene espulso da Losanna e si reca a Torino;
1799, nominato reggente della cancelleria in Sardegna ha presto contrasti con Carlo Felice;
1802, viene quindi nominato ministro plenipotenziario in Russia - ambasciatore del re di Sardegna a Pietroburgo;
Soirées de Saint-Petersbourg (Parigi, 1821; II ediz, Lione 1854; Serate di San Pietroburgo o il governo temporale della provvidenza)
[Le tesi sostenute danno luogo a una delle fondamentali correnti di pensiero della restaurazione, quella della "scuola teocratica".]
1811, lo zar Alessandro I gli propone di passare al suo servizio ma la propaganda cattolica che egli cerca di svolgere nell'alta società russa finisce per metterlo in urto con la zar stesso;
1817, torna a Torino dove trascorre gli ultimi anni;
Du pape (Lione 1819, Del Papa)
Lettera sullo stato del cristianesimo in Europa (1819, solo un rinnovamento religioso che riunisca alla chiesa cattolica tutte le chiese salverebbe la società europea: questo il suo ultimo pensiero)
Opere postume:
La Chiesa gallicana (1821)
Saggio sulla filosofia di Bacone (1826)
Studio sulla sovranità (1870).

Mastrilli, Marzio – marchese di Gallo (1753-1833) diplomatico napoletano;
ministro plenipotenziario del re Ferdinando IV di Napoli a Torino e a Vienna, partecipa per conto del governo austriaco alla stipulazione dei preliminari di Leoben e al trattato di Campoformio;
1798, ministro degli Esteri e della Marina, si sforza invano di impedire la guerra con la Francia;
1801, rappresentante napoletano a Parigi, conclude con N. Bonaparte un trattato di neutralità al quale la sua corte poi viene meno;
ministro degl Esteri di Giuseppe Bonaparte e quindi di Joachim Murat;
durante la Restaurazione viene lasciato in disparte;
1820, dopo la rivoluzione diviene membro della giunta di governo e poi ministro degli Esteri ma al congresso di Lubiana il re gli impedisce ogni azione efficace.

Melzi d'Eril, Francesco - duca di Lodi (Milano 1753-Bellagio, Como 1816) politico milanese..

Parny, Evariste-Désiré Desforges, visconte di (Chevalier de) (Saint Paul, isola di Réunion (Isle de Bourbon) 1753-Parigi 1814) poeta francese, figlio di un funzionario amministrativo della colonia africana, compì studi religiosi in Francia, a Rennes e a Parigi; abbandonata la vita ecclesiastica, intraprese la carriera militare
Poésies érotiques (1778-81, Poesie erotiche, apprezzate dal pubblico parigino e da Voltaire)
Poésies (1784, Poesie)
Chansons madécasses (1787, Canti malgasci)
La guerre des dieux anciens et modernes (Parigi, P. Didot, 1798, poema eroicomico antireligioso in 10 canti, La guerra degli dei antichi e moderni)
La christianide (1802, nuova edizione dell'opera precedente)
Amours des reines et régentes de France
Les Roses-Croix (1807, I Rosacroce)
Le galanteries de la Bible (Parigi 1808, Galanterie della Bibbia).

Pindemonte, Ippolito (Verona 1753-1828) poeta e tragediografo italiano, fratello di Giovanni (1751-1812), poeta italiano, allievo alle scuole di Modena e di Verona di G. Cassani, A. Paradisi e G. Pompei;
Berenice (1774, versione da Racine)
Ulisse (1777, mediocre tragedia; suo esordio in teatro)
1779 si reca a Roma dove viene accolto in Arcadia col nome di Polidete Melpomenio; di qui raggiunge Napoli, la Sicilia e poi Malta; trascorre quindi alcuni anni nella sua villa di Avesa (presso Verona);
La fata morgana (1782, poemetto)
Versi di Polidete Melpomenio (1784)
Prose e poesie campestri (1784-88; le poesie vengono pubblicate nel 1788, le prose nel 1817)
1788-90, compie un lungo viaggio all'estero, sostando per qualche tempo a Parigi (dove conosce V. Alfieri e si entusiasma per le idee rivoluzionarie) e in Inghilterra; torna poi in Italia;
1796, le truppe di N. Bonaparte danneggiano gravemente la sua casa ed è quindi costretto a dimorare tra Verona e Venezia;
Arminio (1804, tragedia)
Epistole (1805)
Epistola a U. Foscolo sui Sepolcri (1807)
I cimiteri (1806, poemetto incompiuto)
Odissea di Omero (1815, versione, pubblicata nel 1822; mostra una sostanziale dissonanza col mondo omerico)
Su i giardini inglesi e sul merito in ciò dell'Italia (1817)
Sermoni (1819).

Rivaroli, Antoine [il conte di Rivarol] (Bagnols-sur-Cèze, Linguadoca 1753-Berlino 1801) scrittore francese, figlio di un locandiere di origine piemontese, fu per breve tempo istitutore nel seminario di Avignone, poi soldato e precettore a Lione; monarchico, consigliere segreto di Louis XVI
1777, si trasferisce a Parigi
Lettres critiques (1782, Lettere critiche, contro J. Delille)
Discorso sull'universalità della lingua francese (1784, premiato dall'Accademia di Berlino)
Petit almanach de nos grands hommes pour l'année 1788 (1788, Piccolo almanacco dei grandi uomini per il 1788)
Petit dictionnaire des grand hommes de la révolution (1790, piccolo dizionario dei grandi uomini ella rivoluzione)
1792, costretto a emigrare, ripara in Belgio dove continua la propaganda legittimista
Lettre à la noblesse française (1792, Lettera alla nobiltà francese)
Nuovo dizionario della lingua francese (1795, solo la prima parte del Discorso preliminare). 

Rumford, Benjamin Thompson conte di (Woburn, Massachusetts 1753-Parigi 1814) fisico americano, ufficiale lealista durante la rivoluzione americana fu informatore degli inglesi nell'esercito degli insorti; rifugiatosi a Londra, ricoprì importanti cariche politiche e militari
1783, sospettato di spionaggio a favore dei francesi, deve trasferirsi in Baviera dove gli viene affidata la riorganizzazione dell'esercito locale; qui,
spinto da esigenze pratiche (scelta dei tessuti  adatti per le divise militari), inizia a studiare i fenomeni di trasmissione del calore;
1798, le sue dimostrazioni circa la capacità termica dei corpi sono determinanti per il superamento della teoria settecentesca del calorico e sono la premessa per la formulazione del principio della conservazione dell'energia.

Saint-Mauris, Charles-Emmanuel – marchese di (1753-1839) militare francese;
colonnello dei dragoni nel vecchio regime;
1789, all'inizio della Rivoluzione emigra ed entra nell'esercito di Condé;
1799, dopo il 18 Brumaio, i dissensi che ha con i suoi colleghi lo inducono a tornare in Francia;
fino alla caduta di Napoleone I vive nell'ombra;
quando il conte d'Artois sale al trono, è chiamato alla Camera dei Pari.

Ségur, Louis-Philippe conte di (Parigi 1753-1830) politico e scrittore francese;
[Figlio del maresciallo di Francia Philippe-Henri (1724-1801) e padre di Philippe-Paul (1780-1873).]
1780, segue i volontari condotti dal conte di Rochambeau e inviati a combattere nella guerra d'indipendenza americana col marchese di La Fayette, tornando col grado di colonnello;
1784-89, entrato in diplomazia, regge l'ambasciata francese di Pietroburgo; accompagna Caterina II nel suo famoso viaggio in Crimea;
1789, è richiamato a Parigi dalla Rivoluzione;
1791, fautore durante la Rivoluzione di una monarchia costituzionale, è nominato ambasciatore a Roma, ma Pio VI non vuole riconoscerlo;
1792, ambasciatore per breve tempo a Berlino;
10 agosto
, tornato in Francia viene imprigionato ma presto liberato;
1801, deputato nel corpo legislativo;
Quadro storico e politico dell'Europa dal 1786 al 1796 (1801)
1802, richiamato alla vita politica da N. Bonaparte, viene nominato membro del consiglio di stato, gran maestro di cerimonie, conte dell'Impero e senatore;
1803, membro dell'Académie Française;
1814, favorevole al ritorno dei Borbone e confermato pari di Francia, nei Cento Giorni si riavvicina a Napoleone I e con la Restaurazione viene escluso dalla Camera dei pari;
1819, rientratovi, resta fedele agli ideali liberali;
1830, approva la rivoluzione di luglio;
Memorie.
[Lascia numerose opere teatrali e storiche.]

Stanhope - terzo conte (1753-1816)
scienziato dilettante, porta a termine due invenzioni che permettono di mettere in circolazione la sovrapproduzione potenziale di carta a macchina;
1804, apporta un perfezionamento al torchio da stampa;
[Sostituisce il torchio in legno con una incastellatura in ferro, ingrandisce il carro e adatta il principio della leva ai torchi più antichi inventati dall'olandese Willem Janszoon Blaeu nel 1620. In questo modo diventa possibile stampare in una sola volta una forma grande, mentre col torchio di legno bisognava stamparla in due tempi.
(Egli era stato tuttavia preceduto da Leonardi da Vinci che aveva pienamente elaborato in teoria, circa tre secoli prima, i i principi e le principali caratteristiche del torchio in questione).]

1805, fa della "stereotipia" un procedimento commerciale alla Clarendon Press di Oxford.

Stewart, Dugald (Edimburgo 1753-1828) filosofo inglese, uno dei principali rappresentanti della scuola scozzese, insegnante di matematica e filosofia morale nell'università di Edimburgo;
Elementi della filosofia della mente umana (1792-1827, in 3 voll.)
Capisaldi della filosofia morale (1793)
Filosofia della potenza attiva e morale dell'uomo (1828, in 2 voll.).

Stofflet, Jean Nicolas (Bathelémont-lès-Bauzemont, Lorena 3 febbraio 1753 – Angers 25 febbraio 1796) militare e controrivoluzionario francese;
[Figlio di un mugnaio.]
è a lungo soldato semplice in un reggimento svizzero in Francia ed in seguito guardiacaccia al servizio del conte di Colbert-Maulévrier;
1793, si unisce ai vandeani quando insorgono contro la Rivoluzione francese in difesa della loro fede e dei loro principi monarchici;
durante le Guerre di Vandea serve inizialmente sotto il comando di M.-L.-J. Gigot d'Elbée, si batte a Fontenay, Cholet e Saumur e si distingue nelle battaglie di Beaupréau, Laval ed Antrain; viene nominato general-maggiore dell'esercito monarchico;
1794, succede al conte de La Rochejaquelein come generale in capo; stabilisce il suo quartier generale nella foresta di Vezins;
1795, 2 maggio, i suoi litigi con un altro capo vandeano, F.-A. de Charette, e le avversioni subite dagli eserciti vandeani, lo conducono a fare la sua offerta ed accettare le condizioni del trattato di Saint-Florent-le-Vieil; tuttavia, viola presto questo trattato; dicembre, riprende le armi istigato da agenti monarchici per conto del conte di Provenza (il futuro Luigi XVIII) dai quali riceve il grado di maresciallo di campo; questo suo ultimo tentativo fallisce completamente e viene catturato dai repubblicani;
1796, 25 febbraio, condannato a morte da un tribunale militare, viene fucilato ad Angers.
[I restanti uomini che comandava, passano sotto il comando di Charles d'Autichamp.]

Tarbé, Louis Hardouin (Sens 11 agosto 1753 – Parigi 7 luglio 1806) ministro francese;
primo commis delle Finanze sotto J. Necker e Ch.-A. de Calonne, diviene direttore delle imposte sotto C.-A. de Valdec de Lessart;
1791, 29 maggio, Louis XVI lo crea Ministro delle Imposte ed entrate pubbliche; è lui ad organizzare la nuova amministrazione delle Finanze;
1792, 29 marzo, molto legato al re e vicino ai Foglianti, lascia con loro il ministero per lasciare il posto ai Girodnini; 15 agosto, viene proscritto; riesce a nascondersi rifiutando in seguito ogni impiego sebbene venga inserito dal Consiglio dei Cinquecento sulla lista dei candidati al Direttorio.

Thuriot de la Rozière, Jacques Alexis (Sézanne 1° marzo 1753 – Liège 30 giugno 1829) politico francese.
[Figlio di un mastro carpentiere di Sézanne.
Padre di Alexis-Eugène Thuriot deputato nel 1849.]


Unger, Johann Friedrich (1753-1804) stampatore-editore tedesco, poco impegnato, a causa di altri interessi, nell'editoria libraria;
1780, è occupato dalla sua stamperia;
1790, è occupato dalla sua fonderia di caratteri;
Neue Schriften di J.W. Goethe (1792-1800, 7 voll.)
[Comprendono la Reineke Fuchs e i Wilhelm Meisters Lehrjahre.]
Jungfrau von Orleans di F. von Schiller (1802)
[Stampata con caratteri latini per espresso desiderio del poeta, che si oppone all' "Ungers altdeutscher Eiche".]
W. Shakespeare - traduzione di A.W. von Schlegel (9 voll., 1797-1802, 1810)
1802, è occupato dal suo giornale «Vossische Zeitung»;
1804, muore.
[La sua morte prematura causa la bancarotta delle sue lungimiranti imprese, e lo priva pure dell'onore di diventare uno dei soci fondatori della "Börsenverein der deutschen Buchhänder" (1825) alla cui fondazione prendono parte attiva tutti i più importanti editori e librai.]

Vergniaud, Pierre-Victurnien (Limoges 31 maggio 1753 – Parigi 31 ottobre 1793, ghigliottinato) politico francese;
1781, compiuti gli studi a Parigi, è nominato avvocato del parlamento di Bordeaux;
1789-90, capitano della Guardia nazionale e amministratore della Gironda;
1791, collaboratore di Dupaty, viene eletto per la Gironda alla Legislativa e poi alla Convenzione;
capofila del gruppo, oratore eccezionale, ne diviene presidente;
1792, agosto, dopo i tumulti, passa nelle file dei repubblicani, e, come presidente dell'assemblea, dichiara la sospensione di Louis XVI;
1793, gennaio, alla convenzione si comporta ambiguamente: vota per la colpevolezza del re, ma anche per la proposta di sottoporre la condanna alla ratifica popolare; infine vota per la condanna a morte immediata;
2 giugno, schieratosi contro il radicalismo giacobino di G.-J. Danton e M. Robespierre, viene arrestato assieme al gruppo dei girondini;
31 ottobre, viene ghigliottinato assieme ai suoi amici.

Torna su

Stampa

«segue da 1752»
1753
Francia
Parigi, esce il catalogo della biblioteca, ricca di libri tabellari (o xilografici) e di incunaboli, dell'erudito e accademico Claude Gros de Boze.
[Il catalogo, curato da Gabriel Martin, H.-L. Guérin e L.-F. Delatour, in 552 pagine in-ottavo, annuncia un'asta che non avrà mai luogo. Infatti i bibliofili Boutin e Cotte comprano in blocco l'intera raccolta vendendo poi alcuni incunaboli a Gaignat.] «segue 1754».

Encyclopédie

«segue da 1752»
1753, riprende la pubblicazione, per decisione del re, al ritmo di un volume all'anno fino al 1757 
«segue 1758»

Congregazione
dell'Indice dei libri proibiti
.

«segue da 1752»
1753, papaBenedetto XIV revisiona l' «Indice», condanna la massoneria, ecc.
14 aprile, il consultore del Sant'Uffizio fra Lorenzo Ganganelli condanna Fra' Paolo Sarpi Giustificato, Colonia [Venezia] 1752, di Giusto Nave [Giuseppe Giacinto Maria Bergantini], opera dal tono apologetico nei riguardi del vecchio consultore, in cui, secondo il revisore, il padre camaldolese Angelo Calogerà vi sono passi da censurare. È giudicato un cattivo libro anche dal gesuita bresciano Sanvitali.
Giunge pure notizia, che preoccupa lo stesso pontefice, che il libraio veneziano Teodosio e l'avvocato Camillo Manetti si siano recati a Ginevra per far stampare le Opere postume di Pietro Giannone. Il ponteficie in persona se ne lamenta con l'ambasciatore veneziano a Roma Piero Andrea Capello chiedendo che la pubblicazione venga impedita e il manoscritto sequestrato. Il diplomatico veneziano, senza impegnarsi troppo, dichiara che la stampa non è veneta, scivolando poi sul fatto che tutti i protagnisti dell'impresa sono sudditi della Repubblica, compresa la gentildonna dedicataria, Fiorenza Ravagnin, moglie del senatore Piero Vendramin.
«segue 1757»

«Accademia dei Georgofili»

1753, U. Montelatici fonda a Firenze questa accademia allo scopo di promuovere gli studi agronomici e l'agricoltura.

La rivoluzione industriale

«segue da 1752»
1753, Giambattista Beccaria, nei Dell'elettricismo artificiale e naturale libri due, sviluppa la teoria elettrica di B. Franklin, diventando uno dei punti di riferimento per gli studiosi di tutta l'Europa, fino all'avvento di Volta.
«segue 1759»

Nuova Ricerca