©

Il Viandante

in rete dal 1996


Se ti siamo stati utili effettua una
Nuova Ricerca

ANNO 1946

STORIA e POLITICA RELIGIONE e FILOSOFIA ARTE Bancarella Libri usati
Cosa Nostra
SCIENZE ECONOMIA LETTERE e TEATRO CINEMA
Radio-TV

Papa Pio XII
(1939-58)







U.R.S.S.
(Unione delle repubbliche sovietiche: Russia, Ucraina, Bielorussia e Transcaucasia)

Polonia

Cecoslovacchia

Ungheria

Romania

Bulgaria










Cina
(Repubblica dal 1911)

Corea

Guerra d'Indocina




Giappone
(periodo Showa: 1926-46)






Alberti Casellati, Maria Elisabetta (Rovigo, 12 agosto 1946) donna politica italiana, esponente di Forza Italia, laureata in giurisprudenza e in diritto canonico, avvocato.
[Madre di Ludovica]

Angius, Gavino (Sassari 1946) politico italiano, laureato in scienze politiche;
1969, milita nel Pci;
1976-83, segretario regionale del partito in Sardegna;
1984-88, membro della segreteria nazionale;
1987, deputato;
1992-96, membro della segreteria nazionale del Pds;
1992, deputato;
1994, deputato;
1996, senatore; capogruppo dei Ds al Senato e presidente della commissione Finanze e Tesoro.

Bush, George Walker (New Haven, Connecticut 1946) politico statunitense;
[Figlio di G.H.W. Bush, il 41° presidente degli Stati Uniti, e nipote di Prescott Bush, già senatore per il Connecticut (1952-62).]
ha studiato alla Yale University e alla Harvard Business School; ha quindi lavorato nell'industria del petrolio nel Texas, dirigendo anche una propria azienda;
1994, governatore del Texas, primo tra i figli di un presidente;
1998, è rieletto;
1999, pone la propria candidatura per le presidenziali del 18.12.2001, ottenendo la nomination e sconfiggendo il principale concorrente, il senatore John McCain; indica come vicepresidente Richard B. Cheney, già ministro della difesa sotto la presidenza paterna;
2001, è proclamato il 43° presidente degli Stati Uniti, dopo aver sconfitto Al Gore, vicepresidente degli Stati Uniti in carica; è il secondo a ricoprire la stessa carica del padre dopo John Quincy Adams (presidente nel 1825-29);
attua subito una linea dura contro il principale nemico Saddam Hussein e come prima operazione ordina un bombardamento aereo di Baghdad che causa morti e feriti tra i civili iracheni, senza preavvisare gli alleati europei (eccetto la Gran Bretagna);
rinuncia alla ratifica degli accordi di Kyoto sulla limitazione dei gas inquinanti e opta per una politica energetica fondata sul petrolio, sul carbone e su nuove centrali nucleari, anche a scapito delle scelte ambientaliste;
riafferma l'intenzione di realizzare uno scudo antimissile in deroga al trattato USA-Russia;
sospende a lungo qualunque iniziativa di mediazione tra israeliani e palestinesi; con l'aggravarsi dell'escalation militare, il suo segretario di stato Colin Powell annuncia la nomina di un diplomatico statunitense per seguire gli sviluppi della crisi;
dopo il gravissimo attentato a New York e Washington dell'11settembre 2001 prende una dura posizione contro la spaventosa escalation del terrorismo islamico.

Castelli, Roberto (Lecco 1946) politico italiano;
ingegnere;
1992-94, deputato della Lega Nord;
1996, senatore; capogruppo della Lega Nord al Senato nella XIII legislatura;
2001 giugno - maggio 2006, ministro della giustizia nel governo Berlusconi II;
2006, senatore della Lega Nord.

Clinton, William Jefferson detto Bill (Hope, Arkansas 1946) politico statunitense, del Partito democratico, 42° presidente degli Stati Uniti.

Ruggeri, Ruggero (Mantova 1946) politico italiano, laureato in economia e commercio, ricercatore universitario, è stato segretario provinciale del Ppi a Padova;
1996, deputato per la Margherita.

Spini, Valdo (Firenze, 20 gennaio 1946) politico italiano, esponente del PSI (Partito Socialista Italiano). italiano.
[Figlio di Giorgio, storico e militante del Partito d'Azione.]

Suchocka, Hanna (Pleszew, Posen 1946) donna politica polacca, docente all'università di Posen;
1980, viene eletta al Sejm;
1982, si impegna in parlamento contro l'imposizione dei diritti di guerra;
1984, si avvicina al gruppo dei democratici, costituitosi all'interno del Partito comunista;
1989, rieletta candidata del movimento sindacale Solidarnosc, è vicepresidente del parlamento e membro nell'assemblea del Consiglio d'Europa;
1992-95, primo ministro in un governo di coalizione fino alle elezioni perse da Solidarnosc.

Vito, Alfredo (Napoli 16 aprile 1946) politico italiano, esponente della Democrazia cristiana, appartenente alla corrente di A. Gava.

Zhirinovsky, Vladimir Volfovir (Alma-Ata, Kazakistan 1946) politico russo; rimasto orfano di padre, probabilmente ucciso perché ebreo, ha condotto un'infanzia povera e solitaria;
1969, dopo la laurea in lingue orientali all'università di Mosca, lavora come traduttore in Turchia per otto mesi venendo poi espulso da questo Paese in circostanze poco chiare; ottenuta una seconda laurea in legge, lavora come responsabile alla redazione giuridica della casa editrice Mir, specializzata in traduzioni di libri stranieri, e svolge la professione di avvocato;
1990, mai iscritto al PCUS, fonda il Partito liberal-democratico;
1991, primavera, partecipa alle elezioni presidenziali, ottenendo più di sei milioni di voti; agosto, appoggia il golpe contro Gorbaciov; antisemita e sostenitore di una politica fortemente nazionalista e autoritaria, indica nei Paesi occidentali i peggiori nemici della Russia, minacciando di annettere i Paesi baltici, la Finlandia e l'Alaska se dovesse vincere le elezioni;
1993, dicembre, alle elezioni ottiene il 22,8% delle preferenze, suscitando sorpresa e timori;
Ultima marcia verso il sud (1993, autobiografia)
1996, partecipa come attore al film di genere comico demenziale La nave dei sosia.

Torna su

«Corriere mercantile»

«segue da 1916»
1946, nel dopoguerra la tiratura è di ca 20.000 copie;
«segue 1954»

«Giornale di Sicilia»

«segue da 1927»
1946, dopo la liberazione il giornale si attesta su posizioni governative più ortodosse e conservatrici, aprendosi soltanto più tardi alla politica di centro-sinistra.

«segue da 1945»
direttori:
1945 apr-giu 1946,
M. Borsa;
1946, giugno, effettua una svolta conservatrice con Guglielmo Emanuel;
«segue 1953»

«Il Messaggero»

«segue da 1944»
1946, aprile, ricompare orientandosi verso una politica centrista;
direttore:
. M. Missiroli (1946-52).
«segue 1953»

«Il Resto del Carlino»

«segue da 1945»
1946, la proprietà del giornale (dal 1945 «Giornale dell'Emilia») passa a una società formata da agrari e industriali bolognesi e dall'Eridania, il potente trust zuccheriero che in seguito ne acquisisce la maggioranza azionaria;
«segue 1953»

«L'Ora»

«segue da 1939»
1946, 10 aprile, dopo una breve sospensione, riprende le pubblicazioni adottando subito una linea di fiancheggiamento del Partito comunista;
«segue 1953»

«Il Giornale d'Italia»

«segue da 1926»
1946, riprende le pubblicazioni, dopo un anno di sospensione, col titolo «Il Nuovo Giornale d'Italia» e tira 60.000 copie;
appoggia i settori moderati della Democrazia cristiana;
«segue 1953»

«L'Italia»

«segue da 1926»
1946, dopo aver sospeso le pubblicazioni negli ultimi due anni del conflitto [la totale proprietà azionaria del giornale è in mano al card. A.C. Ferrari di Milano], nel dopoguerra sostiene, sotto la direzione di mons. E. Pisoni, la parte più conservatrice della Democrazia cristiana;
«segue 1961»

 

«L'Uomo Qualunque»

«segue da 1945»
1946, 16-19 febbraio, il nuovo "partito dei senza partito" che assume il nome di "Fronte dell'uomo qualunque", assai consistente nel meridione, tiene il suo primo congresso costitutivo e alla rivista affianca anche un quotidiano «Il Buonsenso»;
2 giugno, ottiene 1.211.956 voti (pari al 5,3%) e 30 seggi;
novembre
, ottiene risultati ancora più brillanti alle amministrative;
«segue 1948»

«segue da 1945»
1946, la famiglia Agnelli torna ad esercitare un pieno controllo sulla testata;
«segue 1948»

Nuova Ricerca