©

Il Viandante

in rete dal 1996


Se ti siamo stati utili effettua una
Nuova Ricerca

ANNO 1900

STORIA e POLITICA

RELIGIONE e FILOSOFIAARTE

Bancarella Libri usati

SCIENZEECONOMIALETTERE e TEATROCINEMA

Leone XIII
(1878-1903)

"Biedermeier"

«segue da 1855»
1900, inizi, viene così chiamato un sobrio stile di mobili e di arredamento tipico della Germania negli anni fra il congresso di Vienna (1815) e la rivoluzione borghese (1848);
successivamente il termine sarà esteso a certa pittura e letteratura dello stesso periodo, caratterizzate da sentimentalismo, intimismo, bonaria satira del mondo piccolo-borghese;
al gusto Biedermeier sono stati ricondotti scrittori tedeschi come:
- E. Mörike
- K.L. Immermann
- A. von Droste-Hülshoff
- gli austriaci:
- F. Grillparzer
- A. Stifter
- F. Raimund
lo svizzero:
- J. Gotthelf.



Bianchi Bandinelli, Ranuccio (Siena 1900-Roma 1975) archeologo e storico dell'arte italiano;
Storicità dell'arte classica (1943; 1950)
Organicità e astrazione (1956)
Archeologia e cultura (1961)
L'arte romana nel centro del potere (1969).

Francastel, Pierre (Parigi 1900-70) storico e critico d'arte francese
Pittura e società (1952)
Utopie e istituzioni (1953, direttore)
Storia della pittura francese (1955-63, con la moglie Galienne)
Arte e tecnica nel XIX e XX secolo (1956)
Le sculture celebri (1959, direttore)
Storia della pittura italiana (1963, con la moglie Galienne)
La realtà figurativa, elemento strutturale della sociologia dell'arte (1965)
La figura e il luogo, l'ordine visuale nel Quattrocento (1967)
Il ritratto, cinquanta secoli d'umanesimo in pittura (1969, con la moglie Galienne).

Gould, Chester (Pawnee, Oklahoma 1900-Woodstock, Illinois 1995)
disegnatore di vignette satiriche sul mondo sportivo per l' «Oklahoma City Daily»
1931, crea il personaggio Dick Tracy, il detective dalla mascella quadrata, per il «New York Daily News» che continuerà a disegnare fino al 1977 e che ispirerà il film diretto e interpretato da W. Beatty nel 1990.

Kris, Ernst (Vienna 1900-New York 1957) storico dell'arte e psicoanalista austriaco, allievo di M. Dvorèk e J. Schlosser "scuola di Vienna", lavorò come conservatore al Kunsthistorisches Museum, specializzandosi nello studio della glittica e dell'oreficeria del rinascimento; avvicinatosi alla psicoanalisi per proprio interesse, attraverso l'ambiente familiare della moglie, essa stessa psicoanalista, conobbe Freud che gli affidò la direzione della rivista «Imago»
Fisiognomica di F.X. Messerschmidt (1933, saggio)
Caricatura (1938, saggio)
1938, emigra a Londra
1940, emigrato a New York, collabora con la BBC per la propaganda bellica
Studio sulla propaganda radiofonica nazista (1944)
Non si occupa più di storia dell'arte e si dedica completamente alla psicoanalisi come analista e docente all'Istituto di psicoanalisi di New York
Ricerche psicoanalitiche sull'arte (1952, raccolta di saggi che esaminano diversi aspetti della creazione artistica, normale o psicotica).

Torna su

Pubblicità e diffusione

Nel mondo industriale, la rivista è raramente divulgativa e dall'alto del suo specialismo, riguarda solo gli addetti ai lavori. all'infuori della rivista di settore («Rivista delle Strade Ferrate», «l'Ingegneria ferroviaria», «Rivista Tecnica di Aeronautica») la cultura industriale manca però di un supporto di vera letteratura: estranea ad una pubblicistica che tratti della sua storia almeno fino ad ora, essa tratta l'oggetto ed il suo funzionamento congiuntamente identificandosi così nella pubblicità del brevetto.
Il momento che vede la pubblicità/brevetto dominare la scena è ora seguito dal momento del manifesto.

Mentre tra cultura industriale e cultura delle arti figurative sussiste ancora un'omologia nel campo del disegno, la grande industria sbarca nel mondo del manifesto d'arte.



Nuova Ricerca