Warning: include(..//PowerAuth.php) [function.include]: failed to open stream: No such file or directory in D:\inetpub\webs\viandanteit\sito24\work\ZZZVARI\Politici\Tedeschi\Scholl_S.php on line 5

Warning: include() [function.include]: Failed opening '..//PowerAuth.php' for inclusion (include_path='.;C:\PHPVersions\PHP52\includes') in D:\inetpub\webs\viandanteit\sito24\work\ZZZVARI\Politici\Tedeschi\Scholl_S.php on line 5
Il Viandante - Politici - Scholl_S

©

Il Viandante

in rete dal 1996


Se ti siamo stati utili effettua una

 

Nuova Ricerca

 

 

 

 

 

 

Sophie Magdalena Scholl

(Forchtenberg 9 maggio 1921 - Monaco 22 febbraio 1943, ghigliottinata)

esponente della "Weisse Rose" (Rosa Bianca);

la quarta dei cinque figli del sindaco di Forchtenberg am Kocher e sorella di Hans;

1930
la famiglia si trasferisce a Ludwigsburg;

1932
la famiglia si trasferisce a Ulm dove suo padre fonda una società di consulenza in materia fiscale;

1933
30 gennaio, A. Hitler è nominato cancelliere dal presidente del Reich P.L. von Hindenburg;
27 febbraio, incendio del Reichstag;
[I nazisti accusano immediatamente il partito comunista di aver preparato e commesso il crimine. L'incendio è l'inizio della rivoluzione… nasce una nuova era nella storia della Germania.]

12enne, deve essere iscritta alla gioventù hitleriana;

1934
30 giugno, "notte dei lunghi coltelli";

1937
5 novembre, Berchtesgaden, nel corso di una riunione A. Hitler comunica che la Germania deve conquistarsi il Lebensraum [spazio vitale] in Europa orientale facendo uso della forza militare;
[Sono presenti anche W. von Fritsch, E. Raeder, W. von Blomberg e il ministro degli esteri K. von Neurath.]

l’arresto da parte dei nazisti di suo fratello Hans, più grande di lei e che da sempre ha grande influenza sul suo carattere e sulle sue idee politiche, la impressiona profondamente e rafforza la sua avversione per il nazismo e il suo regime;
dotata di talento artistico, specie per la pittura, frequenta ambienti letterari e artistici animati da oppositori del regime;

1938
gennaio, scoppia lo "scandalo Blomberg-Fritsch";

marzo, A. Hitler procede all'annessione al Reich dell'Austria;

29 settembre, viene firmato il patto di Monaco;
9-10 novembre, Kristallnacht "notte dei cristalli", progrom antisemita;
[Si dice che questa improvvisa violenza contro le proprietà degli ebrei sia stata causata dall'assassinio di Ernst von Rath, terzo segretario presso l'Ambasciata tedesca a Parigi.]

1939

1939 settembre – aprile 1945 - II Guerra Mondiale

1° settembre, A. Hitler attacca la Polonia;

1940
primavera, dopo la maturità trova impiego come insegnante d’asilo presso il Fröbel Institute a Ulm-Söflingen, scelta dettatale anche dalla speranza che questo impiego le eviterà il periodo di servizio di lavoro obbligatorio cui tutti i giovani sono obbligati e che è condizione indispensabile per iscriversi all’Università;
ma la scelta si rivela un errore perché, in base alla sua esperienza con i bambini, viene costretta a servire come ausiliaria per sei mesi in un istituto statale di Blumberg;

maggio-giugno, campagna di Francia

maggio, solo ora può finalmente iscriversi all’Università di Monaco dove suo fratello Hans, che qui già studia medicina, la introduce nel proprio circolo di amici;
a Monaco incontra artisti, scrittori e filosofi che hanno influenza nella sua decisione di coltivare e sviluppare la sua fede: una questione fondamentale per lei è capire quale debba essere il comportamento del cristiano in un regime dittatoriale;

1941

invasione dell'Unione Sovietica

22 giugno, inizia la campagna di Russia;

1942
si laurea in biologia e filosofia;
giugno, durante le vacanze estive deve prestare servizio di guerra (ossia lavoro coatto) in un impianto metallurgico di Ulm;
nel frattempo suo padre viene arrestato e condannato ad un breve periodo di detenzione per aver pubblicamente criticato la politica hitleriana;
divenuta membro attivo della "Weisse Rose" (Rosa Bianca), in questo ruolo si occupa della preparazione dei volantini e della loro distribuzione;

sconfitta nella battaglia d'Inghilterra;

1943
18 febbraio, Monaco, mentre sta distribuendo il "VI volantino" all’Università, viene arrestata dalla Gestapo assieme al fratello;
cominciano per lei le torture che dureranno quattro giorni;
22, portata davanti al tribunale speciale (Volksgerichtshof, Corte di Giustizia Popolare), presieduto dal giudice Roland Freisler, viene condannata a morte e ghigliottinata qualche ora dopo il processo, insieme a suo fratello e a Christoph Probst.

Torna su

 

 

Nuova Ricerca