Warning: include(..//PowerAuth.php) [function.include]: failed to open stream: No such file or directory in D:\inetpub\webs\viandanteit\sito24\work\ZZZVARI\Politici\Italiani\Spinelli Giuseppe.php on line 5

Warning: include() [function.include]: Failed opening '..//PowerAuth.php' for inclusion (include_path='.;C:\PHPVersions\PHP52\includes') in D:\inetpub\webs\viandanteit\sito24\work\ZZZVARI\Politici\Italiani\Spinelli Giuseppe.php on line 5
Il Viandante - Politici - Giuseppe Spinelli

©

Il Viandante

in rete dal 1996


Se ti siamo stati utili effettua una
 

Nuova Ricerca

 

 

 

 

 

 

Giuseppe SPINELLI

(Cremona, 21 novembre 1908 – Cremona, 17 gennaio 1987)

politico italiano;


in gioventù è operaio di una azienda tipografica della sua città;

1922
26 feb-1º ago, (I "governo Facta");


1º ago-31 ott
, (II "governo Facta");

28 ottobre, "marcia su Roma";

1922 31 ottobre-25 lug 1943, ("governo Mussolini");

1923

-

1924
10 giugno, il deputato socialista G. Matteotti viene rapito e ucciso;
[Lo si scoprirà il 16 agosto.]

1925
31 luglio, viene concessa l'amnistia a tutti i colpevoli di reati "per fini nazionali";

1935

guerra di Etiopia (1935-36);

1936

guerra civile spagnola (1936 18 lug-1° apr 1939);

1939

1939 settembre – aprile 1945 - II Guerra Mondiale

1° settembre, A. Hitler attacca la Polonia;

1940

17 maggio, data dell'ultima seduta pubblica del Senato del Regno d'Italia;

1941

 

1942

 

1943
diviene segretario provinciale della Corporazione Fascista dei Lavoratori dell'Industria di Cremona;

24/25 luglio, seduta del Gran consiglio del Fascismo: "Ordine del giorno Grandi";

25 luglio 1943 - 23 maggio 1948, Ordinamento provvisorio;

25 lug-17 apr 1944, (I "governo Badoglio");

8 settembre, armistizio;

– 1943 23 set - 25 apr 1945 –
RSI (Repubblica Sociale Italiana)
[o Repubblica di Saḷ]

23 settembre-25 aprile 1945, ministro del Lavoro della RSI, chiamato da B. Mussolini;
[Alla guida del "Ministero del Lavoro della RSI, e da ministro promulga la "legge sulla socializzazione dei mezzi di produzione". Molto osteggiata dai capitalisti e dalla Germania nazista, la legge è intenta a fermare gli scioperi degli operai. Il suo progetto di socializzazione si interromperà con la sconfitta bellica della RSI.]

1944
22 apr-5 giu, (II "governo Badoglio");

18 giugno-12 dicembre, (II "governo Bonomi");

13 settembre-24 gennaio 1945, podestà di Milano, nominato da B. Mussolini;


12 dicembre-21 giugno 1945, (III " governo Bonomi");

1945
27 aprile, B. Mussolini viene "passato per le armi" a Giulino di Mezzegra (Como);

21 giugno-10 dicembre, ("governo Parri);

Dopo il 25 aprile si rifugia in Argentina, dove svolge la propria originale mansione di tipografo.

10 dicembre-13 luglio 1946 (I "governo De Gasperi");

1946
2 giugno, Proclamazione della Repubblica Italiana;

ARGENTINA – 1° mandato presidenziale di J.D. Peron: 4 giugno 1946-4 giugno 1952

22 giugno, entra in vigore la cosiddetta "amnistia Togliatti";
25 giugno-31 gennaio 1948, Assemblea costituente;

13 luglio-18 ottobre, (II "governo De Gasperi");
[I governo della Repubblica.]


1952

ARGENTINA – 2° mandato presidenziale di J.D. Peron: 4 giugno 1952-21 settembre 1955

 

1953
guida la "Federazione delle associazioni italiane in Argentina" fondata nel 1919;
[La stessa rappresentanza della sua città italiana in Argentina scriverà che "ha fornito in più occasioni indubbie prove del suo patriottismo, del suo equilibrio e del suo tatto".]

in seguito collabora con J.D. Peron che lo nomina responsabile del dipartimento dell'immigrazione della "Armada de la República Argentina";

1955
21 settembre, alla caduta di J.D. Peron si rifugia in Messico;
novembre, fa ritorno in Italia, dove è nominato Direttore Generale prima e Consigliere Delegato dell'O.Cr.I.M. (Officine Cremonesi Impianti Molitori);

1987
17 gennaio, muore a Cremona.

 

 

Torna su

 

Nuova Ricerca