Warning: include(..//PowerAuth.php) [function.include]: failed to open stream: No such file or directory in D:\inetpub\webs\viandanteit\sito24\work\ZZZVARI\Militari\Tedeschi\Wisliceny Dieter.php on line 6

Warning: include() [function.include]: Failed opening '..//PowerAuth.php' for inclusion (include_path='.;C:\PHPVersions\PHP52\includes') in D:\inetpub\webs\viandanteit\sito24\work\ZZZVARI\Militari\Tedeschi\Wisliceny Dieter.php on line 6
Il Viandante - Militari - Wisliceny Dieter

©

Il Viandante

in rete dal 1996


Se ti siamo stati utili effettua una
 

Nuova Ricerca

 

 

Dieter WISLICENY

(Regulowken, impero tedesco 13 gennaio 1911 - Bratislava, Cecoslovacchia 4 maggio 1948)

militare tedesco;

 

studia teologia ma deve presto interrompere gli studi per problemi economici;

 

 

 

 

1933
30 gennaio, A. Hitler è nominato cancelliere dal presidente del Reich P.L. von Hindenburg;
27 febbraio, incendio del Reichstag;
[I nazisti accusano immediatamente il partito comunista di aver preparato e commesso il crimine. L'incendio è l'inizio della rivoluzione… nasce una nuova era nella storia della Germania.]

entra nel NSDAP (Nationalsozialistische deutsche Arbeiterpartei – Partito nazionalsocialista tedesco dei lavoratori);

1934
30 giugno, "notte dei lunghi coltelli";

si arruola nelle SS;

autunno, a Monaco (o a Berlino) incontra per la prima volta A. Eichmann;

1936

1937
febbraio, viene trasferito al Reparto II 112 dove i contatti con A. Eichmann, del quale egli è per breve tempo il superiore, diventano d'ordine quotidiano;
aprile, in seguito a dissidi sorti per una mancata promozione, lascia Berlino ed entra nel Servizio di Sicurezza di Danzica (dove rimarrà fino all'agosto 1940);

5 novembre, Berchtesgaden, nel corso di una riunione A. Hitler comunica che la Germania deve conquistarsi il Lebensraum [spazio vitale] in Europa orientale facendo uso della forza militare;
[Sono presenti anche W. von Fritsch, E. Raeder, W. von Blomberg e il ministro degli esteri K. von Neurath.]

1938
marzo, A. Hitler procede all'annessione al Reich dell'Austria;

29 settembre, viene firmato il patto di Monaco;

9-10 novembre, Kristallnacht "notte dei cristalli", progrom antisemita;
[Si dice che questa improvvisa violenza contro le proprietà degli ebrei sia stata causata dall'assassinio di Ernst von Rath, terzo segretario presso l'Ambasciata tedesca a Parigi.]

1939

1939 settembre – aprile 1945 - II Guerra Mondiale

1° settembre, A. Hitler attacca la Polonia;

1940

maggio-giugno, campagna di Francia

raggiunge il grado di SS-Hauptsturmführer (Capitano);
[Il suo compito è la ghettizzazione e la liquidazione di diversi importanti Comunità ebraiche nell'Europa occupata dai nazisti, comprese quelle di Grecia, Ungheria e Slovacchia; introduce anche la stella gialla che identifica un ebreo nei paesi occupati.]

agosto, ritorna come subalterno nel Reparto di A. Eichmann e in seguito viene mandato nei Balcani come "consigliere per la questione ebraica";

1941

invasione dell'Unione Sovietica

22 giugno, inizia la campagna di Russia;

1942

 

1943

 

1944
marzo, entra a far parte del commando speciale di A. Eichmann in Ungheria dedito alla deportazione degli ebrei ungheresi; (gli rimarrà a fianco fino all'aprile 1945)
[Fallisce perfino l'ennesimo tentativo concreto di A. Eichmann di fargli prendere moglie nonostante ciò sia un impedimento ad una sua ventilata promozione.]

6 giugno, D-Day, inizio dell'invasione finale ad ovest;
20 luglio, Rastenburg, fallisce il colpo di stato tentato contro A. Hitler;

1945
30 aprile, A. Hitler si toglie la vita insieme alla sua amante Eva Braun (ufficialmente sposata il giorno precedente);

1946
accusato di crimini contro l'umanità, viene estradato in Cecoslovacchia, processato e condannato a morte;

è un testimone importante ai processi di Norimberga;
[La sua testimonianza si rivelerà importante nel processo contro A. Eichmann per crimini di guerra in Israele nel 1961. Mentre si trova in prigione a Bratislava, e gli viene chiesto di scrivere su A. Eichmann egli prepara un dossier di 22 pagine fitte fitte solo sulla persona e oltre 100 con i dettagli. Si offre persino di farlo ritrovare in breve tempo in modo che si possa far comparire anche lui davanti a un tribunale.
Alla fine però, nel tentativo di prendere le distanze da lui, aggiunge alle solite distorsioni dei fatti una quantità sorprendente di bugie, calunnie e offese che hanno ben poco di razionale.

Eichmann mi ha detto che le parole "soluzione finale" significavano lo sterminio biologico della razza ebraica ... Sono rimasto così colpito da questo documento che ha dato all'autorità Eichmann di uccidere milioni di persone che ho detto in quel momento: "Che Dio lo proibisca i nostri nemici dovrebbero mai fare qualcosa di simile al popolo tedesco ". Egli rispose: "Non essere sentimentale - questo è un ordine di Führer". Mi resi conto in quel momento che l'ordine era un mandato di morte per milioni di persone e che il potere di eseguire questo ordine era nelle mani di Eichmann soggetto all'approvazione di Heydrich e in seguito di Kaltenbrunner . Il programma di sterminio era già in corso e proseguì fino alla fine del 1944.
- SS-Hauptsturmführer Dieter Wisliceny, Tribunale militare internazionale a Norimberga, 3 gennaio 1946. ]

1948
4 maggio, viene impiccato a Bratislava, Cecoslovacchia.
[a.f.: 28 febbraio 1948: Bettina Stangneth, La verità del male (2017). Nota 825]

_______________________

 


 


Torna su

 

Nuova Ricerca