Warning: include(..//PowerAuth.php) [function.include]: failed to open stream: No such file or directory in D:\inetpub\webs\viandanteit\sito24\work\ZZZVARI\Militari\Austriaci\Höttl Wilhelm.php on line 6

Warning: include() [function.include]: Failed opening '..//PowerAuth.php' for inclusion (include_path='.;C:\PHPVersions\PHP52\includes') in D:\inetpub\webs\viandanteit\sito24\work\ZZZVARI\Militari\Austriaci\Höttl Wilhelm.php on line 6
Il Viandante - Militari - Höttl Wilhelm

©

Il Viandante

in rete dal 1996


Se ti siamo stati utili effettua una
 

Nuova Ricerca

 

 

Wilhelm HÖTTL

(Vienna 19 marzo 1915 – Altaussee 27 Giugno 1999 )

militare austriaco.

[Figlio di Hans Höttl, un funzionario. e di Maria Renner.]

 

 

 

Durante gli studi passa dal movimento cattolico giovanile "Neuland" al NSDAP (Nationalsozialistische deutsche Arbeiterpartei – Partito nazionalsocialista tedesco dei Lavoratori), numero tessera 6.309.616; e alle SS (tessera n. 309.510).

 

1933
30 gennaio, A. Hitler è nominato cancelliere dal presidente del Reich P.L. von Hindenburg;
27 febbraio, incendio del Reichstag;
[I nazisti accusano immediatamente il partito comunista di aver preparato e commesso il crimine. L'incendio è l'inizio della rivoluzione… nasce una nuova era nella storia della Germania.]

1934
30 giugno, "notte dei lunghi coltelli";

1936

1937
5 novembre, Berchtesgaden, nel corso di una riunione A. Hitler comunica che la Germania deve conquistarsi il Lebensraum [spazio vitale] in Europa orientale facendo uso della forza militare;
[Sono presenti anche W. von Fritsch, E. Raeder, W. von Blomberg e il ministro degli esteri K. von Neurath.]

1938
gennaio, scoppia lo "scandalo Blomberg-Fritsch";

marzo, A. Hitler procede all'annessione al Reich dell'AustriaAnschluss;
lo stesso mese egli incontra A. Eichmann giunto a Vienna per organizzare l'espulsione degli ebrei; i due lavorano subito in stretta collaborazione perché egli è il capo della Sezione Ebraica presso l'Ufficio Centrale di Vienna;
[Quanfo A. Eichmann ha bisogno delle chiavi delle istituzioni ebraiche che sono state sigillate, si rivolge a lui che le ha in custodia. Poi i rapporti tra i due si diraderanno perché egli all'inizio rimane a Vienna pur andando una volta al mese a rapporto dall'RSHA (Ufficio IV).]

dopo l' "Anschluss" insegna Storia presso l' Università di Vienna;



29 settembre, viene firmato il patto di Monaco;

9-10 novembre, Kristallnacht "notte dei cristalli", progrom antisemita;
[Si dice che questa improvvisa violenza contro le proprietà degli ebrei sia stata causata dall'assassinio di Ernst von Rath, terzo segretario presso l'Ambasciata tedesca a Parigi.]

1939

1939 settembre – aprile 1945 - II Guerra Mondiale

1° settembre, A. Hitler attacca la Polonia;

lo stesso anno viene assunto presso l'ufficio principale della sicurezza del Reich;
nella sezione SD di Vienna, i suoi doveri includono le questioni ebraiche; successivamente si trasferisce a Berlino, dove viene promosso a SS-Sturmbannführer (maggiore) e presso l'ufficio VI (SD-paesi stranieri) è inizialmente impiegato nel dipartimento d'Italia, successivamente nei Balcani; qui è un importante impiegato di Walter Schellenberg;

1940

maggio-giugno, campagna di Francia

 

1941

invasione dell'Unione Sovietica

22 giugno, inizia la campagna di Russia;

1942

 

1943

viene trasferito al Servizio di Sicurezza del Reich dove diventa aiutante di Ernst Kaltenbrunner e viene promosso a SS-Obersturmbannführer (tenente colonnello);
egli non rimane a lungo a Berlino, ma caldeggia il rapido trasferimento del suo ufficio a Vienna;

1944
marzo, durante l'occupazione dell'Ungheria si trova nell'ambasciata del Reich tedesco in Ungheria con Edmund Veesenmayer; qui appartiene allo staff delle SS superiori e leader della polizia per l'Ungheria Otto Winkelmann a Budapest;
i rapporti con A. Eichmann ridiventano più stretti anche se hanno compiti diversi: A. Eichmann deve mandare a morte centinaia di migliaia di ebrei, lui invece è stato distaccato dai servizi d'intelligence per l'estero come consigliere del plenipotenziario del Reich Edmund Veesenmayer che manda a Berlino i report sul numeto di vittime;
[In seguito A. Eichmann ma anche il capo dell'RSHA Ernst Kaltenbrunner diranno che nessuno veva informazioni più dettagliate di lui sulla situazione in Ungheria.]

Ernst Kaltenbrunner lo indica per un posto ministeriale in un governo separatista nazista austriaco;

6 giugno, D-Day, inizio dell'invasione finale ad ovest;
20 luglio, Rastenburg, fallisce il colpo di stato tentato contro A. Hitler;

alla fine dell'anno A. Eichmann ritorna a Berlino;

1945
all'inizio dell'anno, riceve un permesso speciale da Ernst Kaltenbrunner per trasportare un camion di merci preziose dalla Croazia per conto dell'imprenditore Fritz Westen;
28 febbraio, Fritz Westen destinato ad Allen Welsh Dulles a Berna;

aprile, solo ora egli reincontra A. Eichmann ad Altaussee;
[Da notare che suo cognato è Josef Weiszl, uno dei più stretti collaboratori austriaci di A. Eichmann, chiamato il "kaiser degli ebrei di Doppl".
Ciò nonostante, la sua sapiente opera di disinformazione renderà quasi impossibile la ricostruzione del suo stesso operato a Vienna dal 1938 e in seguito in Ungheria.]

30 aprile, A. Hitler si toglie la vita insieme alla sua amante Eva Braun (ufficialmente sposata il giorno precedente);

8 maggio, dovrebbe attivare i suoi contatti a Budapest e Bucarest tramite la stazione radio «SD Steyring» con raggio direzionale per il CIC;
12 maggio, viene arrestato su un pascolo ad Altaussee;

novembre, durante il processo a Norimberga ai principali criminali di guerra, egli è disponibile come testimone dell'accusa;

14 dicembre, il procuratore generale William F. Walsh cita due sue dichiarazioni giurate del 16 novembre e del 26 novembre; Adolf Eichmann, alla fine di agosto del 1944, gli confidò un grande segreto: "Nei vari campi di sterminio furono uccisi circa quattro milioni di ebrei e altri 2 milioni sono stati uccisi in modo diverso, molti dei quali uccisi da squadre di fuoco durante la campagna russa";

viene reclutato dal direttore della CIA, Allen Welsh Dulles, per il CIC (Counter Intelligence Corps) di Linz , dove lavora fino al 1949.
[Ciò che si è reso disponibile ai servizi di intelligence alleati è in gran parte al buio.]

Nel Salzkammergut viene reclutato da un'organizzazione formata da ex membri della SD, la Waffen-SS e gli ufficiali delle forze armate, così come rifugiati provenienti da paesi balcanici. Ha anche svolto un ruolo di primo piano nel contattare gli ex nazionalsocialisti con la guida dell'ÖVP, la cosiddetta Conferenza di Oberweiser.

1950

Die geheime Front. Organisation, Personen und Aktionen des deutschen Geheimdienstes (1950, Il fronte segreto, Organizzazione, persone e attività dei servizi segreti tedeschi)
[Scritto sotto lo pseudonimo di Walter Hagen e pubblicato da Nibelungen-Verlag, Wien e Linz.
Ed. italiana: La guerra delle spie, Milano 1952.
Un libro intriso di pettegolezzi a volte così lontani dalla verità da destare semplicemente stupore
.
Nel 1953 egli progetterà persino un business tra la Svizzera e il Sud America in società con Friedrich Schwend, un falsario e collega dei vecchi tempi, fuggito in Perù.]

1952
lavora come direttore nella scuola media privata a Bad Aussee, che porta i giovani con difficoltà scolastiche alla laurea; l'ha visitata, tra gli altri, Jochen Rindt e André Heller. Quest'ultimo l'ha definita una "riserva nazista".

Höttl messo, alludendo al non vissuta in una famiglia di origine ebraica, il primo giorno di scuola nel 1958 con le seguenti parole alla classe: "Questa è la Heller, si siede accanto a lui, che ha sangue cattivo"

1953
lavora nuovamente con il nome in codice "Papermill" per i servizi di intelligence;

1960
Durante il "processo Eichmann" egli dichiara: "Eichmann fu lo spedizioniere a morte";

1961
l'Ausseer Privatmittelschule fu privato del diritto di sostenere un esame di immatricolazione;

1964
gennaio, l'Ausseer Privatmittelschule fallisce; quindi è venuta nella comunità di Bad Aussee ed è dal 1978 scuola federale;

1995
estate, nonostante le proteste della "comunità del campo di Mauthausen", riceve dal governatore Josef Krainer la medaglia d'oro della Stiria e viene onorato come storico e fondatore della scuola di Ausseer;


Torna su

 

Nuova Ricerca